Quando è necessario verificare la variazione di rigidezza e resistenza di interventi per la realizzazione di scale e forometrie conseguenti?

Nel caso in cui la forometria interessi un elemento strutturale portante, è possibile classificare l’intervento come locale soltanto nel caso in cui ciò non comporti una variazione della risposta dell’elemento principale e non comporti una riduzione della sicurezza.

Per verificare tale condizione, è possibile riferirsi al cap. C8.4.1 della circolare 7 del 21 gennaio 2019, il quale recita che “la modifica di una parte limitata della struttura (ad es. l’apertura di un vano in una parete, accompagnata da opportuni rinforzi) può rientrare in questa categoria, a condizione che si dimostri che l’insieme degli interventi non modifichi significativamente rigidezza, resistenza nei confronti delle azioni orizzontali e capacità di deformazione della struttura”.

Quanto sopra, deve essere debitamente documentato all’interno della relazione di calcolo. 

FAQ SUE n. 11 - Pubblicata il 6 marzo 2020

Argomenti: