Obbligo vaccinale strutture residenziali, socioassistenziali e sociosanitarie

Dal 15 ottobre al 31 dicembre 2021, tutti i soggetti (anche esterni) che svolgono a qualsiasi titolo la propria attività lavorativa nelle strutture residenziali, socioassistenziali e sociosanitarie potranno accedere alle strutture solo esibendo la documentazione che attesta l’adempimento dell’obbligo vaccinale per la prevenzione dell'infezione da SARS-CoV-2 Tali indicazioni recepiscono il D.L. n. 122/2021 (art. 4 bis).

In assenza della certificazione verde, il dipendente verrà sospeso dal lavoro fino a quando non avrà assolto l’obbligo vaccinale (o, in mancanza, fino al completamento del piano vaccinale nazionale e comunque, non oltre il 31 dicembre 2021). Durante il periodo di inadempienza, non verrà corrisposta la retribuzione, né altro tipo di compenso.

Nel caso il dipendente non vaccinato acceda ugualmente a una struttura residenziale, socioassistenziale e sociosanitaria, verrà attivato un procedimento disciplinare nei suoi confronti.

Aggiornato il: 14/10/2021