25 novembre 2020 - Giornata internazionale contro la violenza di genere

A Palazzo Marino la bandiera è a mezz'asta

Sono quasi sette milioni (il 31,5 per cento della popolazione femminile tra i 16 e i 70 anni), le donne che nell'arco di una vita subiscono violenza fisica o sessuale (dati Istat).
E a metà novembre 2020 - secondo il ministero dell’Interno - erano giunti a 96 i femminicidi compiuti quest’anno. 

Per queste ragioni il 25 novembre 'Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne', anche quest'anno, Palazzo Marino (sede dell’Amministrazione comunale), esporrà la propria bandiera civica a mezz'asta.

“Un segno di lutto per tutte le vittime di femminicidio e di solidarietà alle loro famiglie -  dice Daria Colombo, Delegata del Sindaco alle pari opportunità di genere - ma anche un simbolo dell’impegno della nostra città per la sicurezza e per il diritto al rispetto di tutte le donne”.

Milano ha fatto da capofila in questa scelta, e l’esempio è stato seguito negli anni da molte importanti città italiane riunite nel "Patto dei Comuni per la parità e contro la violenza di genere”, lanciato a Milano l’8 marzo 2018.

“Quest’anno è più che mai importante stare vicino alle donne - termina Daria Colombo - perché la violenza di genere è sensibilmente aumentata durante la pandemia: le vittime devono, però, sapere che le case rifugio non chiudono mai e che il lavoro delle associazioni non si ferma.”

Di seguito le iniziative in città

"Non solo 25"

'Non solo 25' è il titolo del meeting Zoom, promosso dal Consiglio comunale di Milano e realizzato il 18 novembre 2020 con la collaborazione dell'associazione 'FareXBene'.

L'incontro - in diretta streaming - dalle ore 10 sul canale Youtube dell'associazione - dedicato a studenti, genitori e docenti, è volto alla prevenzione di ogni forma di discriminazione.

Partecipano:

  • Lamberto Bertolé, presidente del Consiglio comunale,
  • Beatrice Uguccioni, vicepresidente del Consiglio comunale,
  • Diana De Marchi, presidente della commissione Pari opportunità e Diritti civili,
  • Valentina Pitzalis, donna sopravvissuta a un tentativo di femminicidio,
  • Roberta Bruzzone, criminologa investigativa e psicologa forense,
  • Giusy Laganà, segretaria generale di FareXBene,
  • peer educators delle scuole di Milano, Monza, Palermo e Latina.

Locandina

“Stand Up: il Comune di Milano contro le molestie Nei luoghi pubblici”

Anche il Comune di Milano partecipa al progetto 'Stand Up: contro la violenza nei luoghi pubblici', il programma di formazione studiato per riconoscere e prevenire le molestie.

I dipendenti del Comune potranno seguire un corso dedicato nel quale si impara a reagire in modo corretto e come bisogna comportarsi se si assiste a un sopruso o lo si subisce.  

Il webinair si svolge il 23 novembre 2020 - dalle 10.40 alle 12 e prevede una introduzione della assessora alle Politiche per il lavoro, Cristina Tajani: “Il corso - spiega l'assessora - offre gli strumenti per riconoscere e gestire episodi di abuso e molestie contro le donne nel luogo di lavoro e nelle situazioni pubbliche; il percorso coinvolge tutti, non solo le potenziali vittime, ma anche i colleghi, e chiunque possa riconoscere i campanelli di allarme e si ponga il problema di come intervenire nel modo corretto, rispettando la sensibilità e la privacy della donna coinvolta”.  

Obiettivo del progetto Stand Up - promosso da L’Oréal Paris, in collaborazione con l’Ong Hollaback e Rcs - è raggiungere a livello internazionale un milione di persone, affinché diventino parte della community contribuendo a diffondere una nuova cultura, nella quale le molestie vengano viste come un comportamento inaccettabile.

Il coraggio delle donne - Un incontro e uno sportello di ascolto
 

Si intitola 'Connettere le solitudini. Il coraggio delle donne', l’incontro online sulla violenza psicologica tenuto da Pamela Pace, psicoanalista e psicoterapeuta. 

L’incontro si tiene lunedì 23 novembre 2020 - alle 21 sul canale Youtube dell'associazione Pollicino onlus.  

