Moneta - Programma Integrato di Intervento

Programma Integrato di Intervento (P.I.I.) relativo all’area e agli edifici di via Ernesto Teodoro Moneta, nn. 40-54

Il Programma Integrato d’Intervento si localizza nell’area del quadrante nord-ovest di Milano, in località Affori e confina ad est con il Parco storico vincolato di Villa Litta, a nord-ovest con il tracciato delle Ferrovie Nord Milano, a sud-ovest con un’area industriale in esercizio ed infine a sud con la via Moneta.

Il P.I.I. si sviluppa con l’obiettivo di riqualificare da un punto di vista funzionale, ambientale ed edilizio un comparto di quasi 4 ettari di estensione in adiacenza al Parco di Villa Litta e di riqualificare il sistema di connessione pedonale tra l’ambito di intervento e il borgo di Affori.

Dopo la stipula della convenzione attuativa nel 2014, a seguito di cambio della proprietà, è stato reimpostato l’assetto complessivo della funzione residenziale prevista attraverso il passaggio da un insediamento prevalentemente a regime libero ad uno quasi completamente di housing sociale.

Il progetto in particolare prevede:

  • l’insediamento di nuove funzioni residenziali articolate come segue: 60% min. di residenza convenzionata agevolata, 30% max. di residenza convenzionata ordinaria con obbligo dei requisiti soggettivi e il 10% max. di co-housing, oltre alla previsione di una quota di 250 mq. max. di spazi da destinare a servizi convenzionati connessi con la residenza;
  • l’ampliamento del Parco di Villa Litta con la sistemazione di nuove aree a verde per oltre 16 mila mq.;
  • la realizzazione di un sistema di parcheggi pubblici e di uso pubblico lungo la via Moneta, nonché di estensione/riqualificazione della rete dei sottoservizi;
  • la realizzazione dei marciapiedi (oggi pressoché inesistenti) nel tratto iniziale di via Moneta (convertita a senso unico);
  • la semaforizzazione dell’incrocio Pedroni/Grazioli/Leningrado.

In attuazione
Funzioni private in corso di realizzazione; titoli abilitativi per interventi pubblici in corso di rilascio.

A seguito della reimpostazione del 2017, il nuovo assetto planivolumetrico prevede un abbassamento delle altezze degli edifici e una loro distribuzione ortogonale rispetto alla via Moneta che consente una permeabilità visiva e fruitiva tra la stessa e il Parco.

L’ampliamento del Parco consente un’estensione del sistema dei percorsi pedonali, oltre al recupero della Cappellina degli Appestati.

Per la connessione del Parco con l’ambito ad ovest della ferrovia, il Comune sta completando le verifiche tecniche ed economiche per la realizzazione di passerella ciclopedonale, originariamente prevista tra le opere a scomputo del P.I.I.

Gallery

Argomenti: