Proposte di Educazione stradale e di legalità

La Scuola del Corpo di Polizia Locale di Milano, in occasione dell’inizio del  nuovo anno scolastico, ha elaborato la nuova proposta formativa indirizzata alle scuole di ogni ordine e grado. Questo nuovo ciclo presenta una varietà di corsi che spaziano dai principali temi di educazione stradale all'educazione alla legalità, dalla mobilità sicura in ambito urbano alla conoscenza del territorio.

In considerazione del particolare periodo di emergenza sanitaria, alcuni percorsi sono stati proposti anche in modalità didattica a distanza, in alternativa all’incontro svolto in classe o all’uscita didattica.

Le novità
Quest’anno sono stati ideati e aggiunti due nuovi progetti: Ghisagame e Ghisagram, indirizzati rispettivamente alle scuole primarie e secondarie di primo grado e fruibili anche in modalità e-learning.

Per le scuole secondarie di II° grado, nell’ambito del progetto Legalmente alla Guida, è stato altresì introdotto un nuovo focus sul monopattino elettrico. L’obiettivo mira a far conoscere le norme di circolazione stradale dei dispositivi per la micromobilità elettrica, fornire consigli utili per la guida in sicurezza e sviluppare maggiore consapevolezza sui rischi connessi ad un cattivo utilizzo.

Questa pagina offre una sintesi dei corsi. Per ulteriori informazioni e dettagli è possibile rivolgersi ai contatti telefonici e/o agli indirizzi email riportati nelle schede di prenotazione dei singoli  progetti.

Come aderire
Per aderire alle iniziative è sufficiente compilare e far sottoscrivere al proprio Dirigente Scolastico e al docente incaricato (dopo aver letto l’informativa sulla privacy) l’allegato abbinato a ciascun corso e trasmetterlo successivamente alla casella di posta istituzionale PL.ScuolaCorsiEducazioneStradale@comune.milano.it

Tutti i corsi sono realizzati dal Corpo di Polizia Locale a titolo gratuito, fatta eccezione per l’attività denominata “Ghisalandia” che prevede un contributo da parte dell’Istituto richiedente.

Per maggiori informazioni
Scarica il prospetto riepilogativo dei progetti e l'informativa sulla Privacy

Per l’anno scolastico 2020-2021 la programmazione degli incontri è stata rimodulata in base alle indicazioni ministeriali riguardanti il contenimento e la gestione dell’emergenza epidemiologica.

Di conseguenza, le date che saranno concordate con gli istituti scolastici potrebbero essere passibili di modifiche in base all’evoluzione dell’emergenza sanitaria e alle risorse contestualmente disponibili.

I corsi che prevedono uscite didattiche sul territorio, allorché consentiti dalle stesse indicazioni ministeriali, saranno organizzati con gruppi omogenei di massimo 15 alunni, salvo diverse indicazioni specificate nei singoli progetti.

Tutte le attività si svolgeranno secondo quanto previsto dalle direttive emanate per il contenimento da Covid-19.

L’iniziativa è indirizzata all’ultimo anno delle scuole dell’infanzia e alle prime due classi della scuola primaria.

Belgiardino è un circuito pratico di educazione stradale allestito presso la Scuola del Corpo della Polizia Locale di Milano, corredato da segnaletica stradale, verticale, orizzontale e luminosa.

In presenza di un Istruttore, dopo aver partecipato a una breve lezione sulle principali norme di comportamento e sul  significato dei cartelli stradali, i bambini si cimentano nella guida di biciclette e go-kart messi a disposizione dalla Scuola del Corpo, mettendo in pratica quello che hanno imparato.

A conclusione del percorso vengono consegnati gli attestati di partecipazione (“patentini”).

A causa dell’emergenza sanitaria, per garantire il rispetto dei criteri di sicurezza previsti dalle disposizioni ministeriali, saranno ammessi al massimo 14 bambini. Nei casi di classi omogenee superiori a questo limite, i partecipanti verranno divisi in 2 gruppi che si alterneranno nella lezione teorica e nel percorso pratico.

Tutti i veicoli utilizzati saranno sanificati prima di ogni nuovo utilizzo.

Scarica la scheda di iscrizione

L’iniziativa è indirizzata all’ultimo anno delle scuole dell’infanzia e alla seconda classe della scuola primaria.

Adesso l’educazione stradale si fa così: tra cartelli stradali, semafori e strade che diventano fiumi pieni di coccodrilli, le strisce pedonali si trasformano in ponti magici! Un progetto, estremamente coinvolgente, proposto in forma ludica e divertente, che si sviluppa in un unico incontro suddiviso in tre momenti:

  • lezione d’aula dove vengono fornite nozioni di base sull’educazione stradale;

  • uscita sul territorio nelle adiacenze della scuola e sperimentazione sul campo delle nozioni  acquisite in aula (i bambini avranno il compito di “multare per finta” eventuali automobilisti trasgressori);

  • conclusioni al ritorno in aula e punto sull’esperienza vissuta.

Far conoscere il quartiere e spiegare ai bambini come comportarsi in situazioni di difficoltà costituiscono i principali obiettivi che caratterizzano questo progetto.

Al termine del percorso vengono consegnati ai bambini i tesserini di “Vigile onorario”.

A causa dell’emergenza sanitaria, per garantire il rispetto dei criteri di sicurezza previsti dalle disposizioni ministeriali, l’uscita sul quartiere coinvolgerà al massimo 15 bambini. Per classi più numerose verranno formati due gruppi che si alterneranno.

Scarica la scheda di iscrizione

L’iniziativa è indirizzata alle classi quarte della scuola primaria e alle classi seconde della scuola secondaria di primo grado.

È un corso di Educazione Stradale articolato su due possibili modalità di svolgimento:

  • modulo A: due incontri di 3 ore a cadenza settimanale;                           

  • modulo B: modulo A + un terzo incontro (uscita sul quartiere in bicicletta, vedere il progetto denominato Ghisabike).

Nei due incontri verranno affrontati i classici argomenti di educazione stradale con particolare attenzione alla “sicurezza delle persone”, principio fondamentale dell’art.1 del Codice della Strada.

Con l’ausilio di video e prodotti multimediali, i ragazzi saranno stimolati a riflettere sull’importanza del rispetto delle regole da pedoni, ciclisti e come passeggeri di un veicolo.

Il modulo A è disponibile anche in modalità didattica a distanza:

  • per le scuole primarie aderendo al progetto e-learning GhisaGame (allegato P);
  • per le scuole secondarie di 1° grado aderendo al progetto e-learning GhisaGram (allegato Q).

Per lo svolgimento dell’incontro sarà utilizzata la piattaforma Microsoft Teams.

Scarica la scheda di iscrizione

L’iniziativa è indirizzata alle classi quarte della scuola primaria.

Ghisabike è un progetto di educazione stradale attivo dedicato agli studenti che, con la propria bicicletta, circolano nel quartiere della propria scuola accompagnati da Agenti Istruttori di educazione stradale.

L’obiettivo è quello di educare i ragazzi ad una mobilità cittadina sostenibile, imparando ad utilizzare la bicicletta nel rispetto delle norme del codice della strada.

Per aderire a Ghisabike la classe deve aver già effettuato il modulo A del progetto, denominato “Sicuri sulla Strada”.

A causa dell’emergenza sanitaria, per garantire il rispetto dei criteri di sicurezza previsti dalle disposizioni ministeriali, l’uscita sul quartiere coinvolgerà al massimo 15 bambini. Per classi più numerose verranno formati due gruppi che si alterneranno in giornate diverse.

Scarica la scheda di iscrizione

L’iniziativa è indirizzata ai bambini delle classi terze della scuola primaria che hanno già effettuato il percorso di educazione stradale denominato Bimbinstrada.

Si tratta di un progetto di educazione ambientale che, utilizzando il gioco e la scoperta come metodologia attiva, si prefigge l’obiettivo di far conoscere ai bambini l’importanza di un comportamento corretto nei confronti dell’habitat in cui vivono e, mediante l’utilizzo di mappe, l’orientamento nello spazio. In vari momenti saranno ripresi anche argomenti di sicurezza stradale. L’attività  si svolge di norma nel Parco delle Cave di Milano e si conclude con l’esposizione di temi inerenti la prevenzione dell’inquinamento ambientale (in particolare delle acque e a tal scopo è importante aver già affrontato in aula il “ciclo dell’acqua”) e la mobilità sostenibile.

