R-Home - Roma - Housing, Opportunities, Mobilisation and Empowerment

Il Comune di Milano (Area Diritti, Inclusione e Progetti – Unità Diritti e Grave Emarginazione) è partner del progetto europeo “R-HOME - Roma: Housing, Opportunities, Mobilisation and Empowerment”, proposto da Fondazione Caritas Ambrosiana.

N.B: Il contenuto di questa pagina rappresenta unicamente le opinioni dell'autore ed è sua responsabilità. La Commissione Europea non si assume alcuna responsabilità per l'uso che può essere fatto delle informazioni in essa contenute.

L’obiettivo del progetto R-HOME è contribuire alla lotta contro le discriminazioni verso i Rom concentrandosi su due aspetti:

  • ridurre le discriminazioni rispetto all’accesso alla casa, attraverso una miglior comprensione delle problematiche abitative e fornire  ai Rom gli strumenti e le conoscenze per far valere i propri diritti
  • supportare l’inclusione sociale dei Rom attraverso un percorso di empowerment, promuovendo la loro partecipazione attiva e favorendo lo sviluppo di un attivismo dei Rom e per i Rom.

La casa, uno dei diritti fondamentali dell’uomo sanciti dalla legislazione internazionale, è stata identificata come questione chiave del progetto in quanto vivere in situazioni inadeguate e segregate genera gravi problemi anche in altri aspetti della vita, quali l’educazione, l’occupazione e la salute. Condizioni abitative inadeguate hanno un impatto negativo sulla possibilità di inclusione sociale.

È necessario quindi trovare delle soluzioni per ridurre il divario tra i Rom e il resto della popolazione riguardo l’accesso ad abitazioni salubri e sicure e ai servizi essenziali come acqua potabile, elettricità e gas.

Per contribuire a questo obiettivo ambizioso, le attività del progetto sono finalizzate a migliorare la conoscenza delle condizioni abitative dei Rom e delle politiche abitative nei paesi partner, sia da un punto di vista teorico, ma anche ascoltando le esperienze e le opinioni degli stessi Rom.

La problematica affrontata ha molteplici dimensioni:

  • interessa le politiche locali e nazionali
  • coinvolge le opinioni e i pregiudizi della società 
  • chiama in causa la capacità dei Rom di diventare parte attiva della vita sociale e politica. 

Nonostante l’importanza di un loro coinvolgimento, le comunità Rom hanno difficoltà a sviluppare percorsi di partecipazione attiva.

L’empowerment è fondamentale per svolgere un ruolo attivo nella società, di fatto i Rom sono spesso oggetto di politiche e azioni realizzate da altri.

Solo in rari casi i Rom hanno rappresentanti eletti nei governi locali o nazionali.

L’empowerment è particolarmente importante per i giovani e le donne.

Le donne, infatti, sono vittime di molteplici discriminazioni e un miglioramento delle loro condizioni ha un impatto diretto sulla famiglia e la comunità.

I giovani, d’altro canto, rappresentano il futuro e sono la chiave per spezzare il circolo vizioso delle discriminazioni e della povertà intergenerazionale.

Il Progetto è finanziato dal programma Rights, Equality and Citizenship Programme 2014-2020 dell’Unione Europea
Topic: REC-RDIS-DISC-AG-2018 - Call for proposals to support national or transnational projects on non-discrimination and Roma integration
Grant Agreement n. 849199
 

Durata: 24 mesi
Data di inizio: 01/10/2019
Fine: 30/09/2021 (attualmente prorogato al 31/03/2022)

Per ulteriori informazioni, è possibile consultare il sito di progetto.

Sono previsti due seminari, dal titolo "I diritti dei deboli non sono diritti deboli. L'accesso alla casa e ai servizi per i gruppi rom, sinti e caminanti", nelle giornate di:

  • 20 ottobre 2021, ore 10-12:30, presso la Casa dei Diritti - Via De Amicis, 10 (Milano)
  • 9 novembre 2021, ore 10-12:30, presso la Caritas Ambrosiana - Via San Bernardino, 4 (Milano)

I rom sono una parte della popolazione che vive in costante precarietà abitativa e sperimenta quotidianamente la difficoltà di accedere ai servizi.
Partendo da un'analisi del territorio e da alcuni degli interventi realizzati negli ultimi anni, gli incontri saranno finalizzati a discutere e condividere le buone prassi da seguire e i percorsi poco virtuosi da evitare. 

