Sostegno all'affitto

Sostegno all’affitto

Sostegno all'affitto per chi si trova nel mercato privato

Il F.S.A. - Fondo Sostegno Affitto è un contributo economico (a carico dello Stato, della Regione e del Comune) destinato alle famiglie in difficoltà con il  pagamento dell’affitto sul mercato privato. Beneficiari del fondo sono gli inquilini che hanno un contratto di locazione con proprietari privati.  Per consentire l’accesso al  contributo, il Comune di Milano ha istituito dall’anno 2000,  lo “Sportello Affitti" che ogni anno  pubblica un apposito bando  dove vengono indicate le condizioni, i termini e le modalità per la presentazione delle domande.  

Per Ulteriori Informazioni:

Settore Programmazione e Assegnazioni Alloggi - Ufficio Interventi di Sostegno alla Locazione P.le Palazzina Monumentale n. 14

Orari: tutti i giorni dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 12.00 
Telefono: 02.884.64447 - 67909

Riapertura dei termini per la presentazione delle domande di partecipazione all'Iniziativa Straordinaria “REDDITO DI AUTONOMIA”

La riapertura dei termini per l’accesso al beneficio è prevista esclusivamente a favore dei cittadini extracomunitari in regola con il permesso di soggiorno, in locazione privata e residenti nel Comune di Milano, che non avevano potuto partecipare al bando aperto dal 2 novembre 2015 al 31 gennaio 2016 in quanto, entro tale periodo: 


1.    non avevano maturato i 10 anni di residenza sul territorio nazionale ovvero i 5 anni in Regione Lombardia e
2.    non esercitavano una regolare attività lavorativa.


Le domande di contributo possono essere  presentate dal 26 aprile al 25 maggio 2016 presso gli sportelli del Settore Assegnazione Alloggi ERP in Piazzale Cimitero Monumentale n. 14, dalle ore 9:00 alle ore 12:00 di tutti i giorni lavorativi, utilizzando esclusivamente il modulo di domanda scaricabile nella sezione allegati di questa pagina.

Procedure per la presentazione della domanda

vista di palazzi residenziali

I nuclei richiedenti devono avere:

- un ISEE-FSa compreso tra € 7.000,01 e € 9.000,00, determinato dalla concorrenza dei redditi posseduti al 31/12/2014, oppure avere
- un ISEE/-FSa inferiore a € 7.000,00 a causa di una riduzione dell’ISEE/FSa per effetto di un evento verificatosi tra luglio e dicembre 2015; in tal caso devono documentare la variazione in diminuzione dell’indicatore ISEE/FSa intervenuta tra il mese di luglio 2015 e il mese di dicembre 2015.

Gli ulteriori requisiti richiesti per la presentazione della domanda, per ragioni di rispetto della parità di condizioni, devono risultare in possesso dei richiedenti alla data di scadenza del precedente bando (31 gennaio 2016). Inoltre si informa che:

1.    sono esclusi dal presente contributo i soggetti che hanno già beneficiato del contributo affitto previsto dalla D.G.R. n. 3495 del 30 aprile 2015;
2.    non possono presentare domanda di contributo i soggetti che non hanno partecipato al bando aperto dal 2 novembre 2015 al 31 gennaio 2016, pur non esclusi da tale procedura. Le eventuali domande saranno inammissibili;
3.    non dovranno presentare una nuova domanda i soggetti, cittadini extracomunitari, che avevano presentato istanza entro il 31 gennaio 2016, dichiarata inidonea in quanto il richiedente a quella data non aveva maturato i 10 anni di residenza nel territorio nazionale ovvero i 5 anni in Regione Lombardia, e non esercitava una regolare attività lavorativa anche in modo non continuativo. Le domande a suo tempo presentate saranno ammesse d’ufficio.

La liquidazione del contributo a favore dei richiedenti di cui al presente Bando è subordinata all’esito del giudizio in appello promosso dalla Regione Lombardia avverso l’ordinanza del Tribunale di Milano - Sezione Lavoro citata in oggetto.

L’entità del contributo sarà determinata in relazione a tutte le domande ammesse al contributo, comprese quelle di cui al bando aperto dal 2 novembre 2015 al 31 gennaio 2016, limitatamente alle risorse disponibili.


Requisiti di partecipazione

• titolarità di un contratto di locazione valido e registrato ai sensi della legge 431 del 1998 per unità immobiliare sita nel Comune di Milano;
• residenza anagrafica nell’alloggio locato a titolo di abitazione principale;
• cittadinanza italiana o di uno Stato dell’Unione Europea;
• in caso di cittadinanza di altro Stato (non appartenente all’ Unione Europea): essere in possesso del permesso di soggiorno/carta di soggiorno;
• non avere ottenuto assegnazione in godimento di unità immobiliari da parte di cooperative edilizie a proprietà indivisa o realizzate con fondi pubblici e/o unità immobiliari di Edilizia Residenziale Pubblica locate secondo la normativa regionale;
• non essere proprietari di alloggi in Lombardia adeguati alle esigenze del nucleo familiare;
• le unità immobiliari non devono essere incluse nelle categorie catastali A1, A8 e A9 e non devono avere   una superficie utile netta superiore ai 110 mq;
• non aver beneficiato del contributo affitto previsto dalla D.G.R. X3495 del 30/04/2015;

Per eventuali  informazioni, rivolgersi agli uffici in Piazzale Cimitero Monumentale n. 14 – dal lunedì al venerdì dalle ore 9 alle ore 12.

 

In allegato: Avviso - Bando - Domanda

Altri contributi per l'affitto privato

Nell’ambito del contributo per l’affitto la Regione Lombardia si è fatta promotrice di un’iniziativa destinata alle famiglie che si trovano in difficoltà economica, al cui interno uno o più componenti sono stati licenziati o messi in mobilità, attraverso un contributo straordinario ad integrazione del Fondo Sostegno Affitto.

Sostegno all'affitto per chi si trova negli alloggi E.R.P.

I Contributi di Solidarietà sostituiscono il Fondo Sociale e consistono in un sostegno economico a favore di inquilini di alloggi di proprietà del Comune di Milano che si trovano in disagiate condizioni socio – economiche. La domanda va presentata al Settore Zona di competenza.
Per informazioni e modulistica vedi i link nell'area Collegamenti.

 

Procedura presentazione della domanda per affittuari ERP

Gli assegnatari, intestatari di regolare contratto di locazione, di alloggi (art.1, comma 3, lettera a, del regolamento Regionale 1/2004), di proprietà del Comune di Milano, siti nel territorio dell’Ente, devono compilare accuratamente la domanda di contributo indicando:

  1. Il reddito complessivo del nucleo familiare relativo all'anno precedente la presentazione della domanda;
  2. I componenti il nucleo familiare con residenza anagrafica nell'alloggio;
  3. La presenza di particolari situazioni quali:
    o malattie particolarmente invalidanti, comprovate da documentazione medica specialistica;
    o invalidità (non inferiore al 66%) comprovata da verbale di invalidità;
    o età superiore ai 75 anni;
    o presenza di handicap, tossicodipendenza, stato di detenzione nel nucleo familiare;
    o presenza di minori, divorzio o separazione (comprovati da sentenza);
    o disoccupazione.

L’inquilino deve scaricare e compilare in tutte le sue parti la domanda (che si trova nella sezione allegati) da presentare agli uffici del Settore Zona in cui è situato l’alloggio (nello spazio zonale sono indicate sedi, contatti e orari di sportello e sono presenti gli elenchi degli alloggi di Erp).

Il Settore Zona istruisce la domanda ed effettua i controlli sulle dichiarazioni. La pratica viene valutata da una Commissione che può accogliere in modo totale o parziale, o respingere la richiesta, oppure sospendere la valutazione richiedendo un supplemento d’istruttoria.

Entro 30 giorni dal ricevimento della comunicazione dell’esito della valutazione, l’inquilino può presentare, per una sola volta, richiesta di riesame allo stesso Settore Zona, fornendo nuovi elementi e documenti di valutazione. Oppure ha facoltà di ricorrere al TAR nei termini di legge.

Non può essere avanzata nuova domanda di contributo prima di un anno dall’esito definitivo della valutazione di una precedente istanza.

 

Esenzioni per affittuari ERP

Il Comune di Milano, nel rispetto di quanto previsto dalla normativa vigente a favore delle persone con disabilità ed in risposta alla domanda di posti auto per disabili, ha previsto l’esonero dalle spese di locazione dei box/posti auto   E.r.p. di proprietà comunale, sostenute da inquilini di alloggi di edilizia residenziale pubblica che abbiano stipulato un contratto di locazione di box/posti auto e che siano “invalidi con totale o permanente inabilità lavorativa al 100% e con impossibilità a deambulare senza l’aiuto di un accompagnatore" ai sensi della legge 18/80 o “ciechi assoluti" ai sensi della Legge 382/70, in possesso della relativa certificazione A.S.L

Contributo sul canone di locazione - Ordinanza 11 marzo 2016 del Tribunale Ordinario di Milano

Nella sezione allegati è possibile consultare l'Ordinanza 11/03/2016 del Tribunale Ordinario di Milano - Sezione Lavoro -  in tema di accesso al contributo sul canone di locazione.

COMUNICATO - In ottemperanza all’ordinanza dell’11/03/2016 del Tribunale di Milano - Sezione Lavoro

COMUNICATO - In ottemperanza all’ordinanza dell’11/03/2016 del Tribunale di Milano - Sezione Lavoro, il Comune di Milano riaprirà i termini per la presentazione delle domande di partecipazione all’iniziativa straordinaria di sostegno all’affitto, nell’ambito dell’attuazione del “Reddito di autonomia” - approvata con le deliberazioni di Giunta regionale nn. X/4154 del 8.10.2015, e X/4551 del 10/12/2015 - al fine di consentire l’accesso al contributo anche ai cittadini stranieri a suo tempo esclusi per effetto dei requisiti previsti dalla citata deliberazione regionale X/4154/2015 e dalla determinazione dirigenziale n.127/2015 in tema di residenza e di attività lavorativa. Prossimamente, su questa pagina web, sarà pubblicato il bando e la modulistica necessaria per la presentazione della domanda (l' allegato pdf dell’ordinanza 11.03.2016 è consultabile nella sezione allegati di questa pagina).

A chi rivolgersi

Il Settore Assegnazione Alloggi Erp è operativo nella nuova sede in Piazzale Cimitero Monumentale n. 14. 

La sede è raggiungibile con la linea metropolitana M2 (fermata Garibaldi FS), Passante ferroviario (fermata Garibaldi), autobus 41-51-70-94, tram 30-29-33-11-12-14-3-4. 

Si ricorda che per un servizio più efficace e rispondente alle necessità dei cittadini e degli inquilini, è sempre preferibile fissare un appuntamento contattando i seguenti numeri 0288464441- 0288464408 (dalle ore 9 alle 12) oppure scrivendo alla casella mail ERP.info@comune.milano.it. 

  • Allegati