> Chi siamo    > Link utili    > Domande frequenti - Faq     > La nostra storia    >   
 

Il cielo e l'acciaio: astronomia e simbolismo cosmico nella forgiatura delle spade nel Giappone meridionale

L'astronomia nel mondo antico: aspetti insoliti
Conferenza di Adriano Gaspani; giovedì 26 giugno 2014 - ore 21:00

Sin dagli albori del medioevo giapponese la spada, di qualsiasi tipo essa fosse, ebbe molto più che in Europa un significato altamente simbolico. La forgiatura delle spade secondo i metodi tradizionali propri di ciascun fabbro, e gelosamente custoditi in gran segreto, era ed è ancora un rito sacro, tanto che il forgiatore indossa l’abito bianco con il copricapo nero tipico del prete scintoista.

Durante il medioevo giapponese si svilupparono anche credenze secondo le quali si riteneva che il fabbro forgiatore operasse in diretta comunicazione con gli dei, o per lo meno con particolari divinità naturali dette “Kami”. Questo ha portato allo sviluppo della credenza che una spada di alto rango dovesse essere forgiata in particolari date del calendario tradizionale Eto e corrispondenti al verificarsi nel cielo di particolari fenomeni astronomici, soprattutto di tipo planetario, che le credenze astrologiche e simboliche locali di quell’epoca stabilivano essere particolarmente favorevoli.

Anche la geometria e la morfologia delle spade dovevano soggiacere a stretti canoni divinatori, che scadevano sovente nella pura superstizione. In Giappone esiste ancora un ristrettissimo numero di abilissimi artigiani ufficialmente nominati ed autorizzati dallo stato giapponese che forgiano le spade, a mano, su ordinazione, applicando accuratamente le antiche tecniche, e che hanno la qualifica di “tesori nazionali viventi”.

Questi artigiani, economicamente supportati dallo stato giapponese, hanno il compito di preservare le antiche tecniche tradizionali affinché non vadano perse.

L’esame dei testi antichi, delle tradizioni e quello diretto di un gran numero di spade attualmente custodite nei musei e nelle collezioni private, riguardo alle quali è stato possibile reperire il materiale iconografico e sperimentale, ha permesso di ricostruire il legame trasversale esistente tra gli antichi precetti di forgiatura, le tradizioni astronomiche scintoistiche e l’antica astronomia giapponese.

In collaborazione con AstrOfficina

Tariffe

Biglietto intero: 3,00 Euro

Biglietto ridotto: 1,50 Euro (fino a 18 anni e oltre i 60 anni)

Da ricordare

  • A conferenza iniziata non è consentito l'ingresso.
  • Le conferenze hanno generalmente una durata di circa un'ora.



Civico Planetario "Ulrico Hoepli"
c/o Giardini Pubblici "Indro Montanelli"
c.so Venezia, 57 - 20121 Milano
Fermata
Palestro della Metropolitana, Linea 1 (seguire le indicazioni "Museo Storia Naturale"; guardando la facciata del Museo, il Planetario è poche decine di metri a destra); Tram 9, 29, 30; Passante Ferroviario Porta Venezia

Tel. 02-88463340 (dal lunedì al venerdì, dalle ore 9:00 alle 13:00)
Fax 02-88463559
 
   
Note legali e privacy | Credits inizio pagina