Contenuto di pagina

Ti trovi in:

Home > Ambrogini 2007
Medaglie d'Oro alla Memoria
COMINCIA COME GIOCATORE DI BASKET NEL PENTAGONO A MILANO PER POI PASSARE ALLA PALLACANESTRO MILANO E DIVENTARE ALLENATORE, LAVORANDO PRINCIPALMENTE CON I GIOVANI. A LUI SI DEVE LA NASCITA DELLA POLIPOSPORTIVA ALL’INTERNO DEL COLLEGIO SAN CARLO E DEL CENTRO OLIMPIA DELLA SCUOLA MEDIA MAURI, DOVE INSEGNAVA. IMPORTANTE FIGURA EDUCATIVA PER I GIOVANI, SAPEVA ESSERE PUNTO DI RIFERIMENTO E RISPETTATO INSEGNANTE DI VITA, OLTRE CHE DI SPORT. SI È DEDICATO CON GENEROSITÀ ALLA DIFFUSIONE DELLA PRATICA SPORTIVA. UOMO DI GRANDE FORZA D’ANIMO, NONOSTANTE LE TRAGEDIE DELLA VITA, HA SAPUTO DIFFONDERE POSITIVITÀ E VALORI . AL SUO ADDIO PIÙ DI DUEMILA PERSONE SONO ACCORSE PER PORTARE IL LORO ULTIMO SALUTO.
GIURISTA DI FAMA, AVVOCATO AMMINISTRATIVO ESPERTO DI DIRITTO URBANISTICO, EDILIZIO E AMBIENTALE, HA CONTRIBUITO ALLA STESURA DELLA LEGGE VERGA SULLA CASA NEL 1986 E DELLA NUOVA LEGGE URBANISTICA DELLA REGIONE LOMBARDIA PER IL GOVERNO DEL TERRITORIO NEL 2005. COME PRESIDENTE DELLA FONDAZIONE ATTILIO E TERESA CASSONI, È STATO IL “PADRE” DEL VILLAGGIO BARONA, NELLA PERIFERIA SUD DI MILANO. LA SUA COMPETENZA E LA SUA UMANITÀ HANNO RESO POSSIBILE LA NASCITA, NEL DICEMBRE 2003, DI UNA VERA E PROPRIA CITTÀ SOLIDALE, CARATTERIZZATA DA SERVIZI DI ASSISTENZA E RESIDENZA SOCIALE, ATTIVITÀ COMMERCIALI E ARTIGIANALI, SPAZI PER IL TEMPO LIBERO E LA CULTURA: UN PUNTO DI RIFERIMENTO NON SOLO PER ANZIANI, STUDENTI, DISABILI E RAGAZZE MADRI, MA PER TUTTI GLI ABITANTI DEL QUARTIERE.
Grandi Medaglie d’Oro
«NELLA STAGIONE DEL CENTENARIO, L’INTER VIENE ANCORA UNA VOLTA CELEBRATA DA MILANO E NEL MONDO PER LA SUA GLORIOSA STORIA E I SUOI STRAORDINARI SUCCESSI. SOLIDAMENTE LEGATA ALLA CITTÀ, MA INTERNAZIONALE NEL MODO DI VIVERE IL CALCIO, HA PORTATO ONORE E FAMA ALLA COMUNITÀ AMBROSIANA, ATTRAVERSO I PRESTIGIOSI RISULTATI AGONISTICI E LA COSTANTE TRASMISSIONE DEI PRINCIPI ETICI DI LEALTÀ, CORRETTEZZA, TRASPARENZA, SPORTIVITÀ, IN PARTICOLARE ALLE NUOVE GENERAZIONI. HA PORTATO L’IMMAGINE E L’ANIMA DI MILANO NEL MONDO: PRIMA SQUADRA AD APRIRSI A CULTURE E PROFESSIONALITÀ ALL’ESTERO, HA AVUTO LA CAPACITÀ DI METTERSI AL SERVIZIO DI SOCIETÀ POVERE IN MOLTI PAESI DEL PIANETA CON LA COSTRUZIONE DEGLI INTER CAMPUS. UNICA SQUADRA ITALIANA AD AVER SEMPRE MILITATO NELLA MASSIMA CATEGORIA, È STATA LA PRIMA A VINCERE IL CAMPIONATO A GIRONE UNICO (1909-1910), IL CAMPIONATO DI SERIE A (1929-1930) E LA COPPA INTERCONTINENTALE (1964). NEL 1988-1989 E NEL 2006-2007 HA STABILITO QUASI TUTTI I RECORD ASSOLUTI PER I CAMPIONATI A 18 E A 20 SQUADRE».
DOCENTE DI ESEGESI BIBLICA ALLA FACOLTÀ TEOLOGICA DELL’ITALIA SETTENTRIONALE E MEMBRO DELLA PONTIFICIA COMMISSIONE BIBLICA, È TRA I PIÙ NOTI E PROFONDI CONOSCITORI DELLE SACRE SCRITTURE. FINE BIBLISTA ED EBRAISTA, HA SCRITTO NUMEROSE OPERE DI COMMENTO AL VECCHIO E NUOVO TESTAMENTO ED È AUTORE DI SUCCESSO DI LIBRI A CARATTERE RELIGIOSO. GRAZIE A UN FASCINOSO MAGNETISMO DELLA PAROLA, IN VIRTÙ DI UNA VASTA CULTURA E STRAORDINARIE CONOSCENZE LINGUISTICHE, HA CONQUISTATO L’INTERESSE DI UN VASTO PUBBLICO ETEROGENEO, CONTRIBUENDO AL DIALOGO TRA LAICI E CREDENTI. UN SUCCESSO TRASVERSALE, CHE HA RAGGIUNTO ANCHE GLI SPETTATORI TELEVISIVI, GRAZIE A PROGRAMMI DI DIVULGAZIONE RELIGIOSA. PER DICIOTTO ANNI È STATO PREFETTO DELLA BIBLIOTECA AMBROSIANA, FONDATA DAL CARDINALE FEDERICO BORROMEO, PRIMA DI ESSERE CHIAMATO IN VATICANO DA PAPA BENEDETTO XVI, CHE LO HA NOMINATO PRESIDENTE DEL PONTIFICIO CONSIGLIO DELLA CULTURA E LO HA CONSACRATO VESCOVO NELLA BASILICA DI SAN PIETRO. DAL PONTEFICE, NEL 2007, HA AVUTO ANCHE L’INCARICO DELLE MEDITAZIONI DELLA TRADIZIONALE VIA CRUCIS.
Medaglie d’Oro
TESTIMONE ATTENTA E SENSIBILE DELL’ITALIA DI OGGI IN TUTTE LE SUE SFUMATURE, SA OSSERVARE E RACCONTARE L’EVOLUZIONE DEL COSTUME NAZIONALE CON ACUME E IRONIA, PRESTANDO PARTICOLARE INTERESSE ALLE TEMATICHE FEMMINILI. CRITICA CINEMATOGRAFICA, DI MODA E DI SPETTACOLO, È ANCHE AUTRICE DI LIBRI PARTICOLARMENTE APPREZZATI DAI LETTORI PER LO STILE DIRETTO E ARGUTO, ESALTATO DALLA CAPACITÀ DI ESPRIMERE UN PUNTO DI VISTA PERSONALE E ANTICONFORMISTA. GIOVANE GIORNALISTA DELLA NOTTE, INVIATA DEL GIORNO, CURATRICE DAI PRIMI ANNI NOVANTA DELLA RUBRICA DI SUCCESSO “QUESTIONI DI CUORE” SUL SETTIMANALE IL VENERDÌ, È UNA STORICA FIRMA DI REPUBBLICA, CUI COLLABORA FIN DALLA FONDAZIONE. È STATA LA PRIMA DONNA A VINCERE IL PREMIO “È GIORNALISMO”, FONDATO DA GIANCARLO ANERI E ASSEGNATO DAI PADRI DELLA PROFESSIONE, COME BIAGI, BOCCA, MONTANELLI.
E' CHIAMATA “LA GRANDE MAMMA”. NATA A NEMI, IN PROVINCIA DI ROMA, SI E' SPOSATA GIOVANISSIMA CON QUELLO CHE A MILANO ERA DEFINITO “IL MEDICO DEI POVERI”, PERCHÉ, DOPO L’ORARIO DI LAVORO, ANDAVA CASA PER CASA DA CHI NON POTEVA PERMETTERSI UNA VISITA MEDICA. “I PRIMI FIGLI CHE LA SORTE MI HA REGALATO”, HA AFFERMATO AUGUSTA MARIANECCI MICHELI, “SONO STATI I PAZIENTI DEL DOTTOR PIERO MICHELI, MIO MARITO”. HA AIUTATO UN ESERCITO DI TREMILA “FIGLI”. SI È OCCUPATA DEL RESTAURO DELLA CHIESA DI SAN MARCO A MILANO, DOVE DA 21 ANNI ORGANIZZA, A DICEMBRE, IL PIÙ IMPORTANTE MERCATINO BENEFICO CITTADINO E DOVE, NEL 1985, TRASFERÌ LA SEDE DELL’UNIVERSITÀ DELLA TERZA ETÀ. SI È DEDICATA, INOLTRE, ALLA TUTELA MINORILE E ALL’ASSISTENZA AI DETENUTI DI SANVITTORE, CONTRIBUENDO A DIFFONDERE L’IMPEGNO DEL VOLONTARIATO A TUTTI I LIVELLI.
DA 16 ANNI PAOLA BANONE LAVORA AL SERVIZIO DEI MILANESI APPARTENENTI ALLE FASCE PIÙ DEBOLI E SPESSO EMARGINATE. PRESIDENTE DI NUMEROSE ASSOCIAZIONI NATE CON LO SCOPO DI AIUTARE I PORTATORI DI HANDICAP AD AFFRONTARE LA QUOTIDIANITÀ, SI È SEMPRE IMPEGNATA NEL NO-PROFIT. HA FONDATO “VIAGGIATORI DELL’ANIMA, DI CUI È DIRETTORE ARTISTICO. LE PERSONE DISABILI NON DEVONO CHIUDERSI, MA PARTECIPARE COME TUTTI GLI ALTRI ALLA VITA DELLA COMUNITÀ: CON QUESTA CONVINZIONE L’ANNO SCORSO HA CREATO “DREAMTIME”, IL FESTIVAL INTERNAZIONALE DI DANZA PER ARTISTI CON O SENZA HANDICAP.
“EFFICACE INTERPRETE ED ESEMPIO DEL MODELLO MILANESE DI INTRAPRENDENZA AL FEMMINILE, HA FONDATO NEL 1983 DIDAEL, LA PRIMA WEB KNOWLEDGE COMPANY ITALIANA. FORTE IL SUO IMPEGNO A SOSTEGNO DELLE DONNE, CHE SI È CONCRETIZZATO NELLA REALIZZAZIONE DI UNA SERIE DI PROGETTI FINALIZZATI A RIDURRE TRA GLI UTENTI DI INTERNET IL DIVARIO FRA POPOLAZIONE MASCHILE E FEMMINILE. IMPEGNATA NEL SOCIALE, GIANNA MARTINENGO HA SVOLTO UN’APPASSIONATA ATTIVITÀ DI RICERCA E SPERIMENTAZIONE DELLE NUOVE TECNOLOGIE PER LA DIDATTICA A FAVORE DI BAMBINI CON DIFFICOLTÀ DI APPRENDIMENTO, DEI DETENUTI, DEI DISABILI E DEGLI IMMIGRATI. DAL 2002 AL 30 MARZO 2007 È STATA CONSIGLIERE DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI MILANO.
DAL 1994 DIRETTORE DELLA RIVISTA INTERNI, HA RESO IL PRESTIGIOSO MENSILE DI ARCHITETTURA E DESIGN UNO DEI PIÙ AUTOREVOLI STRUMENTI INTERNAZIONALI DI COMUNICAZIONE DEL SETTORE. È IDEATRICE DELLA MANIFESTAZIONE “FUORI DAL SALONE”, CHE SI SVOLGE CONTEMPORANEAMENTE AL SALONE DEL MOBILE. LA SUA CAPACITÀ DI ANTICIPARE TENDENZE E PRECORRERE I TEMPI, RENDE LE SUE IDEE FONTE DI ISPIRAZIONE PER I MAGGIORI ESPERTI DEL SETTORE. HA DATO VITA A EVENTI SPETTACOLARI, CHE COINVOLGONO I CITTADINI MILANESI E ATTRAGGONO UN PUBBLICO INTERNAZIONALE.
“PENSARE OGGI ALLA SALUTE DI DOMANI”. È CON QUESTA CONSAPEVOLEZZA CHE FRANCESCA MERZAGORA SI DEDICA DA SEMPRE A PROGETTI CAPACI DI MIGLIORARE IL BENESSERE DELLE DONNE. UNA MISSIONE VISSUTA CON COMPETENZA, GENEROSITÀ E ABNEGAZIONE, ATTRAVERSO UN DIALOGO QUOTIDIANO CON LA POPOLAZIONE FEMMINILE, LE ISTITUZIONI, I MEDICI E I RICERCATORI, IL MONDO DELLE IMPRESE, LE UNIVERSITÀ E LE SCUOLE, PER DIFFONDERE INFORMAZIONE E CONOSCENZA: DALLA PRIMA MOSTRA INTERATTIVA IN EUROPA “DONNE IN SALUTE”, OSPITATA A MILANO, AL BOLLINO ROSA PER GLI OSPEDALI ITALIANI. FONDATRICE E PRESIDENTE DI ONDA, OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA SALUTE DELLA DONNA, HA DIRETTO PER ANNI L’ASSOCIAZIONE EUROPA DONNA, PORTANDOLA A LIVELLI DI ECCELLENZA NEL SENSIBILIZZARE I CITTADINI RISPETTO AL PROBLEMA DEL TUMORE MAMMARIO. HA RICEVUTO NEL 2005 IL PREMIO BELLISARIO “DONNA E SALUTE”.
“VIVACE PENNA DEL GIORNALISMO ITALIANO, HA ANALIZZATO GLI ANNI DEL ’68 E DELLA CONTESTAZIONE, NONCHÉ GLI ANNI DRAMMATICI DEL TERRORISMO E DELLA VIOLENZA POLITICA CON DUE STRAORDINARI SAGGI: “DIECI ANNI DI ILLUSIONE, STORIA DEL SESSANTOTTO” E “L’ESKIMO IN REDAZIONE”. FIGURA MOLTO VICINA A MILANO, DOVE HA SEMPRE LAVORATO, PRIMA AL CORRIERE DELLA SERA, POI A LIBERO E AL GIORNALE, DOVE OGGI E’ VICEDIRETTORE, RAPPRESENTA UN VALIDO ESEMPIO DI GIORNALISMO SCRUPOLOSO, CORAGGIOSO ED EQUILIBRATO. CURATORE DELL’ULTIMO LIBRO DI INDRO MONTANELLI, “LE NUOVE STANZE”, HA SCRITTO CON IL GIORNALISTA MILANESE ANCHE LA SECONDA PARTE DELL’ULTIMA EDIZIONE DE “IL GENERALE DELLA ROVERE”.
«PER LEI LA MODA È UN INSIEME DI EMOZIONI E DI INFLUSSI CULTURALI. HA RIVISITATO IL PASSATO, ANTICIPANDO IL FUTURO. SEDUZIONE, CHARME, VITALITÀ E IRONIA CARATTERIZZANO LE SUE CREAZIONI. LEI È UNA DONNA MINUTA, DOLCE ED ENERGICA, MA ANCHE MODERNA, SENSUALE E GIOIOSA. UN MOME, IL SUO, CHE HA SAPUTO CONQUISTARE IL MONDO DELLO STILE, CON ABITI E ACCESSORI CONSIDERATI VERI E PROPRI OGGETTI DI CULTO. NEL 1977, CON IL MARITO GIANPAOLO TARABINI, HA FONDATO BLUMARINE, CHE HA DEBUTTATO NEL 1981 PROPRIO A MILANO, NELLO SPAZIO DI VIA MANZONI, CON UNA SFILATA DAL RESPIRO INTERNAZIONALE E DI GRANDE SUCCESSO. NEL 1990 HA APERTO, IN VIA DELLA SPIGA, UN NEGOZIO CHE RIFLETTE IL SUO STILE INCONFONDIBILE E NEL 1999 UN NUOVO PUNTO DI RIFERIMENTO PER LA MODA MILANESE E INTERNAZIONALE IN GALLERIA PASSARELLA».
