Adolfo Wildt. L’ultimo simbolista

Tutte le notizie

Cultura

Alla Gam “Adolfo Wildt. L’ultimo simbolista"

La mostra alla Galleria d'Arte Moderna è stata prorogata fino al 28 febbraio. Le 55 sculture in diversi materiali seguono la crescita artistica del maestro milanese caratterizzata dalle deformazioni della materia e da concetti immateriali

Wildt

Milano, 26 novembre 2015 – E’ stata presentata  alla GAM Galleria d’Arte Moderna la mostra “Adolfo Wildt (1868-1931). L’ultimo simbolista”, attraverso cui la GAM prosegue il percorso di valorizzazione dei nuclei più significativi delle sue collezioni scultoree, inaugurato nel 2015 con la mostra monografica dedicata a Medardo Rosso.

La mostra, allestita nelle sale espositive al piano terra della Villa Reale dal 27 novembre al 28 febbraio 2016, è promossa dal Comune di Milano | Cultura ed è curata da Paola Zatti, conservatore responsabile della GAM, con la straordinaria collaborazione dei Musées d’Orsay et de l’Orangerie di Parigi, con cui la rassegna milanese condivide il progetto scientifico e la curatela. La mostra è realizzata nell’ambito della partnership triennale fra la GAM e l’istituto bancario UBS.

Il progetto si avvale di alcuni nuclei importanti di opere provenienti dalla Fondazione Musei Civici di Venezia, Galleria Internazionale d’Arte Moderna di Ca’ Pesaro, dai Musei Civici di San Domenico di Forlì, dal Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia di Milano e di numerosi prestiti da parte di collezionisti privati italiani.

Il percorso espositivo presenta 55 sculture di Wildt in gesso, marmo, bronzo ed è centrato sulla resa plastica e materica di alcuni soggetti portanti della sua produzione, proposti in molti casi in più versioni proprio per sottolineare la sua ricerca sugli effetti dei diversi materiali, ossessione di tutto il suo lavoro d’artista. Il progetto propone anche 10 disegni originali di Wildt e sei opere a confronto: oltre alla Vestale di Antonio Canova, tre opere di Fausto Melotti e due di Lucio Fontana, che furono suoi allievi alla Scuola del Marmo da lui fondata nel 1922, annessa all’Accademia di Brera nell’anno successivo.

Qui sotto "Santa Lucia"

Sei le sezioni che scandiscono il percorso, sviluppato in cronologia e per fa si di evoluzione artistica:

1. Sotto l’ala dei maestri (1885-1906): dopo una formazione di bottega come aiutante di Giuseppe Grandi, Wildt frequenta l’Accademia di Belle Arti di Brera e inizia la sua carriera personale nel 1885 con una produzione di stampo natura lista, che successivamente rinnegherà. La sua prima “vera” opera ( Atte, detta anche Vedova, del 1892) gli procura l’attenzione da par te di un mecenate, Franz Rose, che lo seguirà e lo sosterrà fino al 1912.
2. La poesia del chiaroscuro (1906-1915): ferito dall’accoglienza della critica dopo la presentazione al pubblico milanese del gruppo dei Beventi (poi andato distrutto) nel 1906, Wildt mette profondamente in discussione la sua arte, cade in un lungo periodo di depressione e, quando ne esce, i Beventi hanno ceduto il posto all’enigmatica Trilogia. Wildt pare aver trovato la sua dimensione in uno stile più tormentato che procede per omissioni, deforma e trasforma i corpi alla ricerca dell’effetto psicologico.
3. La famiglia mistica (1915-1918): il tema della madre e del figlio, della Madonna e del Bambino è un tema importante nella sua produzione e in questa sezione sono esposte opere che presentano un’iconografia nuova, più spirituale, capace di dissolvere la materialità (e la maternità) in una rappresentazione più arcaica e semplificata, caratterizzata da ellissi e deformazioni della materia.
4. L’asceta del marmo (1918-1926): a partire dal 1915 si fa strada in Wildt una nuova tendenza espressiva sempre più slegata dalla realtà anatomica e sempre più infusa di spiritualità, che raggiunge un’estetica fatta di epurazione del le forme, disseccamento delle fisionomie, semplificazione delle linee, sia nelle sculture che nei disegni: di qui la rappresentazione di santi e di concetti immateriali come l’anima, le ombre, la musica e la poesia che caratterizzano questa sezione.
5. L’architettura delle forme (1922-1926): la prossimità di Wildt al regime fascista si sostanzia nel 1922 nella sua adesione al Novecento italiano, il movimento promosso da Margherita Sarfatti per il rinnovamento dell’arte italiana nella direzione del “ritorno all’ordine”. La sua produzione di questo periodo predilige quindi monumenti e ritratti, mai realistici e sempre più orientati al “ritratto di idea”, cioè alla rappresentazione dell’archetipo o della dimensione spirituale dei soggetti.
6. Milano, gli amici e gli allievi. Fontana e Melotti: allievi di Wildt presso la Scuola del marmo da lui fondata nel 1922, entrambi riconoscono il debito verso il loro maestro, nonostante le loro ricerche plastiche prendano poi direzioni diverse fino all’astrazione. Melotti riconosce che “entrambi devono la loro formazione esclusivamente a Wildt”.

