SCIA Art. 23 - Segnalazione Certificata di Inizio Attività alternativa al permesso di costruire/autorizzazione

La SCIA in materia edilizia è una segnalazione, per la realizzazione di interventi edilizi, con cui si autocertifica il possesso di tutti i requisiti  richiesti dalla legge o da atti amministrativi a contenuto generale, con la sola esclusione dei casi i cui sussistano vincoli ambientali, paesaggistici o culturali e degli atti rilasciati dalle amministrazioni preposte alla difesa nazionale, alla pubblica sicurezza, all’immigrazione, all’asilo, alla cittadinanza, all’amministrazione della giustizia, all’amministrazione delle finanze, ivi compresi gli atti concernenti le reti di acquisizione del gettito, anche derivante dal gioco, nonché di quelli previsti dalla normativa per le costruzioni in zone sismiche e di quelli imposti dalla normativa comunitaria.

Si differenzia dalla SCIA art, 22 D.P.R. 380/2001 per la tipologia degli interventi da realizzare e per la data di efficacia.

La segnalazione è corredata dalle dichiarazioni sostitutive di certificazioni e dell’atto di notorietà per quanto riguarda tutti gli stati, le qualità personali, nonché dalle attestazioni e asseverazioni di tecnici abilitati; a tali attestazioni e asseverazioni sono allegati gli elaborati tecnici necessari per consentire le verifiche di competenza dell’amministrazione.

La sussistenza del titolo è provata con la copia della segnalazione certificata di inizio attività da cui risulti la data di ricevimento della segnalazione, l’elenco di quanto presentato a corredo del progetto, l’attestazione del professionista abilitato, nonché gli atti di assenso eventualmente necessari (rif. art. 23, comma 5 D.P.R. 380/2001).

  • interventi di ristrutturazione edilizia cosiddetta “pesante” che portino ad un organismo edilizio in tutto o in parte diverso dal precedente e che comportino modifiche della volumetria complessiva degli edifici o dei prospetti, ovvero che limitatamente agli immobili compresi nelle zone omogenee A, comportino mutamenti della destinazione d’uso, nonché gli interventi che comportino modificazioni della sagoma di immobili sottoposti a vincoli ai sensi del decreto legislativo 22 gennaio 2004, n. 42 e successive modificazioni (rif. Art. 23, comma 1 lettera a) D.P.R. 380/2001);
  • interventi di nuova costruzione o di ristrutturazione urbanistica qualora siano disciplinati da piani attuativi comunque denominati, ivi compresi gli accordi negoziali aventi valore di piano attuativo, che contengano precise disposizioni planovolumetriche, tipologiche, formali e costruttive, la cui sussistenza sia stata esplicitamente dichiarata dal competente organo comunale in sede di approvazione degli stessi piani o di ricognizione di quelli vigenti (rif. Art. 23, comma 1 lettera b) D.P.R. 380/2001);
  • interventi di nuova costruzione qualora siano in diretta esecuzione di strumenti urbanistici generali recanti precise disposizioni plano-volumetriche (rif. Art. 23, comma 1 lettera c) D.P.R. 380/2001);
  • varianti agli interventi di cui sopra.

La realizzazione di tutti gli elencati interventi possono essere realizzati anche chiedendo il rilascio del permesso di costruire.

Gli interventi edilizi di cui sopra, in attuazione del Piano di gestione del territorio (PGT) o del regolamento edilizio, possono essere realizzati con modalità diretta o con modalità diretta convenzionata . Per maggiori dettagli vedere Attuazione PGT.  
 

La SCIA può essere presentata dal proprietario o chi ne abbia titolo.

Il titolare nel dichiarare o attestare quanto nella modulistica viene previsto, si rende consapevole delle sanzioni penali previste dalla legge per le false dichiarazioni ai sensi dell’art. 76 del D.P.R. 445/2000. 
Si ricorda che, ove il fatto non costituisca più grave reato, chiunque, nelle dichiarazioni o attestazioni o asseverazioni che corredano la SCIA , dichiara o attesta falsamente l’esistenza dei requisiti e presupposti è punito con la reclusione da uno a tre anni (rif. Art. 19, comma 6 Legge 241 del 1990).