È realizzato in collaborazione con il Nucleo Sommozzatori della Polizia Locale.

A causa dell’emergenza sanitaria, per garantire il rispetto dei criteri di sicurezza previsti dalle disposizioni ministeriali, in considerazione del fatto che l’attività si svolgerà totalmente all’aperto, sarà ammessa una sola classe per volta.

Scarica la scheda di iscrizione

Il progetto è dedicato all’ultimo anno delle scuole dell’infanzia ed alla scuola primaria.

È un “circuito mobile” corredato da segnaletica stradale, verticale, orizzontale e luminosa all’interno del quale si svolgono esercitazioni in pista utilizzando biciclette messe a disposizione dalla Scuola del Corpo. È allestibile dalla Polizia Locale in spazi di almeno 300 mq e prevede un test finale con l’eventuale rilascio di un “attestato di competenza” in educazione stradale. Costituisce un’ottima opportunità educativa e ricreativa da proporre in occasione di feste, eventi e manifestazioni.

Nel periodo autunnale/invernale o in caso di maltempo il circuito può essere allestito in locali chiusi (ad es. palestre).

A causa dell’emergenza sanitaria, per garantire il rispetto dei criteri di sicurezza previsti dalle disposizioni ministeriali, il progetto riprenderà allorché le condizioni normative lo consentiranno.

Scarica la scheda di iscrizione

L’iniziativa è indirizzata agli alunni delle quarte e quinte classi della Scuola Primaria e alla Scuola Secondaria di Primo Grado.

La sicurezza stradale, la conoscenza del proprio territorio e il suo sviluppo civile e culturale, sono i temi centrali  del progetto che si prefigge, attraverso cinque diversi percorsi  svolti esclusivamente a piedi, di favorire:

  • il riconoscimento e l’interpretazione dei messaggi della segnaletica stradale, delle regole della strada e delle tipologie dei rischi connessi
  • la capacità di orientamento spaziale nel contesto urbano anche tramite l’uso di bussole, mappe della città, targhe viarie e linee di trasporto pubblico
  • l’individuazione, in caso di difficoltà, di punti o persone di riferimento a cui chiedere aiuto o informazione (comandi di Polizia Locale e di Stato, Carabinieri, Uffici Pubblici)
  • la conoscenza e il rispetto delle strutture pubbliche, dei beni storici e naturali della Città di Milano
  • la conoscenza delle istituzioni comunali e dei valori democratici dello Stato Italiano.

Cinque i percorsi proposti, svolti interamente a piedi e gratuiti, rivolti agli istituti scolastici di Milano ed hinterland:

  • Tutti in Centro! - percorsi di educazione stradale attiva e di orientamento nel centro di Milano
  • Verso la Città Ideale - trasporti, viabilità e sviluppo urbanistico della città di Milano
  • Pedoni al Parco - percorso di educazione stradale e ambientale nel Parco Sempione di Milano
  • RaccontaMi - percorsi della memoria e di identità civile, per non dimenticare
  • Il Futuro nel Passato - immanenza e divenire nello sviluppo urbano.

Il percorso “Tutti in Centro” è disponibile anche  in modalità didattica a distanza!

Tutti i percorsi formativi, curati da un agente di Polizia Locale specializzato nelle tematiche proposte, durante la fase di emergenza sanitaria ed in base alle disposizioni ministeriali in tema, saranno fruibili nella versione originale dell’uscita didattica oppure in aula, nel pieno rispetto delle norme di sicurezza e con gruppi composti da un massimo di 15 studenti (indicare la scelta nell’allegato G). Per classi più numerose verranno formati due gruppi.

Per lo svolgimento dell’incontro e-learning sarà utilizzata la piattaforma Microsoft Teams adottata dal Comune di Milano.

Per informazioni dettagliate sui programmi e sui percorsi proposti si consiglia di contattare l’ufficio di riferimento.

Scarica la scheda di iscrizione

Incontri di educazione stradale, legalità, bullismo e cyberbullismo, conoscenza della città, evoluzione sociale e mobilità ecosostenibile in lingua inglese.

L’iniziativa è indirizzata alle classi IV e V delle Scuole Primarie ed alle Scuole Secondarie di primo e secondo grado, sia per le scuole internazionali che per le scuole italiane.

Questo progetto nasce per ampliare l’offerta delle attività dell’Ufficio Educazione Stradale agli Istituti specifici di lingua inglese, ma si rivolge anche alle altre Scuole come proposta di conversazione in lingua. L’attività, con il livello di inglese tarato sull’età e sulla preparazione dei ragazzi, si svolge in tre moduli, fruibili anche singolarmente:

  • On the go! - Il primo riguarda il tema della sicurezza stradale: il rispetto delle regole della strada, la segnaletica, le cinture di sicurezza ed i pericoli causati dalla distrazione. La presentazione parte dalla figura storica del “Ghisa” milanese, con cenni comparativi con il “Bobby” inglese
  • Think legal! - Il secondo si focalizza invece su argomenti riguardanti la legalità, il bullismo e il cyberbullismo. Partendo dai concetti di base di regola, diritto e dovere, verranno affrontati argomenti di più attuale interesse, quali l’uso della tecnologia (smartphone, social network, videogames) nonché i rischi dell’utilizzo degli stessi. Particolare attenzione e rilevanza verrà data alle varie forme di sopraffazione fra ragazzi, cercando di far capire la sottile linea di demarcazione oltre la quale lo “scherzo” diventa atto di bullismo vero e proprio, quali sono le differenze tra bullismo e cyberbullismo e come contrastarli
  • Milano. Yesterday, today, tomorrow - Il terzo modulo è dedicato alla scoperta di Milano ed alla sua evoluzione sia sociale che viabilistica, con particolare attenzione alla mobilità ecosostenibile. Attraverso una serie di immagini e video, vedremo come la città sia cambiata nel corso degli anni evolvendosi a seconda delle esigenze dei suoi cittadini. L’incontro sarà quindi occasione per parlare di mobilità sostenibile e dei vari interventi che sono stati realizzati a riguardo: aree pedonali, piste ciclabili, area C, pedibus etc.

Alla conferma della prenotazione viene trasmesso alle scuole un file contenente un piccolo lessico con alcuni vocaboli specifici legati al tema dell’incontro.

Per le scuole secondarie di primo e secondo grado, è possibile chiudere l’incontro con un gioco-test interattivo (non disponibile in modalità e-learning). Per quest’attività, il computer dell’aula deve avere una connessione ad internet e tutti gli studenti devono avere una postazione informatica connessa alla rete o essere muniti di smartphone. Lo stesso test è disponibile anche in forma cartacea. Anche gli incontri nelle scuole primarie si concludono con un test finale, in forma esclusivamente cartacea, per fissare gli argomenti trattati ed i vocaboli utilizzati.

Disponibili anche attraverso la didattica a distanza!

I tre moduli sono disponibili anche attraverso la didattica a distanza sulla piattaforma Microsoft Teams adottata dal Comune di Milano.

Scarica la scheda di iscrizione

"Bullismo, cyberbullismo e social media"

L’iniziativa è rivolta alle classi prime e seconde delle scuole secondarie di primo grado.

I ragazzi sono chiamati ad interrogarsi su cosa è il bullismo e su cosa differenzia uno scherzo, anche pesante, da un reato.

Con l’evolversi della tecnologia e la sempre più consueta disponibilità dello smartphone, già nel periodo della pre-adolescenza, il fenomeno ha assunto forme più subdole e pericolose dando origine al cyberbullismo, dove gli effetti del bullismo tradizionale sono portati, talvolta, ad estreme conseguenze.

Il cyberbullismo, tuttavia, non è l’unico pericolo derivante dalla navigazione in rete: l’uso dei social media diventati parte integrante della nostra quotidianità e piazze virtuali dove costruire relazioni, nonché l’usuale utilizzo di app e videogiochi online, tendono a rivelare dati personali e sensibili mettendo a rischio la nostra privacy.

Ne consegue che molti sono i pericoli a cui potremmo essere esposti, alcuni dei quali rappresentano veri e propri reati come il furto d’identità, la sostituzione di persona o la detenzione e/o diffusione di materiale pedopornografico.