L’artista

Nonostante il cognome d’origine germanica, Wildt nasce, si forma e muore a Milano dove trascorre larga parte della sua vita e svolge la sua intera attività artistica. La sua opera infatti è ampiamente rappresentata nelle raccolte della GAM che, pur esponendo nel percorso permanente il solo Uomo antico (marmo, 1914), conserva in deposito numerose opere e bozzetti e la magnifica composizione in marmo della Trilogia (Il Santo, Il Giovane, Il Saggio), esposta alla Triennale di Brera nel 1912 e giunta nel parco della GAM nel 1926 dopo molte traversie.

Adolfo Wildt è senza dubbio il maggior scultore del principio del secolo scorso, ma ciò nonostante è stato ed è ancora oggi sconosciuto al grande pubblico, vittima, dopo la sua morte, di una condanna all’oblio decretata dalla critica, che non condivideva la sua poetica né il suo stesso concetto di scultura, e dalla cultura del secondo dopoguerra, che lo accusava erroneamente di essere stato un artista di regime. Durante la sua vita d’artista, infatti, Wildt è stato amato e odiato dagli uomini e dalle donne del suo tempo, osannato e disprezzato dalla critica, suscitando ammirazione e ribrezzo, commozione e repulsione, mai lasciando indifferenti.

Wildt nasce e svolge la sua intera attività artistica in una Milano in fermento, terreno fertile della Scapigliatura di Giuseppe Grandi, ma anche della cultura impressionista di Medardo Rosso, poi del giovane movimento futurista affascinato dall’industriale «città d’oro e di ferro».
Personalità indipendente, Wildt rimane al margine delle avanguardie e conserverà sempre un solido legame con la tradizione artistica italiana, dall’Antichità al Barocco, con una netta predilezione per la pittura del Rinascimento. Questa mostra monografica pone in risalto tali rapporti, come pure l’unicità di Wildt e le sue affinità con i contemporanei, attraverso una selezione di opere dello scultore, a cui fanno da contrappunto quelle di altri artisti.


“Celebrato quest’anno a Parigi da una mostra ideata e prodotta dai Musées d’Orsay et de l’Orangerie di Parigi, Wildt attendeva una rassegna anche a Milano, città dove ha potuto sviluppare il suo talento e dove la sua presenza ha lasciato un segno evidente non solo nelle successive generazioni di artisti, ma anche in diversi luoghi della nostra Città: dal parco della GAM all’Università Statale, dal Cimitero monumentale ad alcuni palazzi privati milanesi”, dichiara l’Assessore alla Cultura Filippo Del Corno.

La mostra infatti intende porsi al centro di un percorso storico-artistico allargato alla città, valorizzando tutte le testimonianze wildtiane ancora esistenti attraverso un itinerario tematico diffuso, dettagliatamente illustrato nel catalogo della mostra e che sarà possibile approfondire grazie a visite guidate e materiale divulgativo realizzati in collaborazione con il Touring Club Italiano.

Oltre al parco di Villa Reale, che ospita La Trilogia (Il Santo, Il Giovane, Il Saggio), molte opere si possono visitare al Cimitero monumentale: l’Edicola Giuseppe Chierichetti e l’Edicola Korner 1929, ultima opera di Wildt entrata al Monumentale; il Monumento Ravera, in bronzo, riferito all’attentato contro Vittorio Emanuele III del 12 aprile del 1928, in cui perse la vita, appunto, quasi tutta la famiglia Ravera; il Monumento Wildt del 1931, sepoltura dello scultore e della moglie Dina disegnato da Giovanni Muzio, nel riparto degli Acattolici; il Monumento a Ulrico Hoepli, fondatore dell’omonima casa editrice (1924); il Monumento Bistoletti o Casa del sonno risalente al 1922, anno in cui Wildt apriva a Milano la Scuola per la lavorazione del marmo; la Sepoltura dell’avvocato socialista Cesare Sarfatti, marito della critica d’arte Margherita Sarfatti.

In città: si possono seguire le orme di Wildt in largo Gemelli, dove si trova il Tempio della Vittoria che ospita un’imponente statua in bronzo di Sant’Ambrogio: nel Chiostro dell’Università Statale di Milano si può ammirare il modello in gesso della stessa opera.

In via Serbelloni 10, presso il palazzo Sola-Busca, si trova l’ Orecchio, scultura in bronzo realizzata da Wildt nel 1927 che ha rappresentato uno dei primi citofoni di Milano e della storia: l’opera è stato concepita come un ingrandimento dell’orecchio del Prigione del 1915, presente in mostra, a testimonianza di come l’autore considerasse ogni frammento del corpo capace di esprimere un sentimento. Un’ultima, straordinaria opera di Wildt potrà essere ammirata nell’atrio di Palazzo Berri Meregalli in via Cappuccini 8.

Il catalogo è edito da Skira.

La mostra è realizzata grazie al contributo di UBS nell’ambito della partnership triennale avviata nel 2013 fra l’istituto bancario e la GAM di Milano. Tramite tale accordo la Galleria d’Arte Moderna ha potuto realizzare attività di valorizzazione, manutenzione e divulgazione di alcuni nuclei fondamentali delle proprie collezioni all’interno del percorso museale. Questo ha portato lo scorso anno al restauro e alla riapertura, con un rinnovato percorso espositivo, delle Collezioni Grassi e Vismara e della sala dedicata a Medardo Rosso, e oggi alla realizzazione della mostra dedicata ad Adolfo Wildt. Inoltre, grazie a una collaborazione che consta anche di contenuti e di idee, è s tata realizzata, tra giugno e ottobre 2015, la mostra Don’t Shoot the Painter. Dipinti dalla UBS Art Collection, che si è chiusa con un ampio successo di pubblico, e l’anno precedente YEAR AFTER YEAR. Opere su carta dalla UBS Art Collection.

SCHEDA MOSTRA

“ADOLFO WILDT (1868–1931). L’ULTIMO SIMBOLISTA” 

27 novembre 2015 – 28 febbraio 2016 
GAM Galleria d’Arte Moderna, via Palestro 16 – 20121 Milano 
www.gam-milano.com 
c.gam@comune.milano.it 
+39 02 88445947 
+39 02 88445951 

Direzione della mostra: Paola Zatti, conservatrice responsabile della Galleria d’Arte Moderna

Comitato scientifico: 
Beatrice Avanzi, conservatrice della sezione pittura al Musée d’Orsay 
Ferdinando Mazzocca, storico dell’arte 
Ophélie Ferlier, conservatrice della sezione scultura al Musée d’Orsay con la collaborazione di Omar Cucciniello e Alessandro Oldani 

In collaborazione con Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia di Milano, FAI Fondo Ambiente Italiano, TCI Touring Club Italiano 
Sponsor tecnici: Lighting Reggiani, Fonderia Battaglia, Catrina Producciones

Biglietti incluso nel biglietto d’ingresso alla GAM (intero 5 euro – ridotto 3 euro)

Orari: dal martedì alla domenica dalle 9 alle 17.30, lunedì chiuso

Visite guidate a cura della sezione didattica della GAM, per informazioni e prenotazioni: +39 02 884.459.47 / +39 02 454.874.00 (dal lunedì al venerdì dalle ore 9.00 alle ore 17.00) / c.galleriadartemoderna@operadartemilano.it
Web e Social Media GAM Web: www.gam-milano.com 

TW: @Gam_Milano 
FB: facebook.com/galleriadartemodernamilano 
IG: https://instagram.com/gam_milano 
Hashtag: #WILDTMI

Mediagallery

  • Collegamenti Esterni