Ambrogini 2013

Home > Ambrogini 2013
Medaglie d'Oro alla Memoria
È il nome dell’alta acconciatura milanese nel mondo. La moda, lo spettacolo, la fotografia d’arte hanno trovato in lui l’eccellenza di uno stile dinamico ed elegante. Dagli anni sessanta ai nostri giorni ha collaborato con le maggiori case di moda internazionali, con le riviste di fashion più qualificate nel mondo, con i maggiori maestri della fotografia. I suoi saloni milanesi e l’Accademia di ricerca professionale fanno di Milano un luogo di attrazione internazionale per il settore estetica, in connessione con il sistema della moda. Milano onora la memoria di Aldo Coppola e si impegna a proseguire la strada di eccellenza e di stile che ha aperto e percorso in oltre quarant’anni di impegno.
Medaglie d’Oro
Scrittrice, giornalista e autrice televisiva, si è affermata con l'assegnazione del Premio Bancarella per il romanzo Amiche di Salvataggio. I suoi lavori successivi, spesso incentrati sull’universo femminile e le sue problematiche, hanno goduto di un notevole successo di critica e di pubblico. Accanto a questa attività Alessandra Appiano si è sempre distinta per un lodevole e assiduo impegno solidale che l’ha vista promotrice di attività benefiche come il Mercato della solidarietà per Fondazione Exodus.
Dopo la laurea a Milano completa la sua formazione negli Stati Uniti d'America. Torna quindi in Italia, decidendo di mettere al servizio della nostra città la sua competenza e professionalità nella neurochirurgia. In oltre quarant’anni Broggi effettua migliaia di delicate operazioni al cervello presso l’Ospedale Besta, guadagnandosi la stima e la riconoscenza di colleghi e pazienti. Vincitore di prestigiosi premi all’estero, autore di oltre duecentocinquanta pubblicazioni, prosegue ancora oggi la sua missione di cura, rappresentando così un esempio di amore per la medicina e dedizione ai malati.
Appassionata d’arte e cultura, per oltre 40 anni ha tutelato e valorizzato il nostro patrimonio museale, contribuendo anche al riconoscimento professionale ed etico del volontariato in questo settore. Rappresentante dal 1975 della Federazione Italiana Amici dei Musei, ha presieduto la Federazione mondiale dal 1990 al 1993, mobilitando Capi di Stato e di Governo nella difesa dei beni culturali; con l’Unesco, ha rilanciato la rivista Museum. Dagli anni ‘70 il suo nome è legato al Poldi Pezzoli, che ha fatto conoscere nel mondo accrescendone il prestigio: presidente dal 2005 al 2010, ha gestito le attività della casa-museo con una rinnovata attenzione alle esigenze delle persone con disabilità, ha introdotto la musica in alcune sale storiche e ha dato impulso al museum shop.
Figlia di Lea Garofalo, ha sconfitto la cultura mafiosa che era radicata nella sua stessa famiglia seguendo l’esempio della giovane mamma. Ha scelto Milano come luogo dei funerali della madre, in quanto città costituitasi parte civile nel processo, riconoscendo così ai milanesi un primato di sensibilità e impegno contro la criminalità organizzata. Milano è al fianco di Denise Cosco e della sua battaglia di libertà e giustizia, e riconosce in lei un simbolo di autentico progresso civile.
Onora la civiltà del lavoro e l’ingegno italiano con una vita di passione, di creatività e di grande proiezione internazionale. Nato a Milano, ha aperto nel 1958 ad Agordo il primo laboratorio ottico, divenuto poi Luxottica, leader mondiale nel settore, con 60.000 occupati. Grazie alla sua sapienza tecnica e gestionale oggi Luxottica gestisce i maggiori marchi della produzione e della distribuzione ottica mondiale. Milano riconosce a Del Vecchio la generosità e l’impegno di una vita dedicata al lavoro e al prestigio industriale del paese in tutto il mondo.
Milanese di origine eritrea, cittadina del mondo per l’ideale di pace che guida la sua opera meritoria in Africa e Medio Oriente, è presidente dell’Ong Gandhi. Con lo stesso spirito umanitario dei Giusti della storia, mette a rischio la propria vita per liberare i profughi subsahariani - in particolare eritrei, etiopi, sudanesi - rapiti e torturati brutalmente. Ha salvato centinaia di uomini, donne, bambini, vittime dei più crudeli traffici di esseri umani del pianeta. Realizza progetti di scolarizzazione e formazione professionale e promuove l’accoglienza e l’integrazione dei rifugiati a Milano. Subito dopo la tragedia di Lampedusa ha soccorso e assistito i superstiti, svolgendo anche una preziosa funzione di collegamento con le famiglie nei Paesi di origine.
Direttore generale dell’Hotel Principe di Savoia, è riconosciuto tra le più autorevoli personalità a livello internazionale nell’hotellerie di lusso, con oltre 25 anni di carriera. È promotore di attività culturali e sostenitore di iniziative di beneficenza, con cui concorre al rilancio di Milano nell’arte, nella cultura, nella moda, negli eventi. È stato premiato quale migliore direttore d’albergo del mondo e, quest’anno, ha ricevuto la Stella al merito del lavoro dal Presidente della Repubblica. Coniuga eccellenti doti manageriali e creatività, contribuendo a fare della nostra città una delle capitali dello stile e dell’eleganza.
Dedica la vita agli ultimi alla scuola del Vangelo, con un impegno costante nelle realtà che sul nostro territorio combattono l’esclusione sociale e offrono vicinanza, amore e solidarietà. Collaboratore di primo piano per otto anni della Casa della Carità, sorta a Milano dall’intuizione profetica del Cardinale Martini, ha poi fondato e diretto diverse organizzazioni no profit per il sostegno ai disoccupati, ai minori rifugiati, agli immigrati in difficoltà. Il suo impegno è un esempio per Milano e testimonia la generosità della tradizione ambrosiana.
Nata a Milano, rappresenta un modello di volontà e dinamismo, doti che ha dispiegato con uguale merito tanto negli studi quanto nell’attività sportiva. Accostatasi da giovane al canottaggio si è impegnata con dedizione esemplare a questa disciplina conseguendo cospicui successi in numerose competizioni nazionali e internazionali culminati con la Medaglia d’Oro ai campionati mondiali di Chungju in Corea del Sud, coronamento di una carriera agonistica ai massimi livelli che fa onore alla propria città e al proprio paese.
Erede di una famiglia di imprenditori arrivata oggi alla quinta generazione: la storica Farmaceutici Dott. Ciccarelli, resa celebre dai caroselli in bianco e nero, ha portato i suoi prodotti nelle case degli italiani. Un’attività che ha trovato a Milano nel dopoguerra il terreno fertile per svilupparsi e che ancora ha il suo centro produttivo in zona Mecenate, resistendo a ogni tentazione di delocalizzazione e di abbandono della città. Milano riconosce in Marco Pasetti e nella sua famiglia la laboriosità e il coraggio imprenditoriale caratteristici della tradizione ambrosiana.
La medicina come missione, vissuta con rigore scientifico e dedizione durante la sua prestigiosa carriera clinica e accademica. È stato precursore di tecniche chirurgiche all’avanguardia, applicando al trattamento delle malattie toraciche le tecnologie videoendoscopiche. È stato il primo al mondo a eseguire nel ‘91 resezioni polmonari con una procedura mininvasiva a quel tempo pionieristica. Come docente di chirurgia generale all’Università degli Studi, direttore del dipartimento dell’area chirurgia del Policlinico, direttore uscente della scuola di specializzazione in chirurgia dell’Università di Milano, dà lustro alla città, ai suoi ospedali, ai suoi atenei.
Partigiano, avvocato, professore universitario, componente del Csm, Senatore. Presidente del Consiglio regionale lombardo e della prima commissione Antimafia del Comune. Da oltre 50 anni Smuraglia ha fatto di Milano il centro della sua attività professionale, istituzionale e civile, orientata sempre alla difesa dell’uguaglianza e dei diritti di tutti. Oggi prosegue l’impegno per la libertà e la democrazia con la presidenza dell’Associazione Nazionale Partigiani d’Italia, testimoniando così, ancora una volta, i valori costituzionali in cui Milano si riconosce.
Come consigliere comunale, come imprenditrice e come presidente di Transparency International si è sempre impegnata nel contrasto e nella prevenzione di fenomeni di corruzione nei settori pubblico e privato: ha preso parte a numerosi progetti nazionali e internazionali contribuendo in modo significativo alla diffusione di buone pratiche recepite e attuate da vari enti pubblici tra cui il Comune di Milano. Il suo lavoro rappresenta un fulgido esempio di impegno civile al servizio della legalità e del bene comune.
Ha dedicato la vita alla musica e a Milano, sua città natale. Direttore di diversi importanti cori ha dimostrato in numerose collaborazioni con istituzioni artistiche italiane ed estere un talento e una professionalità non comuni. Direttore del coro del Teatro alla Scala dal 2002, Casoni è oggi una delle personalità più influenti del panorama musicale di questa città. Milano riconosce a questo illustre cittadino quelle doti e quella sensibilità artistica di cui ha sempre dato prova nella sua prestigiosa carriera.
“Il ricercatore è il mestiere più bello del mondo. Ci vuole passione per dedicare la propria vita a un lavoro dietro al quale ci sono le speranze di migliaia di malati di tumore e delle loro famiglie”. Queste parole riassumono l’impegno della dottoressa Colnaghi, biologa, tra i più preparati ricercatori italiani, autore di oltre 350 pubblicazioni. Già direttore del Dipartimento di Oncologia sperimentale dell’Istituto Nazionale Tumori, dal 2000 è direttore scientifico dell’Associazione italiana per la ricerca sul cancro: valuta i progetti scientifici e pianifica le strategie di Airc, investendo sull’innovazione e sui giovani ricercatori con l’obiettivo di salvare milioni di vite.
Sociologo e scrittore, è il fondatore in Italia della maggiore scuola accademica in materia di criminalità organizzata: ha creato a Milano, nell’Università degli Studi, un centro di alta specializzazione che coniuga i saperi sociologici, giuridici, mediatici e forma specialisti in grado di operare nel contrasto alle mafie nei più diversi contesti internazionali. Uomo delle istituzioni, consigliere comunale e parlamentare, ha costruito un percorso scientifico e di impegno civile che fa onore a Milano come presidio di legalità e di democrazia.
Prestigiatore e illusionista, in 50 anni il “Mago Fax” ha incantato il pubblico di diverse generazioni nei principali teatri, con la menzione nel Guinness dei Primati. Allievo dei decani e maestro di giovani affermati, è Presidente Onorario della delegazione del Club Magico Italiano e Direttore della Scuola di Formazione professionale. Altra grande passione la pittura, con cui ha ottenuto riconoscimenti esponendo alcune sue opere accanto a quelle di De Chirico. È autore di libri, tra cui l’unica enciclopedia sulla storia dello spettacolo magico tradotta in otto lingue. Con Fondazione “Mago Sales” e Associazione “Magi senza Frontiere” sostiene progetti dedicati a bambini meno fortunati.
Professore ordinario di fisica generale è stato il primo Rettore dell’Università degli Studi di Milano-Bicocca. Ha ricoperto per lunghi anni questa carica unendo alla eccellenza dell’attività didattica e accademica l’impegno concreto per una università moderna capace di interpretare nel modo più completo e ampio la propria funzione non solo educativa ma sociale. La sua attività scientifica ha contribuito in modo significativo al prestigio dell’Università Milano-Bicocca facendo di questo ateneo uno dei più grandi ed efficienti del paese.
Si definisce “un sognatore con i piedi per terra e gli occhi ben aperti”: figlio d’arte, cresciuto nel quartiere Corvetto, è un jazzista di fama nazionale e internazionale, con oltre trenta album e tremila concerti al suo attivo. Insegna pianoforte e storia del jazz al Conservatorio di Milano, dove si è diplomato, guidando i giovani nella ricerca di un’affermazione artistica e professionale nella musica. Mette il suo talento al servizio di iniziative di solidarietà, suonando per la pace e i diritti umani nel mondo: dall’Eritrea al Senegal, dalla Siria alla Turchia, da Gerusalemme a Beirut e Sarajevo. Autore di colonne sonore per il teatro, il cinema, la radio, il balletto, collabora alla creazione di reading di teatro civile.
Guida il Centro Aiuto alla Vita della Clinica Mangiagalli, che ha fondato nel 1984. In quasi trent’anni di attività, insieme ai volontari del Cav, ha accompagnato fino al parto moltissime donne in difficoltà socio-economiche o personali, offrendo loro assistenza morale e psicologica, nonché un aiuto concreto per portare a termine la gravidanza. L’impegno quotidiano per il sostegno della maternità e della paternità si inserisce in un’importante storia personale: ha frequentato l’Istituto di Scienze Religiose all’interno della facoltà di Teologia, è stata insegnante di ragazzi in difficoltà e consulente familiare, occupandosi da sempre di psicologia e pedagogia.
Il suo impegno civile è legato a un’istituzione benemerita con 120 anni di storia: la Società Umanitaria. Presidente dal 2005, ha rinnovato il valore della solidarietà e del sostegno agli ultimi dando risposte concrete ai bisogni del presente: corsi di formazione e avviamento al lavoro, iniziative contro la dispersione scolastica, attività di mediazione linguistica e promozione dei diritti umani. Al vertice di multinazionali, già consigliere di Assolombarda, fondatore e presidente del Rotary Milano Naviglio Grande, dal 2011 è nel Cda dell’Università Bocconi. Vicepresidente dell’Associazione Sindrome di Asperger, ha avviato il progetto Casa Riccardo per i giovani che ne sono affetti.
Leggenda del basket, è nella Hall of Fame di questo sport per gli straordinari risultati sia come giocatore sia come allenatore. Bandiera storica della Pallacanestro Cantù negli anni ‘60 e ’70, nella sua carriera di cestista ha vinto 2 scudetti, 3 coppe Korac, 3 coppe delle coppe, 1 coppa intercontinentale 3 oscar del basket. In Nazionale vanta 166 presenze e 1.239 punti, 2 bronzi agli Europei e un mondiale disputato. Altrettanto importanti i traguardi come allenatore: in serie A ha vinto 3 scudetti con 3 squadre diverse, mentre con gli Azzurri ha vinto un bronzo agli Europei del 2003, un argento alle Olimpiadi di Atene del 2004 e un oro ai giochi del Mediterraneo del 2005.
I quartieri Salomone, Mecenate, Ponte Lambro, Ungheria sono al centro della sua attività di volontario della Caritas Unità pastorale Forlanini, cui si dedica a tempo pieno da quando è in pensione. In quindici anni ha promosso molte iniziative, come gli spazi ricreativi per anziani e i soggiorni estivi per persone parzialmente non autosufficienti, i luoghi di incontro per le badanti, il segretariato sociale negli sportelli di ascolto. Un impegno vissuto con passione e intelligenza, in collaborazione con le diverse realtà associative del territorio. Grazie a questa “rete” della solidarietà capace di offrire servizi, spazi e attività adeguati alla complessità del presente, Giorgio Sarto rappresenta l’anima della Milano con il cuore in mano, capitale del volontariato.
Presiede la Commissione nazionale per le società e la borsa dal 2011. Nei precedenti incarichi parlamentari e di governo si è occupato dei principali provvedimenti finanziari e di bilancio, sino alla recente riforma della contabilità pubblica alla cui stesura ha partecipato attivamente. Componente del Board of Supervisors dell’Esma – European Securities and Markets Authority – ha proposto la costituzione di un financial facility fund per la riduzione della spesa per interessi sul debito pubblico. Autore di numerose pubblicazioni giuridiche ed economiche, è stato docente di Contabilità di Stato all’Università Statale di Milano e direttore scientifico della Fondazione Luigi Einaudi.
Attestati di Civica Benemerenza
Oltre 2.500 ragazzi della nostra città - e quasi 500 educatori volontari - condividono esperienze di vita comunitaria e di educazione dei giovani a un civismo responsabile, improntato a valori umani e cristiani che promuovono lo sviluppo della persona nella sua unicità e permettono di scoprire e valorizzare le proprie potenzialità in armonia con se stessi, con gli altri e con la natura. Gli oltre trenta gruppi presenti oggi a Milano sono gli eredi di quelle organizzazioni scout - ASCI, AGI e Aquile Randagie - che vissero in clandestinità nel periodo 1928-1945, dopo lo scioglimento dei gruppi scout decretato dal fascismo.
