Argomento: Edilizia e territorio

Ricerca argomenti

Filtra per tipologia

Lista dei risultati

  • Contenuto informativo

    FAQ SUE n. 54

    E’ possibile nei limiti previsti dalla determina della Direzione Urbanistica n° 65/2018 del 31 maggio 2018, cioè in caso di superamento norma morfologica, ampliamento servizi esistenti, utilizzo diritti edificatori perequati già certificati, cessione di aree per urbanizzazioni primarie, ecc. FAQ SUE n. 54 - [...]

  • Contenuto informativo

    FAQ SUE n. 53

    La realizzazione di una finestra a tasca in copertura di locali agibili che modifica i RAI fino al raggiungimento dei minimi regolamentari (ad esempio in un sottotetto che è stato oggetto di condono), non viene, in via ordinaria, qualificato di ristrutturazione edilizia. FAQ SUE n. 53 - Pubblicata il 6 marz[...]

  • Contenuto informativo

    FAQ SUE n. 52

    Quando in un intervento edilizio l’insieme delle opere, pur prevedendo, ad esempio, l’inserimento di elementi accessori, di impianti, ascensori, modifica dei corpi scala e alcune modifiche delle aperture nei prospetti, e tali opere non comportano, con tali inserimenti, la estesa demolizione e ricostruzione d[...]

  • Contenuto informativo

    FAQ SUE n. 51

    Si, secondo quanto prevede l’art.22 RE ai commi 3 e 4, cioè a condizione che le diverse tipologie d’intervento siano individuate per le singole porzioni immobiliari interessate, ovvero corpi di fabbrica, piano, unità immobiliare ecc. L’intero procedimento segue la categoria di ordine superiore. FAQ SUE n. 5[...]

  • Contenuto informativo

    FAQ SUE n. 50

    Sono da intendersi tutti i fronti. FAQ SUE n. 50 - Pubblicata il 6 marzo 2020

  • Contenuto informativo

    FAQ SUE n. 49

    L’atto d’obbligo non ha lo stesso contenuto pattizio di una convenzione o di un piano attuativo, che ne comporta anche la pubblicazione: pertanto negli ambiti soggetti ad attuazione mediante atto unilaterale d’obbligo, non è possibile derogare a norme vigenti. FAQ SUE n. 49 - Pubblicata il 6 marzo 2020

  • Contenuto informativo

    FAQ SUE n. 48

    Ai sensi dell’art. 88 comma 1 del R.E. nei locali interrati non è prevista la possibilità di adibire ad abitazione o destinazioni assimilabili alla residenza. Se costituiscono spazi agibili possono essere adibiti alle destinazioni previste dall’articolo sopra citato. FAQ SUE n. 48 - Pubblicata il 6 marzo 202[...]

  • Contenuto informativo

    FAQ SUE n. 47

    La L.R. 7/2017 riguarda il recupero dei vani e locali seminterrati esistenti (se legittimamente realizzati alla data di entrata in vigore della legge); quindi, i locali del piano interessato dal recupero devono essere corrispondenti alla Definizione Tecnica Uniforme –DTU - di seminterrato (n. 21 dell’allegat[...]

  • Contenuto informativo

    FAQ SUE n. 46

    Per potersi definire piano seminterrato, quindi recuperabile ai sensi della L.R. 7/2017 (fatto salvo il rispetto delle norme procedurali, regolamentari ed igienico sanitarie), secondo le Definizioni Tecniche Uniformi (D.G.R. n. XI/695 del 24/10/2018) la quota del cortile corrispondente al terreno in aderenza[...]

  • Contenuto informativo

    FAQ SUE n. 45

    L'art. 64 comma 1 della L.R. 12/2005 ammette modifiche di altezze, colmo, gronda e linee di pendenza delle falde solo quando l'altezza media ponderale sia al di sotto di m. 2,40 e solo ai fini del raggiungimento della stessa. Qualora, infatti, l'altezza media ponderale risulti già assicurata senza le suddet[...]

  • Contenuto informativo

    FAQ SUE n. 44

    Considerata la natura derogatoria della norma, non è ordinariamente consentita la traslazione o il riutilizzo, anche mediante demolizione e ricostruzione della superficie di un sottotetto recuperato. Parimenti la superficie derivante dal recupero del sottotetto non concorre a determinare la consistenza edili[...]

  • Contenuto informativo

    FAQ SUE n. 43

    La realizzazione di volumi soprastanti sottotetti recuperati non è ammissibile, in quanto comporta, per la porzione sottostante, il decadere delle caratteristiche di “sottotetto” alla base del recupero dello stesso, richieste dalla specifica normativa regionale derogatoria. L’inammissibilità vale anche per l[...]

  • Contenuto informativo

    FAQ SUE n. 42

    Laddove sia ammissibile modificare la copertura, nel caso di realizzazione di copertura piana, o prevalentemente piana, l’altezza netta interna della parte piana dovrà essere costante e pari a m. 2.40. FAQ SUE n. 42 - Pubblicata il 6 marzo 2020

  • Contenuto informativo

    FAQ SUE n. 41

    All’esterno del NAF è possibile, rispetto all’altezza esistente, innalzare o modificare le coperture sino al raggiungimento dell’altezza minima abitabile di mt. 1,50; l’incremento delle altezze deve avvenire assicurando per ogni singola unità immobiliare l’altezza media ponderale di 2.40 m., così come dispos[...]

  • Contenuto informativo

    FAQ SUE n. 40

    Occorre richiamare l’art. 64 comma 1 della L.R. 12/05, ai sensi del quale all’interno dei nuclei di antica formazione “deve essere assicurato il rispetto dei limiti di altezza massima degli edifici posti dallo strumento urbanistico; in assenza di limiti, l'altezza massima deve intendersi pari all’esistente”.[...]

  • Contenuto informativo

    FAQ SUE n. 39

    Non è consentito superare l’altezza media ponderale di 2.40 m. al fine di rispettare le norme morfologiche del PGT in quanto ai sensi dell’art. 63 comma 5 della L.R. 12/2005 il recupero del sottotetto è consentito nel rispetto di tutte le prescrizioni igienico sanitarie e, come disposto dall’art. 63 comma 6 [...]

  • Contenuto informativo

    FAQ SUE n. 38

    Il D.M. 801/1977 prevede la possibilità di applicare un prezzo agevolato solo ed esclusivamente per la destinazione residenziale. Ai sensi dell’art. 19 DPR 380/01, l’onere commisurato al costo di costruzione va calcolato stimando i lavori col Computo Metrico Estimativo, valutato con il Listino delle opere ed[...]

  • Contenuto informativo

    FAQ SUE n. 37

    La quantificazione degli oneri di urbanizzazione in caso di interventi su edifici esistenti, senza demolizione e ricostruzione, è disciplinata dall’art. 44 della L.R. 12/2005. L’importo dovuto alla luce dell’art. 4.1.f della L.R. 18/2019 che abroga i commi 9, 10, 10 bis, 12, 13 e 18 dell’articolo 44 della L[...]

  • Contenuto informativo

    FAQ SUE n. 36

    Tutti gli interventi edilizi qualificati di nuova costruzione ai sensi dell’art. 3 lett.e) del DPR 380/01, che sottraggono superfici agricole nello stato di fatto sono assoggettati a due distinte maggiorazioni: la prima maggiorazione del contributo di costruzione (Urb. 1° + Urb. 2° + S.r. + Costo costruzion[...]

  • Contenuto informativo

    FAQ SUE n. 35

    Il contributo di costruzione è così composto: oneri di urbanizzazione primaria; oneri di urbanizzazione secondaria; smaltimento dei rifiuti; contributo commisurato al costo di costruzione. Gli importi da utilizzare per gli oneri di urbanizzazione, sono reperibili sul sito del Comune di Milano al seguente per[...]

Nessuno risultato