Innovazione sociale per la resilienza economica in Cisgiordania

Il progetto "Innovazione sociale per combattere la disoccupazione giovanile e aumentare la resilienza economica delle comunità dell’Area C della Cisgiordania", si pone l’obiettivo di contribuire alla riduzione del tasso di disoccupazione dei giovani palestinesi migliorando le loro condizioni economiche, in particolare quello delle donne in 8 comunità dei Governatorati di Hebron e Betlemme.
A Hebron saranno interessati Abda & Imrishm, Al Fawar refugee camp, Arab al Fureijat, As Samou’ e Hebron Old City, mentre a Betlemme Beit Fajjar, Tuque e Wadi Nis.

Il capofila di progetto è la onlus ActionAid International Italia che collaborerà con il Comune di Milano per fornire orientamento al lavoro, sessioni di informazione e programmi di formazione, sostegno ai giovani partecipanti; inoltre, faciliterà il dialogo con le autorità locali e metterà in campo indagini conoscitive sulle disponibilità di risorse da parte di aziende palestinesi per iniziative di impiego, auto-impiego e imprenditorialità.

I partner principali sono:

  • Comune di Milano,
  • Palestine Polytechnic University,
  • Agility Management and Financial Consulting,
  • Cooperativa CGM (Consorzio Gino Mattarelli).

Il progetto durerà 36 mesi, dal 1° marzo 2018 al 28 febbraio 2021.

  • Contribuire alla riduzione del tasso di disoccupazione giovanile, migliorando le loro opportunità economiche, in particolare delle donne, in 8 comunità dei Governatorati di Hebron e Betlemme.

  • Fornire orientamento lavorativo e sessioni di informazione e sensibilizzazione (online e offline) e offerta di stage
  • Programmi di formazione (inglese per l’impresa, informatica e soft skills utili all’impiego)
  • Programmi di formazione tecnico-professionale
  • Ricerca/studio e analisi di fattibilità sul potenziale
  • Eventi/competizioni (call for ideas) per proposte di giovani potenziali imprenditori e imprese sociali in collaborazione con incubatori di impresa (Agility) e partner italiani (CGM, Comune di Milano)
  • Sostegno a 16 giovani per la creazione/sviluppo di imprese sociali che si prendano carico dei bisogni sociali delle comunità dell’Area
  • Indagine conoscitiva sulla disponibilità di risorse da parte delle aziende palestinesi (fondi di startup, risorse valorizzate, consulenze) per iniziative di impiego, autoimpiego e imprenditorialità
  • Collaborazione tra le autorità locali di Betlemme e Hebron e il Comune di Milano per il sostegno a “Invest in Palestine”, con l’obiettivo di coinvolgere imprese private internazionali (incluse Italiane) con focus specifico su imprese informatiche e start up innovative
  • Campagne di sensibilizzazione contro pratiche discriminatorie nei confronti dell’empowerment socio-economico di giovani donne e altre categorie vulnerabili / Raccolta e pubblicazione di casi di successo e buone pratiche.

  1. Rafforzare la consapevolezza, le competenze e le capacità dei giovani, in particolare delle giovani donne, per accedere al mercato del lavoro utilizzando anche settori non tradizionali ed emergenti
  2. Aumentare i redditi dei giovani, e in particolare delle donne, attraverso l’autoimpiego in settori come l’impresa, l’impresa sociale e l’impresa di sviluppo
  3. Creare un ambiente favorevole al rafforzamento economico dei giovani, con particolare riferimento al mercato del lavoro.

Aggiornato il: 31/12/2020