> Chi siamo    > Link utili    > Domande frequenti - Faq     > La nostra storia    >   
 

L'astronomia dei navigatori polinesiani

Il cielo ed il mare degli antichi - Astronomia e navigazione nel Mondo Antico
Conferenza di Adriano Gaspani; giovedì 13 giugno 2013 - ore 21:00

Prima dell'invenzione della bussola, del sestante e dell'orologio o - più recentemente - del sistema di navigazione satellitare GPS, i polinesiani navigavano in oceano aperto senza strumenti, attraverso l'attenta osservazione dei segni della natura.

Essi facevano il miglior uso possibile degli indizi di cui disponevano. Si servivano del Sole quando era basso all'orizzonte e gli davano un nome diverso a seconda di quanto il Sole fosse largo, e per i diversi "colori" del suo percorso sull'acqua. Quando il Sole è basso, il percorso è stretto. Quando il Sole è alto si fa sempre più largo. Quando il sole arriva troppo in alto non era più possibile sapere dove era sorto e quindi era necessario utilizzare altri indizi. L'alba è la parte più importante della giornata: all'alba i navigatori polinesiani iniziavano col guardare la forma delle onde dell'oceano: il "carattere" del mare.

Memorizzavano da dove arrivava il vento e il vento faceva rigonfiare l'acqua. Determinavano la direzione dei rigonfiamenti, e quando il Sole si faceva troppo alto, si dirigeva la navigazione in base a quegli indizi. Al tramonto si ripetevano le stesse osservazioni. Il Sole scendeva, e loro guardavano nuovamente la forma delle onde. Di notte usavano le stelle di cui ne conoscevano circa 220 per nome. Di esse sapevano quando sorgevano e quando tramontavano. Quando era nuvoloso e non si poteva usare il Sole o le Stelle, tutto ciò che potevano fare era affidarsi alle onde dell'oceano.

Essi affermavano "Se sai leggere l'oceano, non ti perderai mai".

In collaborazione con AstrOfficina

Tariffe

Biglietto intero: 3,00 Euro

Biglietto ridotto: 1,50 Euro (fino a 18 anni e oltre i 60 anni)

Da ricordare

  • A conferenza iniziata non è consentito l'ingresso.
  • Le conferenze hanno generalmente una durata di circa un'ora.



Civico Planetario "Ulrico Hoepli"
c/o Giardini Pubblici "Indro Montanelli"
c.so Venezia, 57 - 20121 Milano
Fermata
Palestro della Metropolitana, Linea 1 (seguire le indicazioni "Museo Storia Naturale"; guardando la facciata del Museo, il Planetario è poche decine di metri a destra); Tram 9, 29, 30; Passante Ferroviario Porta Venezia

Tel. 02-88463340 (dal lunedì al venerdì, dalle ore 9:00 alle 13:00)
Fax 02-88463559
 
   
Note legali e privacy | Credits inizio pagina