> Chi siamo    > Link utili    > Domande frequenti - Faq     > La nostra storia    >   
 

Cuore, occhi e mani italiane: il contributo italiano alla missione Rosetta

Conferenza di Marco Molina (Selex ES); giovedì 30 ottobre 2014 - ore 21:00

Verrà ripercorsa la storia degli strumenti realizzati dalla nostra industria spaziale per la missione Rosetta in collaborazione con le università ed i centri di ricerca.

Sulla sonda Rosetta e sul lander Philae, che toccherà la cometa Churyumov-Gerasimenko (CG) a Novembre, ci sono diversi strumenti ed equipaggiamenti realizzati nel nostro Paese.

Questi strumenti scientifici sono un meraviglioso esempio della collaborazione tra l’Agenzia Spaziale Italiana, le Università, i Centri di Ricerca e la grande industria nazionale (Selex ES).

In attesa della discesa sulla cometa, una prima assoluta per l’Umanità, conosciamo da vicino la storia di questi strumenti italiani: tra gli altri, VIRTIS che realizza mappe di temperatura della cometa, GIADA che conta i grani di polvere cometaria, SD2 che “assaggerà” un pezzo di cometa prelevandolo per analizzarlo.

Racconteremo anche la storia di quegli apparati che, sempre made in Italy, hanno permesso a Rosetta di viaggiare per dieci anni nello spazio: sensori di stelle, camere di navigazione e pannelli solari.

Marco Molina. E' nato nell'anno dello sbarco sulla Luna. Sposato, padre di due figli.

Si è laureato cum laude in Ingegneria Aeronautica (1994) al Politecnico di Milano con una tesi su orbite nel sistema Terra-Luna. Ha conseguito il Dottorato di ricerca in Ingegneria Aerospaziale (2007) presso lo stesso ateneo con una ricerca su tecniche Montecarlo applicate al controllo termico di veicoli spaziali.

Si è occupato di dinamica delle vibrazioni presso Agusta (1996), per poi lavorare dal 1997 nell’industria spaziale nazionale.

Dal 2011 lavora presso Finmeccanica-Selex ES come responsabile della Ricerca e Sviluppo dei Prodotti Spaziali.

Ha collaborato a più di dieci missioni già lanciate in orbita: satelliti, esperimenti di microgravità ed esperimenti sulla Stazione Spaziale Internazionale.

Fondatore dell'associazione Astrofili “AVDA” di Vigevano (PV). Guida museale presso il Museo Nazionale della Scienza e della tecnica Leonardo da Vinci di Milano (1993-94). Autore di circa 70 pubblicazioni. Relatore di circa 50 tesi di Laurea e 6 tesi di Dottorato di Ricerca. Ha tenuto negli ultimi 10 anni circa 100 conferenze pubbliche sui temi dell’esplorazione dello spazio e l'astronomia.

In collaborazione con AstrOfficina

Tariffe

Biglietto intero: 5,00 Euro

Biglietto ridotto: 3,00 Euro; fino a 18 e da 65 anni, MUSEOCARD abbonamento Civici Musei, dipendenti comunali

Biglietto gratuito: portatori di handicap

Da ricordare

  • A conferenza iniziata non è consentito l'ingresso.
  • Le conferenze hanno generalmente una durata di circa un'ora.



Civico Planetario "Ulrico Hoepli"
c/o Giardini Pubblici "Indro Montanelli"
c.so Venezia, 57 - 20121 Milano
Fermata
Palestro della Metropolitana, Linea 1 (seguire le indicazioni "Museo Storia Naturale"; guardando la facciata del Museo, il Planetario è poche decine di metri a destra); Tram 9, 29, 30; Passante Ferroviario Porta Venezia

Tel. 02-88463340 (dal lunedì al venerdì, dalle ore 9:00 alle 13:00)
Fax 02-88463559
 
   
Note legali e privacy | Credits inizio pagina