Proroga autorizzazione ad accedere alle corsie riservate
Proroga autorizzazione ad accedere alle corsie riservate

Tutte le notizie

Mobilità

Proroga autorizzazione ad accedere alle corsie riservate

corsie_riservate_350

Milano, 30 agosto 2016 - Il Comune di Milano ha emesso un'ordinanza che proroga l'autorizzazione ad accedere alle corsie riservate ai veicoli a due ruote, ciclomotori, motocili e a tre ruote simmetriche anche anche ai quadricicli leggeri (L6 e L7) fino al 31 ottobre 2016.

Atti del Comune

PG 440752/2016

Oggetto: proroga sino al 31/10/2016 dell'ordinanza generale per l'accesso, dei veicoli quadricicli leggeri L6e e quadricicli L7e all'interno delle corsie riservate.

IL SINDACO

visti gli artt. 47, 52 e 53 del D. Lgs. 30/04/1992 n. 285 e s.m.i.;

vista l'ordinanza 396/2016 del 10/05/2016 che ha regolamentato la circolazione dei veicoli a quattro ruote L6e e L7e integrando con i suddetti veicoli le ordinanze che consentono e regolamentano la circolazione dei veicoli a due ruote, ciclomotori e motocicli, ed in virtù dell'ordinanza n. 1299/2015 ai veicoli a tre ruote simmetriche L5 Ae;

rilevato che è ancora in corso la mirata campagna di comunicazione, a tutti gli utenti relativa alla corretta disciplina, anche con l'ausilio di apposita segnaletica informativa, la cui installazione è ancora in fase di installazione;

ritenuto opportuno quindi prorogare fino a 31/12/2016 i termini di validità della suddetta ordinanza 396/2016, al fine di completare la campagna informativa nonché l'installazione della segnaletica;

ORDINA

che sia prorogata sino al 31/10/2016 l'ordinanza 396/2016 del 10/05/2016 che integrava, con l'aggiunta dei veicoli a quattro ruote L6e e L7e, le ordinanze che consentono e regolamentano la circolazione nelle corsie riservate dei veicoli a due ruote, ciclomotori e motocicli, ed in virtù dell'ordinanza n. 1299/2015 dei veicoli a tre ruote simmetriche L5 Ae.

Al presente provvedimento verrà data pubblicità mediante affissione all'albo pretorio.

INFORMA CHE

avverso il presente provvedimento e ammesso:

  • ricorso al Tribunale amministrativo regionale della Lombardia entro 60 giorni ai sensi del D. Lgs. 104/2010;
  • ricorso straordinario al Presidente della Repubblica entro 120 giorni ai densi del D.P.R. 24 novembre 1971 n. 1199;
  • ricorso al Ministero delle infrastrutture e dei trasporti entro 60 giorni ai sensi dell'art. 37 del D. Lgs. n. 285/1992 e s.m.i..

Tutti i termini di impugnazione decorrono dalla pubblicazione del presente provvedimento all'albo pretorio.