Milano metropoli rurale

Il settore primario ha avuto grande rilevanza nel territorio di Milano sino all’espansione della città nel dopoguerra, quando la crescente urbanizzazione e il potenziamento delle principali arterie infrastrutturali e tecnologiche hanno ridotto l’estensione dei fondi agricoli situati entro i confini del Comune.

In tempi recenti, tuttavia, questi stessi fattori hanno contribuito a riavvicinare le aziende alla vita metropolitana attraverso la diversificazione, la multifunzionalità e l’offerta di nuovi servizi. Parallelamente allo sviluppo di Expo 2015, tra le mura e i campi che circondano la città hanno preso vita eventi e iniziative culturali. E sono sempre più frequenti gli agriturismi e le fattorie didattiche che stabiliscono un rapporto attivo con la cittadinanza all’insegna dell’educazione, dell’ospitalità e della vendita diretta.

Oggi, più che mai, il tema dell’agricoltura a Milano si sviluppa attraverso un approccio multidisciplinare che riguarda aspetti produttivi, economici, sociali e ambientali. Le cascine che costellano il paesaggio agricolo non si limitano a tracciare una testimonianza storica. Rappresentano invece il segno di un cambiamento necessario che si manifesta nel rinnovato desiderio di fruizione del territorio, dei suoi valori e dei suoi prodotti.