Per info e dettagli, è possibile scaricare la locandina.

Roma voices around Europe - Guarda le brevi interviste con le popolazioni Rom in Europa.

Roma voices around Europe - guarda l'intervista con le popolazioni Rom in Italia

Guarda il documentario su cinque famiglie Rom: un focus sulla loro vita e le loro aspirazioni, nonché sull'importanza del diritto alla casa e su come qualità di vita e sicurezza possano contestualmente migliorare.

Intrappolati in un tugurio. Discriminazione e deprivazione abitativa dei Rom nelle città europee

Il report presenta i risultati di una ricerca qualitativa sui problemi di accesso ad un sistema abitativo di qualità per persone che si identificano come Rom, attraverso interviste qualitative e focus group.

La ricerca non ha l'obiettivo di comparare e analizzare le specificità urbane e territoriali dei diversi casi presi in esame, ma le analizza complessivamente per evidenziarne i problemi principali che affrontano le persone Rom in situazioni abitative molto precarie.

Allo stesso modo sono state analizzate le interviste e i dialoghi all'interno dei focus group con gli/le esperti/e e con i/le policy maker, che hanno discusso l'importanza di produrre nuove forme di housing sociale e di migliorare le unità residenziali esistenti, così come la qualità del tessuto urbano delle aree più marginali.

I temi sono strutturati in tre sezioni principali:

  • condizioni abitative
  • discriminazioni abitative
  • politiche e strumenti.

Le conclusioni evidenziano alcuni principi di design e implementazione che emergono dalla ricerca.

Nella pagina dedicata del sito di progetto è possibile scaricare la ricerca completa in italiano.

L'obiettivo dell'opuscolo è quello di fornire un sommario di lezioni apprese da alcune esperienze abitative selezionate tra quelle dei partner di progetto, che hanno come target diretto o indiretto le popolazioni Rom in alcune aree della Francia, dell'Italia, dell'Ungheria, della Romania e della Spagna.

L'opuscolo prende in considerazione 14 pratiche, con l'obiettivo di presentare quelle più rilevanti legate a progetti di successo rispetto alle soluzioni abitative per le persone Rom, con risvolti positivi sul miglioramento delle condizioni di vita, sull'integrazione dei Rom nel vicinato, nella loro partecipazione alla vita politica, civile e culturale anche attraverso associazioni di advocacy, mettendo in evidenza i fattori chiave che favoriscono o ostacolano i diritti di cittadinanza attiva delle persone Rom e il loro coinvolgimento sociale e civile nella comunità. 

Il progetto mira, inoltre, ad identificare programmi che comprendono anche altre aree di integrazione poiché la vulnerabilità e la povertà delle popolazioni Rom sono rinforzate dalla complessa interazione tra situazioni svantaggiate e discriminatorie nell'ambito dell'occupazione, dell'educazione, dell'accesso al sistema sanitario e ai servizi pubblici e possono essere positivamente influenzate sia da programmi anti-discriminatori che di empowerment.

Nella pagina dedicata del sito di progetto è possibile scaricare il booklet in italiano.

  • Visite a progetti e istituzioni nella regione di Parigi
  • Visite a progetti e istituzioni nella regione di Budapest
  • Visite a progetti e istituzioni in Transilvania
  • Visite a progetti e istituzioni nella regione di Barcellona
  • Visite a progetti e istituzioni nella regione di Milano
  • Ricerca sulla condizione abitativa dei Rom
  • Booklet su buone prassi e raccomandazioni sulla condizione abitativa e l’empowerment dei Rom
  • Video
  • Incontri informativi con persone di etnia Rom
  • Seminari con studenti universitari, operatori sociali e volontari
  • Conferenza transnazionale a Milano
  • Evento finale a Parigi
  • Evento finale a Budapest
  • Evento finale a Târgu Mureș
  • Evento finale a Barcellona
  • Comunicati stampa
  • Articoli e pubblicazioni

Aggiornato il: 13/04/2022