Frida Kalho e le detenute-attrici di San Vittore

Milano (gnewsonline.it - Antonella Barone), 27 giugno 2019

Ambra Angiolini ospite della performance teatrale

L'attrice Ambra Angiolini è stata l'artista ospite della performance teatrale "Viva la vida, in viaggio con Frida Kahlo", per la regia di Donatella Massimilla, direttrice artistica del "Centro Europeo Teatro e Carcere" (Cetec), alla 7° edizione dell'Estate sforzesca.
Il tributo alla pittrice messicana, nato anche in attuazione del Protocollo d'intesa tra il Cetec e l'associazione di Alta giustizia messicana, per la realizzazione di scambi di esperienze e buone pratiche, ha coinvolto nella scrittura di testi e poesie le detenute del laboratorio teatrale "Cetec Dentro/Fuori San Vittore". Alcune di loro sono state interpreti delle sedici Fride che hanno  invaso il palcoscenico, cantando, danzando e recitando pagine dedicate all'artista nelle loro lingue d'origine, accompagnate dalla traduzione anche in LIS (Linguaggio internazionale dei segni, ndr), grazie al contributo del Pio istituto dei sordi di Milano.
Ambra Angiolini, che da tempo sta compiendo una ricerca sulla pittrice messicana, ha letto alcune pagine dal diario di Frida. "Il lavoro autoriale delle attrici Fride detenute, conosciuto attraverso la mostra "Frida, oltre il mito", allestita al Mudec - spiega Donatella Massimilla - ha emozionato Ambra ed è bastato un attimo perché si sentisse coinvolta, decidendo di esserci a condividere con noi la performance al Castello".
Sul palco anche Gilberta Crispino, voce di Chavela Vargas, la cantante originaria della Costa Rica amata da Frida, la danzatrice Sonia Cortopassi ed Elodie Lebigre, cantante e ideatrice del carro del carnevale di Viareggio "Adelante", ispirato alla pittrice. Frida Kahlo, infatti, è stata anche la creatrice di uno stile divenuto iconico, ispiratore di abiti, acconciature, dettagli, accessori e oggettistica.
"Viva la vida" ha voluto rendere così omaggio anche a questo aspetto dell'universo della pittrice: postazione "Truccofrida", realizzato dalla make-up artist Tania Sartini, e uno stand con lavori ispirati all'artista di Uliano e Linda Grittini, i cui proventi andranno a sostegno dei laboratori teatrali del Cetec. Lo spettacolo, infine, è inserito nel programma di "Milano Pride 2019".

Aggiornato il: 07/04/2020