Il progettista riveste la qualità di persona esercente un servizio di pubblica necessità ai sensi degli artt. 359 e l’art.481 del Codice Penale.
Si ricorda che, ove il fatto non costituisca più grave reato, chiunque, nelle dichiarazioni o attestazioni o asseverazioni che corredano la SCIA , dichiara o attesta falsamente l’esistenza dei requisiti e presupposti è punito con la reclusione da uno a tre anni (rif. Art. 19, comma 6 Legge 241 del 1990).

Gli interventi edilizi possono essere iniziati decorsi 30 giorni dall’avvenuta presentazione della SCIA art 23 D.P.R. 380/2001 cosiddetta “semplice” (rif. art.23, comma 1 D.P.R. 380/2001).

Non è possibile dare inizio agli interventi edilizi prima della presentazione della SCIA art. 23 D.P.R. 380/2001. 

Quando l’attività soggetta a SCIA è condizionata all’acquisizione di atti di assenso comunque denominati, l’interessato presenta le relative istanze allo Sportello unico, contestualmente alla SCIA.

Entro 5 giorni è convocata la Conferenza di servizi. 

L’inizio delle attività è subordinato al rilascio degli atti di assenso, che è comunicato dallo Sportello unico all’interessato (rif. Art. 19-bis, comma 3 Legge 241 del 1990) e al decorso di 30 giorni dalla comunicazione stessa (rif. Art 23,comma 4 D.P.R. 380/2001), unitamente ai dati dell’Impresa/e Affidataria ed Esecutrice/i, qualora non indicati nel Modulo Unico Titolare presentato.

È la SCIA che comprende le altre SCIA, comunicazioni, attestazioni, asseverazioni e notifiche necessarie per lo svolgimento di un’attività soggetta a segnalazione (rif. art. 19-bis, comma 2, legge n. 241 del 1990).

Lo Sportello Unico per l’Edilizia la trasmette alle altre amministrazioni interessate al fine di consentire, per quanto di loro competenza, il controllo sulla sussistenza dei requisiti e presupposti. 

Gli interventi edilizi possono essere iniziati decorsi 30 giorni dall’avvenuta presentazione della SCIA.

In assenza di SCIA art. 23 D.P.R. 380/2001, o in difformità da essa, fino alla scadenza dei termini di cui agli artcoli 31 (comma 3), 33 (comma 1), 34 (comma 1), e comunque fino all’irrogazione delle sanzioni amministrative, il responsabile dell’abuso o l’attuale proprietario dell’immobile, se l’intervento realizzato risulti conforme alla disciplina urbanistica ed edilizia vigente sia al momento della realizzazione dell’intervento, sia al momento della presentazione della domanda, possono ottenere il permesso a sanatoria (rif. Art. 36, comma 1 D.P.R. 380/2001).

Per i dettagli "Permesso di costruire a sanatoria".

Ultimato l’intervento, il progettista o un tecnico abilitato rilascia un certificato di collaudo finale con il quale si attesta la conformità dell’opera al progetto presentato con la SCIA. Contestualmente presenta ricevuta dell’avvenuta presentazione della variazione catastale conseguente alle opere realizzate (rif. art. 23, comma 7 D.P.R. 380/2001).

La presentazione deve avvenire entro tre anni dalla data di inizio lavori. 
Qualora l’intervento non fosse completato entro il termine triennale, l’interessato per la realizzazione della parte non ultimata deve presentare una nuova SCIA.

Il relativo modulo è scaricabile dalla sezione Modulistica - “Moduli edilizi unificati Regione Lombardia”.

