Lea MELANDRI

Milanese di adozione fin dal 1967, è tra le maggiori teoriche italiane del femminismo: ha contribuito a fare della nostra città uno dei centri internazionali del pensiero sulle donne, animando il dibattito con scritti, incontri, iniziative culturali, civili, politiche. Saggista e giornalista, è stata co-fondatrice della rivista “L’erba voglio” e autrice del libro “L’infanzia originaria”, un manifesto del femminismo italiano. Ha pubblicato numerosi testi, tra cui “La perdita”, “Le passioni del corpo”, “Amore e violenza”. Insegnante presso i corsi 150 ore, è Presidente della Libera Università delle Donne.