> Chi siamo    > Link utili    > Domande frequenti - Faq     > La nostra storia    >   
 

Rivolti agli dei del cielo e della Terra

L'astronomia nel mondo antico: aspetti insoliti - Astronomia e simbolismo cosmico nei siti germanici del V millennio a.C.
Conferenza di Adriano Gaspani; martedì 25 febbraio 2014 - ore 21:00

Sul territorio tedesco esistono parecchi siti che mostrano una struttura circolare o ellittica geometricamente molto ben definita e astronomicamente significativa. Essi, vanno tecnicamente sotto il nome tedesco di "rondellen" e risalgono al V millennio a.C. La loro struttura originale era delimitata da una o più palizzate in legno e quindi queste strutture vanno sotto il nome di "megaxili", cioè "megaliti...di legno". Essendo siti delimitati da palizzate lignee la loro struttura si è decomposta durante i millenni e quindi essi attualmente non sono visibili direttamente sul terreno, come avviene nel caso delle consuete strutture megalitiche, ma è possibile rivelarne la presenza sulla base delle immagini da satellite oppure mediante le prospezioni geomagnetiche e georadar. Questo tipo di indagini sono in grado di mettere in evidenza, con elevata accuratezza, il profilo originale del perimetro della palizzata, la quale viene poi puntualmente messa in evidenza dai successivi scavi archeologici. L’analisi archeoastronomica di questi siti è possibile combinando i dati di scavo con il rilievo geomagnetico e con le immagini satellitari ottenendo risultati sorprendenti.

E' apparso quindi evidente che già nei primi secoli del V millennio a.C. le locali popolazioni conoscevano molto bene alcuni fondamentali principi geometrici, e avevano la capacità di tracciare sul terreno, con sorprendente accuratezza, alcune curve chiuse anche di rilevante complessità e di dimensione lineare non trascurabile. L'analisi archeoastronomica di molti siti di questo tipo distribuiti sul territorio tedesco e austriaco ha messo in evidenza la loro orientazione astronomicamente significativa la quale rappresenta un sintomo inequivocabile che, già nel V millennio a.C., accanto alle rilevanti capacità geometriche le culture neolitiche centroeuropee disponevano di ottime conoscenze astronomiche soprattutto in relazione ai cicli solari e lunari, dei quali facevano uso per finalità religiose, ma soprattutto per la quotidiana sopravvivenza della comunità.

In collaborazione con AstrOfficina

Tariffe

Biglietto intero: 3,00 Euro

Biglietto ridotto: 1,50 Euro (fino a 18 anni e oltre i 60 anni)

Da ricordare

  • A conferenza iniziata non è consentito l'ingresso.
  • Le conferenze hanno generalmente una durata di circa un'ora.



Civico Planetario "Ulrico Hoepli"
c/o Giardini Pubblici "Indro Montanelli"
c.so Venezia, 57 - 20121 Milano
Fermata
Palestro della Metropolitana, Linea 1 (seguire le indicazioni "Museo Storia Naturale"; guardando la facciata del Museo, il Planetario è poche decine di metri a destra); Tram 9, 29, 30; Passante Ferroviario Porta Venezia

Tel. 02-88463340 (dal lunedì al venerdì, dalle ore 9:00 alle 13:00)
Fax 02-88463559
 
   
Note legali e privacy | Credits inizio pagina