I tempi della città: il Piano Territoriale degli Orari

Il P.T.O. è strumento unitario per finalità ed indirizzi, articolato in progetti, anche sperimentali, relativi al funzionamento dei diversi sistemi orari dei servizi urbani e alla loro armonizzazione e coordinamento.

Il Comune di Milano è stato tra i primi, in Italia, a sviluppare politiche temporali urbane e a dotarsi di un Piano Territoriale degli orari, documento di indirizzi strategici per il coordinamento e l’amministrazione dei tempi e degli orari della città, con la finalità di migliorare la qualità della vita di tutti coloro che vivono e lavorano in città.

Cogliendo i mutamenti delle città contemporanee, in cui le attività della popolazione ha ritmi sempre più serrati e, spesso, desincronizzati ed estesi all’arco delle 24 ore, l’Amministrazione comunale di Milano intende aggiornare le proprie linee di azione, sviluppando un P.T.O. che tenga conto dei pacemaker che scandiscono i ritmi urbani, dei servizi e degli spazi pubblici in un’ottica di efficienza temporale, dei nuovi bisogni espressi in un’ottica di benessere temporale.

L’azione del Piano verterà su:

  • l’introduzione di nuove sperimentazioni, anche in un’ottica di collaborazione pubblico-pubblico e pubblico-privato
  • sul consolidamento delle attività già in essere
  • sulla valorizzazione delle azioni di eccellenza sui tempi e gli orari che autonomamente nascono sul territorio cittadino.

Molte sono state le attività promosse e gestite dal Comune nel corso degli anni. Si ricordano ad esempio:

  • Io concilio in cinque scuole milanesi
  • la Flessibilità orari di lavoro presso 2 direzioni in Comune
  • Genitori in video all’Accademia del Teatro alla Scala
  • undici Domeniche a spasso nella città senz’auto
  • la promozione della Giornata del lavoro agile.

Più recentemente è stata estesa la flessibilità oraria per i dipendenti, è stata introdotta una sperimentazione che favorisce il rientro dall’astensione dal lavoro per maternità dei dipendenti, valorizzando le competenze apprese grazie a questa esperienza, è stata istituita una rete di spazi Happy Popping, per rendere la città sempre più famili friendly, è stata promossa, dal 2017,  la Settimana del lavoro Agile, e , infine, è stato avviato, nell’ambito del Piano Territoriale di Conciliazione, il progetto Smart Lab_Milano Concilia 4.0, finalizzato alla promozione della cultura dello smart working e delle politiche di welfare aziendale in rete.

L’elaborazione del nuovo P.T.O. della città non potrà prescindere da una solida interconnessione tra i molteplici attori presenti nel territorio, e dovrà operare in più ambiti, dall’accessibilità agli spazi pubblici e privati ai nuovi ritmi del lavoro, dalla pianificazione integrata degli spazi pubblici alla mobilità sostenibile. 

Perché Milano deve essere una città che dà spazio al tempo.

Argomenti: