Bonafede, nessuna interferenza per nomina Dap

Roma (Ministero della Giustizia - Gianni Parlatore), 7 Maggio 2020

“Nuovo decreto permetterà ai giudici di rivalutare le scarcerazioni”

Il ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede ha risposto ad alcune interrogazioni sul tema delle scarcerazioni durante il 'Question time' al Senato.
Rispondendo al quesito di cui è primo firmatario il senatore Alberto Balboni, Bonafede, ha comunicato che “è in cantiere un decreto-legge che permetterà ai giudici, alla luce del nuovo quadro sanitario, di rivalutare l’attuale persistenza dei presupposti per le scarcerazioni di detenuti di alta sicurezza e al 41 bis”.
In risposta a una interrogazione a prima firma della senatrice Grazia D’Angelo, il Guardasigilli ha spiegato che “secondo il decreto-legge n. 28 del 30 aprile 2020 - relativamente alle istanze di scarcerazione che interessino detenuti per reati di mafia - devono essere obbligatoriamente acquisiti il parere della Direzione nazionale antimafia e antiterrorismo e delle Direzioni distrettuali antimafia e antiterrorismo: una previsione che ha l’obiettivo di fornire un quadro più completo ai giudici di sorveglianza in ordine alla pericolosità dei detenuti grazie al contributo fondamentale di chi, ogni giorno, a livello nazionale e distrettuale, è in trincea nella lotta alle mafie”.
Replicando al quesito illustrato dal senatore Francesco Urraro, il ministro della Giustizia ha ricordato che “la Circolare emanata il 2 maggio 2020 invitava i direttori degli Istituti penitenziari a comunicare immediatamente al Dipartimento le istanze presentate dai detenuti sottoposti a regime del 41 bis o appartenenti al circuito di Alta Sicurezza, ciò a ulteriore conferma della costante attenzione del governo e del ministero della Giustizia al contrasto del fenomeno mafioso in ogni sua forma”.
Il Guardasigilli ha risposto, infine, alla interrogazione firmata dalla senatrice Anna Maria Bernini: “Non vi fu alcuna interferenza, diretta o indiretta, nella nomina del capo del Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria avvenuta nel giugno 2018”.