Centri Diurni Disabili (CDD)

I Centri Diurni Disabili sono strutture semiresidenziali socio-sanitarie accreditate dalla Regione Lombardia per un massimo di 30 posti.
I Centri accolgono persone disabili gravi, la cui fragilità è compresa nelle cinque classi S.I.Di (sistema di classificazione definita dalla Regione Lombardia).
Normalmente l’età di accesso va dai 18 ai 65 anni. A determinate condizioni possono accedere minori disabili.

Cosa offrono i CDD
I Centri Diurni Disabili erogano prestazioni socio sanitarie, riabilitative ed educative sulla base di progetti individuali elaborati dall’équipe del servizio. Lo staff comprende diverse figure professionali dell’area educativa, assistenziale, psicologica e sanitaria. È previsto il coinvolgimento delle famiglie.
I CDD sono aperti per undici mesi l'anno, dal lunedì al venerdì dalle 9:00 alle 16:00.

Informazioni:
Ufficio coordinamento Centri Diurni Disabili
via San Tomaso 3 – primo piano
20121 Milano
tel. 02.884.63070 / 63074 / 54194
attivo dal lunedì al venerdì dalle 9:00 alle 12:30 e dalle 14:00 alle 16:00
orario di segreteria: dal lunedì al venerdì dalle 9:00 alle 12:30

Attenzione:
Si informano le famiglie degli ospiti dei Centri Diurni Disabili che il calcolo dell'importo delle quote di compartecipazione ai costi di frequenza viene effettuato sul valore dell'attestazione ISEE in corso di validità.

Si comunica che il termine per il pagamento della quota di compartecipazione da parte delle famiglie, in base ad attestazione ISEE, è stato prorogato al 15 marzo 2021.
Si prega di prendere visione del documento "Comunicazione Famiglie proroga sospensione compartecipazione"presente nella sezione Allegati

Oltre tale termine, si applicherà d'ufficio l'importo massimo previsto, salvo inoltro di documentazione comprovante l'avvenuta prenotazione presso il CAF di appuntamento per l’acquisizione dell’attestazione.
Il riferimento per l'inoltro resta la mail istituzionale del Centro frequentato.

Fanno parte di un progetto che consente di:

  • erogare un servizio a favore di cittadini disabili non riconducibili al sistema socio sanitario che consente la frequenza ai CDD o che per le loro patologie specifiche non trovano risposte adeguate ai loro bisogni
  • ampliare la rete delle opportunità di socializzazione dei disabili
  • favorire una maggiore congruità tra i bisogni espressi dalla popolazione e le risposte socio assistenziali erogate.

Dove sono i Centri?
Nella sezione allegati sono disponibili gli elenchi dei Centri:

  • a gestione comunale
  • a gestione convenzionata.

L'ufficio centrale per la gestione dei Centri Diurni Disabili (CDD) è il punto di raccordo dei centri, sia a gestione diretta che a gestione convenzionata.
L'ufficio offre supporto al funzionamento dei Centri Diurni Disabili:

  • cura gli aspetti amministrativi;
  • si occupa della gestione del personale per i centri a gestione diretta;
  • gestisce alcuni servizi comuni: come la mensa, la partecipazione delle famiglie al costo del pasto, i trasporti;
  • raccoglie ed elabora i dati sui CDD.

Aggiornamento delle liste d'attesa per l'inserimento dei cittadini nei Centri Diurni per Disabili - Comunali Convenzionati - Nei Centri Socio Educativi, nei servizi formazione Autonomia, nei Centri Diurni per Anziani - convenzionati e nel "Giolli" a titolo sperimentale fino al 31/12/2020. 

Le graduatorie provvisorie pubblicate in data 03/08/2020 sono consultabili nella sezione Allegati.

Centri Diurni Disabili – Servizi Socio-Sanitari istituiti a norma della D.G.R. nr.18334/2004, sono strutture semi-residenziale Socio Sanitarie destinate alla accoglienza di Disabili gravi e gravissimi di età compresa tra i 18/65 anni che prevede all’interno dei Servizi medesimi la presenza obbligatoria di personale appartenente alle aeree: socio-assistenziali, educativa, riabilitativa, infermieristica e medica e integrata dalla D.G.R. nr. X/2569/2014.

Centri Socio Educativi – normati della D.G.R. nr. VII/20763 del 16/02/2005 – servizi per persone con disabilità la cui fragilità non sia compresa tra quelle riconducibili al sistema socio sanitario, in cui vengono offerti interventi socio educativi finalizzati alla autonomia personale, alla socializzazione, al mantenimento del livello culturale. 

Servizi Formazione Autonomia – normati dalla D.G.R. n. VIII/7433 del 13/06/2008 – rivolti a persone con disabilità (16/35anni) che per loro caratteristiche non necessitano di servizi ad alta protezione, ma di interventi a supporto e sviluppo di abilità utili a creare maggiori autonomie nell’ambito del contesto famigliare, sociale e professionale.

Centri Diurni Integrati - normati dalla D.G.C. n. 490 del 1/3/2005- offrono assistenza e servizi di tipo sociale e sanitario alle persone di età superiore ai 60 anni non autosufficienti oppure autosufficienti ma con problematiche di ordine sociale e psicologico. Favoriscono la permanenza dell'anziano/a nel suo contesto familiare e sociale, evitando o ritardando il ricovero.

Si comunica che con Determinazione Dirigenziale 5423/2020 è stato approvato l’aggiornamento delle liste di attesa, già approvate con Determinazione Dirigenziale n. 841/2020, relative ai Centri Diurni Disabili (CDD), Centri Socio Educativi (CSE), Servizi Formazione Autonomia (SFA), Centri Diurni Integrati (CDI) sulla base delle procedure di cui alla Determinazione Dirigenziale n. 4091 del 27 settembre 2019.
 

Le graduatorie provvisorie, con validità trimestrale, sono composte da:

  • i richiedenti idonei all’inserimento nei Servizi CDD, CSE, SFA, CDI, in quanto in possesso dei requisiti richiesti, suddivisi nei 9 Municipi;
  • la suddivisione nei Municipi non è vincolante rispetto all'inserimento nel servizio afferente alla zona di residenza anagrafica;
  • nel caso di pari punteggio precede nella graduatoria il cittadino la cui domanda è pervenuta temporalmente prima.
  • la permanenza in lista d’attesa di due anni dalla data di protocollazione della domanda è stata prorogata fino al 31/12/2020;

I cittadini e le cittadine, che hanno presentato domanda di inserimento nei Servizi Diurni in data antecedente l’anno 2018, hanno facoltà di provvedere ad un aggiornamento e dare conferma dell’interesse a permanere nella lista d’attesa.

Si invitano, pertanto, i/le cittadini/e stessi/e o i loro familiari a recarsi presso le sedi del Servizio Sociale Professionale competente, presentando nuova richiesta corredata da idonea ed aggiornata documentazione.

La pubblicazione sul sito web del Comune di Milano avviene con modalità che rispettano la protezione dei dati personali secondo quanto previsto dal GDPR 679/2016

I/le cittadini/e avranno la possibilità di presentare istanza di revisione, consegnando eventuale documentazione ad integrazione di quanto dichiarato in sede di presentazione della domanda, nei termini di 30 (trenta) giorni dalla data di pubblicazione sul sito web delle liste d’attesa.

Per ulteriori informazioni sulle Liste d'attesa, scrivere al seguente indirizzo di posta elettronica:
PSS.CoordinamentoCentriDiurni@comune.milano.it

Argomenti: 

Aggiornato il: 01/02/2021