Il documento con il quale Regione Lombardia, con DGR n. VII/11045 dell’ 8.11.2002 (pubblicata sul B.U.R.L. del 21 novembre 2002, 2° Supplemento straordinario al n. 47), ha approvato i criteri per la redazione dell’esame paesistico dei progetti di trasformazione del territorio lombardo, riguarda la definizione delle modalità per la determinazione della classe di sensibilità paesistica del sito ed il grado di incidenza paesistica del progetto.

Tale metodo, da utilizzare negli ambiti del territorio regionale non assoggettati a specifica tutela paesaggistica, consente di giungere alla definizione del livello di impatto paesistico del progetto che, in prima istanza, viene stimato dal proponente l’intervento e viene valutato dall’ente competente al rilascio dei titoli abilitativi edilizi.

Nel documento si fa riferimento al Piano Territoriale Paesistico Regionale del 2001, fatto oggetto di aggiornamento, modifiche e integrazioni con il Piano Territoriale Regionale approvato da Regione Lombardia il 19 gennaio 2010.

La nuova normativa paesaggistica, nel testo recentemente approvato dal Consiglio regionale (cfr. articoli 35-39 della normativa del Piano Paesaggistico Regionale) , conferma esplicitamente i criteri approvati con le “linee guida per l’esame paesistico dei progetti”: pertanto per tutto il territorio regionale - ad eccezione degli ambiti assoggettati a specifica tutela paesaggistica (per i quali valgono le procedure dettate dal decreto legislativo 22 gennaio 2004, n. 42 e dalla legge regionale 11 marzo 2005, n. 12) - è obbligatorio che i progetti che modificano lo stato dei luoghi e l’esteriore aspetto degli edifici siano soggetti ad una valutazione paesaggistica applicando i criteri e gli indirizzi dettati dalla deliberazione regionale.

Il Documento Unico di Regolarità Contributiva è un certificato che attesta contestualmente la regolarità di un'Impresa nei pagamenti e negli adempimenti previdenziali, assistenziali e assicurativi, nonché in tutti gli altri obblighi previsti dalla normativa vigente nei confronti di Inps, Inail e Casse Edili verificati sulla base della rispettiva normativa di riferimento.

Per regolarità contributiva deve intendersi la correntezza nei pagamenti e negli adempimenti previdenziali, assistenziali ed assicurativi per tutti gli obblighi previsti dalla normativa vigente riferita all'intera situazione aziendale .

Le Amministrazioni pubbliche concedenti sono tenute ad acquisire d’ufficio il DURC non solo nell’ambito dei lavori pubblici ma anche nei lavori privati dell’edilizia, ai sensi dell’art. 90, lettera c, del D. Lgs. n. 81/2008 con le modalità di cui all’art. 43 D.P.R. n. 445/2000.

Pertanto nell’apposito spazio della modulistica regionale unificata e standardizzata relativa al “Modulo Unico Titolare” andranno indicati i dati identificativi relativi all’impresa.

E’ utile precisare che la regolarità contributiva, in quanto materia che riguarda la tutela dei lavoratori, rientra nella competenza del Ministero del lavoro e delle politiche previdenziali, che sono deputati anche a controlli sul cantiere.

Qualora a seguito dell’acquisizione d’ufficio si accertasse l’irregolarità contributiva, l’efficacia del titolo è da intendersi sospesa  come previsto dall’art. 90.10 del D.lgs 81/2008, motivo per il quale verrà emessa sospensione del cantiere con successiva irrogazione di sanzione pecuniaria.

In tema di applicazione della normativa sul DURC alle imprese straniere che intendono esercitare attività edile in territorio italiano occorre distinguere fra:

  • Imprese edili straniere provenienti da Stati Extracomunitari,
  • Imprese edili straniere provenienti da Stati Comunitari.

