> Chi siamo    > Link utili    > Domande frequenti - Faq     > La nostra storia    >   
 

Luna: storia e futuro

Ciclo di due conferenze sull'esplorazione della Luna; 10 - 17 ottobre

Martedì 10 ottobre 2006 - ore 21.00
Patrizia Caraveo
La corsa alla Luna

Prima che dagli astronauti, la Luna è stata visitata da visionari, da poeti e da burloni.

Nel 1835, la più grande bufala lunare della storia, oggi dimenticata, viene perpetrata dal “New York Sun” sfruttando la fama del telescopio di Herschel, il più potente dell’epoca.

Pulcinella, a Napoli, legge la traduzione del quotidiano americano, ma non ci crede e decide di andare lui stesso sulla Luna, con una nave a ruote.

Sette anni prima di Jules Verne, Capocci, direttore dell’Osservatorio di Capodimonte, descrive il primo viaggio di una donna sulla Luna, colpendo perfino la fantasia del razionalismo francese di Flammarion.

Nel 1902 Méliès mette in scena il viaggio alla Luna di Verne.

Solo con Von Braun inizia il vero viaggio che porterà una dozzina di uomini a camminare sulla Luna.

Patrizia Caraveo

Si è laureata in Fisica all’Università di Milano nel 1977.
Ha partecipato a buona parte delle missioni spaziali dedicate all'astrofisica delle alte energie che sono state attive negli ultimi 30 anni.
Il suo campo d’interesse principale è il comportamento delle stelle di neutroni alle diverse lunghezze d’onda.
E’ stata tra i primi a capire il ruolo fondamentale delle stelle di neutroni nell’astrofisica delle alte energie.
Ha usato l’astronomia X e ottica per risolvere l’enigma della sorgente gamma Geminga, svelando l’esistenza delle pulsar senza emissione radio.
E’ Dirigente di ricerca presso l’Istituto Nazionale di Astrofisica di Milano.



Martedì 17 ottobre 2006 - ore 21.00
Luigi Bignami
Ritorno alla Luna

Anno 2018: è il ritorno dell’uomo sulla Luna, questa volta con lo scopo di costruirvi un insediamento stabile.

Dapprima un modulo lunare con quattro persone, poi una base scientifica, più in là una miniera per estrarre materiali da utilizzare sulla Terra.

Per raggiungere quell’obiettivo c’è molto da fare: si deve costruire la navicella e il modulo lunare, si deve dar vita a più razzi in grado di portare uomini e mezzi sul nostro satellite, si devono intrecciare rapporti tra le varie agenzie spaziali della Terra per dar modo a tutta l’umanità di partecipare alla grande avventura.

E il tutto senza dimenticare che bisogna terminare la Stazione Spaziale Internazionale.

Sembra di respirare l’aria degli anni Sessanta, quando per la prima volta l’uomo tentò la conquista del nostro satellite naturale.

Luigi Bignami

Giornalista scientifico e geologo.
Scrive per Repubblica, Focus, Panorama e altre pubblicazioni.
Collabora con Radio24, IlSole24Ore e i telegiornali di Mediaset.
E’ socio fondatore del Centro Studi, di Esobiologia un’unità operativa della Società Italiana di Scienze Naturali (SISN) che ha come scopo lo studio e la divulgazione dell’esobiologia, intesa come la disciplina scientifica che si occupa della ricerca della vita nello spazio.
Come geologo ha lavorato in Africa e in America Latina per conto dell’Eni e Ministero degli Esteri.

Tariffe

Biglietto intero: 3,00 Euro

Biglietto ridotto: 1,50 Euro (fino a 18 anni e oltre i 60 anni)

Da ricordare

  • A conferenza iniziata non è consentito l'ingresso.
  • Le conferenze hanno generalmente una durata di circa un'ora.



Civico Planetario "Ulrico Hoepli"
c/o Giardini Pubblici "Indro Montanelli"
c.so Venezia, 57 - 20121 Milano
Fermata
Palestro della Metropolitana, Linea 1 (seguire le indicazioni "Museo Storia Naturale"; guardando la facciata del Museo, il Planetario è poche decine di metri a destra); Tram 9, 29, 30; Passante Ferroviario Porta Venezia

Tel. 02-88463340 (dal lunedì al venerdì, dalle ore 9:00 alle 12:00)
Fax 02-88463559
 
   
Note legali e privacy | Credits inizio pagina