3-6 anni: Scuola dell'infanzia

La Scuola dell’Infanzia accoglie le bambine e i bambini con un'età compresa fra i tre e i sei anni. Ha durata triennale e non è obbligatoria.

La conferma per l'anno educativo 2021/2022 avviene d'ufficio, a fronte del pagamento della quota di iscrizione, per i bambini nati negli anni 2016, 2017 e 2018 regolarmente frequentanti nell'anno educativo 2020/2021.

Le famiglie che non intendono confermare la frequenza per l'anno successivo o che intendono chiedere un trasferimento, secondo i criteri indicati nel Comunicato, dovranno accedere al link indicato nella mail che riceveranno dal 14 dicembre per formalizzare la rinuncia alla conferma d'ufficio.

Nella sezione Allegati è possibile consultare il Comunicato dedicato.

Per frequentare i Servizi all'Infanzia, tutti i bambini devono essere in regola con le vaccinazioni; questo nel rispetto della legge del 31 luglio 2017, n.119, recante “Disposizioni urgenti in materia di prevenzione vaccinale, di malattie infettive e di controversie relative alla somministrazione di farmaci”. 

Come da normativa vigente, la verifica della regolarità vaccinale verrà effettuata direttamente presso l’Azienda Sanitaria Locale competente (rappresentata, nel caso del Comune di Milano, da ATS Milano Città Metropolitana). In caso di verifica negativa presso l’ATS, la famiglia sarà contattata via posta elettronica e invitata a produrre la documentazione necessaria nei termini e con le modalità indicate nella mail. 
La mancata consegna della documentazione comporta la decadenza dall'iscrizione.

I dettagli normativi sono consultabili in questa pagina, nella sezione “Riferimenti normativi”.

La famiglia può, in qualsiasi momento, rinunciare al posto presentando al Responsabile del servizio frequentato una dichiarazione scritta.

Nel caso di assenza ingiustificata superiore ai trenta giorni consecutivi, il bambino perde il diritto alla frequenza.

Per le assenze continuative e superiori ai 30 giorni, il mantenimento del diritto al posto richiede certificazioni attestanti malattie del minore gravi e comprovate situazioni familiari. Le certificazioni vanno consegnate al Responsabile del servizio.

Per il ritiro dei bambini al termine dell’attività educativa da parte di persone diverse dai genitori è obbligatorio compilare il modulo di delega all'inizio dell’anno educativo.
Le persone delegate al ritiro dei bambini devono essere maggiorenni.
Il modulo può essere:

  • compilato in presenza del Responsabile del servizio
    oppure
  • consegnato allegando fotocopia dei documenti d’identità dei firmatari (Legge 445/2000, art. 38).

Le deleghe sono da ritenersi valide per tutto il periodo di frequenza del bambino o fino a diverse comunicazioni da parte della famiglia.

L’Amministrazione comunale provvederà alla verifica delle autocertificazioni rese e si riserva la facoltà di adottare i provvedimenti previsti in caso di attestazioni non veritiere. Il dichiarante incorrerà nelle sanzioni previste dal Codice Penale.

Inoltre l’Amministrazione si riserva la facoltà di far decadere tutti i benefici eventualmente conseguiti (ammissione alla Scuola dell’Infanzia o l’attribuzione della quota ridotta) e procederà al recupero delle eventuali differenze dei contributi non versati, gravate delle penali applicabili (mora, rivalutazione monetaria e interessi) fino alla esclusione e perdita del posto.

Le presenti disposizioni potranno subire modifiche anche in corso d'anno.

Dopo la pubblicazione delle graduatorie è possibile chiedere il trasferimento in altra sede nei seguenti casi:

  • cambio di residenza
  • ricongiungimento al fratello/sorella che frequenta un servizio all'infanzia (comunale o statale) o una scuola primaria pubblica già assegnati nello stesso anno educativo.

Le richieste di trasferimento vengono inserite nella graduatoria di ammissione della sede individuata come più vicina al nuovo luogo di residenza o alla sede frequentata dal fratello/sorella.

Criteri per l’inserimento in graduatoria delle richieste di trasferimento

  • bambini confermati dall’anno precedente
    • le richieste verranno inserite in graduatoria prima delle liste d’attesa
    • per il posizionamento si tiene conto della data di presentazione
    • a parità di data si considera la maggiore età dei bambini
    • le richieste di trasferimento nella sede individuata come più vicina al luogo di residenza o alla sede frequentata dal fratello/sorella verranno inserite dopo la verifica di tali requisiti
  • nuovi iscritti 
    • per il posizionamento si tiene conto del punteggio massimo attribuito in fase di iscrizione
    • a parità di punteggio, avranno precedenza rispetto ai nominativi in attesa di assegnazione e saranno ordinate tra loro secondo l’età maggiore
    • a parità di punteggio e di età, le richieste verranno ordinate per data di presentazione della richiesta solo dopo la verifica dell’effettivo cambio di residenza in anagrafe o della presenza del fratello/sorella in altra struttura pubblica
    • se il bambino è anticipatario, la richiesta di trasferimento sarà posizionata nella graduatoria della nuova sede per i bambini anticipatari.

Trasferimento di bambini che presentano una situazione di disabilità.
Le richieste verranno valutate e gestite con apposito provvedimento al di fuori delle graduatorie, al fine di garantire il supporto e l’effettiva disponibilità all'interno della struttura desiderata.

Termini di presentazione delle richieste
Le richieste di trasferimento potranno essere presentate in fase  di conferma del posto per l’anno successivo.

Per le richieste di trasferimento rivolgersi alla segreteria della scuola frequentata.

Utilizza i servizi

Circolare Ministeriale del 13 novembre 2017

Iscrizioni alle scuole dell’infanzia e alle scuole di ogni ordine e grado per l’anno scolastico 2018/2019

Legge 119/2017

Disposizioni urgenti in materia di prevenzione vaccinale, di malattie infettive e di controversie relative alla somministrazione di farmaci

DPR 445/2000, artt. 75, 76    

Codice Penale, art. 483 e seguenti

Regolamento Organi Collegiali per i servizi educativi all'Infanzia