«Da grande farò me stesso…»: questo il motto che ispira l’associazione, da dieci anni impegnata ad aiutare gli adolescenti in difficoltà che hanno interrotto il rapporto con la scuola e l’apprendimento. Ai giovani, spesso disorientati rispetto al futuro e in situazioni di rischio per la loro vulnerabilità, Abr offre percorsi di crescita sia come persone sia come cittadini: laboratori teorico-pratici, programmi di formazione personalizzati, approfondimenti culturali e di educazione civica. I ragazzi hanno così un anno di tempo per (ri)trovare la propria strada, ripensando al fallimento come punto di partenza per un futuro diverso.
Dall’iniziativa di un gruppo di studenti universitari milanesi, è nato nel 1990 questo luogo di incontro conosciuto e affidabile tra giovani educatori volontari, bambini e ragazzi. Tutti i pomeriggi, dal lunedì al venerdì, offre un percorso di doposcuola in cui poter giocare e studiare, stare in gruppo, stringere legami di amicizia basati sul rispetto dell’altro e sul sostegno reciproco. È, quindi, una vera e propria Casa Magica aperta agli studenti delle elementari e medie di tutta la città, e costruita su tre pilastri: la socializzazione, l’affiancamento nella crescita durante l’infanzia e l’adolescenza, il sostegno e l’aiuto all’apprendimento allo studio.
È un consultorio familiare accreditato di ispirazione laica, attivo a Milano dal 1953. Da 60 anni diffonde il principio della procreazione responsabile e libera, promuove la crescita culturale e sociale in materia di sessualità, contrasta le discriminazioni nel lavoro, nella famiglia, nella società, così come ogni forma di violenza verso le donne e i minori. Organizza iniziative per tutelare la salute e la qualità della vita delle persone, accanto a momenti di informazione, educazione e formazione nelle scuole per insegnanti, studenti e genitori.
Rappresenta una pagina importante della nostra storia, mantenendo vivi i valori della socialità e dell’aggregazione a Milano. Fondato nel 1999 da Giuseppe Zaccheria che lo associa al Circolo De Amicis di Aldo Aniasi, contribuisce alla crescita della cultura, dell’arte, del tempo libero, dello sport, della vita sociale a Milano. Organizza eventi di prestigio, come il Premio Gianni Brera, il Concorso nazionale di poesia e pittura Alda Merini e Guido Bertuzzi, il Torneo internazionale di bridge Città di Milano. Negli anni ha aggregato a sé altre realtà associative, tra cui la Famiglia Artistica Milanese, l’Accademia degli Scacchi, il Bridge Institute 2000.
Nato nel 1912, è un movimento scout che gode dell'alto patronato del Presidente della Repubblica. La sua attività è rivolta a tutti i giovani: partendo dai loro bisogni, il CNGEI li educa a un civismo responsabile fondato sul rispetto verso se stessi, gli altri e l'ambiente. Attraverso l'opera dei volontari, promuove percorsi di crescita indipendenti da ogni credo religioso e ideologia politica, impegnando i ragazzi al conseguimento e all'approfondimento delle scelte personali.
Dal 2003 sostiene la ricerca medico-scientifica, affinché le nuove scoperte si trasformino velocemente in farmaci, terapie, soluzioni, speranze concrete di salute e benessere per le persone. Supporta progetti scientifici di altissimo valore e assegna borse di ricerca con un’attenzione particolare ai giovani. Fondata dal professor Umberto Veronesi, vanta 11 Premi Nobel tra i promotori, il cui operato è riconosciuto a livello internazionale. Attiva nell’ambito della divulgazione, promuove conferenze di respiro mondiale, progetti per le scuole, campagne di sensibilizzazione, pubblicazioni, perché i risultati della scienza diventino patrimonio di tutti.
Nasce nel 1948 all’interno dell’Associazione Latterie Gelaterie e affini di Milano, aderente all’Unione Commercianti della nostra città. Molteplici le attività di rappresentanza e comunicazione portate avanti negli anni, tra cui i concorsi del Cono d’oro e la Scuola dei gelatieri artigianali presso il Capac, il Politecnico del Commercio di Viale Murillo. Oltre a svolgere questa importante azione formativa, il Gruppo partecipa a numerose manifestazioni di categoria in Italia e all’estero.
