Bilancio Partecipativo, è l'ora del voto
Bilancio Partecipativo, è l'ora del voto

Tutte le notizie

Progetti

Bilancio Partecipativo, è l'ora del voto

Dal 12 al 29 novembre i cittadini scelgono i progetti da realizzare nelle nove zone cittadine. Si può esprimere la preferenza sempre on line e in due sabati presso biblioteche e sedi ACLI e ARCI

Voto

Milano, 11 novembre 2015 - E’ arrivato alla fase finale il Bilancio Partecipativo “Conto, Partecipo, Scelgo”, l’iniziativa che mette a disposizione dei cittadini nove milioni di euro, uno per ogni Zona, per decidere quali interventi realizzare sul territorio in conto capitale, per opere pubbliche. 

Si arriva al voto dopo un impegnativo percorso iniziato a giugno scorso nell’ambito del quale si sono tenuti 60 incontri nei quartieri per ascoltare le richieste e i bisogni delle persone e dopo il grande laboratorio in cui 350 giovani dai 14 a i 22 anni hanno espresso all’Amministrazione comunale come immaginano la loro città. 

Le centinaia di esigenze raccolte, anche tramite il sito di progetto, sono state poi elaborate da 9 Laboratori di co-progettazione, gruppi di lavoro a cui hanno partecipato 210 cittadini i quali, con il supporto dei tecnici comunali, hanno fatto un grande lavoro di sintesi fino ad arrivare ad individuare 40 progetti. 

“E’ giunto il momento che ogni cittadino scelga quale progetto sente più vicino alla sua idea di città. I progetti che vanno al voto raccolgono le tante esigenze manifestate nella fase di ascolto che è stata ampia e partecipata e ci ha consentito di attivare un importante dialogo diretto con le persone. Un’esperienza che ci dà indicazioni preziose per continuare a migliorare le scelte di investimento e l’azione amministrativa: terremo conto di tutte le indicazioni dei cittadini anche di quelle che non saranno premiate dal voto.” commentano la vice sindaco e assessore al Bilancio Francesca Balzani e l’assessore ai Lavori pubblici e Arredo urbano Carmela Rozza


40 progetti per Milano: verde, ecomobilità, scuole, sicurezza e luoghi d’incontro 

Le proposte che vanno al voto riguardano principalmente la rigenerazione degli spazi pubblici e delle aree verdi, la mobilità dolce e l’accessibilità, la viabilità, la creazione di luoghi d’incontro, le scuole e la sicurezza urbana. 

Tra i progetti proposti in Zona 1 la riqualificazione di aree verdi per socialità e sport, la creazione di un “museo urbano diffuso interattivo” e la riqualificazione di piazza Sant’Agostino. 

La riqualificazione dei sottopassaggi ferroviari, la ristrutturazione dell’ex mercato comunale di Gorla per farne uno spazio funzionale e interventi nell’area dell’ex piscina del parco Trotter in Zona 2

Per Zona 3 un progetto per migliorare la fruibilità del Parco Lambro e la creazione di una ‘casa di quartiere’ per attività sociali e culturali. 
La sicurezza è al centro dei progetti relativi ai parchi Alessandrini e di via Nervesa in Zona 4

Mentre per la Zona 5 le richieste dei cittadini riguardano l’incremento dell’eco-mobilità e la creazione di spazi per gioco e sport in diverse aree. 

In Zona 6 vengono proposte attività di miglioramento di aree verdi per favorire il rapporto città-campagna e diversi interventi nelle scuole di zona, nonché la messa in sicurezza di alcuni attraversamenti pedonali. 

Tra i progetti proposti per la Zona 7 una rete di percorsi ciclabili sostenibile e sicura, il recupero di spazi per la socialità e lo studio e interventi sul verde da Piazza Sicilia al Parco Trenno. 

La valorizzazione del Monte Stella con illuminazione, arredi e percorsi vita, la creazione di “un’oasi della cultura” per lo studio e l’incontro e la creazione di nuovi collegamenti tra piste ciclabili esistenti sono tra i progetti di Zona 8

Infine, per Zona 9 sono stati proposti il miglioramento dell’accessibilità ai mezzi pubblici, il recupero di spazi pubblici quali le ex stalle e gli ex magazzini di villa Hanau e molti interventi all’interno e all’esterno delle scuole. 

Le schede di tutti progetti, Zona per Zona, sono presenti sul sito del Bilancio Partecipativo (www.bilanciopartecipativomilano.it). 

Come si vota: sempre on line e in due sabati presso biblioteche e sedi ACLI e ARCI 

Dal 12 al 29 novembre tutti coloro che hanno più di 14 anni che abitano, studiano o lavorano a Milano potranno votare via computer e smart phone attraverso la piattaforma protetta Eligo, scelta perché capace di garantire il controllo delle credenziali di accesso al voto evitando voti multipli. Si accede alla piattaforma direttamente dal sito di progetto www.bilanciopartecipativomilano.it

Per facilitare coloro che non hanno l’accesso al web si potrà votare anche in una delle postazioni per il voto assistito dove ci si potrà recare di persona ed essere aiutati da un operatore. In particolare nei due sabati 21 e 28 novembre si potrà votare nelle biblioteche di Milano e presso i Circoli ACLI Villapizzone, Pratocentenaro, Gorla, Lambrate, Gallaratese nonché presso la sede provinciale ACLI e presso i circoli ARCI Casciavit, Club 27 e Bellezza. Dal 12 al 29 novembre, sarà possibile votare anche in diverse sedi ACLI milanesi ed ARCI Milano nei giorni lavorativi. 

