Nidi d'Infanzia e Sezione Primavera: pagamenti

L’attuale Fase 2 relativa all’emergenza sanitaria in corso ancora non permette la consueta programmazione dell’avvio dei servizi per il prossimo anno educativo 2020/2021.

Non è finora pervenuta agli Enti gestori o alle autonomie scolastiche la definizione delle linee guida per la programmazione e lo svolgimento delle attività, da parte del Governo e della Regione, per propria competenza. 
Si rende necessaria questa definizione per poter procedere alle operazioni di accettazione o rinuncia del posto e di pagamento dell'iscrizione. 
Le famiglie sono quindi invitate ad attendere nuove indicazioni, che saranno fornite appena possibile.

Quota d’iscrizione annuale
Ammonta a € 52,00 sia per i Nidi che per le Sezioni Primavera, da versare entro le scadenze stabilite dal servizio.
L’Avviso di pagamento PagoPA per il versamento della quota di iscrizione annuale viene inviato alle famiglie insieme alla email con le indicazioni sulle modalità di accettazione/rinuncia del posto assegnato.

La quota non è rimborsabile.

Nel mese di inserimento del minore al nido d'infanzia/sezione primavera, l’Unità Riscossione volontaria entrate e rette scolastiche attribuisce la quota contributiva che la famiglia sarà tenuta a corrispondere mensilmente. La lettera di assegnazione della quota contributiva verrà inviata alla famiglia tramite posta elettronica, unitamente alla nota “Informazioni sulle quote contributive e modalità di pagamento del servizio Nido d’Infanzia e Sezione Primavera” (vedi sezione "allegati").

Le famiglie residenti nel Comune di Milano possono usufruire di quote di contribuzioni agevolate sottoscrivendo la certificazione ISEE (Indicatore Situazione Economica Equivalente) rilasciata nell’anno 2020, per prestazioni agevolate rivolte ai minorenni, entro i termini previsti dai comunicati.

I genitori non coniugati che abbiano riconosciuto il/i figlio/i devono presentare un’unica certificazione comprendente i redditi e il patrimonio mobiliare e immobiliare di entrambi i genitori, come previsto dal D.P.C.M. n. 159/2013.

Le famiglie non residenti nel Comune di Milano, non potranno godere di contribuzione agevolata.

1. quote contributive mensili per residenti:

  • Isee da € 0,00 a € 6.500,00
    • gratuita
  • Isee da € 6.500,01 a € 12.500,00
    • € 103,00 
  • Isee da € 12.500,01 a € 27.000,00
    • € 232,00 
  • Isee oltre € 27.000,00 e in caso di assenza dati Isee
    • € 465,00

2. Quote contributive mensili per non residenti
Gli utenti non residenti non potranno godere di contribuzione agevolata.

Nel caso di trasferimento di residenza fuori dal Comune di Milano nel corso dell’anno educativo, sarà assegnata la retta di € 619,75 mensili a decorrere dalla data di richiesta di cambio di residenza all'Anagrafe.

La famiglia dell’utente è tenuta a dare immediata comunicazione della variazione intervenuta all'Unità Riscossione Volontaria Entrate e Rette Scolastiche. Si ricorda che gli uffici competenti effettuano verifiche sul mantenimento della residenza degli iscritti ai servizi tramite interrogazione dei data base anagrafici comunali.

1. Quote contributive mensili per residenti in Comune di Milano, rapportate alla certificazione Isee:

  • Isee da € 0,00 a € 6.500,00
    • gratuita
  • Isee da € 6.500,01 a € 12.500,00
    • € 51,50
  • Isee da € 12.500,01 a € 27.000,00
    • € 116,00
  • Isee oltre € 27.000,00 e in caso di assenza dati Isee
    • € 232,50

2. Quote contributive mensili per non residenti in Comune di Milano
Gli utenti non residenti non potranno godere di contribuzione agevolata.

Nel caso di trasferimento di residenza fuori dal Comune di Milano nel corso dell’anno educativo, sarà assegnata la retta di € 309,88 mensili a decorrere dalla data di richiesta di cambio di residenza all'anagrafe.

La famiglia dell’utente è tenuta a dare immediata comunicazione della variazione intervenuta all'Unità Riscossione volontaria entrate e rette scolastiche. Gli uffici competenti effettuano verifiche sul mantenimento della residenza degli iscritti ai servizi, tramite interrogazione dei data base anagrafici comunali.

Per l’assegnazione della quota agevolata è necessario sottoscrivere annualmente l’attestazione ISEE entro i termini stabiliti dal Comune di Milano.

