Valorizzazione delle Cascine

Procedimento di valorizzazione di n. 14 CASCINE di proprietà comunale, caratterizzate da situazioni di degrado, incertezza amministrativa ed abbandono, anche parziale, nel triennio 2019-2021, individuate nel corrispondente Documento Unico di Programmazione (DUP), mediante concessioni in diritto di superficie sino a 90 anni, attraverso indizione di appositi Bandi pubblici, finalizzate al recupero architettonico e funzionale delle stesse.

Oggetto dei Bandi è la concessione del diritto di superficie, per una durata compresa tra 30 e 90 anni, mediante sottoscrizione di apposita convenzione con il Comune; in relazione alle stesse procedure, è prevista la riqualificazione complessiva del complesso cascinale con recupero architettonico (e conseguente manutenzione ordinaria e straordinaria per tutta la durata della concessione), senza oneri per il Comune, e la rifunzionalizzazione mediante l’insediamento di nuove funzioni, garantendo al contempo un utilizzo ottimale di tutte le aree pertinenziali del medesimo complesso.

I progetti prevedono la riqualificazione degli edifici delle Cascine per funzioni di carattere pubblico/attrezzature per servizi quali, ad esempio, i servizi sociali per anziani/adulti/disabili/minori, l’artigianato di servizio ed i negozi di vicinato, gli incubatori di imprese, i centri aggregativi, i centri polivalenti, i centri sportivi, le scuole, i nidi di infanzia, i servizi formativi, gli ostelli e le residenze per studenti, le strutture ospedaliere e ambulatoriali, le sedi espositive e location culturali, i mercati di prodotti ortofrutticoli (come da PGT – Piano dei Servizi); nonché per funzioni private che dovranno anch’esse essere qualificanti e capaci di generare reddito al fine di garantire la sostenibilità economica del recupero e della manutenzione delle Cascine.

I progetti riguardanti le Cascine dovranno prevedere, sostanzialmente, il recupero e la conservazione delle stesse anche attraverso l’insediamento di un mix di funzioni di carattere pubblico e privato coerenti con i caratteri degli immobili, degli ambiti di inserimento ed in linea con i contenuti tecnici propri dei relativi Bandi pubblici per le concessioni, che saranno oggetto di attenta valutazione da parte della Commissione di gara.

Trattandosi di immobili vincolati, ai sensi del D.Lgs. 42/2004, ogni ipotesi progettuale e di utilizzo dei beni, dovrà essere preliminarmente assentita dalla competente Soprintendenza (di cui alle corrispondenti Autorizzazioni alle concessioni emesse) che potrà apportare modificazioni all’impostazione progettuale presentata in sede di gara.

Allo stato attuale, e dopo espletamento dei relativi Bandi, risultano assegnate la Cascina San Bernardo, la Cascina Monluè e la Cascina Cotica, mentre sono in corso di procedura, dopo l’avvenuta pubblicazione, i Bandi di Cascina Sella Nuova e di Cascina Monterobbio.

Il progetto prevede la riqualificazione degli edifici della Cascina per funzioni di carattere pubblico/attrezzature per servizi quali, ad esempio, i servizi sociali per anziani/adulti/disabili/minori, l’artigianato di servizio ed i negozi di vicinato, gli incubatori di imprese, i centri aggregativi, i centri polivalenti, i centri sportivi, le scuole, i nidi di infanzia, i servizi formativi, gli ostelli e le residenze per studenti, le strutture ospedaliere e ambulatoriali, le sedi espositive e location culturali, i mercati di prodotti ortofrutticoli (come da PGT – Piano dei Servizi); nonché per funzioni private che dovranno anch’esse essere qualificanti e capaci di generare reddito al fine di garantire la sostenibilità economica del recupero e della manutenzione delle Cascine.


Documento Preliminare alla Progettazione 


Bando pubblico per la concessione in diritto di superficie, a tempo determinato per la durata massima di anni 90 (novanta), dell’immobile di proprietà comunale denominato “Cascina Sella Nuova” sito in Milano, via Sella Nuova n. 34 (Municipio n. 7).

Il progetto prevede la riqualificazione degli edifici della Cascina per funzioni di carattere pubblico/attrezzature per servizi quali, ad esempio, i servizi sociali per anziani/adulti/disabili/minori, l’artigianato di servizio ed i negozi di vicinato, gli incubatori di imprese, i centri aggregativi, i centri polivalenti, i centri sportivi, le scuole, i nidi di infanzia, i servizi formativi, gli ostelli e le residenze per studenti, le strutture ospedaliere e ambulatoriali, le sedi espositive e location culturali, i mercati di prodotti ortofrutticoli (come da PGT – Piano dei Servizi); nonché per funzioni private che dovranno anch’esse essere qualificanti e capaci di generare reddito al fine di garantire la sostenibilità economica del recupero e della manutenzione delle Cascine.


Documento Preliminare alla Progettazione


Bando pubblico per la concessione in diritto di superficie, a tempo determinato per la durata massima di anni 90 (novanta), dell’immobile di proprietà comunale denominato “Cascina Monterobbio” sito in Milano, via San Paolino n. 5 (Municipio n. 6).

Argomenti: