> Chi siamo    > Link utili    > Domande frequenti - Faq     > La nostra storia    >   
 

FAQ: risposte a domande frequenti

Per ulteriori domande o suggerimenti segui il link "scrivi qui" in fondo alla pagina.

Il planetario e l'edificio
Come funziona il planetario?

Il planetario è un proiettore ottico e meccanico che riproduce l'aspetto del cielo stellato osservabile da quelunque zona della Terra nel passato, nel presente e nel futuro. Lo strumento planetario è collocato al centro di una sala sormontata da una cupola emisferica che funge da schermo di proiezione. Un sistema multimediale ausiliario consente di mostrare immagini, filmati e animazioni grafiche.

Dove sono le uscite di sicurezza, il montascale per i diversamente abili e le toilettes?


Nello schema le uscite sono indicate in rosso.

Guardando la facciata dell'edificio, il montascale per i diversamente abili (verde) si trova sulla rampa della prima porta laterale a destra. Rivolgiti al personale per l'attivazione.

L'ubicazione delle toilettes è indicata in blu nello schema. Dall'entrata della sala, a destra:
  • toilette uomini: la prima porta
  • toilette done: la seconda porta
  • toilette disabili: la seconda porta

Quali sono i posti migliori?

La simmetria della sala rende i posti sostanzialmente equivalenti.

Perché sul profilo di Milano non appaiono il grattacielo Pirelli e la torre Velasca?

Il profilo scuro lungo la base della cupola rappresenta gli edifici di Milano visibili dai giardini di Porta Venezie negli anni '30 del XX secolo, quando il Planetario iniziò le sue attività. Il grattacielo Pirelli e la torre Velasca non erano ancora stati costruiti. Si notano invece molte ciminiere di stabilimenti industriali che oggi non esistono più.

Perché il Nord della sala non coincide con il Nord reale?
Alle latitudini dell'Italia l'eclittica, il percorso annuale apparente del Sole, è visibile al di sopra dell'orizzonte Sud. Il conferenziere può controllare meglio questa zona dal Nord del cielo simulato del planetario, dove c'è la postazione di comando. È comodo tenere vicino al Nord simulato l'ingresso della sala anche per facilitare il rapporto del conferenziere con il pubblico. Lo schema indica in rosso le direzioni reali e in blu quelle del cielo simulato.

Il Nord del cielo del planetario, l'ingresso della sala e l'ingresso principale dell'edificio sono allineati in direzione dell'Est reale, verso cui si trovano i cancelli di accesso ai giardini di Porta Venezia.

Corso Venezia, su cui si affaccia il Planetario, è orientato approssimativamente in direzione Nord-Sud. Il Nord è verso p.le Oberdan. Piazza Duomo, più distante, è in direzione opposta.
Le conferenze


Quando si può visitare il Planetario? Quali sono gli orari di apertura?

Il Planetario non è un museo con collezioni in esposizione e un orario di visita. Si può assistere alla proiezione del cielo stellato durante le conferenze pubbliche, che si svolgono da settembre a giugno il martedì e giovedì sera alle ore 21:00, il sabato e la domenica pomeriggio alle ore 15:00 e 16:30 (replica). Nei mesi di luglio e agosto è in vigore l'orario estivo con modalità diverse indicate nel programma. Per conoscere le prossime date consulta il programma del mese.

I bambini piccoli possono assistere alle conferenze?

Dipende. In molti Planetari si sconsiglia l'ingresso ai bambini sotto i 5 anni. Bambini così piccoli possono spaventarsi per il buio della notte simulata, o non essere in grado di mantenere l'attenzione per l'intera durata della conferenza. L'irrequietezza conseguente alla disattenzione è spesso causa di disturbo per il resto del pubblico. Il Civico Planetario non pone alcuna limitazione all'ingresso, ma lascia la decisione all'esperienza dei genitori e degli accompagnatori dei piccoli visitatori.

Ove non sia indicato diversamente, l'età consigliata per assistere alle conferenze è di almeno 6-8 anni. In ogni caso l'accesso a tutte le attività pubbliche del Planetario è sempre consentito a chiunque sia interessato, a qualunque età.

Si può prenotare?

A meno che non sia esplicitamente indicato nel programma delle attività, non è possibile prenotare per le conferenze pubbliche. Le lezioni per le scuole e i gruppi sono invece accessibili solo su prenotazione. Ci stiamo attrezzando per estendere la possibilità di prenotazione anche ad altre occasioni.

Si possono rivolgere domande al conferenziere?

Sì. Al termine di ogni conferenza, il conferenziere rimane per qualche minuto presso la postazione di comando per rispondere a eventuali domande del pubblico.

È possibile scattare fotografie?

Durante le conferenze non si possono scattare fotografie perché la luce dei flash nel il buio della notte simulata disturba il conferenziere e il pubblico. L'assenza di luce rende inoltre vani i tentativi di riprese fotografiche in queste condizioni: le foto risultanti non mostrano le immagini delle stelle ma solo lo schermo bianco all'interno della cupola.

Si possono invece scattare fotografie per uso personale solo prima dell'inizio o dopo la fine di una conferenza. Per ogni altra esigenza è necessario contattare il conservatore del Planetario, il Dott. Fabio Peri.

È possibile registrare le conferenze?

Alcuni conferenzieri consentono di registrare per uso personale e di studio la loro presentazione. Chiedete l'autorizzazione prima dell'inizio e, nel caso vi sia concessa, posizionate il registratore vicino a una delle casse acustiche lungo il perimetro della sala. Non lasciate il registratore sulla postazione di comando perché potrebbe intralciare il conferenziere.

 
   
Note legali e privacy | Credits inizio pagina