Cooperazione Internazionale allo Sviluppo

La cooperazione internazionale allo sviluppo ha come obiettivi la garanzia a tutti gli abitanti del pianeta la tutela della vita, la dignità umana e instaurare una migliore relazione tra i diversi paesi.

A partire del secondo dopoguerra la cooperazione internazionale si sviluppa a livello mondiale attraverso gli obiettivi fissati dalla Dichiarazione del Millennio delle Nazioni Unite, firmata nel 2000 e condivisa da 191 paesi.
I principi fondamentali su cui si basa sono: Eguaglianza, Sostenibilità, Partecipazione e Produttività.

La cooperazione internazionale opera attraverso soggetti istituzionali e non/non governativi (ONG), e altri soggetti come, associazioni, cooperative e privato sociale.

I soggetti istituzionali sono Organizzazioni legate all'ONU, l'Unione Europea che ha assunto specifiche competenze, e gli Enti Pubblici centrali e autorità locali, Università...

Le Organizzazioni non Governative (ONG) sono organizzazioni senza fini di lucro (non profit) che operano in modo indipendente e realizzano progetti attraverso associazioni, movimenti laici e religiosi.

Il cooperante opera su progetti che richiedono competenze specifiche (ingegneria, medicina, scienze della formazione, scienze agrarie..).
Vengono richieste competenze linguistiche, capacità di adattarsi in situazioni difficili.


Link utili

FOCSIV - Federazione Organismi Cristiani Servizio Internazionale Volontariato.

CIPSI -Coordinamento di iniziative popolari di solidarietà internazionale, raggruppa 46 Ong. 

CINI - Coordinamento Italiano Network Internazionali, che raggruppa 7 fra le più importanti Ong italiane.

Link 2007 -  Coordinamento di Avsi, raggruppa molte Ong storiche italiane.

AGIRE - Agenzia Italiana per la Risposta alle Emergenze. Costituita in risposta alle emergenze nel campo degli aiuti umanitari, comprende 9 tra le principali Ong italiane.

Alliance 2015 - è una rete di 8 Ong italiane e straniere impegnate in azioni umanitarie e di sviluppo.

La cooperazione italiana

La Cooperazione Italiana fornisce assistenza alle popolazioni vittime di crisi umanitarie determinate da eventi catastrofici, siano essi di origine umana o naturale, con l’obiettivo di salvare la vita e tutelare la dignità delle persone attraverso una risposta rapida, efficace ed efficiente nell’ambito di tre fasi ovvero "prima emergenza”, “emergenza”, “post-emergenza”.

Nelle ore immediatamente successive alla catastrofe, ossia nella situazione di “prima emergenza” interviene mediante il sostegno agli appelli lanciati dalle Agenzie delle Nazioni Unite nonché attraverso la predisposizione di trasporti umanitari in collaborazione con il Deposito di pronto intervento umanitario delle Nazioni Unite (UNHRD) di Brindisi per l’invio di generi di prima necessità in favore delle comunità colpite.
La successiva fase di “emergenza” è volta a ripristinare adeguate condizioni socio-economiche e di sicurezza per le popolazioni che hanno già ricevuto una prima assistenza ed avviare successivamente una transizione verso lo sviluppo a medio e lungo termine nel periodo “post-emergenza”.

Gli strumenti d’azione della Cooperazione italiana sono i seguenti:
Il finanziamento di iniziative multilaterali, ossia contributi d’emergenza erogati in risposta agli appelli umanitari delle Agenzie delle Nazioni Unite o degli Organismi facenti parte del Movimento di Croce Rossa (FICROSS e CICR);
L’avvio di iniziative multi-bilaterali, ossia concordate a livello bilaterale ma affidate in esecuzione ad un Organismo Internazionale specializzato;
La costituzione di fondi ad hoc presso le Sedi all’estero dell’Agenzia italiana per la Cooperazione allo sviluppo, finalizzati al finanziamento di iniziative bilaterali.

Il settore dell’Emergenza è stato interessato dalla riforma della Cooperazione all’indomani dell’entrata in vigore della Legge 125/2014 e della creazione dell’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo sviluppo (AICS). Il Legislatore ha lasciato al Ministro degli Esteri la responsabilità di deliberare gli interventi umanitari, affidando all’Agenzia il compito di istruire e di attuare i singoli progetti.

Le azioni di assistenza umanitaria varate dalla Cooperazione Italiana prestano particolare attenzione a quei settori ritenuti cruciali per la sopravvivenza ed il miglioramento delle condizioni essenziali di vita quali la sicurezza alimentare e il sostegno all’agricoltura, l’accesso all’acqua ed ai servizi sanitari, la protezione dei rifugiati e degli sfollati, la promozione della condizione femminile, la tutela dei gruppi vulnerabili (minori e diversamente abili), l’istruzione, la prevenzione e la riduzione del rischio di catastrofi.
Inoltre, la DGCS finanzia interventi nel settore dello sminamento umanitario per la bonifica delle aree contaminate dalla presenza di mine antiuomo, la fornitura di assistenza in loco alle vittime di tali ordigni, la promozione di attività di educazione al rischio e lo svolgimento di attività di advocacy per l’universalizzazione della messa al bando delle mine anti-persona, come previsto dalla Convenzione di Ottawa. 
Dal sito del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale:

 

Link utili

Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo
L'Agenzia è una delle principali novità della Legge di riforma per la cooperazione (125/2014)  per allineare l'Italia ai principali partner europei ed internazionali nell'impegno per lo sviluppo.