Info

Inoltre, l’associazione Pollicino onlus ha attivato - dal 23 al 29 novembre 2020 - uno 'Sportello di ascolto psicologico': uno spazio gratuito dedicato a chi cerca un sostegno o una consulenza riguardo la violenza di genere. 

Contatti: tel. 0220404762
 

Le iniziative del Municipio 6

Iniziative gratuite per la cittadinanza, i centri giovanili e le scuole, in occasione del 25 novembre 'Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne'. 

  • Lunedì 23 novembre 2020 - alle 17
  • Mercoledì 25 novembre 2020 - alle 16

Shareradio #alzalavoce contro la violenza di genere 
Radio Popolare trasmette le interviste ai giovani del quartiere, Laboratorio radio rivolto a ragazze e ragazzi del Giambellino, con interviste  a giovani del quartiere e presentazione di una canzone realizzata con il rapper Diamante, ospiti dal mondo della cultura femminile milanese. 

A cura di Shareradio e CAGlrda - In diretta streaming su Shareradio.

  • Mercoledì 25 novembre 2020 - alle 15

Le voci di dentro e di fuori 
A  conclusione del ciclo di incontri con diverse classi dell'Istituto comprensivo "Gino Capponi", reading e incontro finale del  progetto educativo  teatrale  per  la prevenzione della violenza di genere, in collaborazione con i docenti. 

A cura di CETEC Dentro/Fuori San Vittore.

  • Da mercoledì 25 novembre a venerdì 11 dicembre 2020

Uguaglianza nella diversità 
Per gli allievi e le allieve:laboratori di sensibilizzazione e di prevenzione con cinque classi terze e una classe quarta della Scuola primaria, Istituto  comprensivo Statale "Nazario  Sauro", per contrastare pregiudizi  e stereotipi  di genere e promuovere una cultura di pari dignità.

A cura delle associazioni La Conta, Janas, Artemisia.

  • Da mercoledì 25 novembre a mercoledì 16 dicembre 2020 

Benessere relazionale e dipendenze affettive 
Per gli allievi e le allieve: laboratorio esperienziale interattivo  sulle relazioni, in diretta  streaming su zoom, che coinvolgerà gli studenti del Liceo scientifico "Elio Vittorini", attraverso un ciclo di sei incontri, con l'utilizzo  del cineforum, per parlare, riflettere  e confrontarsi  sul tema delle relazioni arrivando  anche a toccare  il  livello  più  disfunzionale  nel rapporto  di coppia che riguarda le cosiddette 'dipendenze  affettive'.  

A cura della  cooperativa sociale Hikikomori - in partnership con la compagnia Teatro degli Angioli.

  • Giovedì 26 novembre, sabato 28 e lunedì 30 novembre 2020

Linkiamo 
Appuntamento virtuale: 'linkiamoci' e incontriamoci sulle pagine social di lnstagram e Facebook della scuola di danza, musiche fitness ASD - APS Arteka, per condividere tre video contro la violenza, realizzati grazie al contributo di tanti ragazzi, ragazze e adulti.

A cura di ASD APS Arteka.

Sito

  • Venerdì 4 dicembre 2020 - alle 18

"NO, storia di Franca Viola" 
Franca Viola è stata la prima donna italiana a rifiutare il matrimonio riparatore (un istituto giuridico previsto dall'articolo 544 del Codice penale, che estingueva la pena per stupro per gli uomini che sposavano la loro  vittima); un NO che farà la storia: 26 anni dopo, infatti, il 5 agosto del 1981, il matrimonio riparatore veniva abolito. 

Spettacolo teatrale di Chiara Boscaro, con Sara Urban - Regia di Alessia Gennari.

A cura di Cde Creta e Cde Paspartù Azione Solidale - In diretta streaming sul canale Youtube.

Locandina
 

Quando le istituzioni non proteggono le donne 

La 'Casa delle donne maltrattate' di Milano (Cadmi) attraverso la guida “La doppia violenza - Violenza sulle donne, istituzioni e vittimizzazione secondaria”, richiama l’attenzione su un problema troppo spesso trascurato, quello della violenza istituzionale; come ben sanno le donne, e le operatrici che lavorano accanto a loro, accade ancora troppo spesso che durante i percorsi legali, sanitari, sociali, non venga riconosciuta la violenza o il pericolo, si metta in discussione la parola della donna e le sue scelte di vita siano giudicate.