ANIMA INTELLETTUALE DI ADELPHI, PARTECIPA GIOVANISSIMO ALLA SUA FONDAZIONE INSIEME CON IL GRUPPO CHE FA CAPO A ROBERTO BAZLEN E LUCIANO FOÀ. DOPO LA LAUREA IN LETTERATURA INGLESE CON MARIO PRAZ, NEL 1971 DIVENTA DIRETTORE EDITORIALE DELLA PRESTIGIOSA CASA EDITRICE E NEL 1999 PRESIDENTE. SAGGISTA E NARRATORE, HA COSTITUITO PER DECENNI UN «UNICUM» LETTERARIO. DALL’ACCLAMATO «LE NOZZE DI CADMO E ARMONIA», TRADOTTO IN VENTITRÉ LINGUE, FINO AL RECENTE «ROSA TIEPOLO», HA INDAGATO GLI ASPETTI RECONDITI E INCOMPRESI DEL MITO, DIMOSTRANDONE LA MODERNITÀ. HA COSTRUITO UN CATALOGO LETTERARIO CON AUTORI E TEMATICHE CONTROCORRENTE, SFIDANDO L’OMOGENEITÀ EDITORIALE, COME UN MISSIONARIO LAICO DEL PENSIERO.
NELLO STUDIO, NELL’INSEGNAMENTO, NELL’IMPEGNO CIVILE IL PROFESSOR VALERIO ONIDA È UN PUNTO DI RIFERIMENTO PER LE NUOVE GENERAZIONI. I SUOI SUCCESSI PROFESSIONALI SONO INNUMEREVOLI: GIUDICE DELLA CORTE COSTITUZIONALE E POI SUO PRESIDENTE, ORDINARIO DI DIRITTO COSTITUZIONALE ALLA FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA DELL’UNIVERSITÀ STATALE DI MILANO E AUTORE DI TESTI DI GRANDISSIMA NOTORIETÀ. ALL’APICE DEL SUCCESSO, IL PROFESSOR ONIDA DA QUALCHE ANNO HA DECISO DI IMPEGNARSI SENZA RISPARMIO COME VOLONTARIO NELL’ISTITUTO DI PENA DI BOLLATE, METTENDO A DISPOSIZIONE DEI DETENUTI LA SUA ESPERIENZA E COMPETENZA IN TEMA DI DIRITTI. UNA VITA ESEMPLARE DEDICATA ALLO STUDIO E ALLA DIFESA DEI VALORI DELLA COSTITUZIONE E DELLA DEMOCRAZIA.
CANTANTE DI SUCCESSO NEGLI ANNI SESSANTA, È RIMASTA NELLA STORIA DELLA MUSICA LA SUA INTERPRETAZIONE A SANREMO DEL CELEBRE BRANO “NESSUNO MI PUÒ GIUDICARE”. HA CREATO UNO STILE: IL “CASCO D’ORO”, INVENTATO PER LEI DAI PARRUCCHIERI MILANESI VERGOTTINI, HA SEGNATO LA MODA GIOVANILE DEGLI ANNI DEL BOOM ECONOMICO. SI È POI DEDICATA ALL’ATTIVITÀ DI PRODUTTRICE DISCOGRAFICA E IMPRENDITRICE, DANDO VITA AL MARCHIO SUGAR. HA SCOPERTO E VALORIZZATO IL TALENTO DI MOLTI GIOVANI, IMPEGNANDOSI INOLTRE NELLA LOTTA CONTRO LA PIRATERIA E LA DIFFUSIONE ILLEGALE DELLA MUSICA.
È UNO DEI PADRI DELLA DIABETOLOGIA ITALIANA. MILANESE, LAUREATOSI A 23 ANNI IN MEDICINA E CHIRURGIA ALL’UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO, LIBERO DOCENTE A 31 ANNI E CON UNA LUNGA ESPERIENZA DI LAVORO ALLA CHICAGO MEDICAL SCHOOL. GUIDO POZZA HA SVOLTO E SVOLGE UNA MULTIFORME ATTIVITÀ DI CLINICO, RICERCATORE, DOCENTE UNIVERSITARIO E MANAGER DELLA RICERCA SCIENTIFICA. GIÀ PRESIDENTE DELLA SOCIETÀ ITALIANA DI DIABETOLOGIA E DELLA FEDERAZIONE DELLE SOCIETÀ MEDICO SCIENTIFICHE, È STATO MEMBRO DEL CONSIGLIO DIRETTIVO DELLA SOCIETÀ EUROPEA DI DIABETOLOGIA E DEL CONSIGLIO SUPERIORE DI SANITÀ. POZZA HA PARLATO PER PRIMO DEL DIABETE COME DI UNA PATOLOGIA GESTIBILE, PROMUOVENDO UNA CULTURA DELLA PREVENZIONE E STILI DI VITA CORRETTI.
SONO I CONDUTTORI DI UNA DELLE PIÙ AMATE TRASMISSIONI RADIOFONICHE DELLA RAI. CATERPILAR SI È RIVELATO UNO DEI MIGLIORI PRODOTTI DEL CENTRO DI PRODUZIONE MILANESE DELL’ULTIMO DECENNIO, CONQUISTANDO OGNI GIORNO PIÙ DI UN MILIONE DI ASCOLTATORI. PROGRAMMA DI SATIRA, INFORMAZIONE E ATTUALITÀ, RIESCE A SENSIBILIZZARE IL PUBBLICO SU TEMI CHE SPAZIANO DALLA CULTURA ALLA POLITICA, DALL’ECONOMIA ALL’AMBIENTE. GRAZIE A CIRRI E SOLIBELLO, LA GIORNATA NAZIONALE DEL RISPARMIO ENERGETICO, INTITOLATA “M’ILLUMINO DI MENO”, SI È RILEVATA LA PIÙ IMPORTANTE CAMPAGNA SU SCALA MONDIALE, TANTO DA RAPPRESENTARE UN MODELLO DA ESPORTARE, CON L’ITALIA CAPOFILA PER LA SALVEZZA DEL PIANETA.
IL PROFESSOR ANGELO PROVASOLI È UNO DEI DOCENTI ED ESPERTI DI MATERIE ECONOMICHE PIÙ APPREZZATI E AUTOREVOLI ANCHE AL DI FUORI DEI CONFINI NAZIONALI. RETTORE DELLA PRESTIGIOSA UNIVERSITÀ MILANESE “LUIGI BOCCONI”, DOPO AVER GUIDATO GLI ATENEI DI CATANIA E BERGAMO, VANTA ANCHE LA CARICA DI PRESIDENTE DEL COMITATO ESECUTIVO DELL’ORGANO ITALIANO DI CONTABILITÀ E MEMBRO ORDINARIO DELL’ACCADEMIA NAZIONALE DI ECONOMIA AZIENDALE. IL SUO CONTRIBUTO PER LO SVILUPPO DELLA CULTURA AZIENDALE E DELLE SCIENZE ECONOMICHE HA RINNOVATO A LIVELLO INTERNAZIONALE IL RUOLO DI MILANO COME CITTÀ DI RIFERIMENTO PER GLI STUDI UNIVERSITARI E IL PERFEZIONAMENTO POST UNIVERSITARIO.
È STATO INSIGNITO DEL PREMIO INTERNAZIONALE MEDAGLIA D’ORO AL MERITO DELLA CULTURA NEL 2000. SCRITTORE, PUBBLICA NEL 1947 IL SUO PRIMO LIBRO “I PIÙ NON RITORNANO”, NARRAZIONE DEI TERRIBILI GIORNI DELLA RITIRATA DI RUSSIA DEI SOLDATI ITALIANI, DURANTE LA SECONDA GUERRA MONDIALE. DAL 1951 SI DEDICA, FORTE DELL’ESPERIENZA RUSSA, AD UNO STUDIO STORICO SUL COMUNISMO, IL CUI FRUTTO SARÀ “LA TRAGEDIA. PROCESSO E MORTE DI STALIN”, RAPPRESENTATA LA PRIMA VOLTA NEL 1962. AGLI INIZI DEGLI ANNI SETTANTA DECIDE DI ABBANDONARE L’ATTIVITÀ DELL’INDUSTRIA PATERNA, CONTINUATA FINO AD ALLORA, E DI DEDICARSI COMPLETAMENTE ALLA SCRITTURA. INIZIA A PREPARARE LA STESURA DE “IL CAVALLO ROSSO” CHE LO IMPEGNA PER UNDICI ANNI E VIENE PUBBLICATO NEL 1983. DALLE VICENDE DELLA GUERRA DI LIBERAZIONE NASCE “GLI ULTIMI SOLDATI DEL RE” CHE VIENE TERMINATO E PUBBLICATO NEL 1994.
HA REALIZZATO PROGRAMMI CHE HANNO FATTO LA STORIA DELLA TELEVISIONE. DA 20 ANNI È L’IDEATORE DI STRISCIA LA NOTIZIA, IL TG SATIRICO CHE UNISCE PARODIA POLITICA E APPROFONDIMENTO DI TEMI SOCIALI. GRAZIE A CONDUTTORI STORICI, COME EZIO GREGGIO O ENZO IACCHETTI, E A BRILLANTI INVIATI, COME VALERIO STAFFELLI, FABIO E MINGO, IL GABIBBO E JIMMY GHIONE, IL PROGRAMMA HA ACQUISTATO SEMPRE PIÙ CONSENSI E TELESPETTATORI, DIVENENDO UN APPUNTAMENTO FISSO PER MILIONI DI FAMIGLIE. STRISCIA LA NOTIZIA HA VINTO NEL 2007 IL PREMIO REGIA ITALIANA CATEGORIA “TOP TEN” E IL PREMIO REGIA TELEVISIVA “MIGLIOR PROGRAMMA IN ASSOLUTO”; È INOLTRE VINCITRICE PRESSOCHÉ COSTANTE DEL TELEGATTO, IL GRAN PREMIO INTERNAZIONALE DELLA TV.
SI È DEDICATO CON TUTTO SE STESSO ALLA CURA DELLE PERSONE ANZIANE, AFFETTE DA GRAVI MALATTIE. LAUREATO IN MEDICINA E CHIRURGIA PRESSO L’UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO, È PRIMARIO ONCO–GERIATRA, CON RUOLO DI DIRETTORE DI UNITÀ OPERATIVA COMPLESSA, ALL’ISTITUTO GERIATRICO PIO ALBERGO TRIVULZIO. NEL 2004 È STATO INSIGNITO, DALL’ALLORA PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA, CARLO AZEGLIO CIAMPI, DELLA MEDAGLIA D’ORO “AL MERITO DELLA SANITÀ PUBBLICA”. NEL 2005, CON DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA, È STATO NOMINATO COMMENDATORE “AL MERITO DELLA REPUBBLICA ITALIANA”. DARIO COVA È UN MEDICO CHE HA INTESO LA SUA PROFESSIONE COME UNA VERA E PROPRIA MISSIONE.
IL SUO NOME È LEGATO A UN’INTENSA E POLIEDRICA ATTIVITÀ DI GIURISTA, GIORNALISTA E SCRITTORE. NATO A MILANO NEL 1937, RIVOLTA È PROFESSORE ORDINARIO DI DIRITTO COMMERCIALE PRESSO L’UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO E HA COLLABORATO CON DEDIZIONE ALLA RIVISTA “CIVILTÀ AMBROSIANA”, CURANDO PER QUINDICI ANNI LA RUBRICA “ELZEVIRO”. NEI SUOI ARTICOLI E LIBRI HA SAPUTO RIEVOCARE MOMENTI AUTENTICI DI VITA LOMBARDA, IN UN ARCO TEMPORALE CHE VA DAL TARDO ‘800 ALLA FINE DEL ‘900, COSTRUENDO UN QUADRO COMPLESSIVO DELLA NOSTRA CIVILTÀ NEI SUOI MOLTEPLICI ASPETTI E NELLE SUE DIVERSE DIMENSIONI IN RAPIDA TRASFORMAZIONE. LA SUA OPERA COSTITUISCE UN VALIDO MODELLO PER IL RIGORE DI METODO, LA VISIONE SISTEMATICA, LA LIMPIDEZZA DEL LINGUAGGIO, L’ACUTEZZA DELLE SOLUZIONI INTERPRETATIVE.
SARDO DI ARDAULI E MILANESE DI ADOZIONE, DOCENTE DI STORIA E FILOSOFIA AL LICEO SCIENTIFICO ‘SALVADOR ALLENDE’, RESPONSABILE DEL SETTORE SCUOLA DELLA CONSULTA DI BIOETICA DI MILANO, GIUSEPPE DEIANA È UNO DEI MAGGIORI STUDIOSI ITALIANI DI PROBLEMI DELL’EDUCAZIONE. AUTORE DI NUMEROSE PUBBLICAZIONI, IN UN DECENNIO HA COSTRUITO A MILANO, CON LA COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI, ALCUNI PROGETTI SPERIMENTALI DI RILEVANZA INTERNAZIONALE PER IL RECUPERO DELLA MEMORIA STORICA E DELLA FUNZIONE ETICO-CIVILE DELLA SCUOLA. FRA TUTTI, IL PROGETTO DENOMINATO “LA CITTÀ NELLO SPAZIO E NEL TEMPO. PER UN NUOVO RADICAMENTO NELLA CITTÀ MONDIALIZZATA”, RIFERITO ALLA CITTÀ DI MILANO E BASATO IN PARTICOLARE SU TRE ASPETTI: IL SISTEMA FABBRICA E LA CULTURA OPERAIA NELLA MILANO CAPITALE INDUSTRIALE; MILANO CAPITALE DELLA RESISTENZA; MILANO CAPITALE AGRICOLA: IL SISTEMA CASCINALE E I BENI AMBIENTALI.
PRIMARIO DELLA DIVISIONE DI AUXOLOGIA E MALATTIE METABOLICHE, DIRETTORE DEL LABORATORIO SPERIMENTALE RICERCHE AUXOENDOCRINOLOGHE DELL’ISTITUTO AUXOLOGICO, IRCCS DI MILANO E PIANCAVALLO, SI È CONTRADDISTINTO PER IL SUO APPASSIONATO IMPEGNO PER RENDERE MIGLIORE LA QUALITÀ DELLA VITA DEI MINORI E FAVORIRE UNA CULTURA DELL’INFANZIA. LAUREATO IN MEDICINA E CHIRURGIA, È AUTORE DI NUMEROSI LAVORI SCIENTIFICI E DI NUMEROSI LIBRI IN AMBITO AUXO – ENDOCRINOLOGICO. MEMBRO DEL COMITATO ESECUTIVO DELLA SOCIETÀ ITALIANA DI AUXOLOGIA E DI NUMEROSE SOCIETÀ SCIENTIFICHE NAZIONALI ED INTERNAZIONALI, È PROFESSORE DI MEDICINA SOCIALE PRESSO IL CORSO DI LAUREA IN SERVIZIO SOCIALE DELL’UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE DI MILANO.
TRENTAQUATTRENNE, NATO IN PROVINCIA DI ENNA, PASQUALINO DI CARLO, AUTISTA ATM DAL 1999, LO SCORSO MAGGIO È STATO GRAVEMENTE FERITO DA UNA COLTELLATA NEL TENTATIVO DI DIFENDERE UNA DONNA DURANTE UN’AGGRESSIONE IN VIALE ABRUZZI. DI CARLO NON HA ESITATO A FRAPPORSI TRA VITTIMA E AGGRESSORE. IL COLPO GLI RECISO UN’ARTERIA E SOLO IL PRONTO INTERVENTO DEI SOCCORRITORI E DEI MEDICI GLI HA SALVATO LA VITA. NEL SUO GESTO DI GRANDE CORAGGIO SI RICONOSCE L’INTERA CITTÀ. UN EROE CONTEMPORANEO IL CUI ALTRUISMO È UN MODELLO PER TUTTI.
GIORNALISTA DEL CORRIERE DELLA SERA, È UN PUNTO DI RIFERIMENTO NAZIONALE NEL GIORNALISMO DI INCHIESTA. ANIMATO DA GRANDE PASSIONE, È RIUSCITO A INSTAURARE CON I LETTORI DEL CORRIERE UN RAPPORTO DI FIDUCIA E CONDIVISIONE DEI PROBLEMI LEGATI ALLA CITTÀ, SUGGERENDO SOLUZIONI, SPESSO FORNENDO LA CHIAVE PER LEGGERE NELL’ANIMO PIÙ INTIMO DI MILANO E DEI MILANESI. GIANGIACOMO SCHIAVI HA ACCOMPAGNATO L’IMPEGNO GIORNALISTICO CON UNA INTENSA ATTIVITÀ DI SCRITTORE, CHE LO HA PORTATO NEGLI ANNI A CONFRONTARSI CON TEMATICHE ED ESPERIENZE TRASVERSALI. LA CULTURA DEL GIORNALISMO VISSUTO IN PRIMA LINEA, LO HA SPINTO RECENTEMENTE A IDEARE, E PARTECIPARE ATTIVAMENTE, A UNA INIZIATIVA CHE HA RISCOSSO NOTEVOLE SUCCESSO A MILANO: “DENTRO IL TUO QUARTIERE”, UN VIAGGIO NELLE ZONE PIÙ SIGNIFICATIVE DELLA CITTÀ, INTRAPRESO DA UNA REDAZIONE MOBILE DEL CORRIERE A DISPOSIZIONE DEI CITTADINI.
