null ATTO MODIFICATIVO 2008 DELL’ADP BESTA BICOCCA 2003. Avvio del procedimento concernente la proposta di variante normativa riguardante l’UCP 2 del Piano Esecutivo relativo agli impegni dei soggetti attuatori privati (UCP. 2,3,4,5,6,7)

ATTO MODIFICATIVO 2008 DELL’ADP “BESTA BICOCCA” 2003. Avvio del procedimento concernente la proposta di variante normativa riguardante l’UCP 2 del Piano Esecutivo relativo agli impegni dei soggetti attuatori privati (UCP. 2,3,4,5,6,7)

Pubblicato il 29 marzo 2018

ATTO MODIFICATIVO 2008 DELL’ADP “BESTA BICOCCA” 2003

AVVIO DEL PROCEDIMENTO CONCERNENTE LA PROPOSTA DI VARIANTE NORMATIVA RIGUARDANTE L’UCP 2 DEL PIANO ESECUTIVO RELATIVO AGLI IMPEGNI DEI SOGGETTI ATTUATORI PRIVATI (U.C.P. 2,3,4,5,6,7)

A modifica del Piano Esecutivo  in oggetto e della relativa Convenzione stipulata in data 29 aprile 2009 tra Comune di Milano e - fra gli altri - Pirelli & C. Real Estate, Pirelli RE SGR spa, Fondo FPR, Lambda srl, Iniziative immobiliari 3 Srl, per l’attuazione degli interventi di carattere pubblico e privato previsti dallo stesso Piano Esecutivo (di seguito PE)

si informa che

è pervenuta all’Area Pianificazione Tematica e Valorizzazione Aree in data 26/03/2018 (PG 141741/2018) istanza di modifica al sopracitato PE per quanto attiene esclusivamente l’UCP2 da parte di Edilizia Commerciale spa, in qualità di avente causa di Pirelli e C. Real Estate spa.

L’istanza fa riferimento all’esigenza di far fronte a sopravvenute criticità in materia di clima acustico, segnatamente riferite all’attuazione del complesso edificatorio dell’Unità di Coordinamento Progettuale 2 (di seguito UCP2) - che il PE prevede prevalentemente destinato a funzioni residenziali - emerse in particolare all’esito dell’approvazione della Classificazione acustica del territorio del Comune di Milano, intervenuta con deliberazione C.C. n. 32 del 9/09/2013, allorquando è stata attribuita una classificazione di tipo III all’area interessata dai nuovi insediamenti residenziali, rispetto alla classificazione di tipo IV dell’area confinante, sede di attività terziarie e produttive.

La proposta di variante propone di introdurre nell’ UCP2 un mix funzionale, che ricomprenda anche funzioni di tipo ricettivo e terziario, oltre a quelle residenziali e commerciali già previste dallo stesso Piano. In particolare si chiede una rimodulazione delle funzioni previste, a fronte di una slp massima ammessa di 54.500 mq, nella quale verrebbe destinata una quota pari a 5.400 mq a funzioni  ricettive/terziarie, a riduzione della quota di residenza libera prevista che verrebbe limitata a 44.100 mq; la quota a destinazione commerciale pari a 5.000 mq rimarrebbe invariata. 

La variante normativa proposta non modifica  il quantitativo di aree a standard previsto dal PE; nel caso in cui il mix funzionale dovesse generare dotazioni di aree per attrezzature pubbliche e di uso pubblico aggiuntive si dovrà far ricorso al loro reperimento mediante le modalità previste per legge, ivi compreso l’istituto della  monetizzazione.

La citata istanza può essere ritenuta ammissibile e conseguentemente può essere avviata un’istruttoria finalizzata alla modifica degli aspetti normativi relativamente all’introduzione per il solo ambito UCP2 di nuove funzioni, ricettivo e terziario, ciò che comporterà altresì la sottoscrizione di un atto integrativo alla Convenzione originaria, che andrà in scadenza al 29 aprile 2022.

Le opere di urbanizzazione - in particolare la viabilità al contorno dell’UCP2 e l’area a parco pubblico -  previste dal PE non sono state ancora completate, e vengono pertanto riconfermate, ma saranno rimodulate temporalmente attraverso una revisione del crono programma allegato alla Convenzione.   

* * * * *

Gli atti oggetto di tale proposta, ai fini dell’esercizio della facoltà di intervenire nel procedimento e di presentare memorie scritte e documenti come previsto dagli artt. 9 e 10 della Legge 7 agosto 1990, n. 241 “Nuove norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto di accesso ai documenti amministrativi” e successive modifiche ed integrazioni, possono essere consultati nel Palazzo Comunale di via Bernina, 12, presso la Segreteria dell’Area Pianificazione Tematica e Valorizzazione Aree (palazzina A - terzo piano - stanza A 311) a far tempo dal 5 aprile 2018 fino al 19 aprile 2018, nei giorni da lunedì a venerdì, dalle ore 10.00 alle ore 12.00.

Ai sensi e per gli effetti del citato art. 10.1 lett. b) della Legge n. 241/1990, le eventuali istanze dovranno essere presentate in carta semplice e protocollate presso l’Ufficio Protocollo posto al piano terra del medesimo edificio di via Bernina, 12, entro le ore 11.45 del giorno 19 aprile 2018.

Ai sensi e per gli effetti del medesimo art. 10, l’Amministrazione Comunale terrà conto di tali istanze ove siano pertinenti all’oggetto del procedimento.

 

Milano, 28 Marzo 2018

Pubblicato il: 29/03/2018