Lo scopo del corso è quindi quello di fornire ai ragazzi consigli e strumenti utili a “vivere la rete” in modo sicuro, ponendo altresì l’accento sul fatto che non è vero che “virtuale non è reale” poiché tutto ciò che pubblichiamo o condividiamo sulle rete, concorre a definire la nostra “Web Reputation” e a determinare effetti sulla nostra vita reale, sia in positivo che in negativo.

E’ bello e stimolante sperimentare la nuova tecnologia tenendo tuttavia ben presente che dobbiamo essere noi a governarla e non a subirla.

L’incontro sarà l’occasione anche per approfondire le disposizioni, a tutela dei minori, previste dalla legge 71/2017 per la prevenzione ed il contrasto del fenomeno del cyberbullismo.

Modulo disponibile in modalità didattica a distanza!

Per adesioni al progetto in modalità e-learning compilare l’allegato Q  “GhisaGram” indicando il focus “ Bullismo Cyberbullismo e Social Media”. Per lo svolgimento dell’incontro verrà utilizzata la piattaforma Microsoft  Teams adottata dal Comune di Milano.

Scarica la scheda di iscrizione "Legalmente bullismo e cyberbullismo e Social Media 

 

“Selfie! Il ritratto delle regole” 

L’iniziativa è rivolta alle classi quinte della scuola primaria.

Consapevoli delle potenzialità positive e negative dei nuovi mezzi di comunicazione, il corso è rivolto a quegli studenti che, per età, iniziano ad affacciarsi ad un mondo che nasconde insidie e rischi spesso sconosciuti o sottovalutati. Particolare attenzione verrà data all’oggetto del desiderio per i ragazzi in questa fascia d’età: lo smartphone!

Dopo una breve introduzione sui concetti di regola, diritto e dovere, e del principio sul quale è fondato l’art. 3 della Costituzione Italiana, l’incontro conduce i bambini a riflettere e comprendere il significato del principio che è l’assunto della legalità: vivere nel rispetto di tutti.

Nel corso dell’incontro si pone l’accento, in modo particolare, sulle varie forme di sopraffazione fra ragazzi, con lo scopo di analizzare insieme quale sia la sottile linea di demarcazione oltre la quale lo “scherzo” diventa atto di bullismo/cyberbullismo. L’obiettivo di questa iniziativa è quello di generare nei ragazzi una maggiore consapevolezza, soprattutto dei rischi derivanti da un uso improprio della tecnologia e della rete.

Il tutto verrà sviluppato in un incontro di circa tre ore, con l’ausilio di video che costituiranno occasione per un costruttivo confronto diretto con i ragazzi.

Modulo disponibile in modalità didattica a distanza!

Per lo svolgimento dell’incontro sarà utilizzata la piattaforma Microsoft Teams adottata dal Comune di Milano.

Scarica la scheda di iscrizione "Selfie Il ritratto delle regole"

 

"Dipendenza… Una strada dove ci si può perdere" 

L’iniziativa è rivolta alle classi terze delle scuole secondarie di primo grado e classi prime e terze delle scuole secondarie di secondo grado.

Il corso promuove nelle scuole un programma di prevenzione che spazia dall'uso, abuso e dipendenza da fumo, alcol e sostanze stupefacenti alle nuove forme di dipendenza cosiddette " new addiction". Quest’ultime consistono in una  forma di dipendenza  psicologica che spinge, in modo compulsivo, alla ricerca di un oggetto o alla messa in atto di un determinato comportamento (uso smisurato di internet, smartphone, shopping, gioco d’azzardo, videogiochi, cibo etc.).

Il progetto, articolato in un unico incontro della durata massima di tre ore, ha l’obiettivo di sviluppare una maggiore conoscenza delle leggi in materia e di sensibilizzare i ragazzi sui fattori di rischio e quelli di protezione che possono evitare una dipendenza.

Modulo disponibile in modalità didattica a distanza!

  • Per le scuole secondarie di 1° grado  aderendo al progetto e-learning GhisaGram (allegato Q) indicando il focus “Dipendenze”.

  • Per le scuole secondarie di 2° grado utilizzando l’allegato L/2 barrando opzione e-learning.

Per lo svolgimento dell’incontro verrà utilizzata la piattaforma Microsoft  Teams adottata dal Comune di Milano

 Scarica la scheda di iscrizione "Dipendenza...Una strada dove ci si può perdere"

 

"Legalmente alla guida"

L’iniziativa è rivolta alle classi delle scuole secondarie di secondo grado.

