Parco Franco Verga

Informazioni

Municipio 8 
Indirizzo: via Eritrea e Castellammare
Ingresso dalle 6:30 alle 22
Come arrivare: tram 12, 19; bus 40, 57
Superficie: 220.00 m2
Anno di realizzazione: 2005-2013
Progettisti: Diana Amstrong Bell Landscape Design, Comune Milano, EuroMilano s.p.a.

Cosa fare al parco

  • aree giochi: castello a tre piani e un ponte tibetano
  • passeggiare
  • sosta e relax
  • correre e andare in bicicletta
  • campi sportivi: basket e calcetto
  • 4 piazze, di cui tre agli ingressi principali e una centrale
  • Area cani

Il parco in breve

L'acqua è uno degli elementi più importanti di questo grande parco, progettato dalla paesaggista inglese Diana Armstrong Bell. Dopo la bonifica dell'area, in passato occupata dalla raffineria Fina, il parco è progettato per riprodurre la campagna lombarda, con il suo sistema di canali e i filari di pioppi. L'acqua, attraverso un sistema di pendenze, arriva in piazze rinfrescate da fontane, in aree gioco con getti verso l'alto e in canali accanto ai percorsi a piedi.

Grazie a un importante intervento di riqualificazione urbana, gli oltre 450.000 m² occupati fino al 1990 dagli impianti della raffineria Fina sono stati trasformati in un quartiere residenziale attrezzato con un grande parco urbano. Sono state realizzate imponenti opere di bonifica ambientale.

L'architetto inglese Diana Armstrong Bell ha tracciato le linee guida del progetto, con l’intenzione di creare continuità tra l’area verde urbana e il paesaggio della pianura padana. Infatti il disegno del parco si ispira alle linee rette dei sentieri rurali sopraelevati delle risaie - capezzagne - e dei canali adacquatori, mentre le geometrie riprendono le forme tipiche dei pioppeti.

L'acqua si afferma come uno degli elementi più importanti e caratterizzanti del parco, grazie ai numerosi canali e fontane. Le quattro piazze comprese nel progetto sono punti di partenza per passeggiate, luoghi di incontro con bar all’aperto, di gioco e di svago.

Tre piazze sono state posizionate agli ingressi principali, mentre la piazza principale è racchiusa in un teatro verde. Il parco può contare inoltre su due aree gioco, due campi sportivi, diversi piccoli giardini fioriti racchiusi da siepi e un'area orti.

Flora
Principali specie arboree:

  • acero riccio (Acer platanoides)
  • carpini (Carpinus betulus e betulus‘Pyramidalis’)
  • farnia (Quercus robur)
  • frassino comune (Fraxinus excelsior)
  • ontano napoletano (Alnus cordata)
  • pioppi (Populus canescens e P. tremula)
  • pioppo cipressino (Populus nigra ‘Italica’)
  • sofora (Sophora japonica)
  • tigli (Tilia euchlora e T. cordata).

Coltura e Cultura

  • Alberi protagonisti: bosco di giovani pioppi bianchi (Popolus alba) e, sul rilevato, filari di giovani tigli (Tilia spp)
  • Orti urbani: area appositamente destinata a orti (da realizzare).

Benessere e sport

  • Area giochi: 2 piazze progettate espressamente per i più piccoli con diverse strutture per il gioco, tra cui un notevole castello a tre piani, sculture di terra, scivoli a tunnel, piramide di corda per le arrampicate e ponte tibetano.
  • Correre nel parco: è possibile fare jogging lungo i percorsi 
  • Andare in bicicletta: è consentito a velocità limitata lungo i percorsi
  • Campi sportivi: campi da basket e calcetto.

Pausa e caffè
Chioschi e bar: piazza con bar all’aperto e 4 chioschi che saranno aperti prossimamente

Utilità e Servizi
Area cani: 1

Media gallery

Canali artificiali e particolare terrapieno del viale centrale
Vista aerea - Area gioco
Vista aerea
Vista aerea