La presidente di Cadmi, Manuela Ulivi afferma che “la doppia violenza consente al violento di sentirsi quasi tutelato da chi dovrebbe fargli pesare il comportamento tenuto; la doppia violenza si verifica quando è la donna a fuggire con i figli, a nascondersi e poi viene messo in discussione ciò che ha fatto; la doppia violenza si verifica quando viene imposto alla donna di confrontarsi o trattare con il violento”. 

Dal 24 novembre 2020 parlano di questo tema:

  • Manuela Ulivi, presidente di Cadmi,
  • Alessandra Simone, primo dirigente della Polizia di Stato,
  • Cristina Carelli, coordinatrice generale di Cadmi,
  • Caterina Arcidiacono, comitato Protocollo di Napoli,
  • Francesca Garisto, vice presidente di Camdi,
  • Fabio Roia, presidente vicario del tribunale di Milano.

L’incontro verrà pubblicato sul sito di Cadmi.

Sito
 

La 'Panchina Rossa' alla Fabbrica del Vapore 

La Fabbrica del Vapore, il noto spazio milanese di via Procaccini in cui si intrecciano mostre, eventi culturali, laboratori creativi, inaugura a distanza, martedì 24 novembre 2020 - alle 14.30 la propria 'Panchina Rossa' contro la violenza sulle donne.  

Partecipano:

  • Anna Scavuzzo, vicesindaco e assessore alla Sicurezza del Comune di Milano,
  • Diana De Marchi, presidente della commissione Pari opportunità del Comune di Milano,
  • Fabrizio Chirico, direttore Area formazione e politiche giovanili del Comune di Milano,
  • Giulia Pelucchi, vice presidente del Municipio 8 del Comune di Milano,
  • Laura Tanzi, presidente di 'TheArtLandAps',
  • Marina Sironi, di 'Libere Sinergie'  e coordinatrice del progetto 'Amabilità'. 

Introduce e modera:

  • Michele Papagna, presidente di 'Acea Odv'. 

Locandina

L’evento potrà essere seguito in diretta sulla pagina Facebook:

Link
 

Donne con gli attributi? Stereotipi e linguaggi che uccidono

E’ il titolo dell’incontro - in diretta streaming - che si tiene il 24 novembre 2020 - dalle 18 alle 19.30

Partecipano:

  • Diana De Marchi, presidente della commissione Pari opportunità del Comune Milano,
  • Fabio Roia, presidente vicario del tribunale di Milano,
  • Maria Luisa Agnese, giornalista del Corriere della Sera,
  • Laura Cossar, avvocato matrimonialista,
  • Sabrina Scampini, giornalista Mediaset e autrice televisiva,
  • Paolo Giulini, criminologo e responsabile del Presidio criminologo territoriale del Comune di Milano.

Modera:

  • Elisa Greco, comunicatrice e autrice del format 'Il Ring delle idee'.

Contributo:

  • Andrée Ruth Shammah, regista e direttrice artistica del teatro Franco Parenti. 

Locandina

Live streaming su: www.corriere.it
 

Premio Milano Donna 2020
 

Centro Milano Donna 2

  • 24 novembre - 1, 10 e 15 dicembre 2020 - dalle 10.30 alle 11.30

Gruppi di parola
Per tutte coloro che rischiano di sentire maggiormente il peso della solitudine, ma anche per quelle che sperimentano le conseguenze dell’emergenza sanitaria e che si trovano a fronteggiare difficoltà quali la perdita del lavoro, la fine di una relazione significativa la morte di una persona cara.

  • 25 novembre - 2, 9 e 16 dicembre 2020 - dalle 19 alle 19.30

Laboratorio di scrittura creativa
Offre alle donne la possibilità di riscrivere la propria storia, accrescere insieme l’immaginario, moltiplicare i punti di vista, relativizzare le posizioni, sociali e culturali, alimentando e potenziando la ricchezza dello scambio.

  • 24 novembre - 1 e 15 dicembre 2020 - dalle 16 alle 17

Laboratorio esperenziale di arte-terapia
Fornisce alle donne i rudimenti e la possibilità di sperimentare diverse tecniche espressive, anche se di fatto non è soltanto l'acquisizione della tecnica lo scopo del percorso, ma quello di utilizzare linguaggi non verbali per favorire e potenziare le capacità cognitive, comunicative e relazionali.

  • 1 dicembre 2020 - alle 15

Workshop sulla salute della donna
Le conseguenze del distanziamento sociale sulla salute psicologica.
 

Municipio 4

  • 24 novembre - 1, 10 e 15 dicembre 2020 - dalle 9.30 alle 10.30

Gruppi di parola
Per tutte coloro che rischiano di sentire maggiormente il peso della solitudine, ma anche per quelle che sperimentano le conseguenze dell’emergenza sanitaria e che si trovano a fronteggiare difficoltà quali la perdita del lavoro, la fine di una relazione significativa la morte di una persona cara.

  • 25 novembre - 2, 9 e 16 dicembre 2020 - dalle 18.15 alle 18.45

Laboratorio di scrittura creativa
Offre alle donne la possibilità di riscrivere la propria storia, accrescere insieme l’immaginario, moltiplicare i punti di vista, relativizzare le posizioni, sociali e culturali, alimentando e potenziando la ricchezza dello scambio.

  • 24 novembre - 1 e 15 dicembre 2020 - dalle 15 alle 16

Laboratorio esperenziale di arte-terapia
Fornisce alle donne i rudimenti e la possibilità di sperimentare diverse tecniche espressive, anche se di fatto non è soltanto l'acquisizione della tecnica lo scopo del percorso, ma quello di utilizzare linguaggi non verbali per favorire e potenziare le capacità cognitive, comunicative e relazionali.

  • 1 dicembre 2020 - alle 15

Workshop sulla salute della donna
Le conseguenze del distanziamento sociale sulla salute psicologica.
 

Municipio 6

  • 24 novembre - 1, 10 e 15 dicembre 2020 - dalle 11.30 alle 12.30

Gruppi di parola
Per tutte coloro che rischiano di sentire maggiormente il peso della solitudine, ma anche per quelle che sperimentano le conseguenze dell’emergenza sanitaria e che si trovano a fronteggiare difficoltà quali la perdita del lavoro, la fine di una relazione significativa la morte di una persona cara.

  • 26 novembre - 3, 10 e 17 dicembre 2020 - dalle 18.30 alle 19

Laboratorio di scrittura creativa
Offre alle donne la possibilità di riscrivere la propria storia, accrescere insieme l’immaginario, moltiplicare i punti di vista, relativizzare le posizioni, sociali e culturali, alimentando e potenziando la ricchezza dello scambio.

  • 24 novembre - 1 e 15 dicembre 2020 - dalle 17 alle 18

Laboratorio esperenziale di arte-terapia
Fornisce alle donne i rudimenti e la possibilità di sperimentare diverse tecniche espressive, anche se di fatto non è soltanto l'acquisizione della tecnica lo scopo del percorso, ma quello di utilizzare linguaggi non verbali per favorire e potenziare le capacità cognitive, comunicative e relazionali.

  • 1 dicembre 2020 - alle 15

Workshop sulla salute della donna
Le conseguenze del distanziamento sociale sulla salute psicologica.
 

Contatti Telefono Donna: tel.  026444.4006 - email: info@telefonodonna.it 

Daria Colombo intervista il magistrato Fabio Roia  per la web-radio del Comune

In occasione del 25 novembre - 'Giornata internazionale contro la violenza sulle donne' - in onda il terzo appuntamento della rubrica settimanale “Milano. L'Altro Sguardo” , dalla web-radio del Comune.

Questa volta, la tematica sarà dedicata alle politiche e alle buone pratiche per contrastare la violenza sulle donne.

La delegata del sindaco alle Pari opportunità di genere, Daria Colombo ne parlerà con:

  • Miriam Pasqui, responsabile della 'Rete Antiviolenza' del Comune di Milano,
  • Fabio Roia, magistrato, da trent'anni a fianco delle donne in questa battaglia.

Come ogni mercoledì, anche in occasione della 'Giornata internazionale contro la violenza sulle donne', la rubrica andrà in onda il 25 novembre 2020 - dalle 17  e può essere ascoltata attraverso apposito Link (vedi sotto) oppure collegandosi al sito del Comune.   

Link

L’intervista - registrata in podcast - potrà essere riascoltata in qualsiasi momento. 

Sito


Un video-racconto promosso dalla Camera dei Deputati 

In occasione del 25 novembre - 'Giornata internazionale contro la violenza sulle donne' - verrà presentato in streaming sulla web-tv della Camera dei Deputati il video-racconto “Non chiedermelo. Non è importante”, che vede la partecipazione anche dell’attrice Paola Cortellesi.

Il progetto, organizzato in collaborazione con il Centro Antiviolenza 'Cerchi d’Acqua' di Milano, che dal 2000 offre alle donne un sostegno per uscire dalla violenza, è un racconto sull'installazione artistica “Com'eri vestita?”: un viaggio dentro le storie e gli abiti di donne sopravvissute alla violenza sessuale.

Troppo spesso la domanda “Cosa indossavi? Com'eri vestita?” sottende una sfumatura accusatoria, come a dire “Te la sei un po’ cercata…”; per questo è necessario promuovere un cambiamento culturale: la violenza sessuale non può essere eliminata cambiando look o più semplicemente abito.

Il progetto, promosso dalla vice presidente alla Camera, Maria Edera Spadoni nasce con l’intento di smentire gli stereotipi sulla violenza, confutando l’idea che in qualsiasi modo, le donne abbiano attirato a sé la violenza. 

Il video verrà trasmesso sulla web-tv di Montecitorio il 25 novembre 2020 - alle 10 - a cui seguirà un incontro in video-conferenza a cui parteciperanno:

  • Roberto Fico, presidente della Camera dei Deputati,   
  • Maria Edera Spadoni, vice presidente della Camera dei Deputati,
  • Graziella Mazzoli, presidente del Centro Antiviolenza 'Cerchi d'Acqua' di Milano.

Interverrà con un saluto in video-collegamento:

  • Elena Bonetti, ministra per le Pari Opportunità e la famiglia.
     

"Adesso Libere", un video contro la violenza di genere 

In occasione della 'Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne', PACTA dei Teatri e Soccorso Rosa onlus, presentano il 25 novembre 2020 - sul canale YouTube di 'PACTAdeiTeatri SALONE' - il video "Adesso Libere", un intervento corale contro la violenza di genere.  

Il video riprende l’incontro-spettacolo andato in scena al PACTA SALONE di Milano - a cura e con Armando Cecatiello - avvocato e autore del libro “Adesso basta! Istruzioni contro l’abuso”, dal quale sono stati tratti i brani dell’incontro-spettacolo.

Lo spettacolo racconta le storie vere di donne che hanno molto sofferto, ma che sono riuscite a salvarsi la vita. 

Intervengono:

  • Maria Eugenia D’Aquino e Annig Raimondi, attrici,
  • Carlo Alfredo Clerici, medico specialista in Psicologia clinica e docente all'università Statale,
  • Diana De Marchi, presidente della commissione Pari opportunità e Diritti civili. 

La visione è gratuita.

Link
 

Al Municipio 5 una celebrazione del Lions Club 

Accanto alla 'Panchina rossa' (allestita dal Lions Club nel territorio del Municipio 5), l'associazione filantropica realizza per il 25 novembre, 'Giornata internazionale contro la violenza sulle donne', una nuova iniziativa.

Verranno letti alcuni testi che raccontano l’evoluzione della normativa di genere per evidenziare la necessità di un rinnovamento culturale che coinvolga tutti: uomini e donne.

Solo così, infatti, sarà possibile combattere gli stereotipi di genere che sono alla base della violenza contro le donne. 

Per partecipare all'evento, però, occorre inviare una email (vedi sotto).

Link


L’incontro dell’istituto Giorgi per dire 'NO alla violenza'  

L’Istituto superiore Giorgi di viale Liguria, organizza per mercoledì 25 novembre 2020 - alle 19:30 un incontro a distanza dal titolo: “Uniti per abbattere il muro del silenzio, insieme diciamo NO alla violenza”. 

Intervengono:

  • Diana De Marchi, presidente della commissione Pari opportunità e Diritti civili,
  • Cinzia Fantozzi, artista,
  • Agnese Coppola, poetessa e scrittrice,
  • Gianluca Palazzo, avvocato e sindaco di Rotondella,
  • Cosma Salvatore, sindaco di Tursi,
  • Paola Bastonini, presidente di FIDAPA BPW Italy - sezione Mediolanum,
  • Rachele Capristo, vice presidente di FIDAPA BPW Italy - sezione Mediolanum. 

Modera:

  • Domenica Tufaro, responsabile per la Cultura di FIDAPA BPW Italy - sezione Mediolanum.

Locandina
 

Nasce il sito della Rete Antiviolenza del Comune di Milano 

A Milano esiste una Rete di associazioni ed enti che collabora con il Comune per combattere ogni giorno la violenza di genere; la Rete è composta da 13 soggetti che operano nelle case rifugio, negli ospedali e anche attraverso telefoni amici per sostenere le donne che hanno subito maltrattamenti, violenze e stalking; oltre all'accoglienza e all'ascolto, la rete delle associazioni offre alle donne un percorso di fuoriuscita dalla violenza attraverso la presa in carico sociale, l’assistenza legale e sanitaria, il sostegno psicologico, l’orientamento al lavoro.

Il 25 novembre 2020 la Rete inaugura il proprio sito Internet, attraverso il quale sarà possibile conoscere i soggetti che ne fanno parte, i recapiti per contattarli e i servizi offerti alle donne. 

Sito
 

Non più violenti: un percorso rivolto agli uomini

L’associazione culturale 'Forum Lou Salomè' dal 2012 realizza per il territorio di Milano il programma “Uomini non più violenti si diventa”, per il trattamento e il recupero dei maltrattanti: un programma che prosegue con incontri distanza anche durante il lockdown.   

“E’ importante far conoscere questo tipo di iniziative - dice Chantal Podio, presidente dell'associazione - diversi uomini vorrebbero interrompere i loro comportamenti violenti, ma non sanno che esiste la possibilità di riuscirci anche attraverso un sostegno, a volte sono le stesse donne a chiedere il nostro intervento; per questo, con l’aiuto della 'Scuola di cinema e spettacolo' di Milano, abbiamo ideato due spot che spiegano come contattarci".

Gli spot - patrocinati dai Municipi 5 e 8 - sono visibili attraverso un Link sul sito dell'associazione. 

Sito
 

Un incontro online di Progetto Aisha

Per il 25 novembre l’associazione 'Progetto Aisha' realizza un incontro con Marisa Iannucci, specializzata in Lingua e cultura araba presso l'Istituto per l'Africa e l'Oriente di Roma, in Scienze politiche e relazioni internazionali e in Cooperazione internazionale e tutela dei diritti umani in Eurasia, presso l'Università di Bologna. 

L’incontro si terrà in diretta - alle 19 - sulla pagina Facebook (vedi sotto) e su Instagram. 

Link
 

Scarpette rosse all’Ortica  

Per il 25 novembre - Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne - l’associazione Ortica Memoria presenta il progetto 'Scarpette Rosse', che è patrocinato dal Municipio 3.

Si tratta di una sorta di 'Via crucis' laica, un’installazione artistica articolata in sette Stazioni che coinvolge i quartieri milanesi tra l'Ortica e Cimiano, è un’opera partecipata, perché realizzata grazie al contributo volontario dei singoli cittadini e delle associazioni di quartiere; inoltre al progetto ha collaborato il Gruppo Pari Opportunità della Rai di Milano con la realizzazione di un video che documenta l’installazione.  

Le 'Stazioni' ospitano un numero variabile di Scarpette rosse e di Targhe commemorative, dedicate alle donne vittime di violenza durante il periodo del lockdown: le Scarpette rosse rappresentano la traccia di ciò che le donne vivono, lo strazio e la paura che provano, il sangue che ogni giorno versano per mano di mariti ed ex mariti, amanti, fidanzati, fratelli, figli e padri; mentre le Targhe commemorative raccontano il loro calvario e la loro storia della violenza subita.

Il materiale è per la maggior parte raccolto dalle pagine di cronaca nera e in misura minore è fornito dai Centri Antiviolenza operanti sul territorio; il materiale raccolto è stato rielaborato dalla drammaturga Elena Cerasetti in forma di monologo interiore, per dare voce a chi una voce non l’ha più, ma anche alle donne che ce l’hanno fatta a uscire dalla spirale della violenza.  

L’obiettivo del progetto, infatti, è quello di tenere viva l’attenzione sul dramma del femminicidio e al contempo ricordare che comunicare, fare rete e creare spazi di ascolto è una alternativa possibile.  

Aderiscono al progetto 'Scarpette Rosse': Ortica Memoria (Or-Me), Circolo dell'Ortica, Coop - Ortica, Cooperativa Antonietta, Oikia, Acli - Lambrate, Mai da Sole - Centro Antiviolenza, Cortili Solidali, Aned, Anpi, Anpc, Spi, Vivi Rubattino e Mamme Rubattino. 
 

Il progetto educativo della Fondazione Somaschi 

Si chiama “Mi riconosci. Educare alla parità di genere” il progetto della Fondazione Somaschi per la prevenzione della violenza di genere e del maltrattamento domestico che si concretizza con percorsi formativi nelle scuole e nei luoghi di aggregazione giovanile, infatti la violenza è un atteggiamento che si perpetua a si auto-alimenta tra e nelle generazioni: per questo è indispensabile agire in termini di prevenzione.

Il progetto è declinato in moduli diversi a seconda dell’età; il denominatore comune degli interventi è quello di stimolare negli alunni una riflessione capace di disinnescare gli stereotipi e di costruire con loro possibili modelli alternativi di gestione dell’affettività e di riconoscimento del valore dell’altro. 

Gli appuntamenti di formazione si svolgeranno sulla piattaforma Zoom

  1. Mercoledì 25 novembre 2020 - dalle 18:30 alle 20
    "Parità di genere. Azioni e visioni da mettere in pratica insieme"
  2. Mercoledì 9 dicembre 2020 - dalle 18:30 alle 20
    "Cassetta degli attrezzi. Per riconoscere e contrastare al violenza di genere". 

La partecipazione è gratuita.

Iscrizione a uno o a entrambi gli incontri online:

Link

La Rete del Comune a sostegno delle donne straniere 

La 'Rete Antiviolenza' del Comune di Milano realizza un intervento specifico a supporto delle donne straniere, per le quali le difficoltà sono spesso accentuate dalla mancata conoscenza della lingua, dei servizi e dei propri diritti oltre che dall'isolamento nel quale spesso vivono.  

In occasione del 25 novembre - 'Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne' - la Rete organizza un incontro di approfondimento e di formazione rivolta alle mediatrici culturali sensibili al tema; l’obiettivo primario è quello di costruire una relazione duratura nel tempo, che permetta un intervento tempestivo e concertato. 

L’incontro - gratuito - si svolge venerdì 27 novembre 2020 - dalle 9 alle 11 sulla piattaforma Zoom

Le iscrizioni si ricevono - entro il 25 novembre 2020 - compilando, online, un modulo di partecipazione.

Form
 

Colombo, De Marchi, Pelucchi, Romani:  la tavola rotonda di Errante 

L’associazione culturale 'Errante' - che ha sede nel Municipio 8  in via Luigi Capuana, 3 - per la 'Giornata internazionale contro la violenza sulle donne' organizza sabato 28 novembre - alle 16 un dibattito, a distanza, al quale partecipano:

  • Daria Colombo, delegata del Sindaco alle Pari opportunità di genere,
  • Diana De Marchi, presidente della commissione Pari opportunità,
  • Gaia Romani, presidente della commissione Politiche sociali del Municipio 8,
  • Giulia Pelucchi, assessora alle Pari opportunità,  cultura, educazione del Municipio 8.  

Si parlerà dell’indipendenza economica delle donne, delle difficoltà incontrate nel conciliare vita privata e lavoro, dei fattori socio culturali alle radici del fenomeno della violenza di genere. 

Info: tel. 3756324205 

Il dibattito potrà essere seguito sulla pagina Facebook dell'associazione.