Ha appena tagliato il traguardo dei 90 anni, essendo nato nel 1923. Da allora, circa centomila studenti hanno avuto e hanno tuttora l’orgoglio di essere «verrini». È conosciuto come l’istituto che ha formato migliaia di ragionieri, da sempre un modello di riferimento per i giovani che aspirano a un titolo di studio nel settore dell’amministrazione, finanza e marketing. Ancora oggi, pur in un momento di crisi, mantiene una forte vocazione all’inserimento lavorativo, a partire dalle aziende e dagli uffici commerciali e amministrativi nella zona sud ovest di Milano. Da tre anni ha arricchito l’offerta formativa con il nuovo indirizzo del liceo linguistico.
Dal 1956 produce ghiaccioli per i milanesi, rifornendo gran parte degli oratori della città. È un’impresa locale e artigianale a conduzione prettamente familiare: i fondatori Giuseppe e Domenico Samele, di origini foggiane, con i figli Antonio, Daniele e Ivano, attuali titolari, sono riusciti a stare saldamente sul mercato e a competere con le grandi marche nazionali, grazie alla qualità dei prodotti e al loro prezzo davvero competitivo. Questa azienda con sede in Largo Murani è un bell’esempio di ingegnosità e laboriosità che ha saputo superare la crisi anche per la dedizione dei suoi lavoratori.
Il teatro nella scuola: un luogo orientato al dialogo tra le generazioni, alla trasmissione dei saperi, alla ricerca di vecchie e nuove possibilità comunicative. Dal 1992 il laboratorio ha coinvolto circa cinquecento studenti e realizzato progetti ambiziosi: dal Faust di Goethe all’Oresteia di Eschilo, da Le città invisibili di Calvino a Settimo: ruba un po’ meno di Fo, da L’interpretazione dei sogni di Freud a Misura per misura di Shakespeare. Gli spettacoli sono stati rappresentati in molte città italiane e la produzione di Pinocchio, nel 2009, è stata portata persino a Melbourne, in Australia.
È la più antica società di baseball d’Italia e ha contribuito in modo determinante alla diffusione di questa disciplina in tutto il Paese. Nel corso della sua storia ha conquistato otto scudetti e tre Coppe Italia. In Europa ha vinto tre volte la Coppa dei Campioni, due volte la Coppa delle Coppe e una volta la Supercoppa europea. Negli ultimi dieci anni la società si è concentrata sull’attività giovanile e sullo sport femminile, anche attraverso il softball, svolgendo un’opera particolarmente meritoria sul piano formativo.
Punto di riferimento nazionale per la cura del tumore al seno, ogni anno oltre venticinquemila donne si rivolgono a questo centro di eccellenza per screening mammografici e altre prestazioni diagnostiche che permettono un efficace contrasto alla malattia. In questa Unità la qualità delle prestazioni si combina con la grande attenzione alla persona, che si realizza accompagnando e sostenendo le donne che vi si rivolgono. Milano riconosce qualità professionali di eccellenza a tutte le persone che lavorano in questo centro, dalla responsabile ai volontari che si impegnano ogni giorno con dedizione e grande umanità al fianco delle persone malate.
Con l’80% di dipendenti donne, questa società di consulenza è attenta alla conciliazione dei tempi casa-ufficio e alla valorizzazione delle differenze, con azioni concrete all’avanguardia nel campo del welfare e delle pari opportunità: ha introdotto l’orario flessibile e il telelavoro per le mamme e, per la prima volta in Italia, la licenza matrimoniale per le coppie etero e omosessuali iscritte al registro delle Unioni civili del Comune. Nella Milano che oggi è capofila dei diritti civili, Zeta Service è un esempio di management etico come formula vincente per il successo aziendale
Esempio di lotta alla mafia, trae origine dalla storica focacceria di Palermo, il secondo locale più antico d’Italia nato nel 1834. Il titolare, Vincenzo Conticello, che ha portato l’attività anche a Milano, ha saputo dire no alla criminalità organizzata, rifiutandosi di pagare il pizzo, denunciando e testimoniando contro i suoi estorsori. È diventato un simbolo nella guerra al racket e un modello per gli imprenditori “pizzo free”. Vive sotto scorta, subisce minacce di morte, attentati e manomissioni per quella che considera la sua missione. La sua attività si è integrata nel tessuto milanese con l’apertura di altri due punti vendita. Di recente è entrata a far parte del Gruppo Feltrinelli, che ne condivide i valori della legalità e dell’etica d’impresa.
