Pioppeto Bovisasca

Informazioni

Municipio 9
Indirizzo: via Bovisasca
Ingresso libero
Come arrivare: bus 41, 82
Superficie: 38.500 mq
Anno di realizzazione: 2000
Progettista: Ufficio Tecnico Comune Milano

Cosa fare al parco

  • 2 aree giochi
  • passeggiare
  • sosta e relax
  • correre e andare in bicicletta lungo i viali del parco
  • area cani

Il parco in breve 

Il parco nasce dove precedentemente sorgeva un vecchio pioppeto agricolo e mantiene la disposizione ordinata e regolare del filare di alberi e rogge tipico della campagna lombarda. Richiama il paesaggio della pianura padana anche il frutteto di meli in fiore e i pioppi tremuli lungo i bordi mentre i salici e gli aceri, un tempo usati come frangivento, fungono ora da barriera acustica contro il traffico.
Altri alberi che è possibile osservare sono il ciliegio, il frassino e le macchie di colore delle rose lungo i bordi.

Il disegno del parco mantiene la memoria della campagna lombarda, con il suo assetto regolare e ordinato.

Il pioppeto è stato ricreato con la varietà di pioppo dalle foglie argentate e dalla bellissima corteccia bianca. La maglia regolare, a quinconcia, tipica delle colture agricole della Pianura Padana, delinea la struttura del parco. La necessità di creare spazi differenti, quali radure, boschetti, aree gioco, ha fatto sì che i filari venissero interrotti, lasciando spazi aperti a viste prospettiche sempre differenti. La campagna lombarda viene ancora rievocata nel “frutteto” di meli da fiore (Malus ‘Red Sentinel’) o nel gruppo di pioppi tremuli (Populus tremula) che caratterizzano le due aree gioco.

Lungo il perimetro, come nelle rogge, gruppi di salici (Salix alba), ornielli (Fraxinus ornus) e aceri campestri (Acer campestre), un tempo utilizzati come frangivento, formano una quinta di protezione sia acustica che visiva verso la strada di grande traffico. Fiori, profumi e bacche si susseguono tutto l’anno nelle macchie arbustive di peri corvini, viburni, noccioli e rose canine.

Un morbido sentiero, pavimentato in calcestre, percorre tutto il parco, segnato da quattro “signore”: querce di varietà differenti che nel tempo diventeranno gli elementi monumetali di questo piacevole spazio.

Flora:
Principali specie arboree:

  • acero campestre (Acer campestre)
  • agolaro (Celtis australis)
  • ciliegio (Prunus avium)
  • farnia (Quercus robur)
  • frassino comune (Fraxinus excelsior)
  • melo (Malus pumila)
  • pioppo (Populus nigra, P. alba e P. tremula)
  • querce (Quercus rubra e Q. palustris)
  • salice (Salix alba).

tra le specie arbustive:

  • biancospino (Crataegus monogyna)
  • nocciolo (Corylus avellana)
  • pero corvino (Amelanchier canadensis)
  • pallon di maggio (Viburnum opulus)
  • rosa selvatica (Rosa canina).

 Acqua e dintorni:
sono presenti numerose rogge

Coltura e Cultura
Percorsi botanici: lungo i bordi sono presenti cespugli ornamentali (rose arbustive ecc.)

Benessere e sport

  • Area giochi: due aree attrezzate
  • Correre nel parco: è possibile fare jogging lungo i percorsi
  • Andare in bicicletta: è consentito a velocità limitata lungo i percorsi

Pausa e caffè
Chioschi e bar: non sono presenti strutture fisse ma saltuariamente chioschi mobili
 
Utilità e Servizi

  • Area cani: 1, per una superficie di 1000 m²
  • Sicurezza: periodicamente è previsto un servizio di sorveglianza a cura delle GEV
  • Pavimentazione: calcestre