MILANESISSIMA. GRANDE APPASSIONATA DELLA STORIA DI QUESTA CITTÀ. GIORNALISTA E SCRITTRICE. HA DATO E CONTINUA A DARE UN IMPORTANTE CONTRIBUTO AL MANTENIMENTO E ALLA DIVULGAZIONE DEI COSTUMI MILANESI. DA OLTRE VENT’ANNI È AUTRICE E CONDUTTRICE DI TRASMISSIONI PER RADIO MENEGHINA. DAI MICROFONI DELLA STORICA EMITTENTE RADIOFONICA HA RACCONTATO DELLE PERSONE CHE HANNO FATTO GRANDE IL CAPOLUOGO LOMBARDO NEI DIVERSI CAMPI PROFESSIONALI E ARTISTICI. FA PARTE DELLA GIURIA CHE SCEGLIE I DUE VINCITORI DEL “PREMIO CARLO PORTA”, IL RICONOSCIMENTO DEDICATO AI MILANESI CHE HANNO ONORATO LA CITTÀ E LE SUE TRADIZIONI PIÙ SIGNIFICATIVE. HA SCRITTO DIVERSI LIBRI TRA CUI “STORIE DI MILANO”, UN PERCORSO CHE ESPLORA LE NOVE ZONE DELLA CITTÀ DAL CINQUECENTO AL SECOLO SCORSO. L’ULTIMO È USCITO A MARZO SCORSO, “LA DAMA DI FERRO”UN ROMANZO DEDICATO ALLA REGINA LONGOBARDA TEODOLINDA.
PARTIGIANO, POLITICO, GIORNALISTA, SCRITTORE E POETA. HA DEDICATO LA SUA VITA A MILANO E ALLA SUA CRESCITA CIVILE. MILITANTE DELLE FORMAZIONI DI “GIUSTIZIA E LIBERTÀ”, È STATO UN PROTAGONISTA DELLA RESISTENZA E HA PARTECIPATO ALLA LIBERAZIONE DI MILANO. È MEMBRO NAZIONALE E PROVINCIALE DELL’ANPI. COME GIORNALISTA HA LAVORATO PER NUMEROSE PUBBLICAZIONI E RIVISTE POLITICHE E SINDACALI, IN MOLTI CASI CON IL RUOLO DI DIRETTORE. NELLA SUA CARRIERA POLITICA È STATO CONSIGLIERE DELLA PROVINCIA DI MILANO E CONSIGLIERE DI ZONA, RICOPRENDO ANCHE IMPORTANTI INCARICHI IN STRUTTURE PUBBLICHE. LA SUA SENSIBILITÀ ARTISTICA SI È TRADOTTA IN ROMANZI E RACCOLTE DI POESIE CHE HANNO COME SFONDO MILANO E CHE TESTIMONIANO IL SUO IMPEGNO SOCIALE.
«SAGGISTA, AUTORE DI TEATRO, EDITORIALISTA E CURATORE DI RASSEGNE CULTURALI, HA FATTO DI MILANO, IN QUESTI ANNI, IL CENTRO DI UNA SERIE DI EVENTI CHE CONIUGANO PARTECIPAZIONE POPOLARE E QUALITÀ DI CONTENUTO. NEL 2002 HA RICEVUTO IL PREMIO SPECIALE CENACOLO EDITORIA E INNOVAZIONE E QUEST’ANNO IL PAUL HARRIS FELLOW DALLA FONDAZIONE ROTARY IN SEGNO DI APPREZZAMENTO PER IL SUO APPORTO AL DIALOGO FRA I POPOLI. HA CREATO UNA COLLANA EDITORIALE DEDICATA ALLA VALORIZZAZIONE DELL’IMMAGINE STORICA E ARTISTICA DI MILANO ».
CON VOLONTÀ E DISCREZIONE SUOR CESARINA VILLA LAVORA QUOTIDIANAMENTE PER L’INTEGRAZIONE. SALESIANA, È IMPEGNATA NELL’AIUTARE LE FAMIGLIE EXTRACOMUNITARIE, SPECIALMENTE AFRICANE, A INSERIRISI NELLA NOSTRA CITTÀ, INDIRIZZANDOLE AL LAVORO E AGLI STUDI. AMA LO SPORT, IL LAVORO, LA CONDIVISIONE DI ESPERIENZE E VALORI NELLA VITA DELLA COMUNITÀ.. SUOR CESARINA INDIRIZZA A QUESTI PRINCIPI UOMINI E DONNE PROVENIENTI DA OGNI PARTE DEL MONDO. È AMATA E RISPETTA DA TUTTI, CATTOLICI, ORTODOSSI, MUSULMANI, CHE CON LEI METTONO IN PRATICA LA TOLLERANZA E LA SOLIDAIRIETÀ.
MILANESE. PRESENZA DI PRIMISSIMO PIANO NEL PANORAMA DELLA POESIA ITALIANA CONTEMPORANEA. INSEGNA ALLA NUOVA ACCADEMIA DI BELLE ARTI. I SUOI VERSI E I SUOI SAGGI INTERPRETATIVI SONO APPARSI SULLE PIÙ IMPORTANTI RIVISTE ITALIANE E IN MOLTE ANTOLOGIE STRANIERE. AVEVA UN SOGNO: COME PARIGI E NEW YORK, ANCHE MILANO DOVEVA AVERE UN LUOGO DEDICATO ALLA POESIA. IL SUO SOGNO È DIVENTATO REALTÀ: INSIEME AI POETI PIÙ NOTI DI MILANO HA FONDATO LA CASA DELLA POESIA, DI CUI È PRESIDENTE. UN’ISTITUZIONE CHE, DA PIÙ DI DUE ANNI, È UN PUNTO DI RIFERIMENTO PER LA PROMOZIONE DELLA CULTURA POETICA. LA “CASA” HA OSPITATO POETI ITALIANI E INTERNAZIONALI, MOSTRI SACRI E SCONOSCIUTI ESORDIENTI, SOSTENENDO E VALORIZZANDO I GIOVANI.
HA SCELTO MILANO NEL DOPOGUERRA PER AVVIARE LA SUA ATTIVITÀ IMPRENDITORIALE. CON POCHE RISORSE HA FONDATO IGV, PICCOLA AZIENDA SPECIALIZZATA IN COMPONENTI PER ASCENSORI. GRAZIE AL SUO IMPEGNO, ALLA SUA OPEROSITÀ E ALLA SUA CAPACITÀ DI IMPRENDITORE È RIUSCITO A FAR CRESCERE LA SUA AZIENDA E A CREARE CENTINAIA DI POSTI DI LAVORO. PIENO DI IDEE E PARTICOLARMENTE ATTIVO NELLO SVILUPPO DI BREVETTI E DI NUOVI PRODOTTI, È STATO TRA I FONDATORI DELL’ANICA, L’ASSOCIAZIONE NAZIONALE DELLE INDUSTRIE DEL SETTORE, DOVE RICOPRE LA CARICA DI PRESIDENTE ONORARIO. HA POSTO ALLA BASE DEL SUO OPERARE LA SOLIDARIETÀ, DEDICANDOSI ALLE PERSONE DIVERSAMENTE ABILI, SIA SCEGLIENDOLE COME TESTIMONIAL DELLA SUA ATTIVITÀ SIA SOSTENENDO L’ATTIVITÀ DI MOLTI ATLETI ITALIANI ALLE PARAOLIMPIADI.
Attestati di Civica Benemerenza
DAL 1987 L’ASSOCIAZIONE “AMICI DI DON PALAZZOLO” OPERA CON PASSIONE E DEDIZIONE, ASSICURANDO OGNI GIORNO AI PIÙ BISOGNOSI SOSTEGNO CONCRETO E CALORE UMANO PER AFFRONTARE LA SOFFERENZA, L’EMARGINAZIONE, LA SOLITUDINE. I VOLONTARI SI ISPIRANO AL CARISMA DEL BEATO PALAZZOLO, AUTENTICO PADRE DELLA CARITÀ LOMBARDA. TUTTI COLORO CHE IN QUESTI VENT’ANNI HANNO BUSSATO ALLA PORTA DEGLI AMICI DI DON PALAZZOLO HANNO TROVATO DISPONIBILITÀ ALL’ASCOLTO E ALL’AIUTO. UN’ASSOCIAZIONE CHE HA DIMOSTRATO E DIMOSTRA LA CAPACITÀ DI AFFERMARE I VALORI MORALI DELLA NOSTRA MILANO.