Il progetto si rivolge ai ragazzi che, per giovane età o inesperienza, non sono ancora in grado di valutare i rischi che si corrono mettendosi alla guida in maniera "superficiale". Partendo da argomenti legati alla sicurezza stradale, scelti tra quelli di maggiore appeal per la fascia di età in questione, i ragazzi vengono stimolati attraverso un confronto diretto e costruttivo, ad una maggiore consapevolezza delle regole per una guida più sicura.

Chi è “l’autista designato”? La legge impone limiti all’assunzione di alcol per poter guidare? Sul monopattino elettrico devo indossare il casco? Posso trasportare un passeggero? Come ci dobbiamo comportare se veniamo coinvolti o assistiamo ad un incidente stradale? Quali sono i nostri obblighi? Cosa è cambiato con l’introduzione del reato di omicidio stradale? Quali altri reati si possono commettere ponendosi alla guida di un veicolo?

Durante l’incontro si cercherà di dare risposta a queste domande, particolare attenzione verrà rivolta a due temi:

  • la distrazione alla guida: determinata soprattutto dallo smartphone, utilizzato per parlare, rispondere a sms, messaggi in chat e navigare su internet, rappresenta una delle principali cause di incidentalità stradale

  • NOVITA’! Il monopattino elettrico: questo dispositivo non è un giocattolo ma un vero e proprio mezzo di trasporto, il suo utilizzo è subordinato a regole chiare e precise

  • le condizioni psicofisiche del conducente, cioè degli effetti dell’uso delle sostanze alcooliche alla guida di un veicolo.

Il tutto verrà sviluppato in un unico incontro di circa tre ore, e partirà dai concetti base della legalità. Attraverso la visione di alcune immagini e filmati, si valuteranno quali siano gli errori più comuni commessi alla guida e quali le cause principali che determinano gli incidenti stradali, prima causa di morte in questa fascia d’età.

Modulo disponibile in modalità didattica a distanza!

Fruibile attraverso la piattaforma Microsoft Teams adottata dal Comune di Milano.

Scarica la scheda di iscrizione "Legalmente alla guida"

 

"Legalmente in Rete. Il cyberbullismo e i pericoli del Web"

L’iniziativa è rivolta alle classi prime e seconde delle scuole secondarie di secondo grado.

Il corso prevede incontri specifici per illustrare le potenzialità e i rischi della navigazione in rete, con lo scopo di approfondire la conoscenza sull’argomento e fornire ai giovani gli strumenti utili per navigare nel web in sicurezza.

Vengono affrontati e discussi i principali pericoli della rete: dipendenza (Nomofobia), geo-localizzazione, sexting e revenge porn, grooming, furto d’identità e sostituzione di persona, cyberbullismo ed hate speech. L’obiettivo è quello di stimolare capacità di valutazione critica e ricerca di significato, soprattutto nei cosiddetti “nativi digitali”, i quali condividendo contenuti sul web, tendono a rivelare molti dati personali mettendo a rischio la loro Privacy, con conseguenze immediate e future su quella che ormai viene definita “Web Reputation” e sulla quale i giovani costruiscono la propria “Identità digitale”.

Ciascun incontro sarà occasione anche per approfondire le disposizioni, a tutela dei minori, previste dalla legge 71/2017 per la prevenzione ed il contrasto del fenomeno del Cyberbullismo.

Il corso, strutturato senza mai esecrare l’utilizzo di Internet, è orientato a far comprendere che la nuova tecnologia va governata e non subita. 

Modulo disponibile in modalità didattica a distanza!

Fruibile attraverso la piattaforma Microsoft Teams adottata dal Comune di Milano.

Scarica la scheda di iscrizione "Legalmente in rete il cyberbullismo e i pericoli del Web"

Corsi di Educazione Stradale rivolti ai bambini ricoverati negli ospedali milanesi.