In principio, nell’inverno 2001-2002, furono le mamme antismog. Poi sono diventati genitori. Da oltre dieci anni l’associazione è impegnata a sensibilizzare sul valore dell’ambiente e della sostenibilità, con proposte e contributi utili alle politiche per la riduzione del traffico e la tutela della qualità dell’aria e della vita, a beneficio di tutti a partire dai bambini. Nel corso degli anni l’associazione ha promosso diverse iniziative come il progetto educativo per le scuole “Siamo nati per camminare”, momenti di partecipazione attiva alla vita pubblica, flash mob e persino azioni legali a sostegno di provvedimenti coerenti con lo spirito dell’associazione.
Nata a Milano nel 1986, si dedica, grazie a un centinaio di volontari, al reinserimento lavorativo e sociale di detenuti ed ex detenuti di San Vittore, Bollate, Opera e del minorile Beccaria. I progetti, dai nomi significativi come “dignità”, “fuori le mura”, “recuperarsi recuperando”, si basano su relazioni autentiche – veri e propri legami di amicizia – tra i volontari, i detenuti e i loro familiari, con il sostegno sia dentro sia fuori dal carcere: una dimostrazione concreta che “è possibile e bello vivere in un altro modo”, con la creazione di un tessuto umano che dà sostanza all’art. 27 della Costituzione e al principio della finalità rieducativa della pena.
Fondato nel 1990 con finalità educative e formative, è una scuola dello sport e, insieme, un luogo di cultura, arte, socializzazione, solidarietà, responsabilità civica. Costruito senza barriere architettoniche, è un punto d’incontro aperto alla città, un faro di vitalità nel quartiere Stadera in Zona 5. Nella sua missione orientata alla crescita globale della persona, rappresenta una proposta di partecipazione soprattutto per i giovani e le famiglie, parlando i diversi linguaggi della contemporaneità. Dialoga con le istituzioni, gli enti pubblici, gli operatori privati sul territorio, offrendo percorsi di formazione e aggiornamento di qualità per educatori, docenti e genitori.
Avviata dal Comune nel 2004, ha applicato fin dall’inizio un metodo didattico caratterizzato principalmente da attività musicali e motorie come pallavolo, nuoto, baseball, basket, bicicletta, con l’apporto di specialisti, in aggiunta all’insegnamento delle lingue straniere. I bambini vengono motivati allo studio grazie a un approccio multidisciplinare e a specifici laboratori di musica, informatica, pittura e giardinaggio, che ne stimolano la naturale curiosità e creatività. Anche i genitori, in collaborazione con il corpo docente, partecipano attivamente al processo educativo.
Onlus creata nel 2000 per sostenere, nell’ambito del servizio pubblico, lo sviluppo delle attività cliniche, scientifiche e didattiche volte alla diagnosi e alla cura delle malattie urologiche. Partner della Fondazione Irccs Ca’ Granda, ha ristrutturato il reparto di urologia “Cesarina Riva” dell’ospedale Policlinico, dotandolo di tre sale operatorie e di un reparto di degenza di eccellenza, per la cura ottimale dei pazienti che possono usufruire di terapie e strumentazioni all’avanguardia. Creando e sostenendo la Onlus, i suoi fondatori hanno dimostrato concretamente il loro impegno per chi ha bisogno, mantenendo viva l'anima generosa e solidale di Milano.
Associazione di volontariato costituita nel 1980, onlus dal 1998, ha come scopi la protezione, la tutela, la valorizzazione del patrimonio archeologico, monumentale, storico, artistico e culturale di Milano. Ha contribuito, in particolare, alla scoperta dei camminamenti sotterranei del Castello Sforzesco. Le attività sono aperte al pubblico e orientate alla didattica e alla divulgazione: la rivista “Archeologia Uomo Territorio”, i viaggi culturali, i corsi, le visite guidate offrono, anche a chi non è professionista, la possibilità di occuparsi di archeologia.
