Avviso di pagamento Tari

Gli avvisi vengono inviati:

  • all’indirizzo di residenza della persona titolare della posizione Tari
  • all’indirizzo e-mail per chi ha scelto di ricevere la notifica in posta elettronica
  • all’indirizzo PEC per i titolari di partita Iva e per chi ha registrato il Domicilio Fiscale nel Fascicolo del Cittadino
  • sull'app IO.

L'invio avviene a scaglioni, in tempo utile per effettuare i pagamenti entro le scadenze che consentono di scegliere tra la rata unica e il frazionamento in tre rate:

  • scadenza della rata unica
    - 31.12.2021
  • scadenza delle tre rate
    - 01.12.2021
    - 30.12.2021
    - 31.01.2022

Per effettuare qualsiasi versamento devi attendere di ricevere l'avviso di pagamento.

Per istruzioni su modalità e canali di pagamento visita Scadenze e pagamento Tari

Oltre all’importo per il 2021, l’avviso contiene lo stato dei pagamenti aggiornato e il riepilogo dei conteggi: importi a debito o a credito, compensazioni, conguagli (esclusi eventuali ravvedimenti e accertamenti già in corso).

Gli importi a debito esposti potrebbero riferirsi a:

  • documenti di pagamento inviati e per i quali non risultano effettuati i pagamenti: per regolarizzare la situazione consulta la sezione Utilizza i servizi.
  • documenti in elaborazione e non ancora emessi: per procedere al pagamento sarà necessario attendere l’invio dell’avviso, nel quale saranno indicate scadenze e modalità.

1. Posta
L'avviso di pagamento viene spedito attraverso la posta ordinaria.

2. E-mail
Puoi chiedere di riceverlo nella tua casella di posta elettronica. Accedi al Fascicolo del cittadino e attiva la notifica via e-mail degli avvisi Tari.

Se attivi la notifica via e-mail, l'avviso cartaceo non verrà più spedito.

Se non l’hai ricevuto può significare che:

  • non hai dichiarato l’occupazione dell’immobile
    - in questo caso il calcolo della Tari risulta impossibile e l’avviso non può essere inviato
  • hai in corso calcoli personalizzati perché hai modificato di recente la tua posizione Tari (in seguito a nuova occupazione, cessazione di occupazione, variazione di metratura o del numero di occupanti) oppure perché bisogna applicare rimborsi, compensazioni ecc.
    - in questo caso l’avviso verrà spedito in tempi diversi rispetto all’invio ordinario
    - le scadenze saranno diverse e prevedranno un lasso di tempo sufficiente per effettuare i pagamenti
  • hai attivato la notifica dell’invio via e-mail
    - lo riceverai nella tua casella di posta elettronica. Il cartaceo non verrà spedito.

Se hai smarrito l’avviso o il messaggio di notifica via e-mail, puoi scaricarne una copia nel tuo Fascicolo del cittadino, accessibile con utenza SPID oppure con Carta d’Identità Elettronica.

Chi ha modificato di recente la propria posizione Tari (in seguito a nuova occupazione, cessazione di occupazione, variazione di metratura o del numero di occupanti) potrebbe avere la pratica in lavorazione e ricevere un conteggio basato sulla situazione precedente. In questi casi, i conteggi verranno aggiornati nelle annualità successive tenendo conto di compensazioni, conguagli ecc.

Controlla sul Fascicolo del cittadino che la tua posizione Tari risulti aggiornata e la data di decorrenza dell'aggiornamento. Se la tua posizione Tari è aggiornata ma riscontri comunque un errore negli importi da pagare, nella sezione Utilizza i servizi trovi il link per inviare la segnalazione ai nostri uffici.

È possibile chiedere un’ulteriore rateazione dell'importo seguendo le indicazioni della pagina comune.milano.it/rateazione

Verranno accorpati d’ufficio tutti i debiti pregressi, ad eccezione di quelli già rateizzati e di quelli riferiti a procedure cautelari e/o esecutive in corso.

Utilizza i servizi

Argomenti: 

Aggiornato il: 13/12/2021