Nel caso in cui l’attestazione ISEE sia consegnata in corso d'anno educativo, l’eventuale variazione della quota decorrerà dal mese di presentazione dell'apposito "Modulo Variazione" (disponibile nella sezione "Allegati") da consegnare presso la segreteria dell'Unità educativa, unitamente all'attestazione stessa. 

Qualora l'attestazione risulti inesistente, non valida o incompleta, l’amministrazione non concederà la tariffa agevolata richiesta. La famiglia è comunque tenuta al pagamento della quota assegnata, fino a diversa comunicazione scritta da parte dell’Unità Riscossione volontaria entrate e rette scolastiche.

Casi di riduzione
 
  • frequenza pari o inferiore a giorni 5 nel mese (attestata dal nido sulla base dei registri di presenza):
    il contributo è dovuto nella misura del 50%
  • mese di dicembre:
    il contributo richiesto è pari al 50%, indipendentemente dai giorni di frequenza effettiva
  • famiglie che hanno contemporaneamente più minori frequentanti i nidi d’infanzia (solo per i residenti nel Comune di Milano):
    per il secondo minore il contributo dovuto è del 30% della retta assegnata;
    per ogni utente successivo al secondo, il contributo è di € 52,00 mensili
  • minori in affido:
    il contributo è pari al 50% della retta dovuta
  • pagamento anticipato in unica soluzione:
    riduzione del 10% sull'importo complessivo
Riduzione per pagamento annuale anticipato


La famiglia che provvede al pagamento dell'intera annualità entro la scadenza della prima quota mensile, ha diritto alla riduzione del 10%.  In caso di pagamento effettuato in ritardo, la famiglia perde il diritto alla riduzione.

In nessun caso potrà essere rimborsata parte del versamento effettuato in un’unica soluzione, salvo rinuncia al posto entro tre mesi dalla data di ammissione alla frequenza, fermo restando quanto dovuto per il periodo frequentato. Per dimissioni successive non è previsto alcun rimborso (vedi allegato “Informazioni sulle quote contributive e modalità di pagamento del servizio Nido d’Infanzia e Sezione Primavera”).

Scadenze per le quote mensili 2019-2020

frequenza scadenza
settembre 2019 2 dicembre 2019  
ottobre 2019 10 gennaio 2020 
novembre 2019 7 febbraio 2020
dicembre 2019 28 febbraio 2020
gennaio 2020 30 aprile 2020
febbraio 2020 30 giugno 2020
marzo 2020 non dovuto

 

Come previsto dall'ordinanza del Sindaco n. 10 del 11 marzo 2020, articolo 7 comma h, i mesi di chiusura per emergenza straordinaria, non verranno addebitati, a partire dal mese di marzo 2020.

Per le quote relative ai servizi di Nido d'infanzia e Sezioni primavera, la scadenza del pagamento per la frequenza del mese di gennaio è fissata al 30 aprile 2020. Le scadenze relative alle mensilità successive, verranno scaglionate di conseguenza, nel rispetto dei criteri di fruizione del servizio.

Le famiglie che hanno effettuato il pagamento in unica soluzione, avranno diritto al rimborso per i mesi di mancata fruizione del servizio. Il riconoscimento del rimborso sarà subordinato ai controlli con Inps per la domanda Bonus Nido e con Agenzia delle entrate per la detrazione fiscale.

I diritti di mora si applicano nella misura prevista dalla Delibera C.C. n. 147/2000, ovvero:

  • fino a 3 giorni di ritardo nel versamento - mora del 0,5%
  • per un ritardo superiore a 3 giorni - mora del 10%

Il conteggio dei giorni di ritardo comprende le domeniche e le festività.

Il mancato pagamento della quota di contribuzione darà luogo all'emissione, da parte dell’Amministrazione comunale, di solleciti di pagamento, gravati del costo delle spese postali e amministrative sostenute per le procedure di riscossione, nonché dell’applicazione della/e mora/e.

Qualora il debito dovesse perdurare, si procederà all'iscrizione a ruolo per l’emissione delle cartelle esattoriali, gravate da tutte le spese aggiuntive previste dalle normative vigenti.

Il pagamento della quota contributiva cessa dal mese successivo alla formale dimissione presentata in forma scritta dal genitore alla segreteria del nido.

In assenza di tale formale comunicazione le quote mensili saranno interamente dovute.

La Misura Nidi Gratis 2019/2020, adottata dalla Regione Lombardia, integra le agevolazioni tariffarie già previste dai Comuni azzerando le rette dovute dalle famiglie in possesso di specifici requisiti, per la frequenza a:

  • Nidi d’Infanzia e Micro-nidi comunali 
  • Nidi privati convenzionati (assegnati tramite graduatoria comunale).