Link

"Quanto tempo ancora" 

Domenica 29 novembre 2020 - alle 16 'Progetto Aisha', associazione che difende le donne musulmane (e non solo) dalla violenza di genere, propone l’incontro “Quanto tempo ancora”, condotto dalla presidente dell'associazione, Selma Ghrewati e dalla consigliera Sara Sayed.

'Quanto tempo ancora', è la domanda che sorge spontanea quando si sente parlare di violenza di genere: "E' il flusso dei nostri pensieri quando parliamo di disparità, di ingiustizie e di vulnerabilità", afferma Amina Natasha al Zerr, vice presidente dell'associazione.

L’incontro - gratuito e a numero chiuso (prevede al massimo 10 partecipanti) - si svolge sulla piattaforma Zoom (se le richieste fossero numerose verrà riprogrammato la settimana prossima).

Iscrizione

Info: tel. 3405409104

"Il mito di Sisifo"

  • Venerdì 11 dicembre 2020 - alle 17

La rappresentazione, a cura del 'Gruppo della trasgressione' ruota intorno al 'Mito di Sisifo' che, colpevole di sagacia e arroganza, venne condannato da Zeus a far rotolare, per tutta la vita, un macigno.

L'arroganza è spesso alla base del percorso che porta alla violenza, processo che lo spettacolo pone in evidenza, offrendo qualche spunto per risolverlo. 

Iniziativa gratuita e online sulla pagina Facebook del Municipio 5.

Link

"Scatola nera - Abuso d'amore"

  • Sabato 19 dicembre 2020 - tutto il giorno

Spettacolo a cura della compagnia teatrale 'Brahma Teatro' - Regia Marco Beljulji.  

La 'Scatola nera' è un luogo metaforico in cui molte persone, soprattutto donne, si trovano rinchiuse, è un luogo di resistenza e di memoria indelebili, in cui è difficile distinguere la protezione dalla reclusione: l’abuso d'amore, psicologico e fisico, è il termine concreto a cui si riferisce lo spettacolo.

Attraverso storie vere, si ha la possibilità di comprendere con profondità le dinamiche di questa realtà molto spesso chiusa in una 'scatola nera', appunto, a cui nessuno può o riesce ad accedere.

Online sulla pagina Facebook (vedi sotto) del Municipio 5.

Link

Le coperte 'fai da te' che sostengono le donne 

Le cittadine e, perché no, i cittadini milanesi sono invitati a partecipare a un grande, corale progetto, che si chiama 'Viva Vittoria Milano', patrocinato dal Comune di Milano.

Si tratta di realizzare quadrati di lana o di cotone, 50 centimetri per lato, che serviranno a creare coperte colorate da vendere e trasformare in fondi per le associazioni che si occupano di contrasto alla violenza di genere. I quadrati verranno poi raccolti e cuciti insieme con un filo rosso  (simbolo dell’unione tra le donne) a formare centinaia di coperte.

Il 6 e il 7 marzo 2021 tutte le coperte ottenute saranno esposte nella piazzetta davanti a Palazzo Reale in una speciale e scenografica installazione pubblica  e vendute dietro libera offerta, il cui ricavato andrà a 'Telefono Donna' e 'SVS - Donna aiuta Donna': due associazioni che si occupano di sostegno e cura delle donne maltrattate per il loro reinserimento nella società. 

“La peculiarità del progetto milanese, che è inserito nel palinsesto 'I Talenti delle Donne' dell'assessorato alla Cultura, è quella di tentare di coinvolgere direttamente più persone possibili che è, poi, il modo migliore - spiega Daria Colombo, delegata del Sindaco alle Pari opportunità di genere - per sensibilizzare: abbiamo attivato una rete di punti per la realizzazione e la raccolta dei 'quadrati' sul territorio, a partire dai 'Centri Milano Donna' nei Municipi e coinvolgendo anche sedi associative e negozi di quartiere che riapriranno alla fine del lockdown; 'Viva Vittoria Milano' inaugurerà, a breve, anche un proprio spazio in via Amatore Sciesa, 20 all'interno del quale le coperte verranno cucite, l’appuntamento finale sarà in piazzetta Reale in occasione della 'Giornata della donna' del 2021: spero che siano tante e tanti, giovani e meno giovani, a voler dare il proprio contributo”. 

Sito

Info

Youtube

Aggiornato il: 26/11/2020