null Politiche sociali. Riaprono i centri ricreativi per anziani, sempre attivo lo 020202 per richieste di aiuto

Politiche sociali. Riaprono i centri ricreativi per anziani, sempre attivo lo 020202 per richieste di aiuto

Rabaiotti: “Finalmente possiamo tornare a incontrarci e passare un’estate in compagnia. La tutela delle persone anziane ha rappresentato una priorità” 

Milano, 8 luglio 2021 - Dopo mesi di chiusura forzata, dovuta alle norme anti Covid nazionali e regionali, riaprono per l’estate i Centri socio-ricreativi per anziani, presidi di socialità, sostegno e animazione per combattere la solitudine di chi resta in città.  

Da Cascina San Paolo a Sammartini, da Zante allo storico Acquabella, da Ritrovo 15 a Cascina Ronchettino, da Anziani terza età a Osteno, da associazione Carlo Poma a Il giardino e Sempre Verdi: questi i Centri che, pur con orari ridotti e ingressi contingentati (possibili solo per gli iscritti e su prenotazione) hanno già riaperto i battenti per offrire varie attività ricreative, giochi, merende, ginnastica, musica, corsi di inglese e pranzi sociali.  

Altri Centri si stanno attrezzando e dovrebbero riaprire a breve, sempre nel mese di luglio, come La porta del cuore in via Appennini, Sorriso a Crescenzago, Il Tulipano in via Calvi, Il Monastero a Baggio, Cassina Anna in via sant’Arnaldo e Monte Grappa. E altri ancora stanno programmando la ripresa delle attività per settembre.  

“Ci è spiaciuto molto aver dovuto sospendere per molti mesi le attività dei centri socio-ricreativi, ma è stata una chiusura necessaria e imposta dalle regole per il contenimento dei contagi - dice l’assessore alle Politiche sociali e abitative Gabriele Rabaiotti -. Una timida riapertura l’estate scorsa, a numeri ridotti e con prenotazione delle attività non ci ha permesso di ripartire. Ricordo che avevamo incontrato i presidenti e i consiglieri dei centri così come le cooperative quando la seconda ondata ci ha costretto a fermare tutto. Sappiamo che proprio le persone anziane sono state quelle più esposte al Covid e che la loro tutela, in quanto soggetti fragili, ha rappresentato una priorità. Speriamo tutti di poter ora cominciare nuovamente a incontrarci, anche per poter passare un’estate in compagnia di amiche e amici da cui per lungo tempo abbiamo dovuto restare lontano”.  

Piano anti-caldo 

Per tutte le richieste di aiuto rimane attivo, come nei mesi precedenti, il contact center del Comune che risponde allo 020202 dal lunedì al sabato dalle 8 alle 20. In caso di ondate di calore, le persone particolarmente fragili verranno contattate direttamente dal personale amministrativo anche nei giorni di sabato, domenica e festivi.  

È possibile fare domanda di interventi assistenziali come la consegna di pasti, spesa e farmaci a domicilio, l’assistenza domiciliare per l’igiene della persona e la pulizia della casa, l’aiuto domestico per il disbrigo di piccole pratiche. Tutte le richieste verranno valutate da assistenti sociali professionali che, tenendo conto dei criteri di accesso, procederanno all’attivazione del servizio.  

Per quanto riguarda le attività diffuse di animazione e aggregazione dedicate alle persone anziane e vulnerabili che rimangono in città nel periodo estivo, la programmazione è in via di ultimazione e prenderà avvio, come già l’anno scorso, a inizio agosto.  

Argomenti:

Aggiornato il: 08/07/2021