Iniziativa rivolta ai minori ricoverati negli istituti ospedalieri che hanno in tal modo la possibilità di conoscere norme e comportamenti atti a tutelare la propria e l’altrui sicurezza sulla strada e a facilitare la convivenza civile. In questa esperienza risulta di fondamentale importanza l’aspetto ludico, attraverso il quale vengono sollecitate la fantasia e l’immaginazione dei bambini mediante una serie di attività dedicate quali attività pratiche e di manipolazione compatibili con la situazione sanitaria dei bambini utilizzando materiale già in parte predisposto (es. cartelli stradali), nonché la realizzazione di segnaletica stradale anche di fantasia, per favorire la creatività, la simulazione delle attività degli Agenti di Polizia Locale (es. dirigere il traffico).

Gli incontri, richiesti tramite la Dirigenza Sanitaria, concordati precedentemente, vengono svolti con cadenza settimanale e coprono tutto l’arco dell’anno, secondo due tipologie proposte entrambe o in alternativa: nella fascia oraria del mattino, dedicati ai bambini del day hospital, e pomeridiani, dedicati ai bambini ricoverati.

Progetto attualmente sospeso causa emergenza sanitaria da Covid-19. Riprenderà appena le norme ministeriali in tema lo consentiranno.

Scarica la scheda di iscrizione

Si tratta di un corso di educazione stradale, incluso nei corsi pre-parto in programmazione negli ospedali, rivolto ai futuri genitori.

Può essere richiesto dagli ospedali che intendono inserirlo nei corsi pre-parto

Ha la durata di circa due ore nelle quali vengono spiegate ai genitori le regole sulla sicurezza stradale, le norme che disciplinano l’utilizzo dei sistemi di ritenuta e dei seggiolini per i bambini, le cause più frequenti di incidenti stradali che coinvolgono i minori, le strategie per evitarli e, non ultimo, l’utilità dell’esempio dei comportamenti virtuosi.

In considerazione del particolare periodo di emergenza sanitaria, l’incontro sarà proposto anche in modalità didattica a distanza in alternativa all’incontro in presenza.

Scarica la scheda di iscrizione

Il progetto è rivolto ai bambini nella fascia d’età compresa fra le classi quarta e quinta della scuola primaria che frequentano i centri estivi del Comune di Milano e gli oratori.

Con E… state vigili, i ragazzi, reduci da un lungo anno scolastico, vengono coinvolti in alcuni giochi “classici” (come ad esempio la bandiera, il memory e i cruciverba) riadattati al tema dell’Educazione Stradale.

Gli incontri sono tenuti dagli stessi  istruttori di Educazione Stradale della Polizia Locale di Milano, abitualmente impegnati nelle attività didattiche ed educative nel corso dell’anno scolastico.

Scarica la scheda di iscrizione

Modulo e-learning indirizzato alla scuola primaria.

Il corso si ispira alla forma e al linguaggio dei più comuni social gaming utilizzati dai giovanissimi.

Attraverso la visione di un video, che ricalca le meccaniche e le dinamiche del gioco, si inducono e rinforzano i corretti comportamenti dei bambini in ambiente stradale: da pedoni, ciclisti e come passeggeri delle automobili.

Partendo dal tragitto casa-scuola, muovendosi all’interno del percorso riprodotto nel gaming, il nostro attore acquista o perde punti in base ai comportamenti corretti o sbagliati fino a conclusione del gioco.

Scarica la scheda di iscrizione

Modulo e-learning per la scuola secondaria di primo grado

Il corso è stato ideato ricalcando la struttura di Instagram, social media che ha rivoluzionato il modo di fare comunicazione tra i più giovani.

Mediante la visione di alcune brevi “Stories” vengono introdotti tre principali argomenti che saranno poi oggetto della didattica a distanza, il cui focus sarà lo smartphone.
 

“Preso dallo Smartphone” 
Lo smartphone, al giorno d’oggi, è diventato uno strumento prezioso che viene utilizzato da tutti per telefonare, inviare messaggi, e-mail, condividere e pubblicare sui Social Media.

Navighiamo in rete per cercare informazioni o approfondire conoscenze, scaricare applicazioni che servono per svariati tipi di attività o interessi, giocare e ascoltare musica.

Attraverso i Social strutturiamo nuove relazioni, seguendo però i tempi ed il linguaggio dei media che spesso ci allontana dall’autenticità della realtà, perdendoci così tutti i colori delle emozioni che passano attraverso il contatto umano.

Ma per fare tutto questo quanto tempo passiamo davanti al touch screen? Quante volte lo tocchiamo? Ogni nostra interazione passa attraverso la memoria del digitale fino al punto che non possiamo più farne a meno e se lo dimentichiamo a casa o si scarica? Panico! Siamo noi a controllarne l’uso o è lui che ci ha rapito?”

Cosa accadrebbe ad un ragazzo che, incapace di interrompere o tenere sotto controllo l’utilizzo di Internet, improvvisamente, si trovasse a vivere la realtà senza la mediazione di uno Smartphone?  

Questi saranno gli spunti di riflessione che verranno discussi insieme ai ragazzi.
 

“Dentro lo Smartphone”
Foto, video, messaggi, contatti e tutte le altre informazioni contenute nei nostri dispositivi portatili, possono essere oggetto di furto da parte di ladri informatici. Siamo noi stessi, talvolta, a consegnare nelle loro mani la chiave d’accesso ai nostri device, non avendo cura di proteggerli adeguatamente, accettando condizioni d’uso di App e Social con superficialità e mettendo anche a rischio la nostra identità digitale.

L’idea diffusa che in fondo “virtuale non sia reale” porta ad un utilizzo scorretto della rete, connotato da un linguaggio spesso aggressivo e poco rispettoso dell’altro.

Nel video, i ragazzi sono invitati a seguire l’Istruttore di Polizia Locale in un immaginario viaggio all’interno della memoria di un cellulare, per scoprirne i contenuti.

La finalità di questo video è quella di introdurre le tematiche relative alla sicurezza dei dati personali contenuti nello Smartphone e stimolare la riflessione sul fenomeno collettivo del cosiddetto “Oversharing”, ossia il bisogno ossessivo compulsivo di pubblicare e condividere sui Social qualsiasi cosa ci passi per la mente senza pensare alle ricadute sulla “Web Reputation”.
 

Distratto dallo Smartphone
Nel video uno smartphone proveniente dallo spazio arriva sulla terra, dove gli abitanti, ormai dipendenti dai loro telefonini, sono sempre più coinvolti in situazioni, a prima vista comiche, che potrebbero trasformarsi in pericolosissimi incidenti stradali.

Dall’interno del telefonino il nostro istruttore di Polizia Locale si mette  in collegamento con gli spettatori fornendo loro consigli utili a prevenire i rischi derivanti da un utilizzo non consapevole dello smartphone durante la circolazione stradale. Lo smartphone è sia un fantastico strumento per comunicare che un coinvolgente mezzo di intrattenimento, ci permette di essere connessi con tutto il mondo e, tramite le app in esso installate, di vivere in modo più comodo e divertente: ormai è indispensabile nella vita di tutti i giorni.

Se utilizzato in strada, dove occorre mantenere un’attenzione continua, può diventare però un pericoloso oggetto di distrazione: conversando e messaggiando con il nostro telefono riduciamo la nostra capacità di reazione e di conseguenza aumentiamo la percentuale di rischio di restare coinvolti in incidenti stradali.

Scarica la scheda di iscrizione

Progetto Scuole a.s. 2020-21 - Concerti didattici della Banda Musicale della Polizia Locale Milano

L’iniziativa è indirizzata agli alunni delle scuole secondarie di I° grado, preferibilmente classi terze ad indirizzo musicale.

La proposta ha l’obiettivo di avvicinare i giovani alle istituzioni, in particolare al ruolo e alle funzioni della Polizia Locale attraverso la musica e fornire semplici nozioni sulla musica per banda, con brevi spiegazioni sui brani, gli autori, gli strumenti e la figura del direttore.

Quest’ultimo, attraverso il gesto, impartisce delle indicazioni ai suonatori che, rispettando regole scritte (lo spartito) e non scritte (i gesti del Maestro), fanno nascere l’armonia della musica. Come nella vita comune, le regole sono espresse mediante le leggi e fatte rispettare dagli uomini in divisa: l’armonia che ne deriva è la pacifica convivenza.

Numero e caratteristiche delle esibizioni
Nove concerti didattici, preferibilmente un concerto per ogni circoscrizione comunale.

Progetto attualmente sospeso causa emergenza sanitaria da Covid-19. 

Riprenderà appena le norme ministeriali in tema lo consentiranno.

Aggiornato il: 16/11/2020