Pubblicità permanente

Per pubblicità permanente si intende l’esposizione pubblicitaria per una durata pari o superiore ai 3 mesi.

A titolo esemplificativo, è considerata pubblicità permanente l'esposizione di messaggi pubblicitari su:

  • poster
  • teli pubblicitari su fronti ciechi
  • quadri pittorici
  • cassonetti luminosi a parete
  • insegne pubblicitarie su tetto (in caso di installazione in luogo diverso dalla sede dell’attività)
  • targhe su pali 
  • impianti di trasmissione e/o riproduzione di immagini
  • impianti innovativi e tecnologicamente avanzati.

  • Pec

I passi da seguire per ottenere l'autorizzazione alla esposizione:

1.  inviare la domanda di autorizzazione corredata dei documenti previsti per il tipo e il mezzo da esporre;
2.  entro 90 giorni dalla presentazione della domanda di autorizzazione il richiedente riceverà una comunicazione relativa all’esito dell’attività istruttoria effettuata. In caso di esito favorevole, sarà cura dell’ufficio comunicare l’importo dovuto a titolo di Canone Unico e l’indicazione dei conti correnti su cui effettuare i versamenti;
3.  versare il Canone Unico;
4.  depositare la dichiarazione di inizio esposizione

Accedi al servizio

Le istanze dovranno pervenire esclusivamente tramite canale PEC
all’indirizzo: pubblicita.direzione@postacert.comune.milano.it

Modulistica

  • Modulo Richiesta di autorizzazione per l’esposizione di mezzi pubblicitari
    debitamente compilato e sottoscritto, con applicazione dell’imposta di bollo nella misura prevista dalle norme vigenti
  • dichiarazioni
    1. dichiarazione antimafia (come da fac-simile allegato) se non già prodotta nei sei mesi precedenti
    2. benestare della proprietà privata (Amministratore nel caso di Condomini (1) o pubblica (per esempio concessione ad occupare suolo pubblico) del bene immobile (edificio, suolo/area, pali A2A/ATM se non compresi negli elenchi pubblicati dal Settore Pubblicità)
    3. dichiarazione del numero dei faretti, della misura relativa alla sporgenza, della larghezza massima dei sostegni, del faretto e della griglia (sono esclusi le insegne pubblicitarie su tetto e cassonetti luminosi a parete)
  • una planimetria, riproducente l’area toponomastica strade e numeri civici di collocazione del mezzo pubblicitario. Il punto esatto deve essere evidenziato sulla pianta
  • tre disegni quotati (bozzetti) riproducenti l’indicazione in scala non inferiore a 1:50, di forma, misura, colori, materiale e località di esposizione del mezzo nonché il testo del messaggio che, se in lingua straniera, dovrà riportarne la traduzione in italiano
  • due fotografie nitide e a colori: una frontale ravvicinata ed una ad ampia angolazione, formato cm. 18x24, relative allo stato attuale del luogo
  • copia dell’atto costitutivo e/o statuto, per le associazione/fondazioni/ONLUS che intendono usufruire della riduzione della metà della tariffa dell’imposta, esclusivamente in relazione a pubblicità effettuata per promuovere attività senza scopo di lucro
  • qualora il soggetto richiedente sia diverso dal legale dovrà essere allegata delega, corredata della fotocopia, nitida e leggibile del documento di identità, in corso di validità, del delegato e del delegante. Tale delega andrà prodotta solo la prima volta e successivamente solo nel caso di variazione del delegato
  • relazione, sottoscritta da un tecnico abilitato e iscritto all’Albo, in ordine alla verifica statica dell’impianto da collocare che ne attesti la stabilità in ordine alla spinta del vento e, se luminoso, la conformità alle vigenti leggi Nazionali e Regionali in materia di inquinamento luminoso e/o acustico
  • nel caso di monitors, schermi, video-wall ed altri impianti innovativi e tecnologicamente avanzati (di superficie superiore a mq./lato 4): progetto illuminotecnico redatto da professionista iscritto all’Albo ed in conformità con le norme per la tutela dell’inquinamento luminoso

N.B. La relazione può riguardare complessivamente tutti i mezzi aventi le stesse caratteristiche purché depositata presso l’Area Pubblicità e Occupazione Suolo in data non anteriore al triennio.

Per le installazioni di insegne di esercizio nella sede della propria attività è prevista la presentazione di SCIA Pubblicitaria esclusivamente in via informatica. 
Il Comune, ai sensi art 19 comma 3 Legge 241/90 e s.m.i., potrà verificare d’ufficio entro 60 giorni dalla presente Segnalazione la sussistenza dei presupposti e dei requisiti di legge richiesti, in mancanza dei quali adotterà motivati provvedimenti di contestazione/rimozione dei mezzi installati o da installare salvo che, ove ciò sia possibile, vengano eliminate le ragioni di difformità contestate entro un termine fissato dal Comune in ogni caso non superiore a trenta giorni, fatto comunque salvo il potere del Comune medesimo di assumere, anche successivamente, determinazioni in via di auto tutela ai sensi artt. 21 quinquies e nonies Legge 241/90;

Cosa sono le insegne di esercizio?
Per insegne di esercizio si intendono i manufatti di qualunque natura, dimensioni e tipologia installati nella sede dell’attività a cui si riferiscono o nelle pertinenze accessorie, recanti simboli, marchi e denominazione delle ditte e delle aziende rappresentate, comunque volti a pubblicizzare esclusivamente attività beni prodotti e servizi riconducibili all'esercizio di riferimento.

Tipologia di insegne
A titolo esemplificativo sono considerate insegne:

  • cassonetti su fascia porta insegna
  • messaggi su cassonetti bifacciali o bandiere
  • diciture su tenda solare
  • insegne su finestra
  • insegne su tetto
  • mezzi pubblicitari su facciata
  • targhe professionali su facciata
  • monitor, schermi digitali.

Cosa verificare prima della presentazione della SCIA

Diritti di istruttoria
•    Versamento del bollettino c.c.p. 52911203 intestato al Comune di Milano, con riportato nella causale “spese istruttorie Pubblicità”, pari ad € 25,00 fino a 25 mezzi ovvero ad € 50,00 oltre 25 mezzi;

Allegati obbligatori

I seguenti documenti devono essere allegati alla SCIA. In loro mancanza la SCIA viene respinta e archiviata senza avere alcun effetto di validità. La presentazione di una nuova SCIA, a seguito di archiviazione, dovrà essere corredata dall’ulteriore versamento dei diritti di istruttoria. 
•    fotocopia proprio documento d’identità; 
•    delega alla presentazione della SCIA accompagnata da copia documento d’identità del soggetto delegato; 
•    procura speciale per la sottoscrizione digitale e presentazione digitale delle pratiche in caso di presentazione da parte di tecnico incaricato con firma digitale;
•    visura camerale
•    fotocopia dell’atto costitutivo o dello Statuto in caso di associazione/ fondazione/ONLUS;
•    ricevuta bonifico bancario IBAN IT 18 E030 6901 7831 0000 0000 351 intestato a Comune di Milano - ICP Pubblicità Permanente attestante l’avvenuto versamento del Canone inerente i mezzi in parola, se di superficie espositiva superiore a 5 mq;
•    planimetria (es.: estratto da Google Maps) che riproduca l’area toponomastica (strade numeri civici) di collocazione dei mezzi pubblicitari, con indicata l’esatta ubicazione dell’immobile oggetto di intervento;
•    progetto che riporti adeguata rappresentazione grafica dei manufatti da installare, con illustrazione tecnica da cui si evincano in modo chiaro dimensioni, forma, colori, materiali e diciture del mezzo pubblicitario e/o della tenda e le particolarità costruttive e i materiali utilizzati e il numero civico coinvolto dall’installazione;
•    riproduzioni fotografiche inerenti lo stato di fatto e quello di progetto relative alla facciata dell’edificio e/o area circostante interessata dall’installazione (non estratte da Google Maps);
•    in caso di installazioni su parti comuni di edificio (ad esempio: facciata) è necessario allegare il benestare dell’amministratore condominiale o del proprietario dell’intero compendio immobiliare interessato dall’installazione, allegando allo stesso la visura catastale e una foto simulazione firmata per presa visione e accettazione;
•    in caso di attività site in zone soggette a tutela ambientale e/o a tutela monumentale si dovrà allegare l’avvenuta acquisizione dell’autorizzazione paesaggistica e/o l’Autorizzazione della Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio;
•    eventuale attestazione/asseverazione/relazione di tecnici abilitati/ditte specializzate con relativi elaborati tecnici a corredo delle stesse; 
•    nel caso di monitors, schermi, video-wall ed altri impianti innovativi e tecnologicamente avanzati (di superficie superiore a mq./lato 4) progetto illuminotecnico redatto da professionista iscritto in apposito Albo ed in conformità con le norme per la tutela dell’inquinamento luminoso;
Subentro
Per chiedere il subentro per un mezzo pubblicitario già autorizzato vedi il box Collegamenti in questa pagina.

Per informazioni telefoniche:
tel. 02.02.02
attivo dal lunedì al venerdì, dalle 9:00 alle 16:00

Per un contatto diretto con l’Ufficio Insegne:
e-mail: ELE.PubblUffInsegne@comune.milano.it (utilizzando un canale di posta elettronica ordinaria).

Aggiornato il: 25/11/2021