Un fine settimana d’arte, musica e cinema, con tutti i musei e le mostre aperti alla città
Un fine settimana d’arte, musica e cinema, con tutti i musei e le mostre aperti alla città

Tutte le notizie

Ferragosto a Milano

Un fine settimana d’arte, musica e cinema, con tutti i musei e le mostre aperti alla città

Domenica 16 biglietto ridotto e visita guidata gratuita per la mostra “Jing Shen” al PAC e biglietto a 5 euro per gli spettatori over 60 all’Auditorium laVerdi, dove va in scena “Il pipistrello” di Strauss

ferragosto_2015

Milano, 13 agosto 2015 – Mostre e musei civici restano aperti anche nel fine settimana di Ferragosto, offrendo ai molti turisti, in forte aumento in questi mesi estivi rispetto agli anni precedenti, e ai milanesi rimasti in città molte occasioni di svago e l’occasione di apprezzare le collezioni e le esposizioni temporanee allestite negli spazi espositivi del Comune di Milano.

Sabato 15 agosto, giorno di Ferragosto, saranno infatti regolarmente aperte al pubblico, dalle 9:00 alle 22:30, le due mostre allestite nelle sale di Palazzo Reale: “Mito e Natura”, che conduce il visitatore in viaggio lungo la storia della rappresentazione, della natura dai tempi dell’antica Grecia sin nelle case di Pompei ed Ercolano;  e "Il principe dei sogni. Giuseppe negli arazzi medicei del Pontormo e Bronzino" che raccoglie per la prima volta nella storia i venti grandi arazzi, commissionati da Cosimo I de’ Medici, che ornavano la Sala dei Dugento di Palazzo Vecchio e Firenze. Le mostre di Palazzo Reale resteranno aperte anche domenica 16, ma fino alle 19:30.

Al PAC|Padiglione d’arte contemporanea, in via Palestro, riduzione speciale a soli 4 euro per tutto il weekend (orario di apertura dalle 9:30 alle 19:30) e visita guidata gratuita domenica (alle ore 18:00) per visitare e meglio comprendere la mostra “Jing Shen”, un percorso originale - e sorprendente per la sensibilità occidentale - nel mondo della pittura contemporanea cinese.

Il Museo del Novecento resterà aperto sabato 15 agosto dalle ore 9:30 alle ore 22:30 e domenica 16 agosto dalle ore 9:30 alle ore 19:30, consentendo al pubblico, con il prezzo del biglietto d’ingresso al Museo, anche la visita alle due mostre temporanee allestite nelle sue sale: “Nuovi arrivi”, che espone nello Spazio Mostre al piano terra i tre nuclei centrali della donazione “Mario e Bianca Bertolini” con una selezione di opere di artisti internazionali degli anni Sessanta e Settanta (pop art, arte concettuale e neoespressionismo); e “Un museo ideale” che, attraverso l’interpolazione di grandi capolavori provenienti dai più importanti musei d’arte moderna italiani, contrappunta il percorso espositivo del Museo lungo la strada che porta dal Futurismo all’Arte Povera.

“Don’t shoot the painter” è il titolo della mostra di pittura allestita in modo spiazzante e originale nelle sale espositive al piano terra della GAM|Galleria d’Arte Moderna, in via Palestro: una selezione di capolavori dalla collezione d’arte di UBS dialogano con le pareti della Villa Reale in un confronto/contrasto di valorizzazione reciproca. Aperte al pubblico anche le sale della collezione ottocentesca della GAM al primo piano e le collezioni Grassi e Vismara, recentemente riallestite all’ultimo piano con una selezione di capolavori dell’arte moderna, italiana e internazionale. Orario continuato dalle 9:00 alle 19:30, sia Ferragosto che domenica 16.

Aperto anche dalle 9:00 alle 19:30 lo spazio dello Studio Museo “Francesco Messina”, a due passi dal Carrobbio, dove è allestita con grande suggestione la mostra “Il lato della scultura. Canova Jodice”, che espone, insieme ad alcune splendide opere di Antonio Canova, in marmo e su carta, le immagini fotografiche 1:1 di molte opere del grande artista neoclassico interpretate dall’obiettivo di Mimmo Jodice, uno dei grandi fotografi contemporanei che ha voluto e saputo a confrontarsi con la scultura del maestro novecentesco.

Il Castello Sforzesco resterà aperto sia sabato 15 che domenica 16, dalle 9:00 alle 19:30, con i  suoi otto musei (compreso il nuovo Museo della Pietà Rondanini) e le mostre, tutte a ingresso libero, allestite nei suoi spazi: in Sala Viscontea, le antiche stampe della Raccolta Bertarelli (oltre 150 opere databili dal XVI al XX secolo) raccontano per immagini  “Il mito del Paese di Cuccagna”, il luogo immaginario creato dal desiderio popolare di abbondanza, in cui la vita scorre senza doveri e preoccupazioni, fra tavole imbandite e abbondanza di cibi prelibati, in un mondo alla rovescia dove i vizi diventano virtù; in Sala Pilastri invece si potrà “dialogare” con l’installazione “Dante 750”, progetto dell’Università degli Studi di Milano per celebrare i 750 anni della nascita del Poeta, che mostra l’inesauribile vitalità della Divina Commedia e il suo linguaggio universale attraverso percorsi inediti, nei suoi rapporti con il cinema e le arti figurative; in Sala del Tesoro, infine, un’esposizione su “Il collezionismo di Dante in casa Trivulzio”, per estende l’omaggio a Dante attraverso il linguaggio che gli era più vicino, quello della parola scritta.

Al Museo del Risorgimento|Palazzo Moriggia, aperto tutto il fine settimana dalle 9:00 alle 13:00 e dalle 14 alle 19:30, oltre alla collezione del Museo si potrà visitare la mostra “Grandi Esposizioni a Milano”, un viaggio storico che parte da quella di Londra del 1851 per giungere fino a Expo Milano 2015. Alla Palazzina Liberty in largo Marinai d’Italia, invece, è allestita e aperta al pubblico sia sabato che domenica dalle 13:00 alle 20:00 la mostra dedicata alla storia del nostro Paese tra le due Esposizioni Universali che si sono svolte a Milano (la prima nel 1906 sul tema dei trasporti e del lavoro, l’altra quella in corso): un lasso temporale di 110 anni rivisitato da 110 artisti contemporanei, italiani e stranieri, attraverso le loro opere creative: un mix di pittura, scultura, installazioni.

“Fashion as social Energy” è invece il titolo della mostra che il pubblico più attento ai legami tra moda, arte e società potrà visitare, sia sabato che domenica (dalle 9:00 alle 13:00 e dalle 14:00 alle 19:30), nelle sale espositive al primo piano di Palazzo Morando|Costume Moda Immagine in via Sant’Andrea:  un percorso molto originale di opere, video e installazioni di quattordici tra i maggiori artisti internazionali, da Michelangelo Pistoletto a Marzia Migliora, dove l’abito si affranca dalla stagionalità delle collezioni e delle tendenze, diventando espressione capace di raccontare l’esperienza presente e le inquietudini del vivere quotidiano. Sempre a Palazzo Morando, ma nelle sale museali, un piccolo delizioso allestimento mette in mostra “L’eleganza a tavola”: la tovaglia in pizzo, i bicchieri di cristallo, le posate d’argento, i piatti bordati d’oro e le splendide porcellane della manifattura di Meissen – tutti appartenenti alla ex padrona di casa, la contessa Lydia Caprara Morando Attendolo Bolognini, o alle Raccolte Civiche – apparecchiano una tavola di sontuosa e settecentesca eleganza.

Al Museo Archeologico, oltre alla preziosa collezione permanente e alle Torri romani appena restaurate che si possono ammirare nel giardino interno, si potranno visitare, con lo stesso biglietto d’ingresso al Museo, le due esposizioni correlate: “L’isola delle Torri. Tesori dalla Sardegna nuragica” e la mostra fotografica “Le torri dell’Isola. La Sardegna nelle immagini di Gianni Berengo Gardin”. La prima, attraverso tre fili conduttori (il metallo, l’acqua e la pietra), propone al pubblico oltre mille reperti che evidenziano aspetti fondamentali della civiltà nuragica, mentre la seconda racconta la Sardegna nuragica grazie a una selezione di fotografie di Gianni Berengo Gardin e a un video con un’intervista all’artista.

A Palazzo Dugnani e nei giardini Montanelli, infine, si potrà andare alla scoperta dello “Spinosauro”, il dinosauro gigante del Cretaceo il cui scheletro è stato scoperto recentemente in Egitto e ricostruito integralmente in 3D nelle splendide sale del Palazzo, che ospita tra l’altro anche un affresco del Tiepolo (orario di apertura dalle 9:30 alle 19:30). All’Aquario invece, sempre dalle 9:30 alle 19:30, la mostra “Leonardo e l’acqua” racconta il legame fondamentale e ancora vivo tra il nostro territorio e il genio dell’artista toscano.

Il MUBA|Museo del Bambino, alla Rotonda di via Besana, resta aperto tutto agosto con due filoni di attività: “Childenshare”, il progetto sui temi di Expo 2015 dedicato ai bambini dai 4 ai 12 anni con laboratori, approfondimenti, giochi; e “Re Mida”, centro permanente sul riuso creativo, per far sperimentare ai bambini dai 2 agli 11 anni le sorprendenti possibilità di trasformazione dei materiali. Anche sabato 15 e domenica 16 si potrà partecipare alla attività scandite in 5 turni d’ingresso: ore 10:00, 11:30, 14:00, 15:45, 17:30.

Il fine settimana di Ferragosto, infine, vedrà protagonisti anche musica e cinema.

Per gli appassionati di musica classica, la giornata di domenica 16 comincia alle ore 11:00 con la rassegna di musica da camera “San Gottardo in Corte”, nell’omonima chiesa recentemente restaurata in via Pecorari, ex cappella viscontea di Palazzo Reale, che vede l'ultimo appuntamento alla scoperta del genio di Bach. Musiche di Bach e Bartók, per pianoforte e violino.

La giornata in musica prosegue alle ore 18:00 con “Il Pipistrello”, operetta brillante su musiche di Johann Strauss eseguita dall’Orchestra Sinfonica di Milano Giuseppe Verdi con la direzione di Gaetano d’Espinosa. Biglietto per gli spettatori over 60 al prezzo eccezionale di 5 euro.

Il grande cinema è invece protagonista nelle tante diverse arene estive di “AriAnteo”, la rassegna che quest’anno si è arricchita di nuovi spazi in giro per la città: dall’Arena al Chiostro dell’Incoronata, fino al nuovo e frequentatissimo Mercato metropolitano in Porta Genova. Il programma, anche per il weekend di Ferragosto, può essere consultato all’indirizzo www.spaziocinema.info.

Aperto tutto il mese di agosto, anche ExpoInCittà Lounge/Diurno Elita ha trasformato i suoi spazi in una sala cinema ospitando una ricca programmazione giornaliera, con proiezioni di pellicole a tema che esplorano i vari territori del cinema di genere: cult, indie, noir, queer, horror e trash. Sabato 15 agosto in sala “Dead Man” di Jim Jarmusch (1996) e domenica 16 agosto “My Summer of Love” di Pawel Pawlikowski (2004). Il programma completo si può trovare all’indirizzo www.elita.it.