Accordi di collaborazione

Accordi di collaborazione

Il Comune di Milano ha facoltà di sottoscrivere Accordi di Collaborazione con città del mondo in determinati ambiti di interesse comune.

Generalmente, questo tipo di Accordi ha durata biennale, con facoltà di rinnovo laddove persista convergenza di intenti.

I settori di collaborazione spaziano dal turismo alla cultura, all’educazione, alla formazione, all’architettura, al commercio, allo sviluppo tecnologico, urbano e sociale, alla ricerca universitaria e allo scambio di buone pratiche d’amministrazione pubblica.

  • New York

    Molti progetti all’insegna della concretezza legano Milano e New York nei settori della promozione e dell’innovazione. Ai due importanti accordi siglati di recente se ne è aggiunto un terzo: il 25 novembre 2016 Milano ha firmato con il NYC Mayor’s Office of Digital Strategy una dichiarazione programmatica sul progetto “Milan Digital Bridge” per condividere le buone pratiche a livello internazionale sui temi dell’innovazione digitale, dare spazio a nuove creatività digitali e lanciare nuovi progetti congiunti. Obbiettivo finale ottimizzare i processi e migliorare i servizi rivolti ai cittadini, con un occhio di riguardo per la popolazione più a rischio di esclusione (civica, sociale, tecnologica) attraverso la collaborazione e lo sviluppo di partnership con le eccellenze internazionali che saranno via via individuate in base alla rilevanza dei progetti in ambito digitale ritenuti più interessanti per Milano.L’ultimo accordo in ordine di tempo era stato stipulato tra il Comune di Milano e la New York City Economic Development Corporation il 2 maggio 2016 per favorire la creazione di opportunità economiche per le giovani imprese alla scoperta delle opportunità del mercato europeo e del mercato americano. L’accordo, della durata di due anni, si è concretizzato in un bando pubblico per agevolare la promozione e la valorizzazione degli scambi economici tra le giovani imprese delle due città, mettendo a disposizione delle aziende vincitrici spazi per uffici, networking e supporto allo sviluppo delle attività commerciali nel mercato newyorkese e meneghino. Il progetto si è rivolto a venti start-up costituite negli ultimi quattro anni (dieci italiane e dieci americane) con contratti lavorativi in corso e attive in diversi ambiti: high-tech e green economy, food e agri-food, social innovation, fashion e design sino alle nuove opportunità offerte dall’economia circolare, dalla sharing economy e manifattura digitale. L’accordo biennale firmato invece il 9 novembre 2015 è volto a incrementare i flussi turistici mediante azioni di marketing, supporto promozionale congiunto e condivisione dei casi di successo in campo turistico. La collaborazione vuole contribuire a rafforzare la presenza di turisti americani a Milano. Un primo concreto passo di attuazione dell’accordo è stato lo scambio di spazi pubblicitari outdoor nelle due città. A Milano, circa 700 manifesti della campagna pubblicitaria globale “Unlock NYC” sono stati posizionati in punti strategici del centro a partire da novembre 2015. A New York City, a partire da metà febbraio per quattro settimane, Milano è stata promossa nel circuito delle pensiline dei bus per una stima di 40,9 milioni di visualizzazioni.

  • Tehran

    Il 15 febbraio 2016 il Sindaco Giuliano Pisapia e il Sindaco di Tehran Mohammad Baqer Qalibaf hanno firmato un Patto di Collaborazione triennale che impegna le due amministrazioni alla collaborazione in tre settori fondamentali: pianificazione urbana sostenibile e servizi di pubblica utilità; sviluppo economico, investimenti reciproci e turismo come mezzi di crescita economica e sociale; arte, cultura, design e formazione. In particolare, le due città lavoreranno insieme nei comparti di: mobilità sostenibile, gestione dei rifiuti urbani, servizi di governo intelligente, politiche alimentari urbane sostenibili, tutti ambiti in cui Milano ha conquistato un’indiscussa leadership internazionale.

  • Astana

    Il 15 ottobre 2015 il Sindaco Pisapia e il Sindaco Dzhaksybekov hanno firmato un memorandum di intesa per la collaborazione economica, scientifica e culturale tra le due città.Alla luce del successo di Expo Milano 2015, dove il padiglione kazako è STATO tra i più visitati, Milano e Astana hanno convenuto di collaborare in vista della preparazione di Expo Astana 2017, dedicato al tema "Energia del Futuro". Astana è inoltre interessata all’attrazione di turisti stranieri e al modello di Expo in Città sperimentato da Milano in occasione dei sei mesi dell’Esposizione Universale. E a tale riguardo il Sindaco Dzhaksybekov ha auspicato che Milano possa essere protagonista con eventi culturali ed economici da concordare.

  • Dubai

    Il 15 ottobre 2015 il Sindaco Giuliano Pisapia e il Direttore Generale di Dubai Hussain Lootah hanno firmato un Patto di collaborazione tra le due città. Milano e Dubai coopereranno in diversi campi quali la sostenibilità, i servizi smart, lo sviluppo economico e il turismo. È inoltre previsto uno scambio di esperienze e buone pratiche nella gestione di eventi globali, in particolare Expo Milano 2015 ed Expo Dubai 2020.

  • Chengdu

    Il 30 settembre 2015 i rappresentanti delle Amministrazioni di Milano e Chengdu, città simili sotto il profilo economico e per la rilevanza all’interno della propria nazione, hanno formalizzato un accordo di cooperazione per sviluppare sinergie comuni volte sostenere scambi commerciali, culturali e a favorire la reciproca promozione turistica e territoriale. Particolari benefici sono attesi anche nella collaborazione tra i rispettivi poli accademici e di alta formazione e nella cooperazione commerciale tra Milano e Cina, Paese che rappresenta uno dei principali mercati per le nostre imprese e destinazione di molti prodotti. La collaborazione avrà una durata di tre anni e potrà essere rinnovata per un uguale periodo.

  • Mosca

    L’11 novembre 2014, nel quadro delle Giornate di Milano a Mosca, il Sindaco di Milano e il Sindaco di Mosca hanno firmato un Patto di Collaborazione triennale (2014-2017) tra le due città, in cui un’attenzione particolare viene riservata ai progetti comuni nel campo dello sviluppo urbano sostenibile: gestione del traffico, trasporti e sviluppo del territorio. Altri settori per i quali è previsto un consistente rafforzamento delle azioni comuni sono turismo e formazione avanzata.