COSV Coordinamento delle Organizzazioni per il Servizio Volontario
Il COSV è un’Associazione di Volontariato – senza fini di lucro, che realizza progetti in Africa, America Latina, Asia e Europa.
via Soperga 36 20127 Milano
segreteria@cosv.org

Area Relazioni Internazionali del Gabinetto del Sindaco del Comune di Milano
Gestisce le relazioni istituzionali internazionali; promuove l'immagine e la presenza internazionale della città; favorisce e supporta la partecipazione del Comune di Milano ai bandi comunitari collegati ai programmi UE esistenti; gestisce iniziative e progetti di cooperazione e solidarietà internazionale.

I progetti del Comune di Milano nel settore internazionale:
Il Comune di Milano promuove la cooperazione europea ed internazionale e i rapporti con le istituzioni locali di altri Paesi tramite iniziative comuni di interesse reciproco,

- Opportunità di studio e di lavoro: dal sito del Ministero degli Affari Esteri con offerte e opportunità per i giovani.

CoLomba - Cooperazione Lombardia
E' l’Associazione delle Organizzazioni di Cooperazione e Solidarietà Internazionale della Lombardia che riunisce le ONG di cooperazione allo sviluppo e aiuto umanitario con sede in Lombardia.

Opportunità di volontariato, lavoro e formazione

Ministero Affari Esteri
Vedi anche la sezione: concorsi.

UNjobs
Elenchi dettagliati di posti vacanti, suddivisi per organizzazioni e paesi.

Associate Experts and Junior Professional Officers Programme
Human Resources for International Cooperation – United Nations Departement of Economic and Social Affarirs (UN/DESA)
viale delle Terme di Caracalla, c/ FAO – 00153 Roma tel. 06 57054638.
E’ un’iniziativa di cooperazione multilaterale finanziata dal MAE, Direzione Generale per la cooperazione allo sviluppo.
Permette ai cittadini italiani o dei PVS in possesso di un titolo di laurea, che non abbiano superato i 30 anni (33 per i laureati in medicina e chirurgia) e con un’ottima conoscenza della lingua inglese, di compiere un’esperienza formativa e professionale nelle organizzazioni internazionali per un periodo di due anni. 

Jobsincharities
Portale inglese delle associazioni di volontariato.

Lavorare nel mondo
Le ONG italiane possono pubblicare le proprie offerte di lavoro in progetti di cooperazione internazionale. Anche i candidati possono inserire il proprio CV, oppure possono cercare il progetto per il quale proporsi. La ricerca si può fare per settore professionale, Paese e durata.

ARCS - Arci Cultura e Sviluppo
Il piano di azione di ARCS nelle sue attività di cooperazione internazionale è il coinvolgimento delle comunità di cittadine e cittadini nella costruzione diffusa della relazione e collaborazione tra territori e comunità, valorizzando le aggregazioni civili, costruendo reti di interesse e rafforzando l’ownership democratica.
Nel sito l'elenco dei progetti in corso.
www.arcsculturesolidali.org/it/progetti

Volontariato per le Nazioni Unite
Ricerca figure professionali specializzate nel settore agroalimentare, tecnico e medico per progetti nel Terzo Mondo, per la pace e lo sviluppo.
Per diventare un volontario dell’ONU, occorre avere almeno 25 anni e i seguenti requisiti: laurea universitaria o diploma tecnico superiore, almeno 2 anni di esperienza professionale, buone conoscenze linguistiche: inglese, francese e spagnolo, capacità di adattarsi a condizioni difficili.
La maggior parte delle missioni dell’UNV si basa su contratti rinnovabili di 6-12 mesi.


Per saperne di più:

Pubblicazioni Unione Europea

Unimondo.org
Testata giornalistica online che offre informazioni qualificate sui temi della pace, dello sviluppo umano sostenibile, dei diritti umani e dell'ambiente dando voce alla società civile italiana e internazionale (organizzazioni, associazioni, movimenti, ong.

Se vuoi saperne di più puoi parlare con noi


Prenota un colloquio

Puoi scegliere di svolgere il colloquio online oppure in sede.
Clicca e prenota

Svolgimento dei colloqui:

  • online e in presenza
    - lunedì, in presenza 14 - 16
    - lunedì, online 16 - 18
    - mercoledì, in presenza 14 - 16
    - mercoledì, in presenza 15 - 17
    - mercoledì, online 16 - 18
    - giovedì, online 12 -13.20
    - giovedì, in presenza 14 - 16
    - venerdì, online 10 - 13.20

Info e contatti