Gemellaggi

Il Comune di Milano ha iniziato l’attività di gemellaggio nel 1961, sottoscrivendo il suo primo accordo con la città di San Paolo. Da allora sono stati firmati altri quattordici accordi, di cui il più recente nel 2015 con la città di Daegu. Le città gemellate appartengono ai cinque continenti.

Il gemellaggio è uno strumento che serve a definire meglio i rapporti di amicizia e gli scambi fra città di nazioni diverse legate da affinità significative, allo scopo di favorire attività congiunte e sviluppare strette relazioni politiche, economiche e culturali. I gemellaggi hanno durata permanente.

Il Comune di Milano considera i gemellaggi un mezzo utile per incoraggiare e sviluppare la cooperazione tra le città, per rafforzare i legami tra i popoli, favorire l’accoglienza di delegazioni istituzionali, mantenere vivi i rapporti con le comunità italiane all’estero e straniere a Milano sostenendo l’integrazione locale, facilitare l'interscambio di esperienze e di strategie per la soluzione di problemi di carattere sociale, economico ed ambientale, nell’intento di migliorare la qualità della vita e il benessere dei rispettivi cittadini. Gli Accordi interessano i settori dell'amministrazione pubblica, dell'economia, della scienza, della tecnologia e dell’innovazione, della cultura, dell'educazione, degli scambi commerciali, del turismo, della mobilità, dell’energia e dell’ambiente.