Le imprese edili straniere con sede in uno Stato extracomunitario che distaccano lavoratori dipendenti in Italia, sono tenute ad applicare l’intera normativa contributivo-previdenziale italiana con conseguente obbligo per l’Impresa e per i suoi lavoratori di iscrizione all’INPS ed all’INAIL e con essa l’obbligo di iscrizione alle Casse Edili e il vincolo al rispetto della disciplina vigente in materia di regolarità contributiva (possesso di DURC regolare);

Alle imprese straniere con sede in uno Stato comunitario che distaccano temporaneamente e legittimamente lavoratori dipendenti in Italia è applicabile la normativa contributivo-previdenziale vigente nel Paese di residenza del lavoratore ovvero dell’azienda. Pertanto tali Imprese non hanno l’obbligo di iscrizione all’INPS ed all’INAIL mentre hanno l’obbligo di iscrizione alla Cassa Edile solo qualora i datori di lavoro comunitari non procedano già a versamenti presso un organismo pubblico o di fonte contrattuale nel loro Paese di origine che garantisca gli stessi standard di tutela ai lavoratori.

Si precisa che l’obbligo di iscrizione alle Casse Edili non sussiste per le imprese francesi, tedesche ed austriache, per le quali i Paesi di provenienza hanno già sottoscritto con  l’Italia, convenzioni bilaterali di reciprocità che prevedono il mantenimento dei versamenti contributivi presso la Cassa di provenienza.

Per maggiori approfondimenti o dettagli relativi a tali adempimenti si rimanda alle informazioni contenute sui portali dei competenti Enti INPS, INAIL E CASSE EDILI.

Si ritiene utile evidenziare che:

  • nel caso di Impresa edile straniera con sede in uno Stato Extracomunitario nell’apposito spazio della modulistica regionale unificata relativa al Modulo Unico Titolare occorrono inserire i codici/matricole INPS, INAIL e Cassa Edile;
  • nel caso di Imprese edili straniere con sede in uno Stato comunitario, nell’apposito spazio della modulistica regionale unificata relativa al Modulo Unico Titolare, considerata la sussistenza dell’obbligo  di iscrizione alla Cassa Edile andrà indicato necessariamente il codice d’iscrizione alla Cassa Edile mentre non ricorrendo l’obbligo di iscrizione all’INPS ed all’INAIL andrà consegnata, la documentazione che attesti la regolarità contributiva dell’Impresa presso gli organi competenti del paese di origine in lingua madre e tradotta in italiano da interprete, previa verifica da parte del Committente nel suo interesse.

Il parere di conformità per la realizzazione del locale rifiuti viene rilasciato dai tecnici Amsa all’interno dell'Area Sportello Unico per l’Edilizia, in relazione agli interventi edilizi presentati in modalità diretta, in modalità diretta convenzionata e nell’ambito degli interventi oggetto di Piani Attuativi.

Nell’ambito degli interventi edilizi  in modalità diretta, il servizio verifica le caratteristiche tecniche del locale rifiuti, mentre per gli interventi edilizi in modalità diretta convenzionata o oggetto di Piani Attuativi, oltre a tale verifica  viene prevista anche quella relativa all’area di conferimento su strada.

Richiamati gli artt. 124 e 125 del vigente regolamento edilizio per i seguenti interventi edilizi:

  • nuova edificazione comprese le sostituzioni edilizie, 
  • gli interventi di ristrutturazione dell’intero edificio, 
  • gli interventi di risanamento conservativo dell’intero edificio, 
  • e tutti gli interventi anche parziali che prevedono l’introduzione di funzioni che comportano un’elevata produzione di rifiuti ( ad esempio: ristorazione, pubblici esercizi ovvero quelli in cui si svolge un’attività imprenditoriale tesa anche all’offerta di un servizio, medie strutture commerciali ed altro), 

devono essere previsti locali per il deposito dei rifiuti tali da garantire il decoro dell’edificio e dell’ambiente circostante, per i quali è necessario acquisire il relativo parere preventivo.

