In ricordo di Elena Casetto

Bergamo, 13 febbraio 2020 - alle 14 - Appello

Bergamo libera da contenzione: insieme si può

A sei mesi dalla morte di Elena Casetto, giovane donna di 19 anni ricoverata nel reparto di Psichiatria dell'ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo, legata al letto e trovata carbonizzata, a seguito di un incendio nel reparto, forse partito dalla sua stanza, la Conferenza nazionale di salute mentale, la Campagna "....e tu slegalo subito", l’Unione regionale delle associazioni di salute mentale in Lombardia e il Forum delle "associazioni per la salute mentale" di Bergamo, promuovono il 13 febbraio 2020 l’incontro "In ricordo di Elena: Bergamo libera da contenzione".

All'iniziativa hanno già dato l’adesione numerose associazioni che operano nell'area della salute mentale e dei diritti umani, operatori, intellettuali, docenti universitari, rappresentanti istituzionali e politici. Sono stati invitati il ministero della Salute, il Comune di Bergamo, l'ASST Papa Giovanni XXIII di Bergamo, le ASST di Bergamo Est e Ovest, l’Agenzia di tutela della salute di Bergamo, la Provincia di Bergamo, l’assessorato al Welfare della Regione Lombardia, la Conferenza delle Regioni e l’Associazione nazionale dei Comuni italiani.

Obiettivo dell’incontro è promuovere l’impegno delle istituzioni affinché dalla morte di Elena prenda avvio un cambiamento nella presa in carico delle persone con problemi di salute mentale. Perché la pratica della contenzione, atto inumano e degradante per chi lo subisce ma anche per chi lo attua, sia abolita nei servizi socio-sanitari, dove è pratica diffusa, come denunciato dal Comitato nazionale per la bio-etica. Perché Bergamo diventi città “libera da contenzione”, come è successo in altre realtà in Italia dove la contenzione è stata superata.

Il nostro impegno è che da Bergamo prendano avvio iniziative in tutto il Paese per costruire “città libere da contenzione”, per il superamento della contenzione e di ogni pratica lesiva della dignità e dei diritti delle persone nei luoghi della cura.

Per il comitato promotore:

  • Giovanna Del Giudice, portavoce della Campagna "...tu slegalo subito",
  • Gisella Trincas, per la Conferenza nazionale di salute mentale,
  • Valerio Canzian, presidente dell'Unione regionale delle associazioni di salute mentale in Lombardia,
  • Camilla Morelli, per il Forum "associazioni per la salute mentale" di Bergamo.

Tra le adesioni, al 6 gennaio 2020: Francesco Maisto, Garante delle persone private della libertà personale, del Comune di Milano (l'elenco completo nell'Appello allegato).

Appello

Per aderire

Info