“IL COMITATO DI QUARTIERE COMASINA DA OLTRE VENTICINQUE ANNI È SOCIALMENTE IMPEGNATO IN UNA REALTÀ DIFFICILE, MA RICCA DI POTENZIALITÀ. I SUOI VOLONTARI SI ADOPERANO QUOTIDIANAMANTE PER MIGLIORARE LA QUALITÀ DELLA VITA DEGLI ABITANTI, PROMUOVENDO NUMEROSE ATTIVITÀ CULTURALI, SPORTIVE E RICREATIVE CHE RECUPERANO E VALORIZZANO LA STORIA E LE TRADIZIONI DEL TERRITORIO. L’ATTENZIONE È RIVOLTA SOPRATTUTTO AI GIOVANI, A CUI IL COMITATO OFFRE MOMENTI DI AGGREGAZIONE E CRESCITA CULTURALE E SOCIALE. “
NATA NEL 2000 CON LO SCOPO DI RICORDARE MYRTA GABARDI, SCOMPARSA NEL 1999 ALL’ETÀ DI 36 ANNI, L’ASSOCIAZIONE FONDATA DAI GENITORI VUOLE PROMUOVERE I GIOVANI TALENTI CHE EMERGONO NELLA MUSICA E NEL GIORNALISMO. A QUESTO SCOPO SONO STATI ISTITUITI IL “PREMIO INTERNAZIONALE MYRTA GABARDI – UNA VITA PER LA MUSICA. UNA MUSICA PER LA VITA” E IL PREMIO “IL GIORNALISMO COME PROFESSIONE E MISSIONE”. SONO I SETTORI A CUI MYRTA HA DEDICATO IL SUO IMPEGNO, UNITAMENTE ALL’APPASSIONATA ATTIVITÀ NEL VOLONTARIATO PRESSO L’NIONE ITALIANA CIECHI.
È ATTIVA DA OLTRE 100 ANNI A NIGUARDA. NATA COME COOPERATIVA PER LA COSTRUZIONE DI ALLOGGI PER LA CLASSE LAVORATRICE DI FINE OTTOCENTO, HA NEL TEMPO AMPLIATO IL SUO RAGGIO D’AZIONE. OGGI FORNISCE ASSISTENZA DOMICILIARE E PASTI CALDI AGLI ANZIANI DEL QUARTIERE; PER I PORTATORI DI DISABILITÀ HA REALIZZATO UN ATTREZZATO CENTRO DI SOCIALIZZAZIONE. È DIVENTATA UN LUOGO DI AGGREGAZIONE DI MOLTE REALTÀ SOCIALI, PER LE QUALI RAPPRESENTA UN PUNTO DI APPOGGIO E UN PARTNER IDEALE. LA REALIZZAZIONE DEL TEATRO DELLA COOPERATIVA HA DATO UN FORTE IMPULSO ALLE ATTIVITÀ CULTURALI DELLA ZONA, DIVENENDO LA BASE PER EVENTI TEATRALI E INIZIATIVE DELLE SCUOLE E DELLE ASSOCIAZIONI DEL QUARTIERE
“PER L’IMPEGNO QUOTIDIANO A FAVORE DEGLI OSPITI DELLE CASE DI CURA E OSPEDALI DI MILANO E PROVINCIA. PRESENTE SUL TERRITORIO DAL 1947, PIÙ DI 1000 VOLONTARI PORTANO SOLLIEVO A CHI VIVE MOMENTI DI SOFFERENZA E SOLITUDINE. UN ESEMPIO DI DISPONIBILITÀ COSTANTE E GRATUITÀ, DI SEMPLICITÀ E UMILTÀ; CARATTERISTICHE CHE, UNITE ALLA PROFESSIONALITÀ DEGLI OPERATORI, RENDONO SPECIALE IL RAPPORTO TRA VOLONTARIO E ASSISTITO. DOPO 60 ANNI DI ATTIVITÀ, È SEMPRE VIVA NELL’UNIONE SAMARITANA LA VOGLIA E LA FORZA DI STARE ACCANTO A CHI SOFFRE. ”
“PASSIONE, IMPEGNO E DEDIZIONE SONO LE PAROLE CHE MEGLIO ESPRIMONO L’ATTIVITÀ DI LUIGI COTTI, DA OLTRE CINQUANTANNI CUSTODE DELL’EREDITÀ DELLA PIÙ ANTICA E RINOMATA ENOTECA MILANESE. NATA COME SEMPLICE BOTTIGLIERIA NEL 1901 NEL CUORE DI BRERA, L’ENOTECA COTTI HA SAPUTO MANTENERE INALTERATO IL SUO IMPEGNO NEL SELEZIONARE E PROPORRE AI CITTADINI, DI MILANO, PRIMA, E DEL MONDO, POI, LE ECCELLENZE DEL PANORAMA ENOLOGICO NAZIONALE E INTERNAZIONALE. VERO TEMPIO DEL GUSTO E PREZIOSO SCRIGNO DELLA NOSTRA CULTURA DEL VINO, È AMBASCIATORE DI MILANO NEL MONDO”.
“NATA NEL 1999 GRAZIE ALL’IMPEGNO DI UN GRUPPO DI MALATI E VOLONTARI, L’ASSOCIAZIONE APM PARKINSON LOMBARDIA ONLUS SI PONE COME SCOPO PRINCIPALE L’AIUTO DI PAZIENTI AFFETTI DAL MORBO DI PARKINSON, MALATTIA CRONICA CHE PROGRESSIVAMENTE TOGLIE AUTONOMIA A CHI NE È COLPITO. L’ASSOCIAZIONE RAPPRESENTA UN PUNTO DI RIFERIMENTO PER POTER SVOLGERE QUELLE ATTIVITÀ QUOTIDIANE CHE DIVENTANO OSTACOLI INSORMONTABILI PER I MALATI E I LORO FAMILIARI. UN SOSTEGNO, QUELLO DELL’ASSOCIAZIONE, GENEROSO, SERIO E SENZA FINI DI LUCRO, CHE SI TRADUCE IN INNOVATIVI CORSI DI ARTETERAPIA, CANTOTERAPIA, BIODANZA, ORGANIZZAZIONE DI GRUPPI DI AUTO-SOSTEGNO, INCONTRI CON SPECIALISTI E INIZIATIVE CULTURALI E RICREATIVE”.
“ESEMPIO DI OPEROSITÀ SOCIALE, LA FONDAZIONE PROSPERO ZANCHI CONTRIBUISCE ALLA NASCITA E ALLO SVILUPPO DI ATTIVITÀ CULTURALI E SOCIALI NEL CAMPO DELL’ASSISTENZA, DELL’EDUCAZIONE E DELL’ISTRUZIONE. NATA DALLA GENEROSITÀ DI UN MILANESE, A CUI È INTITOLATA, LA FONDAZIONE OGGI RAPPRESENTA UN PUNTO DI RIFERIMENTO PER OLTRE 5000 PERSONE, CHE ANNUALMENTE SI RIVOLGONO CON FIDUCIA ALLE ASSOCIAZIONI OSPITATE NELL’ORMAI NOTA PALAZZINA DI VIA POERIO. È UNA RISPOSTA AI BISOGNI CONCRETI DELLA ZONA E DI TUTTA MILANO, IL SOGNO DI UN PADRE CHE SI REALIZZA GRAZIE ALL’IMPEGNO DI UNA FIGLIA”.
NATA A MILANO 10 ANNI FA, L’ASSOCIAZIONE PER I SERVIZI AL CITTADINO HA COME FINE IL RICONOSCIMENTO E LA SALVAGUARDIA DEL RUOLO DELL’ANZIANO E DEL DISABILE. L’ASSOCIAZIONE, SENZA CONTRIBUTI FINANZIARI E ORGANIZZATIVI DI TERZI, FORMA I PROPRI VOLONTARI STIMOLANDO LA LORO SENSIBILITÀ NEI CONFRONTI DEI SOGGETTI DEBOLI ATTRAVERSO L’APPROFONDIMENTO DELLA PSICOLOGIA DELL’ANZIANO E DEL DISABILE, CON PARTICOLARE ATTENZIONE ALLA PATOLOGIA DELL’ALZHEIMER. TUTTI GLI ANNI A DICEMBRE L’ASSOCIAZIONE ORGANIZZA UNA GRANDE CENA SOCIALE CON I PROPRI SOCI E LE PERSONE A CUI RIVOLGE IL SUO AIUTO, PER TRASCORRERE TUTTI INSIEME UNA SERATA DI DIVERTIMENTO, CON SPETTACOLI E CABARET, E DI SOLIDARIETÀ.