Sono nati negli anni ’70 con il nome I mai pront, sotto la guida del sacerdote diocesano Don Stefano Varnavà che ha portato alla ribalta l’amore per le origini e la tradizione del canto folk milanese. Avendo perso il loro “Magister” nel 2009, hanno scelto di assumere questo nuovo nome in memoria del fondatore, portando avanti i suoi insegnamenti di musicista, compositore, maestro di vita e padre spirituale. Al canto tradizionale e popolare il gruppo ha dedicato una lunga attività di ricerca, molti recital, canti pastorali in dialetto e la raccolta «Le preghiere in milanese».
Cooperativa indipendente, da più di quarant’anni è attiva nel campo della ricerca sociale, occupandosi in particolare delle tematiche riguardanti i problemi socio sanitari, della formazione e del lavoro. Ha collaborato con istituzioni nazionali e locali fornendo strumenti utili alla definizione delle politiche pubbliche. Insieme allo studio delle dinamiche sociali ha analizzato, coniugando rigore teorico e capacità operative, il funzionamento e l'organizzazione delle strutture e dei servizi destinati ai cittadini.
È un po’ come passare al bar prima di tornare a casa: questo lo slogan del programma in diretta su Radio 24 che s’ispira, nel titolo, al celebre giornale studentesco del Liceo Parini. Dal lunedì al venerdì, alle 18.30, Giuseppe Cruciani e David Parenzo mandano in onda «l’attualità senza tabù, senza censure, senza tagli alle opinioni»: i commenti ai fatti del giorno con i protagonisti della politica, le interviste agli ospiti, gli interventi degli ascoltatori, fanno de La Zanzara «l’arena dove il primo comandamento è parlar chiaro».
Aperta da Sandro Sessa nel 1977, lavora con passione e dedizione alla raccolta di documenti e testimonianze per rendere giustizia ai desaparecidos argentini di origine italiana, vittime di uno dei più efferati delitti contro l’umanità. Costituitasi parte civile, per delega dei parenti, riesce a portare in tribunale due generali e cinque ufficiali della dittatura militare. Il processo ha inizio il 19 ottobre 1999, il 6 dicembre 2000 la Corte d’Assise di Roma condanna all’ergastolo i generali e a 24 anni gli altri imputati. Il 28 aprile 2004 la sentenza diventa definitiva. Sandro Sessa è ora impegnato a gestire la Scuola Popolare Calvairate, scuola di italiano per stranieri che prepara al conseguimento del diploma di terza media.
Da vent’anni offre risposte mirate di tipo socio-assistenziale, educativo e specialistico ai bisogni sociali emergenti a Milano e Provincia, lavorando in rete con le istituzioni e il territorio. Pervasa da un forte senso di solidarietà, la cooperativa segue ogni anno circa 600 bambini e ragazzi, 1.300 famiglie, 500 persone con disabilità o sindrome autistica. Organizza servizi ricreativi ed educativi in un centinaio di scuole, promuove l’affido familiare ed è un luogo di aiuto per le vittime di traumi e abusi nell’infanzia. Realizza interventi domiciliari di sostegno per adulti in difficoltà e media nelle relazioni tra genitori detenuti e figli. Con centri diurni e progetti di residenzialità risponde al grande tema del “dopo di noi” nel mondo della disabilità.
Questo gruppo specializzato della Polizia locale contribuisce a salvaguardare il decoro e la bellezza dei beni comuni nella nostra città. Il monitoraggio capillare del territorio, le indagini accurate e la creazione di una banca-dati in continua espansione hanno permesso di cogliere in flagrante chi vandalizza edifici pubblici, metropolitane, monumenti, fontane. In una recente sentenza, la magistratura ha riconosciuto il principio per cui coloro che danneggiano il patrimonio urbano di Milano devono risarcire i cittadini con servizi socialmente utili in favore di anziani e persone con disabilità.
Nodo: 3311980e8ea1:8080