Autotutela fiscale su accertamenti per omessa o infedele dichiarazione

L’Amministrazione può prevenire il contenzioso col contribuente annullando, in misura parziale o totale, i propri atti viziati dalla presenza di errori.

L’annullamento viene stabilito dallo stesso ufficio che ha emesso l’atto, in seguito a un’istanza di riesame presentata dal contribuente.

L’Amministrazione comunicherà l’esito dell’istanza con i motivi della decisione assunta.
La presentazione dell’istanza di autotutela:

  • non pregiudica, né sospende, la facoltà di presentare ricorso
  • non sospende i termini di pagamento a sanzione ridotta, consentito entro 60 gg dalla notifica dell’atto.

L'annullamento dell'atto illegittimo può essere effettuato anche se:

  • è pendente il giudizio
  • l'atto è divenuto ormai definitivo per decorso dei termini per ricorrere, purché ne difetti totalmente o parzialmente il presupposto impositivo
  • il contribuente ha presentato ricorso e questo è stato respinto per motivi formali (inammissibilità, improcedibilità, irricevibilità) con sentenza passata in giudicato, purché ne difetti totalmente o parzialmente il presupposto impositivo.

L'annullamento dell'atto illegittimo comporta automaticamente l'annullamento degli atti ad esso consequenziali. Ad esempio, il ritiro di un avviso di accertamento infondato comporta per l’Amministrazione:

  • l'annullamento della conseguente iscrizione a ruolo e dei relativi titoli esecutivi
  • l'obbligo di restituzione delle somme riscosse sulla base degli atti annullati.

  • Pec
  • Mail
  • Sportello
  • Posta

Accedi al servizio utilizzando uno dei canali elencati di seguito

Se hai un indirizzo di posta elettronica certificata, puoi scrivere a:
accertamentitassa.rifiuti@pec.comune.milano.it

Indica sempre:    

1. nell’oggetto del messaggio:

  • Tassa rifiuti autotutela accertamento
  • numero del provvedimento
  • codice contribuente
  • nome/cognome o denominazione del soggetto

2. nel nome dell’allegato, se presente:

  • breve descrizione della tipologia ed il nome/cognome o denominazione del soggetto.

Puoi scrivere all'indirizzo:
accertamentitassa.rifiuti@comune.milano.it

Indica sempre:    

1. nell’oggetto del messaggio:

  • Tassa rifiuti autotutela accertamento
  • numero del provvedimento
  • codice contribuente
  • nome/cognome o denominazione del soggetto

2. nel nome dell’allegato, se presente:

  • breve descrizione della tipologia ed il nome/cognome o denominazione del soggetto.

Consegna la documentazione a mano a:

Protocollo di via Silvio Pellico,16
orario: dal lunedì al venerdì, dalle 8:30 alle 13:00
accesso consentito solo su prenotazione
con autenticazione spid
senza autenticazione spid

In alternativa:
Protocollo Generale del Comune di Milano
via Larga, 12
orario: dal lunedì al venerdì, dalle 8:30 alle 15:30
accesso consentito solo su appuntamento

Invia la documentazione a:

Unità recupero evasione e antiriciclaggio - Ufficio accertamenti tributo sui rifiuti
via Silvio Pellico, 16 - 20121 Milano

Modulistica e documenti

- domanda in carta libera contenente un'esposizione sintetica dei fatti
(per la compilazione segui lo schema del Modulo di autotutela)
- documentazione idonea a comprovare le tesi sostenute
- copia del documento di identità

Importante: specifica l’atto di cui chiedi l’annullamento e i motivi che fanno ritenere l'atto illegittimo e quindi annullabile, in tutto o in parte.

  • Pec
  • Mail
  • Sportello
  • Posta
  • Telefono

Accedi al servizio utilizzando uno dei canali elencati di seguito

Se hai una casella di posta elettronica certificata, puoi scrivere a:
RE.tassarifiuti@pec.comune.milano.it

Indica sempre:    

1. nell’oggetto del messaggio:

  • RE autotutela accertamento 
  • numero del provvedimento
  • codice contribuente
  • nome/cognome o denominazione del soggetto

2. nel nome dell’allegato, se presente:

  • breve descrizione della tipologia ed il nome/cognome o denominazione del soggetto.

Puoi scrivere all'indirizzo e-mail:
RE.tassarifiuti@comune.milano.it

Indica sempre:    

1. nell’oggetto del messaggio:

  • RE autotutela accertamento 
  • numero del provvedimento
  • codice contribuente
  • nome/cognome o denominazione del soggetto

2. nel nome dell’allegato, se presente:

  • breve descrizione della tipologia ed il nome/cognome o denominazione del soggetto.

Consegna la documentazione a mano a:

Protocollo di via Silvio Pellico,16
orario: dal lunedì al venerdì, dalle 8:30 alle 13:00
accesso consentito solo su prenotazione
con autenticazione spid
senza autenticazione spid

In alternativa:
Protocollo Generale del Comune di Milano
via Larga, 12
orario: dal lunedì al venerdì, dalle 8:30 alle 15:30
accesso consentito solo su appuntamento

Invia la documentazione a:

Ufficio Ricerca Evasione
via privata Catone, 24 - 20158 Milano

Puoi fissare un appuntamento con i nostri uffici, contattando il numero unico

02.02.02
attivo dal lunedì al sabato, dalle 8:00 alle 20:00 (festivi esclusi)

Modulistica e documenti

- domanda in carta libera contenente un'esposizione sintetica dei fatti
(per la compilazione segui lo schema del Modulo di autotutela)
- documentazione idonea a comprovare le tesi sostenute
- copia del documento di identità

Importante: specifica l’atto di cui chiedi l’annullamento e i motivi che fanno ritenere l'atto illegittimo e quindi annullabile, in tutto o in parte.

Argomenti: