Rimborso Tari per quota variabile box

Le richieste di rimborso devono essere presentate entro cinque anni dalla data del pagamento.
Stante l’attuale assetto normativo e regolamentare, il rimborso della quota variabile box non potrà avvenire in modo automatico ma solo in esecuzione di sentenza tributaria divenuta definitiva.

E se hai già presentato la richiesta?
Chi ha già presentato la richiesta dovrà ripresentarla solo nel caso in cui non fosse completa dei dati e documenti richiesti.

Silenzio-rifiuto
Per le istanze già presentate per le quali siano decorsi 90 giorni dalla data di presentazione si è concretizzato il silenzio-rifiuto da parte dell'Amministrazione. In tal caso il contribuente può presentare ricorso con le modalità specificate nella pagina Reclamo, ricorso tributario

Accedi al servizio

Invia la documentazione a
rimborsotaribox@pec.comune.milano.it

Indica nell’oggetto del messaggio:

  • “istanza rimborso TARI box”
  • il codice fiscale

Invia la documentazione a
rimborsotaribox@comune.milano.it

Indica nell’oggetto del messaggio:

  • “istanza rimborso TARI box”
  • il codice fiscale

Per consegnare la documentazione a mano è indispensabile fissare un appuntamento presso:

Invia una raccomandata A/R a
Comune di Milano - Area Finanze e Oneri Tributari
via S. Pellico, 16 - 20121 Milano

Modulistica e documenti

Modulo di richiesta di rimborso

- documentazione attestante il vincolo di pertinenzialità delle autorimesse indicate (ad esempio contratto di compravendita e/o autocertificazione con la quale il contribuente esprima la sussistenza del rapporto di strumentalità della/e autorimessa, escludendo l’uso di terzi e certifichi che l’unità non è destinata ad altro uso, ad esempio magazzino)

- copia dei pagamenti effettuati

- documento di identità

Argomenti: 

Aggiornato il: 18/11/2021