“È UNA DELLE PIÙ ANTICHE REALTÀ ARTIGIANALI E IMPRENDITORIALI DI MILANO. LE TERRACOTTE, LE MAIOLICHE, LE CERAMICHE DELLA FORNACE CURTI TESTIMONIANO L’EVOLUZIONE DELL’ARTE E DELLO STILE, RACCONTANDO LA STORIA STESSA DELLA NOSTRA CITTÀ. UNA TRADIZIONE LUNGA OLTRE 600 ANNI, CHE PASSA ATTRAVERSO I SECOLI ED È COSTELLATA DEI NOMI PIÙ IMPORTANTI DELLA STORIA ARTISTICA DI MILANO, DAL FILARETE FINO AI MAESTRI CONTEMPORANEI, MESSINA, MANZÙ, I FRATELLI POMODORO, CHE QUI HANNO MODELLATO LE LORO OPERE. UNA SAPIENZA ARTIGINALE TRAMANDATA DI PADRE IN FIGLIO, DIVENUTA SINONIMO DELLA CREATIVITÀ MILANESE E ITALIANA”.
LA LIBERA ASSOCIAZIONE PER L’INCREMENTO DI STRUTTURE SOCIALI ONLUS SI DEDICA MERITORIAMENTE ALLA RICERCA DI FONDI PER REALIZZARE INIZIATIVE E PROGETTI A FAVORE DELLE PERSONE PORTATRICI DI HANDICAP, AMPLIANDO COSÌ L’ESPERIENZA DEL CENTRO RESIDENZIALE PER DISABILI FONDAZIONE ELEONORA E LIDIA. AVENDO CONSAPEVOLEZZA DEI PROBLEMI CHE GRAVANO SUI DISABILI ALLORCHÉ LE FAMIGLIE D’ORIGINE NON POSSANO GARANTIRE LORO LA DOVUTA ASSISTENZA, L’ASSOCIAZIONE L.A.P.I.S.S. SI IMPEGNA CON GENEROSITÀ E TENACIA PER L’ISTITUZIONE DI CENTRI RESIDENZIALI PER PORTATORI DI HANDICAP CHE PUNTANO AL RAGGIUNGIMENTO DELL’AUTOMIA DA PARTE DEI PIÙ DEBOLI E A UNA REALE INTEGRAZIONE SOCIALE.
L’ORGANIZZAZIONE ONLUS DI UTILITÀ SOCIALE È PRESENTE A MILANO DA VENT’ANNI, MA L’IMPEGNO E L’ATTIVITÀ IN FAVORE DEI CIECHI E DEI SORDI PARTE IN ITALIA SIN DAL 1964 A OSIMO, NELLE MARCHE. L’AUTOREVOLEZZA DEI VOLONTARI DELLA LEGA DEL FILO D’ORO, NEGLI INTERVENTI A FAVORE DELLO SVILUPPO DI COMPETENZE COMUNICATIVE IN PERSONE CON ASSENZA DI ESPRESSIONI VERBALI O DISABILITÀ PLURIME, HA FATTO SÌ CHE L’ITALIA IN QUESTO SPECIFICO SETTORE SI AFFERMASSE COME UNO DEI PAESI ALL’AVANGUARDIA NEL PANORAMA INTERNAZIONALE. GRAZIE AL GENEROSO IMPEGNO E ALLA PRESENZA ATTIVA NELLA CITTÀ DI MILANO, L’ASSOCIAZIONE HA FORNITO IN QUESTI ANNI UN PREZIOSO CONTRIBUTO ALL’AVANZAMENTO DEGLI STUDI, DELLE RICERCHE E DELLE NUMEROSE APPLICAZIONI IN FAVORE DEI DISABILI.
“È STATA LA PASSIONE DI UN GIOVANE RICERCATORE A LANCIARE UNA MISSIONE DI PORTATA INTERNAZIONALE: CONTRIBUIRE ALLA RICERCA SULLE CELLULE STAMINALI PER LA CUrA DELLE MALATTIE NEURODEGENERATIVE. NEUROTHON È QUESTO: RICERCA SCIENTIFICA E GENEROSITÀ UMANA. L’OBIETTIVO DELL’ASSOCIAZIONE È OFFRIRE UNA SPERANZA A CHI CREDEVA DI NON AVERNE, CON UNA ATTENZIONE SPECIALE AL VALORE DELLA VITA, ALLA CENTRALITÀ DELLA PERSONA. UN RICONOSCIMENTO ALL’IMPENGO CHE GUARDA AL PRESENTE E ALL’AVVENIRE, CON LA CONSAPEVOLEZZA CHE IL FUTURO DELL’UOMO NASCE DALL’UOMO”.
“L’ARTE COME SERVIZIO SOCIALE”, È QUESTA LA MISSIONE DEL MAPP – MUSEO D’ARTE PAOLO PINI. NATO NEL 1995, HA RECUPERATO L’AREA DELL’EX OSPEDALE PSICHIATRICO PAOLO PINI, TRASFORMANDOLA IN UN MUSEO D’ARTE CONTEMPORANEA ALL’APERTO DEDICATO ALL’ARTETERAPIA. VI SI SONO SUCCEDUTI FINORA 140 ARTISTI DI FAMA INTERNAZIONALE CHE HANNO OFFERTO IL PROPRIO CONTRIBUTO PER DARE VITA ALLA COLLEZIONE PERMANENTE DEL MUSEO, COINVOLGENDO IN MOLTI CASI GLI UTENTI PSICHIATRICI. IL GRANDE IMPEGNO NELL’INTEGRAZIONE DEI MALATI NELLA SOCIETÀ ATTRAVERSO NUOVE FORME DI CURA, HA FATTO DI QUESTO MUSEO UN LUOGO ECCEZIONALE, DOVE L’ARTE CREA OCCASIONI DI INCONTRO E DI LAVORO TRA ARTISTI E PERSONE AFFETTE DA MALATTIE PSICHICHE.
DA OLTRE 20 ANNI IL COMITATO DI QUARTIERE DELLE CASE POPOLARI È UN PUNTO DI RIFERIMENTO PER GLI ABITANTI DI QUARTO OGGIARO. OGNI GIORNO QUESTO GRUPPO DI VOLONTARI S’IMPEGNA SENZA RISERVE PER IL BENE E LA SICUREZZA DEI CITTADINI, PER DIFENDERE LA LEGALITÀ E IL DECORO, PER FAR CRESCERE LA CULTURA DEL RISPETTO E DELLA CONVIVENZA CIVILE DI UNO DEI QUARTIERI STORICI MILANESI. È UN CONTRIBUTO CONCRETO ALL’ATTIVITÀ DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, UN LAVORO COSTANTE, CAPACE DI INTERCETTARE LE NUOVE ISTANZE DI UN TESSUTO SOCIALE IN CONTINUA EVOLUZIONE. SEMPRE IN PRIMA LINEA PER COMBATTERE LE OCCUPAZIONI ABUSIVE E CONTRASTARE LA CRIMINALITÀ DI STRADA, IL COMITATO AFFRONTA I PROBLEMI CON CORAGGIO E DETERMINAZIONE, IN NOME DEL SENSO CIVICO E DELL’ORGOGLIO DI APPARTENERE A MILANO.
“NATA NEL 1957 DA UN PICCOLO GRUPPO DI VOLONTARI CHE SI AUTOTASSARONO PER ACQUISTARE LA PRIMA AMBULANZA, EFFETTUA OGGI IL MAGGIOR NUMERO DI INTERVENTI DI PRIMO SOCCORSO A MILANO E NELL’HINTERLAND. DA 50 ANNI ENTRA OGNI GIORNO IN CONTATTO CON LA SOFFERENZA, LA POVERTÀ E IL DISAGIO DELLA NOSTRA SOCIETÀ. I SUOI 200 ADERENTI DONANO, CON GRANDE ZELO E DISCREZIONE, IL LORO AIUTO E IL LORO TEMPO AI CITTADINI BISOGNOSI, CON UNA MEDIA DI 70MILA ORE L’ANNO. L’ASSOCIAZIONE È IMPEGNATA ANCHE NELL’EDUCAZIONE DEI GIOVANI A CUI OFFRE SIGNIFICATIVE OCCASIONI DI CRESCITA PERSONALE ATTRAVERSO IL CONFRONTO CON SITUAZIONI SPESSO DRAMMATICHE. NEL 1989 È STATA RICONOSCIUTA DA UN DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE LOMBARDIA”.
