La situazione carceraria per il Guardasigilli

Roma, Ansa, 14 maggio 2020

Questi i dati illustrati alla Camera dal ministro della Giustizia

La "quasi totalità dei detenuti positivi 'al Covid 19' - ha detto il ministro Bonafede alla commissione Giustizia - si trova nel territorio di competenza dei provveditorati delle tre aree geografiche più colpite (Lombardia, Triveneto, Piemonte, Liguria e Valle D'Aosta), per un totale di 121 casi sui 128 attivi ristretti, a testimonianza dell'estrema efficacia delle soluzioni prese nella fase più acuta dell'emergenza".
"Alla data del 2 marzo 2020 (picco massimo) la popolazione carceraria era di 61.235 reclusi, mentre alla data del 12 maggio 2020 risultano in carico agli Istituti di detenzione 53.524 persone, di cui 52.712 effettivamente presenti; tale diminuzione è dovuta, principalmente, al calo notevolissimo di nuovi ingressi".
"Sono 204 i soggetti accertati come positivi tra chi lavora nelle carceri, di questi 28 tra il personale sanitario, 6 tra il personale amministrativo e 170 gli agenti della Polizia Penitenziaria; delle 176 unità in carico all'Amministrazione penitenziaria, 150 sono in isolamento presso la propria abitazione, 16 nelle caserme e 10 sono ricoverati in strutture sanitarie, i guariti sono 116 e, purtroppo, sono segnalati due decessi".

Aggiornato il: 10/06/2020