La Misura, come previsto dal Bando della Regione Lombardia, non si applica alle sezioni Primavera e agli utenti non residenti nel Comune di Milano.

Come presentare la domanda
È possibile presentare le domande a partire dalle ore 12.00 di lunedì 23 settembre 2019 fino alle ore 12.00 di venerdì 25 ottobre 2019, sino a esaurimento delle risorse economiche stanziate.

La domanda di contributo si presenta esclusivamente online attraverso il sistema informativo dedicato ai bandi di Regione Lombardia per accedere al quale occorre autenticarsi con il pin della tessera sanitaria CRS/TS-CNS oppure con lo SPID (Sistema Pubblico di Identità Digitale).

Le famiglie che presentano la domanda per la Misura Nidi Gratis 2019-2020 alla Regione Lombardia dovranno attendere l’esito dell’istruttoria prima di procedere al pagamento della quota, verificando lo stato della pratica sulla piattaforma SIAGE. Regione Lombardia esclude il rimborso alla famiglia di pagamenti effettuati e non dovuti in seguito all'accoglimento dell’istanza.

Requisiti
I genitori devono possedere i seguenti requisiti:

  1. indicatore della situazione economica equivalente - Isee inferiore o uguale a 20.000,00 euro
  2. essere entrambi residenti in Regione Lombardia
  3. entrambi i genitori occupati oppure un genitore occupato e un genitore disoccupato con DID (Dichiarazione di Immediata Disponibilità) e PSP (Patto di Servizio Personalizzato) ai sensi del D.Lgs 150/2015. In caso di nuclei monogenitoriali, il genitore può essere occupato o disoccupato con DID e PSP ai sensi del D.Lgs. 150/2015.

In caso di genitore disoccupato, è necessario che:

  • la DID sia sottoscritta al momento di presentazione della domanda;
  • il PSP deve essere sottoscritto entro quattro mesi dalla data di presentazione della domanda, pena la non ammissibilità a finanziamento della domanda.

Informazioni

  1. Per informazioni sul bando
    collegarsi al sito della Regione Lombardia
    - oppure contattare il numero del Call Center di Regione Lombardia  al 800.318.318 digitando 1 (gratuito da rete fissa) o lo 02.3232.3325 digitando 1 (a pagamento da cellulare)
  2. per richiedere assistenza tecnica in fase di compilazione
    - chiamare il numero verde gratuito: 800.131.151
    - inviare una email a bandi@regione.lombardia.it 
    oppure a Nidigratisfamiglie1920@regione.lombardia.it

  • Online

E' possibile chiedere il rimborso delle rette dei nidi e delle sezioni primavera per l’anno educativo 2019/2020, relativamente ai mesi in cui non si è fruito del servizio, a partire da marzo 2020.

Può richiedere il rimborso soltanto l'intestatario, se ha effettuato il pagamento della retta in un’unica soluzione.

Accedi al servizio

Per compilare il form, accedi al link

Accedi al servizio

  • Sportello

Le famiglie dei bambini assegnatari di un posto riceveranno una comunicazione email con le modalità di accettazione o rinuncia del posto assegnato.

La famiglia dovrà formalizzare l’accettazione o la rinuncia compilando il modulo disponibile presso l’Unità educativa alla quale appartiene la sede assegnata.

La mancata accettazione formale e il mancato pagamento della quota contributiva annuale entro i termini indicati, equivalgono alla rinuncia del posto assegnato.

In occasione della formalizzazione, vengono comunicate le prime informazioni sul servizio e la data del primo incontro con la/il responsabile della sede assegnata.

Accedi al servizio

Per formalizzare l’accettazione o la rinuncia al posto è necessario recarsi presso l’Unità educativa alla quale appartiene la sede assegnata e compilare apposito modulo disponibile presso la segreteria.

  • Online
  • Sportello

Tutte le quote (iscrizione, frequenza mensile o annuale) si pagano esclusivamente con PagoPa, il sistema per i pagamenti elettronici adottato dalle Pubbliche Amministrazioni.

Gli importi da corrispondere sono indicati negli avvisi di pagamento PagoPa inviati via email all'intestatario di pagamento.

Per ulteriori informazioni su PagoPa visita la pagina dedicata »

Accedi al servizio

Hai diverse possibilità per pagare online gli avvisi PagoPa:
  1. direttamente dal sito del Comune di Milano dal Fascicolo del Cittadino »
  2. presso gli sportelli della tua banca o tramite home banking (selezionando CBILL o PagoPa);
  3. presso le tabaccherie e gli esercizi aderenti al circuito PagoPa.

Puoi pagare anche:

  • agli sportelli bancari
  • agli sportelli postali
  • presso le tabaccherie e gli esercizi aderenti al circuito

utilizzando sempre e soltanto l'avviso di pagamento PagoPa.

  • Mail
  • Telefono

Puoi contattare il Comune di Milano per richiedere assistenza per il pagamento. Utilizza i canali sottostanti in base alla problematica che riscontri.

Accedi al servizio

Per problematiche relative alle quote contributive 
(modalità di pagamento, insolvenze, variazione quota, attestazioni ecc.) invia una email all'indirizzo ed.serveducativirette@comune.milano.it

Per problematiche relative alle quote contributive 
(modalità di pagamento, insolvenze, variazione quota, attestazioni, ecc.) chiama il numero  02.884.62688, attivo martedì e giovedì dalle 9:00 alle 12:00 o rivolgiti al servizio Infoline 02.02.02

  • Online

L'intestatario del pagamento può essere modificato direttamente online dal soggetto che ha iscritto il minore al servizio.

Il nuovo intestatario dovrà essere un genitore appartenente al nucleo familiare oppure extra nucleo definito in fase d'iscrizione. Il nominativo è selezionabile nel modulo online da un elenco precaricato.

Il programma offre anche una guida per scegliere un intestatario non incluso in elenco.

L’intestatario del pagamento è l’unico che può utilizzare la ricevuta del pagamento a fini di determinate agevolazioni (ad esempio bonus nido Inps, welfare aziendale, ecc...).

Accedi al servizio

Clicca sul pulsante per modificare l'intestatario di pagamento.

Accedi al servizio

  • Sportello

Le famiglie residenti nel Comune di Milano che attestino documentate situazioni di difficoltà socioeconomica possono chiedere la revisione della quota contributiva mensile. 

In attesa dell’esame dell’istanza e fino a diversa comunicazione scritta, la famiglia è tenuta al pagamento della quota assegnata.

Se l’istanza verrà accolta, la nuova quota contributiva decorrerà dal mese di presentazione della richiesta.

Le variazioni che determinano la revisione della quota, possono essere, ad esempio:

  • variazione dei redditi percepiti: perdita del lavoro o situazione di disagio socio-economico;
  • variazione dei componenti della famiglia (deve risultare dai registri anagrafici e non riguardante l'uscita dalla famiglia di uno dei due genitori);
  • errata attribuzione di quota contributiva dovuta ad errori materiali e/o di compilazione,  palesi irregolarità o illegittimità.

Accedi al servizio

Per richiedere la revisione della quota rivolgersi a:
Unità riscossione volontaria entrate e rette scolastiche
via Silvio Pellico, 16
martedì e giovedì, dalle 9:00 alle 12:00

utilizzando la modulistica qui allegata.

Modulistica

  • Online

L’intestatario del pagamento è l’unico che può utilizzare la ricevuta del pagamento per ottenere agevolazioni e detrazioni fiscali quali bonus nido Inps, welfare aziendale ecc.

PagoPa emette una Ricevuta Telematica scaricabile online che ha valore liberatorio. Si tratta di un vero e proprio documento di quietanza che certifica la transazione e può essere utilizzato per dimostrare che il versamento è avvenuto.

Accedi al servizio

Per scaricare la ricevuta telematica visita la pagina di PagoPa »

  • Mail

Se la famiglia necessita di una certificazione del pagamento delle rette, può farne richiesta via e-mail con almeno 60 giorni di anticipo. L'attestazione dovrà essere poi ritirata presso gli uffici  previo avviso via mail e consegna marca da bollo.

Nel testo del messaggio sarà necessario specificare:

  • nome e cognome del bambino iscritto al servizio
  • nido frequentato
  • persona a cui deve essere intestata la certificazione
  • numero telefonico
  • motivo della richiesta
  • periodo di riferimento
  • tempi di consegna

Accedi al servizio

Per inviare la richiesta scrivere una email a:
ed.serveducativirette@comune.milano.it

Quando l'attestazione sarà disponibile verrà inviata una comunicazione email di risposta con le modalità di ritiro.

Delibera Consiglio Comunale n. 147/2000
Delibera Giunta Comunale n. 830/2005
Delibera Giunta Comunale n. 2565/2014, in applicazione del D.P.C.M. n. 159/2013 in materia di ISEE Corrente
Delibera Giunta Comunale n. 1348/2018