ISPIRANDOSI A PRINCIPI DI CARITÀ CRISTIANA E SOLIDARIETÀ UMANA E SOCIALE, L’ASSOCIAZIONE S.O.S MILANO OPERA NELL’AMBITO DEL PRONTO SOCCORSO COME O.N.L.U.S. FIN DAL 1975. CON GRANDE GENEROSITÀ, QUESTA ASSOCIAZIONE HA SEMPRE MESSO A DISPOSIZIONE DELLE ISTITUZIONI I PROPRI MEZZI E UN PERSONALE ALTAMENTE QUALIFICATO. AL SERVIZIO DEL CITTADINO VENTIQUATTRO ORE SU VENTIQUATTRO, L’ASSOCIAZIONE S.O.S MILANO, OLTRE AL SOCCORSO E AL TRASPORTO DI MALATI E FERITI, SI DEDICA A DIVERSE ATTIVITÀ SOCIALI COME L’ORGANIZZAZIONE DI CORSI DI PRIMO SOCCORSO GRATUITI, L’ASSISTENZA A DOMICILIO DEI MALATI, DEGLI EMARGINATI E DEI PORTATLORI DI HANDICAP E IL SOSTEGNO A POPOLAZIONI COLPITE DA CALAMITÀ NATURALI.
“LA SCUOLA È IL MONDO, MAESTRO È OGNI FATTO NATURALE E OGNI UOMO. NON SI INSEGNI: SI ESPERIMENTI”: IN QUESTE PAROLE DI GIUSEPPINA PIZZIGONI SI RITROVA TUTTO LO SPIRITO CHE DA QUASI UN SECOLO ANIMA GLI INSEGNANTI E ORIENTA I PROGRAMMI DELLA SUA OMONIMA SCUOLA RINNOVATA. IL METODO DIDATTICO DI QUESTA STORICA ISTITUZIONE MILANESE RAPPRESENTA UNA DELLE VETTE PIÙ ALTE DELLA RICERCA E DELL’INNOVAZIONE APPORTATE AL MONDO DELLA SCUOLA. ALLA SCUOLA, NEL 1933, SI È AFFIANCATA L’ASSOCIAZIONE, DIVENTATA SUBITO ENTE MORALE. ANCORA OGGI L’OPERA PIZZIGONI CONTINUA A PROMUOVERE LA MODERNITÀ E LA VALIDITÀ DEL SUO METODO E DEI SUOI PROGRAMMI ATTRAVERSO CONVEGNI, CORSI DI FORMAZIONE E DI AGGIORNAMENTO. IL SUO MOTTO È: “TEMPIO LA NATURA, SCOPO IL VERO, METODO L’ESPERIENZA”.
“STORICO LOCALE MILANESE, FESTEGGIA QUEST’ANNO UN SECOLO DI VITA. APRÌ I BATTENTI NEL PERIODO DEL GRANDE FERMENTO FUTURISTA, ACCOGLIENDO ARTISTI, INTELLETTUALI, SCRITTORI, GIORNALISTI, OPERAI E UOMINI POLITICI. TRA I SUOI TAVOLI, A CUI SI SONO SEMPRE ALTERNATI PERSONAGGI FAMOSI E SEMPLICI CITTADINI, SONO PASSATI CENTO ANNI DI STORIA DELLA NOSTRA CITTÀ. ANCORA OGGI, TRA GLI HABITUÉ CHE ENTRANO AL MAGENTA PER UN CAPUCCINO O UNA BIRRA, I VOLTI NOTI NON MANCANO. L’ATMOSFERA CHE SI RESPIRA AL SUO INTERNO È QUELLA DI UNA VOLTA, CON GLI ARREDI ORIGINALI, STILE ART DECO, DI GHIRINGHELLI, LE LUCI SUGGESTIVE, L’ELEGANTE SCRITTA IN ORO SU FONDO NERO DELL’INGRESSO”.
GLI ISTITUTI SCOLASTICI EBRAICI A MILANO VANTANO UN’ANTICA TRADIZIONE ORIENTATA A UN’EDUCAZIONE COMPLETA E ATTENTA ALL’INNOVAZIONE. IL MODELLO FORMATIVO SI E’ ARRICCHITO NEGLI ANNI DI NUOVI CORSI, CREANDO UN AMBIENTE STRAORDINARIO PER QUALITA’ DIDATTICA E LIBERTA’ DI ESPRESSIONE. LO SCOPO E’ SEMPRE STATO QUELLO DI FORMARE SECONDO I VALORI E LA CULTURA DELL’EBRAISMO, OFFRENDO PARALLELAMENTE CICLI DI STUDI IN LINEA CON I PROGRAMMI MINISTERIALI. TRA LE MATERIE INSEGNATE, OLTRE ALLA LINGUA EBRAICA, LA BIBBIA E I SUOI COMMENTI, GRANDE ATTENZIONE È STATA RIVOLTA ALLO STUDIO DI TUTTI GLI ASPETTI DELL’INTEGRAZIONE CON IL CONTESTO CITTADINO MILANESE E NAZIONALE
“DILETTANTI CON SPIRITO DA PROFESSIONISTI”, COSÌ SI DEFINISCONO I MEMBRI DEL CENTRO CULTURALE ANTONIANUM. L’ASSOCIAZIONE, PRESENTE A MILANO FIN DAL 1963 E IL CUI STATUTO RISALE AL 1971, PARTÌ DALL’ESPERIENZA DI UN CORO E DI UNA PICCOLA ORCHESTRA D’ARCHI PER POI FONDARE UNA RIVISTA FINO AD AMPLIARE IL PROPRIO RAGGIO D’INTERVENTO ALLA GESTIONE DI UNA BIBLIOTECA TRA LE PIÙ RICCHE E FREQUENTATE DELLA CITTÀ. MANIFESTAZIONI MUSICALI E LETTERARIE NE FANNO UN’ASSOCIAZIONE CULTURALE DI PRESTIGIO E UN OTTIMO CENTRO DI AGGREGAZIONE GIOVANILE.
ATTIVO A MILANO DA OLTRE 30 ANNI, IL TEATRO OUT OFF È UNA REALTÀ VIVA NEL PANORAMA CULTURALE DELLA CITTÀ, UN PALCOSCENICO ATTENTO ALLE NOVITÀ DELLA DRAMMATURGIA E ALL’ARTE CONTEMPORANEA. IL NOME STESSO, OUT OFF, RIVELA L’ORIGINALITÀ DI UNA RICERCA CHE VUOLE PROMUOVERE LA LIBERA ESPRESSIONE DEGLI ARTISTI E DEL LORO COMPLESSO LAVORO DI CONOSCENZA E INTERPRETAZIONE DEL PRESENTE. LUOGO DI INCONTRO DI CULTURE, LINGUAGGI E SENSIBILITÀ DIVERSE, NELL’ESSENZIALITÀ DELLA NUOVA SEDE DI VIA MAC MAHON SI RIFLETTE UN PERCORSO POETICO ALLA RICERCA DI UN TEATRO CHE NASCA DAI GESTI, DALLE VOCI, DALLE EMOZIONI.
“IL LORO AFFETTO E LA LORO TESTIMONIANZA RICREANO NEI NOSTRI CUORI L’ECO DI UNA TRAGEDIA STRAZIANTE, CHE COLPÌ LA NOSTRA CITTÀ NELL’ULTIMO CONFLITTO MONDIALE. GRAZIE ALLA COSTANZA DEL LORO IMPEGNO, IL 20 OTTOBRE DI OGNI ANNO SI TRAMANDA LA MEMORIA DEL SACRIFICIO SUPREMO DEI 205 BAMBINI, DELLE EDUCATRICI E DEGLI ASSISTENTI DELLA SCUOLA ‘FRANCESCO CRISPI’ CHE TROVARONO LA MORTE SOTTO I BOMBARDAMENTI ALLEATI DEL 1944. I GENITORI, PUR NEL LORO IMMENSO DOLORE, EBBERO LA FORZA DI UNIRSI E DI EDIFICARE UN MONUMENTO ALLE TENERE VITTIME. PASSA ORA AI FIGLI IL COMPITO DI ONORARE E MANTENERE VIVO IL RICORDO PER LE GENERAZIONI FUTURE”.
Nodo: 537fcab6bb2d:8080