Lavori di pubblica utilità: come funziona il servizio

Alle persone condannate che hanno ottenuto dal Giudice la possibilità di sostituire la pena, il Comune di Milano mette a disposizione 150 postazioni per effettuare lavori di pubblica utilità o Messa alla prova.

  1. Gli interessati contattano il Servizio, direttamente o tramite il proprio legale, per prendere un appuntamento
  2. Effettuano colloquio con un operatore del Servizio Lavori di Pubblica Utilità, con l'obiettivo di abbinare nel miglior modo possibile la postazione di lavoro con la persona nel rispetto delle esigenze e delle prerogative di entrambi.
  3. Al termine del colloquio sarà rilasciata la disponibilità da parte dell'Amministrazione ad accogliere la persona nell'ambito dello svolgimento del lavoro di pubblica utilità.
  4. Dopo aver ottenuto dal Giudice la validazione per lo svolgimento del lavoro di pubblica utilità, la persona si recherà presso la postazione di lavoro individuata per affiancare il personale presente nei giorni e negli orari concordati. Un referente responsabile effettuerà la supervisione e riferirà, con una relazione al Giudice, l'esito dello svolgimento del lavoro.

I richiedenti potranno essere impiegati, a titolo di esempio, presso:

  • RSA (Residenze Sanitarie Assistite);
  • centri diurni per disabili (CDD) a gestione diretta del Comune;
  • biblioteche;
  • cimiteri;
  • Arena civica;
  • Municipi;
  • Museo botanico;
  • attuazione del Piano anticaldo.

Il servizio è attivo grazie alla Convenzione tra il Tribunale di Milano e il Comune di Milano.

Aggiornato il: 16/01/2024