Primo premio“L’alfabeto delle Primedonne”. Moratti: “Grazie a 22 protagoniste della crescita di Milano”



Letizia Moratti - Sindaco

08/03/2010

Quest’anno, in occasione dell’8 marzo, Giornata Internazionale della Donna, il Sindaco Letizia Moratti ha voluto attribuire un riconoscimento a 22 donne milanesi che, attraverso il proprio lavoro, hanno contribuito alla crescita sociale e culturale della città.

È nata così la prima edizione de “l’Alfabeto delle Primedonne”: un “grazie” a manager, volontarie, insegnanti, imprenditrici, ricercatrici, politiche e commercianti che negli anni si sono distinte in 21 campi differenti, tanti quante sono le lettere dell’alfabeto.

“Oggi Milano premia le sue donne, quelle che la fanno grande con il loro lavoro, creando eccellenza, innovazione, solidarietà e cultura- ha dichiarato il Sindaco -. Ciascuna di voi rappresenta un aspetto della vita della Città, perché Milano fa spazio alle donne nel mondo del lavoro. La nostra Città ha il primato del tasso di occupazione femminile. Abbiamo già raggiunto, infatti, l’obiettivo di Lisbona che prevede, entro il 2010, un tasso di occupazione femminile del 60%”.

“Il Comune di Milano – ha proseguito il Sindaco - ha scelto di dare vita ad un alfabeto delle eccellenze milanesi tutto al femminile, che voi rappresentate, con grande professionalità, diffondendo nel Paese un messaggio positivo.

Come Sindaco scopro ogni giorno che a Milano le donne fanno davvero la differenza. Siamo tutte pronte a lavorare insieme –ha concluso Letizia Moratti- per costruire una città che metta al centro la persona, i suoi bisogni più veri”.

La cerimonia, cui ha partecipato anche Mariolina Moioli, assessore alla Famiglia, Scuole e Politiche sociali, sì è svolta nel pomeriggio in Sala Otto Colonne a Palazzo Reale.

Premiate le categorie: A come Associazioni, B come Business, C come Commercio, D come Design, E come Educazione, F come Famiglia, G come Giornalismo, H come Hospitality, I come Impresa, L come Lavoro, M come Medicina, N come No Profit, O come Oltrefrontiera, P come Politica, Q come Qualità della vita, R come Ricerca, S come Sicurezza, T come Tecnologia, U come Università, V come Volontariato e Z come Zoom.

Hanno ricevuto il riconoscimento:

· per la categoria Associazioni: Ilaria Malvezzi, dal 2003 Direttore generale della Sezione provinciale di Milano della Lega italiana per la lotta contro i tumori.
· per la categoria Business: Anna Fabbri, dal 2002 Group financial reporting manager del Gruppo Autogrill.
· per la categoria Commercio: Lionella Maggi, titolare dello Studio immobiliare Maggi e vicepresidente della Borsa immobiliare di Milano.
· per la categoria Design: Paola Navone, architetto, designer, interior designer, critica, professore di fama internazionale e art director di Richard Ginori 1735.
· per la categoria Educazione: Ana Paula Giolli, fondatrice dell’associazione “Donne in cammino”.
· per la categoria Famiglia: Gianna Savaris, dal 2008 presidente del Forum milanese delle famiglie e membro direttivo del Sindacato delle famiglie.
· per la categoria Giornalismo: Carla Vanni, direttore di Grazia dal 1978 al 2006 e attuale direttore del Grazia International Network.
· per la categoria Hospitality: Daniela Bertazzoni, presidente della Vega spa che gestisce lo storico Grand Hotel et de Milan.
· per la categoria Impresa: Federica Ferrario Olivares, fondatrice nel 1987 della Casa editrice “Edizioni Olivares”.
· per la categoria Lavoro: Luigia Cassina, responsabile del Coordinamento donne per la parità e le pari opportunità della Cisl.
· per la categoria Medicina: Federica Agosta, neurologa ricercatrice della Neuroimaging Research Unit dell’Istituto di Neurologia sperimentale, divisione Neuroscienze, dell’Istituto scientifico e Università Vita-Salute San Raffaele di Milano.
· per la categoria No Profit: Fede Zanchi Mezzanotte, dal 2000 presidente della Fondazione Prospero Zanchi.
· per la categoria Oltrefrontiera: Elettra Lorenzano, medico che in Ghana ha fondato l’associazione Amicus-Onlus, dove opera nel “Baobab Medical Centre” di Biriwa.
· per la categoria Politica: Camilla Musciacchio, presidente e socio fondatore dell’associazione “Donne in Libertà” del Popolo della Libertà.
· per la categoria Qualità della vita: Cristina Gabetti, autrice del libro “Tentativi di eco condotta”.
· per la categoria Ricerca: Annamaria Vezzani, capo del laboratorio di Neurologia sperimentale dell’Istituto di Ricerche farmacologiche Mario Negri.
· per la categoria Sicurezza: Marta Tampieri, Commissario aggiunto del Comando di Polizia municipale Zona 9.
· per la categoria Tecnologia: Roberta Cocco, direttore Marketing centrale di Microsoft Italia.
· per la categoria Università: Claudia Sorlini, preside della facoltà di Agraria all’Università di Milano.
· per la categoria Volontariato: Mariavittoria Rava, presidente della Fondazione Francesca Rava – N.P.H. Italia Onlus.
· per la categoria Zoom: Barbara Bianchi Bonomi e Ines Quartieri. La prima premiata è presidente dell’associazione Children in Crisis Italy Onlus. La seconda è insegnante, consigliere comunale e presidente della commissione Pari opportunità del Comune di Milano.

Alle ore 21.00, in occasione della serata "Le donne, Maria e la città", in programma in Duomo, il Sindaco leggerà una poesia di Alda Merini sulle donne e la città.