null Galleria Vittorio Emanuele II. Armani vince l’asta per il negozio Tim

Galleria Vittorio Emanuele II. Armani vince l’asta per il negozio Tim

La gara all’incanto arriva per la prima volta nell’Ottagono. Offerti 1,9 milioni di euro di canone annuo. Tasca: “L’innovazione nella Pubblica Amministrazione porta a risultati utili alla città”

Milano, 8 novembre 2019 - Con un’offerta di 1,9 milioni di euro di canone d’affitto annuo, Giorgio Armani Retail si è aggiudicata il negozio Tim nell’Ottagono della Galleria Vittorio Emanuele II. Dopo 24 rilanci nella gara all’incanto, con una base d’asta di 670.440 euro, che si è tenuta negli uffici del Demanio di via Larga, il noto marchio della moda ha superato la concorrenza aggiudicandosi per i prossimi 18 anni i 302 mq del locale.

“Questo è un esempio virtuoso di come la capacità di innovazione introdotta nella Pubblica Amministrazione, in questo caso rappresentata da una gara all’incanto, possa portare benefici economici alla città e di conseguenza ai suoi cittadini – spiega l’assessore al Demanio Roberto Tasca –. Gli introiti ricavati dall’asta saranno reinvestiti nella città come sempre. È anche piacevole assistere alla gara tra prestigiosi investitori italiani e internazionali che intendono assicurarsi una presenza in Galleria. Un fatto che certifica il momento di positiva vivacità che vive Milano”.

Per il negozio attualmente in uso a Tim si partiva da una base d’asta di 670 mila euro. È la prima volta che il meccanismo di gara all’incanto sbarca in Galleria ed è previsto dall’Amministrazione per i negozi che si affacciano sull’Ottagono. La gara consiste in offerte di rilancio con un intervallo massimo di tre minuti, fino all’aggiudicazione definitiva.

Aggiornato il: 08/11/2019