Inoltre, poiché nell’ambito del Bilancio Partecipativo era prevista anche un'attività di distribuzione di 'crediti decisionali' alle scuole, per quegli istituti che hanno presentato proposte specifiche o sono inseriti all’interno di uno dei 40 grandi progetti, ciascun alunno, anche se minore di 14 anni, ha a disposizione un voto che può essere espresso con scheda cartacea direttamente nella scuola di appartenenza. Questa iniziativa è stata adottata dall'Amministrazione per supportare le scuole, valorizzando il loro ruolo di riferimento nei quartieri e quale atto simbolico di investimento nei luoghi dove si formano i prossimi cittadini oltre che per consentire di estendere il voto ai cittadini più giovani - gli under 14 - come avviene in altre città europee in cui si pratica il Bilancio Partecipativo. 

 

Cosa succede dopo il voto: i progetti in carico dal Comune per l’avvio 

Al completamento della fase di voto i progetti selezionati fino ad esaurimento di 1 milione di euro per Zona saranno presi in carico dal Comune per avviarli alla realizzazione. 

Le 40 proposte individuate nel processo del Bilancio Partecipativo presentano diversi gradi di complessità. 

Alcuni interventi infrastrutturali più semplici, di importo inferiore ai 100.000 euro, potranno essere già progettati e realizzati entro il 2016. Tempi analoghi sono previsti per le forniture di beni durevoli. 

Gli altri progetti più complessi rientreranno invece nel processo di bilancio 2016-2018 per essere completati nell’arco dei prossimi tre anni. 

E’ necessaria, infatti, una fase di progettazione tecnica e la definizione del dettaglio degli investimenti per poter mettere in moto le procedure di gara pubblica e eseguire gli interventi.

Oltre diecimila voti in una settimana

Milano, 19 novembre 2015 – Supera la soglia dei 10.000 votanti nella prima settimana di voto il Bilancio Partecipativo “Conto, Partecipo, Scelgo”, iniziativa che assegna nove milioni di euro del bilancio del Comune ai progetti proposti dai cittadini attraverso un percorso partecipato.

L’interesse rispetto ai progetti è molto alto ed è testimoniato dal fatto che in una settimana il sito del Bilancio Partecipativo ha registrato 33.000 accessi.
Quanto a voti, sono le Zone 1, 2 e 3 quelle che raccolgono il maggior numero di voti sul totale dei progetti di ciascuna zona. A metà classifica si posizionano le Zone 4, 5, 6 e 7. Un po’ più a distanza le Zone 8 e 9.

“I dati di voto per questi primi giorni sono molto positivi – hanno commentato il vicesindaco Francesca Balzani e l’assessore ai Lavori pubblici e Arredo urbano Carmela Rozza - e ci confermano l’interesse dei cittadini per questa iniziativa. Diecimila persone in pochi giorni è un risultato che va certamente oltre le nostre previsioni e che conferma Milano quale città capofila nelle politiche per la cittadinanza attiva. E’ anche un ottimo segnale che evidenzia il diffuso senso civico nei milanesi. Invitiamo tutti a votare, c’è tempo fino al 29 novembre, e contribuire così a dare più forza a questa importante sperimentazione”.

Si può votare fino a domenica 29 novembre, via computer e smartphone, attraverso il sito www.bilanciopartecipativomilano.it. Basta avere 14 anni e abitare, studiare o lavorare a Milano.

Per facilitare chi non ha l’accesso al web si può votare anche con l’assistenza di un operatore in diversi luoghi in città tra cui molte sedi di ACLI milanesi e ARCI Milano. Per sapere dove votare si può telefonare ai numeri 02/46764283 - 02/46764310

Nelle giornate di 21 e di sabato 28, inoltre, sarà possibile votare anche nelle  principali biblioteche di Zona (Sormani, Crescenzago, Valvassori Peroni, Oglio, Tibaldi, Sant’Ambrogio, Baggio, Quarto Oggiaro, Affori).

Il voto conclude un lungo percorso di partecipazione iniziato a giugno scorso e sviluppatosi con 60 incontri nei quartieri per ascoltare le richieste e i bisogni delle persone, un grande laboratorio con  350 giovani dai 14 a i 22 anni e 9 Laboratori di co-progettazione, gruppi di lavoro a cui hanno partecipato 210 cittadini i quali, con il supporto dei tecnici comunali, hanno sintetizzato le richieste fino ad arrivare ad individuare 40 progetti che riguardano principalmente la rigenerazione degli spazi pubblici e delle aree verdi, la mobilità dolce e l’accessibilità, la viabilità, la creazione di luoghi d’incontro, le scuole e la sicurezza urbana.

Al completamento della fase di voto i progetti selezionati fino a esaurimento di 1 milione di euro per Zona saranno presi in carico dal Comune per avviarli alla realizzazione.

Gli interventi infrastrutturali più semplici, di importo inferiore ai 100.000 euro, potranno essere già progettati e realizzati entro il 2016. Mentre i progetti più complessi rientreranno nel processo di bilancio 2016-2018 e dovranno essere sottoposti a una fase di progettazione tecnica e di definizione del dettaglio degli investimenti per poter attuare le procedure di gara pubblica e eseguire quindi gli interventi.

Cosa succede dopo il voto: i progetti in carico dal Comune per l’avvio 

Al completamento della fase di voto i progetti selezionati fino ad esaurimento di 1 milione di euro per Zona saranno presi in carico dal Comune per avviarli alla realizzazione. 

Le 40 proposte individuate nel processo del Bilancio Partecipativo presentano diversi gradi di complessità. 

Alcuni interventi infrastrutturali più semplici, di importo inferiore ai 100.000 euro, potranno essere già progettati e realizzati entro il 2016. Tempi analoghi sono previsti per le forniture di beni durevoli. 

Gli altri progetti più complessi rientreranno invece nel processo di bilancio 2016-2018 per essere completati nell’arco dei prossimi tre anni. 

E’ necessaria, infatti, una fase di progettazione tecnica e la definizione del dettaglio degli investimenti per poter mettere in moto le procedure di gara pubblica e eseguire gli interventi.

Oltre diecimila voti in una settimana

Milano, 19 novembre 2015 – Supera la soglia dei 10.000 votanti nella prima settimana di voto il Bilancio Partecipativo “Conto, Partecipo, Scelgo”, iniziativa che assegna nove milioni di euro del bilancio del Comune ai progetti proposti dai cittadini attraverso un percorso partecipato.

L’interesse rispetto ai progetti è molto alto ed è testimoniato dal fatto che in una settimana il sito del Bilancio Partecipativo ha registrato 33.000 accessi.
Quanto a voti, sono le Zone 1, 2 e 3 quelle che raccolgono il maggior numero di voti sul totale dei progetti di ciascuna zona. A metà classifica si posizionano le Zone 4, 5, 6 e 7. Un po’ più a distanza le Zone 8 e 9.

“I dati di voto per questi primi giorni sono molto positivi – hanno commentato il vicesindaco Francesca Balzani e l’assessore ai Lavori pubblici e Arredo urbano Carmela Rozza - e ci confermano l’interesse dei cittadini per questa iniziativa. Diecimila persone in pochi giorni è un risultato che va certamente oltre le nostre previsioni e che conferma Milano quale città capofila nelle politiche per la cittadinanza attiva. E’ anche un ottimo segnale che evidenzia il diffuso senso civico nei milanesi. Invitiamo tutti a votare, c’è tempo fino al 29 novembre, e contribuire così a dare più forza a questa importante sperimentazione”.

Si può votare fino a domenica 29 novembre, via computer e smartphone, attraverso il sito www.bilanciopartecipativomilano.it. Basta avere 14 anni e abitare, studiare o lavorare a Milano.

Per facilitare chi non ha l’accesso al web si può votare anche con l’assistenza di un operatore in diversi luoghi in città tra cui molte sedi di ACLI milanesi e ARCI Milano. Per sapere dove votare si può telefonare ai numeri 02/46764283 - 02/46764310

Nelle giornate di 21 e di sabato 28, inoltre, sarà possibile votare anche nelle  principali biblioteche di Zona (Sormani, Crescenzago, Valvassori Peroni, Oglio, Tibaldi, Sant’Ambrogio, Baggio, Quarto Oggiaro, Affori).

Il voto conclude un lungo percorso di partecipazione iniziato a giugno scorso e sviluppatosi con 60 incontri nei quartieri per ascoltare le richieste e i bisogni delle persone, un grande laboratorio con  350 giovani dai 14 a i 22 anni e 9 Laboratori di co-progettazione, gruppi di lavoro a cui hanno partecipato 210 cittadini i quali, con il supporto dei tecnici comunali, hanno sintetizzato le richieste fino ad arrivare ad individuare 40 progetti che riguardano principalmente la rigenerazione degli spazi pubblici e delle aree verdi, la mobilità dolce e l’accessibilità, la viabilità, la creazione di luoghi d’incontro, le scuole e la sicurezza urbana.

Al completamento della fase di voto i progetti selezionati fino a esaurimento di 1 milione di euro per Zona saranno presi in carico dal Comune per avviarli alla realizzazione.

Gli interventi infrastrutturali più semplici, di importo inferiore ai 100.000 euro, potranno essere già progettati e realizzati entro il 2016. Mentre i progetti più complessi rientreranno nel processo di bilancio 2016-2018 e dovranno essere sottoposti a una fase di progettazione tecnica e di definizione del dettaglio degli investimenti per poter attuare le procedure di gara pubblica e eseguire quindi gli interventi.