Si precisa che le caratteristiche tecniche di detto locale sono richiamate negli artt. 124 e 125 del vigente regolamento edilizio.
Si evidenzia che:
per i progetti presentati in modalità diretta, 

per i progetti presentati in modalità diretta convenzionata o oggetto di Piani Attuativi:

  • per le CILA e le SCIA il parere di conformità viene rilasciato dal tecnico Amsa sull’allegato comune , previa verifica della pratica edilizia e del foglio di calcolo;  
  • per i Permessi di Costruire il parere viene rilasciato dal tecnico Amsa in sede di conferenza dei servizi, ferma restando la necessità  di allegare alla richiesta di permesso di costruire la prevista documentazione al fine del rilascio del parere:  planimetria/e piano/i locale/i rifiuti, planimetrie di tutti i piani, planimetria della/e copertura/e, planimetria della fognatura piano/i locale/i rifiuti, planimetria piano strada dell’area di conferimento e il foglio di calcolo.

Il tecnico AMSA rilascia il parere e fornisce le informazioni preliminari mediante email.  Indirizzo email: marco.marzinotto@amsa.it

Con i  progetti di opere edilizie di Nuova Costruzione, Ampliamento o Ristrutturazione edilizia con demolizione e ricostruzione totale o parziale occorre presentare il modello ISTAT/AE.

Si segnala che dal primo gennaio 2011 ISTAT ha stabilito che:

  • si adottano due modelli di rilevazione distinti che unitamente alle relative istruzioni debbono essere scaricati dal sito internet di ISTAT e stampati direttamente dal richiedente poiché l’Istat cessa la distribuzione di modelli cartacei;
  • il campo di osservazione della rilevazione è esteso all'edilizia pubblica, includendo tutti i fabbricati nuovi o gli ampliamenti di quelli preesistenti di cui sono stati approvati i progetti secondo le procedure previste dall'art. 7 del Testo unico per l'edilizia DPR 380/2001.

Per le varianti la presentazione del modello ISTAT è dovuta solo se la variante stessa comporta aumento di volumetria.

Per completezza vedere allegati:

Si segnala che, nei casi in cui è necessario compilare il modello ISTAT,  il codice numerico da inserire al momento della prenotazione on-line è il "Codice Modello".

Per maggiori informazioni: https://indata.istat.it/pdc/

Per approfondimenti consultare il relativo Servizio "Richiesta e consegna dei punti fissi"

Modulistica ed Allegati

Moduli edilizi unificati Regione Lombardia

Si dovranno utilizzare esclusivamente i nuovi moduli edilizi unificati e standardizzati, adeguati alle nuove disposizioni 2019 contenuti nella normativa comunitaria, nazionale e regionale, che Regione Lombardia ha approvato con Decreto. n. 2018 del 19 febbraio 2020, pubblicato sul B.u.r.l. n. 9 del 25 febbraio 2020.

E’ possibile accedere alla nuova modulistica tramite il collegamento “Procedimenti sezione Edilizia –Moduli edilizi unificati" dopo aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali di seguito riportata.

Si evidenzia che il modulo regionale editabile dovrà essere sempre confermato; qualora il modulo riporti bordature rosse non potrà essere consegnato in quanto ciò evidenzia incompletezze. Nella compilazione dei moduli sono visibili e compilabili solo le sezioni derivanti dalle scelte fatte dall'utente.
Per maggiori dettagli vedere la pagina sulla compilazione presente sul sito della Regione Lombardia.

Allegati Comune di Milano

E’ stato aggiornato l’"Allegato comune" ai vari titoli/comunicazioni, al fine di recepire le intervenute modifiche apportate dal PGT efficace dal 5 febbraio 2020. 

Andranno sempre compilati e sottoscritti il modulo unico titolare e la relazione tecnica asseverata unitamente all’allegato comune.
Rispetto ad ogni tipologia di intervento potranno cambiare gli allegati che sono indicati nel quadro riepilogativo dei moduli stessi.

  • Online
  • Sportello

La SCIA art. 23 D.P.R. 380/2001 si presenta presso l’Ufficio Accettazione in formato cartaceo e previa prenotazione dell’appuntamento in OnlyOne-Pratiche Edilizie attraverso la creazione della domanda elettronica.

Si precisa che dovendo utilizzare la modulistica edilizia unificata si potrà  compilare i modelli accedendo dalla sezione "Modulistica", previa presa visione dell’informativa sul trattamento dei dati e successivamente creare la domanda elettronica dall’applicativo OnlyOne-Pratiche Edilizie.

In alternativa è possibile accedere dall'applicativo OnlyOne-Pratiche Edilizie, cliccando poi su “pratiche edilizie on line” e compilare i dati. Nella fase finale della compilazione della domanda elettronica,  cliccare nella schermata "Modelli" entrando direttamente nel sito della Regione Lombardia.
Dopo la compilazione e la stampa del modulo si potrà salvare e stampare il numero della domanda elettronica e prenotare l’appuntamento.

La Segnalazione Certificata di Inizio Attività - SCIA - Art. 23 si consegna in formato cartaceo compilando e sottoscrivendo il modulo unico titolare, la relazione asseverata della modulistica edilizia unificata e l’allegato comune.

La presentazione della SCIA presso gli uffici può essere delegata ad una persona diversa dal progettista. ll delegato non potrà effettuare modifiche senza una delega scritta del tecnico asseverante e senza l'iscrizione all'albo professionale in materia.

Al momento della presentazione della SCIA art 23 D.P.R. 380/2001 vanno corrisposti  i diritti di segreteria il cui importo varia a seconda degli interventi. 

  • Per gli  interventi che non prevedono la corresponsione di oneri l’importo è pari a € 129,11. 
  • Per gli interventi di edilizia residenziale privata che prevedono la corresponsione di oneri fino a € 774.685,35  l’importo dei diritti è di € 387,34; oltre l'importo degli oneri indicato, l’importo dei diritti di segreteria è di € 516,46.
  • Per gli interventi di edilizia industriale, artigianale con oneri fino a € 671.393,97 l’importo dei diritti di segreteria  è di € 335,70; oltre l'importo degli oneri indicato, l’importo dei diritti di segreteria è di € 516,46.
  • Per gli interventi di edilizia commerciale, direzionale e attività turistica l’importo dei diritti di segreteria è pari a €516,46.

I diritti di segreteria si acquistano esclusivamente presso il "Totem pagamenti" situato presso gli uffici di Via Bernina 12 e solo dopo l’avvenuta protocollazione della SCIA.

Eventuali ulteriori importi da corrispondere sono quelli relativi alla monetizzazione e al conguaglio del contributo di costruzione qualora l’intervento edilizio riguardi un cambio di destinazione d’uso. 

Utilizza i canali indicati e segui le istruzioni

Al fine di velocizzare la protocollazione occorre creare una domanda elettronica accedendo ad OnlyOne-Pratiche Edilizie.

Accedi al servizio

E' indispensabile aver effettuato preventivamente la procedura online ed aver prenotato la presentazione/protocollazione tramite l'Agenda OnlyOne-Pratiche Edilizie.

Ufficio Protocollo - Area Sportello Unico per l'Edilizia 
Via Bernina 12 - Milano
Palazzina A - piano terra
Sportello AT08- AT09-AT10-AT11 a seconda del Municipio in cui ricade l’immobile oggetto dell’intervento.

  • Sportello

Utilizza i canali indicati e segui le istruzioni

Si presenta in formato cartaceo, dal lunedì al venerdì, a:

Ufficio Protocollo - Area Sportello Unico per l'Edilizia 
Via Bernina 12 - Milano
Palazzina A - piano terra

E' necessario apposito ticket ritirabile dal totem posto all'ingresso oppure presso l’accoglienza dalle ore 8:45 alle ore 11:45.