Argomento: Edilizia e territorio

Ricerca argomenti

Filtra per tipologia

Lista dei risultati

  • Contenuto informativo

    FAQ SUE n. 60

    Le sanatorie dei seminterrati esistenti sono da ritenersi ammissibili solo laddove l’abuso sia stato effettuato in data successiva all’entrata in vigore della L.R. 7/2017, in caso contrario verrebbe meno la doppia conformità di cui all’art. 36 del D.P.R. 380/2001. FAQ SUE n. 60 - Pubblicata il 6 marzo 2020

  • Contenuto informativo

    FAQ SUE n. 59

    Dato che la latrina è considerata superficie lorda se licenziata con adeguato titolo edilizio, trattandosi di intervento eseguito in assenza o in difformità dal titolo edilizio di natura strutturale come nel caso indicato, è possibile, se conforme alle previsioni degli strumenti urbanistici, dei regolamenti [...]

  • Contenuto informativo

    FAQ SUE n. 58

    Trattandosi di intervento di natura strutturale come nel caso di un balcone, il richiedente dovrà necessariamente accertare l’epoca di esecuzione ai fini della verifica di conformità alle previsioni degli strumenti urbanistici, dei regolamenti edilizi e della disciplina urbanistico-edilizia vigente al moment[...]

  • Contenuto informativo

    FAQ SUE n. 57

    In assenza di opere di natura strutturale ed in considerazione del fatto che l’intervento possa qualificarsi di manutenzione straordinaria, è possibile presentare una unica CILA a sanatoria ai sensi dell’art. 6 bis del D.P.R. 380/2001, presentata da entrambi gli attuali proprietari. Per entrambe le unità imm[...]

  • Contenuto informativo

    FAQ SUE n. 56

    L’art. 115 comma 2 del Regolamento Edilizio vigente definisce i parcheggi pertinenziali come spazi adibiti ad autorimesse, box e posti auto che hanno un vincolo di pertinenza con specifiche unità immobiliari. Tale vincolo deve essere trascritto sui registri immobiliari. Il caso specifico sembra inquadrarsi n[...]

  • Contenuto informativo

    FAQ SUE n. 55

    L’eventuale parere favorevole, rilasciato nell’ambito di istruttoria preliminare facoltativa ex art. 40 R.E., relativo ad un intervento risultante in contrasto con le intervenute modifiche del P.G.T. non potrà conservare alcuna validità rispetto alle intervenute modifiche della normativa urbanistica. FAQ SU[...]

  • Contenuto informativo

    FAQ SUE n. 54

    E’ possibile nei limiti previsti dalla determina della Direzione Urbanistica n° 65/2018 del 31 maggio 2018, cioè in caso di superamento norma morfologica, ampliamento servizi esistenti, utilizzo diritti edificatori perequati già certificati, cessione di aree per urbanizzazioni primarie, ecc. FAQ SUE n. 54 - [...]

  • Contenuto informativo

    FAQ SUE n. 53

    La realizzazione di una finestra a tasca in copertura di locali agibili che modifica i RAI fino al raggiungimento dei minimi regolamentari (ad esempio in un sottotetto che è stato oggetto di condono), non viene, in via ordinaria, qualificato di ristrutturazione edilizia. FAQ SUE n. 53 - Pubblicata il 6 marz[...]

  • Contenuto informativo

    FAQ SUE n. 52

    Quando in un intervento edilizio l’insieme delle opere, pur prevedendo, ad esempio, l’inserimento di elementi accessori, di impianti, ascensori, modifica dei corpi scala e alcune modifiche delle aperture nei prospetti, e tali opere non comportano, con tali inserimenti, la estesa demolizione e ricostruzione d[...]

  • Contenuto informativo

    FAQ SUE n. 51

    Si, secondo quanto prevede l’art.22 RE ai commi 3 e 4, cioè a condizione che le diverse tipologie d’intervento siano individuate per le singole porzioni immobiliari interessate, ovvero corpi di fabbrica, piano, unità immobiliare ecc. L’intero procedimento segue la categoria di ordine superiore. FAQ SUE n. 5[...]

  • Contenuto informativo

    FAQ SUE n. 50

    Sono da intendersi tutti i fronti. FAQ SUE n. 50 - Pubblicata il 6 marzo 2020

  • Contenuto informativo

    FAQ SUE n. 49

    L’atto d’obbligo non ha lo stesso contenuto pattizio di una convenzione o di un piano attuativo, che ne comporta anche la pubblicazione: pertanto negli ambiti soggetti ad attuazione mediante atto unilaterale d’obbligo, non è possibile derogare a norme vigenti. FAQ SUE n. 49 - Pubblicata il 6 marzo 2020

  • Contenuto informativo

    FAQ SUE n. 48

    Ai sensi dell’art. 88 comma 1 del R.E. nei locali interrati non è prevista la possibilità di adibire ad abitazione o destinazioni assimilabili alla residenza. Se costituiscono spazi agibili possono essere adibiti alle destinazioni previste dall’articolo sopra citato. FAQ SUE n. 48 - Pubblicata il 6 marzo 202[...]

  • Contenuto informativo

    FAQ SUE n. 47

    La L.R. 7/2017 riguarda il recupero dei vani e locali seminterrati esistenti (se legittimamente realizzati alla data di entrata in vigore della legge); quindi, i locali del piano interessato dal recupero devono essere corrispondenti alla Definizione Tecnica Uniforme –DTU - di seminterrato (n. 21 dell’allegat[...]

  • Contenuto informativo

    FAQ SUE n. 46

    Per potersi definire piano seminterrato, quindi recuperabile ai sensi della L.R. 7/2017 (fatto salvo il rispetto delle norme procedurali, regolamentari ed igienico sanitarie), secondo le Definizioni Tecniche Uniformi (D.G.R. n. XI/695 del 24/10/2018) la quota del cortile corrispondente al terreno in aderenza[...]

  • Contenuto informativo

    FAQ SUE n. 45

    L'art. 64 comma 1 della L.R. 12/2005 ammette modifiche di altezze, colmo, gronda e linee di pendenza delle falde solo quando l'altezza media ponderale sia al di sotto di m. 2,40 e solo ai fini del raggiungimento della stessa. Qualora, infatti, l'altezza media ponderale risulti già assicurata senza le suddet[...]

  • Contenuto informativo

    FAQ SUE n. 44

    Considerata la natura derogatoria della norma, non è ordinariamente consentita la traslazione o il riutilizzo, anche mediante demolizione e ricostruzione della superficie di un sottotetto recuperato. Parimenti la superficie derivante dal recupero del sottotetto non concorre a determinare la consistenza edili[...]

  • Contenuto informativo

    FAQ SUE n. 43

    La realizzazione di volumi soprastanti sottotetti recuperati non è ammissibile, in quanto comporta, per la porzione sottostante, il decadere delle caratteristiche di “sottotetto” alla base del recupero dello stesso, richieste dalla specifica normativa regionale derogatoria. L’inammissibilità vale anche per l[...]

  • Contenuto informativo

    FAQ SUE n. 42

    Laddove sia ammissibile modificare la copertura, nel caso di realizzazione di copertura piana, o prevalentemente piana, l’altezza netta interna della parte piana dovrà essere costante e pari a m. 2.40. FAQ SUE n. 42 - Pubblicata il 6 marzo 2020

  • Contenuto informativo

    FAQ SUE n. 41

    All’esterno del NAF è possibile, rispetto all’altezza esistente, innalzare o modificare le coperture sino al raggiungimento dell’altezza minima abitabile di mt. 1,50; l’incremento delle altezze deve avvenire assicurando per ogni singola unità immobiliare l’altezza media ponderale di 2.40 m., così come dispos[...]

Nessuno risultato