Anagrafe Telecamere

L’Anagrafe Telecamere offre la possibilità di inserire nella rete di videosorveglianza a disposizione delle Forze dell'Ordine le telecamere private che riprendono aree esterne aperte al pubblico.

L'adesione dei privati all'Anagrafe Telecamere avviene su base volontaria. Per condividere i tuoi impianti con le Forze dell'Ordine clicca sul collegamento al servizio Aderisci all'Anagrafe Telecamere presente in questa pagina.

Scopo del progetto è la collaborazione tra i cittadini e le Forze dell’Ordine attraverso l'incremento della banca dati georeferenziata e interattiva delle telecamere che riprendono il territorio comunale.

Inserire le apparecchiature in una rete facilmente accessibile alle Forze dell'Ordine è indispensabile per esercitare un’azione preventiva più efficace e potenziare le attività di contrasto dei reati.

Partecipare all’iniziativa significa pertanto valorizzare, senza alcun costo aggiuntivo, il proprio investimento in sicurezza privata, beneficiando al contempo dell'adesione altrui.

Oltre alle Forze dell'Ordine, i soggetti coinvolti nell’attività di raccolta, consultazione e trattamento dei dati sono:

  • i proprietari degli impianti (enti, aziende, professionisti, privati cittadini ecc.)
  • i Referenti Tecnici degli impianti censiti, indicati dai proprietari.

I dati censiti vengono raccolti e condivisi con le Forze dell’Ordine tramite il Comune di Milano.

Di ogni telecamera inserita nel progetto, le Forze dell’Ordine hanno a disposizione le seguenti informazioni:

  • posizione
  • periodo di funzionamento nell’arco giornaliero
  • durata e luogo di conservazione delle immagini riprese
  • nome con cui la telecamera è registrata sul sistema di conservazione delle immagini
  • nominativi e recapiti delle persone (Proprietario e/o Referente Tecnico) da contattare per acquisire/visionare le immagini.

Il Sistema non contiene un archivio delle immagini acquisite dalle Forze dell’Ordine. Non è previsto il caricamento nel Sistema delle immagini acquisite nel corso di un’indagine.

Il Sistema è stato realizzato adottando i massimi standard di sicurezza possibili in merito alla protezione ed alla riservatezza dei dati, secondo le vigenti normative in materia di privacy e data protection.

Il Progetto nasce dal tavolo di lavoro “Vittime Vulnerabili” composto da:

  • Prefettura di Milano
  • Procura della Repubblica presso il Tribunale di Milano
  • Comune di Milano
  • Questura di Milano
  • Arma dei Carabinieri - Comando Provinciale di Milano
  • Guardia di Finanza - Comando Provinciale di Milano.

Utilizza i servizi

Argomenti: