Occupazione temporanea di suolo pubblico

Per occupazione temporanea di suolo pubblico si intende un’occupazione estesa fino a 14 giorni per:

  • traslochi
  • lavori edili
  • spazio libero per manovra mezzi
  • lavori stradali
  • lavori su facciate per verifiche in corda di sicurezza.

Tutte le occupazioni effettuate su:

spazi ed aree pubbliche (verde compreso) appartenenti al demanio o al patrimonio indisponibile del Comune e aree di proprietà privata sulle quali risulti costituita, nei modi e nei termini di legge, una servitù di pubblico passaggio sono soggette:

  • alla concessione per l’occupazione di suolo pubblico (Osp)
  • al pagamento di un canone (Cosap).

Il canone Cosap è calcolato in base a:

  • importanza delle aree e degli spazi pubblici sui quali si effettua l'occupazione
  • superficie occupata, espressa in metri quadrati o lineari
  • durata dell’occupazione, così come indicata nell’atto di concessione, espressa in giorni
  • valore economico della disponibilità dell’area, sacrificio imposto alla collettività dall'occupazione stessa e tipo di attività esercitate dai titolari delle concessioni, anche in relazione alle modalità di occupazione.

Per occupazioni superiori ai 14 giorni e/o di altra natura consulta gli altri servizi di occupazione di suolo pubblico.

Per richiedere l’occupazione temporanea di suolo pubblico è necessario rivolgersi all'Ufficio Permessi del Comando Decentrato di Polizia Locale competente per territorio e consegnare il modulo di richiesta occupazione temporanea.

Il rilascio avviene contestualmente alla presentazione della richiesta se non si ritiene necessario l’ausilio viabilistico della P.L. (Servizio Reso a Privati): in questo caso l’Ufficio Permessi darà le informazioni riguardo le procedure da seguire.

Nel caso vengano utilizzati veicoli e la località oggetto dell'occupazione sia in Area C, occorre procedere al pagamento di quest'ultima, e, se in ZTL, contestualmente all'occupazione occorrerà richiedere il permesso di transito in ZTL. In questo caso occorrerà portare allo sportello anche la carta di circolazione del mezzo da autorizzare.

Importante Se bisogna posizionare cartelli di avviso ai cittadini e di divieto di sosta, si consiglia di trasmettere la richiesta almeno 4 giorni prima della data prevista per l’inizio dell’occupazione.

I cartelli, se previsti, devono essere omologati.

La loro produzione è a carico del titolare del permesso, come pure il loro posizionamento che deve avvenire almeno 72 ore prima dell’inizio del divieto.

Un agente verificherà tempi e modi di esposizione dei cartelli. In caso di conformità, il divieto di sosta sarà immediatamente operativo e il richiedente potrà, in situazioni di sosta o intralcio da parte di altri veicoli, ottenere la rimozione con l’uso del carro attrezzi contattando la Centrale Operativa (tel. 02.02.08).

È richiesto il pagamento allo sportello di un bollo da € 16,00 (non è necessario acquistare marche da bollo: il pagamento è assolto virtualmente attraverso la procedura informatizzata) e del canone Osap sopradescritto.

Per il pagamento sono accettati:

  • contanti
  • bancomat
  • carte di credito 

Qualora fosse necessario un ausilio viabilistico della PL, il pagamento del Servizio Reso a Privati deve essere effettuato tramite:

  • bonifico bancario
  • bollettino di conto corrente postale

Accedi al servizio

Rivolgersi all'Ufficio Permessi dei Comandi Decentrati di Polizia Locale >>
e consegnare la documentazione indicata di seguito.

Modulistica